Presso gli antichi egizi la scrittura geroglifica si diffuse a partire dal 3000 ca. a.C.
Clemente Alessandrino fu il primo che definý hyerogliphica "lettere sacre incise" quei segni incisi sui monumenti, i cui caratteri rappresentano oggetti facilmente riconoscibili.
Le iscrizioni egizie sono composte da due tipi di
segni: ideogrammi e fonogrammi.
L'ideogramma richiama l'oggetto rappresentato mentre i fonogrammi rappresentano dei suoni e non hanno relazione con la parola che descrivono.

GiÓ dal terzo millennio a.C. gli Egizi avevano inventato una scrittura corsiva che si adattava meglio per scrivere sul papiro. Questa scrittura, detta ieratica, veniva usata quasi esclusivamente per i testi religiosi.

La gente comune, il popolo, usava invece una scrittura pi¨ scorrevole e facile, denominata demotica.


La scrittura geroglifica per˛ continu˛ a essere usata soprattutto per le iscrizioni incise sui monumenti anche per la sua funzione decorativa.

Come carta da scrivere veniva usato in questo periodo il papiro, composto da liste sottili sovrapposte e incrociate, che venivano ricavate dalla parte interna del fusto,  tagliata longitudinalmente.
Le liste venivano poi bagnate, pressate e asciugate.  Quindi venivano raschiate con conchiglie levigate. Infine i fogli di papiro ultimati, di lunghezza variabile tra i 15 e i 35 cm, venivano arrotolati, probabilmente in strisce lunghe anche 8 -10 metri.

 

Egyptian_3.gif (6576 bytes)

 

 I MISTERI DELL'ANTICO EGITTO

EGYPTIAN