Questo sito usa cookie di profilazione al fine di inviare comunicazioni pubblicitarie personalizzate e consente anche l'invio di cookie di “terze parti”. Proseguendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie, o, in alternativa, è possibile personalizzare la loro configurazione alla sezione dedicata (Policy/Cokies).

 

 

 

NOTE ALLA DISCOGRAFIA COREANA: LE COPERTINE MONOCROMATICHE

 

 

 

 

I dischi dei Pink Floyd in stampa coreana sono molto ricercati dai collezionisti, anche se non tutti ne sanno esattamente la provenienza, o il loro numero, o il perchè di tante stampe colorate o censurate, o perché in un paese che, dopotutto, non ha grosse tradizioni discografiche in vinile. Tutto questo ne fa un ambito trofeo per i collezionisti di tutto il mondo e la loro quotazione è di media sulle 60-80 mila  lire al pezzo (qualcosa di più per i doppi), anche se si possono trovare a molto meno, soprattutto direttamente in Corea. Ma credo che li valgono!

 

Innanzi tutto, il paese: si tratta della Corea del Sud; infatti, almeno per i Pink Floyd, non si conoscono edizioni stampate dalla Corea del Nord. Le stampe sono circa poco più di un centinaio, e comprendono tutti i titoli: naturalmente si tratta di un numero che può aumentare in qualsiasi momento, proprio perché non esistono notizie precise ed ufficiali sulla discografia. Quello che rende interessante la discografia coreana è che esistono molte edizioni, affiancate a quelle diciamo "regolari", assai diverse; e per regolari intendo quelle stampe non dissimili, per copertina o per etichetta, da quelle europee o americane. Stiamo parlando di quelle edizioni quasi "pirata", versioni censurate o con canzoni non stampate, versioni con copertine di un unico colore di fondo, chiamate "monocromatiche", oppure con etichette del tutto promozionali. E tra queste edizioni, senz'altro, spiccano quelle monocromatiche, così diverse e così belle rispetto a quelle regolari. Tra queste, segnaliamo tra i più interessanti, i due ANIMALS rosso e blu e i due con i testi stampati sulla cover ed editi in due colorazioni differenti, violetto/bruno e blu, i due ACoGDS verde e blu, il MEDDLE di colore blu e quello marroncino, i TFC blue e verde, la serie dei TDSotM colorati (blu, arancione, verde, azzurro, marrone, rosso e bianco/violetto), i TPatGoD blu e verde, gli ANP verde e blu, i THE WALL monocromatici verde e blu e quello blu con i testi stampati sulla copertina, i MORE blue e verde, l'UMMAGUMMA blu, i WYWH colorati (grigio, verde, ocra, rosa e bianco/nero), il WORKS verde. Qui possiamo vedere alcune copertine monocromatiche.

 

La caratteristica comune a questi dischi è la loro "artigianalità", ossia sono fatti di un materiale non certo ricercato e la maggior parte di loro ha i disegni sulla copertina come se fossero stati fotocopiati, scannerizzati, stampati come cover, con addirittura i numeri di catalogo scritti a mano! E le stranezze non finiscono qui: le copertine sembrano essere ricopiate tutte dalle edizioni americane, e anche le etichette sono strane e senz'altro totalmente diverse da quelle classiche americane o europee; insoliti sono i nomi delle case discografiche: TAEDO, HIGH LIGHT RECORDS, LIFE STUDIO, STEREOPHONIC, XD RECORDS, HIGH STEREO, HEE JEE RECORDS, CREATO RECORDS, YEGRIN, LIFE RECORDS, RK RECORDS, MJS RECORDS, JJ RECORDS, e tante altre. Qualcosa di simile è già capitato con i dischi della discografia russa (leggi URSS, prima dell'avvento della glastnost!)(ANTROP, SANTA RECORDS, RUSSIAN DISC, RITONIS), anche se quest'ultima risale per lo più già agli anni '90. E anche altre discografie di paesi orientali hanno questa particolarità, come Hong Kong (GIANT RECORDS, UNION RECORDS), Taiwan (JLB RECORDS, AR RECORDS, GIANT RECORDS, KONG MEI RECORDS, ARTISTIC STYLE RECORDS, UNION RECORDS, CSJ RECORDS, DRAGON RECORDS, KIM RECORDS, FIRST RECORDS, XD RECORDS, ERC RECORDS, LIMING RECORDS) e la Turchia (MAX, RONNEX RECORDS, SIERRA RECORDS, RITMO RECORDS, PARDON RECORDS, STATESIDE, NEU, TRIANON RECORDS, GALA RECORDS). Comunque, nulla a che fare con le europee EMI RECORDS, HARVEST RECORDS e le americane TOWER RECORDS, CBS RECORDS, CAPITOL RECORDS o la giapponese ODEON RECORDS!

 

Ma da dove vengono? Come sono stati fatti?

Non si hanno tante notizie su questi dischi coreani: quello che sappiamo lo dobbiamo ad altri collezionisti o a pochissimi fan del luogo. Naturalmente niente di preciso, ma la tesi più attendibile sembra essere questa. 

In un primo momento queste edizioni sembravano essere dei falsi d'autore, ossia delle stampe non ufficiali e non riconosciute dalle case discografiche (come dei bootlegs). E tuttora le notizie sono poche.

Il regime della Corea del Sud negli anni '70 (e tutt'ora!), era profondamente di estrema destra, fortemente anticomunista, che si contrapponeva ideologicamente al regime comunista della Corea del Nord, più legato alla vicina Cina Popolare. In eterno contrasto con esso. In tale contesto, era difficile, comunque, stampare dischi, anche perché era pur sempre un regime di stampo militare e dittatoriale. Poi, generalmente, la società coreana è rigida e biasima le opinioni favorevoli alla musica estrema, come considera l'hard rock, l'heavy metal, il giunge e il death metal. Così sia i musicisti coreani, sia gli ascoltatori soffrono la censura delle autorità coreane per i loro lavori.

Ciò nonostante, in Corea sono stati prodotti grandi lavori di heavy ed hard rock, per non parlare di metal. E queste stampe sono le vere e proprie edizioni limitate e rare prodotte in Corea, circa 1000 dischi; tuttavia, la qualità generale di questi articoli è piuttosto cattiva sia in suono che per copertine. E questi dischi sono solamente disponibili in Corea. Ecco perché avere questi albums è un sogno per tutti i fans in generale del mondo.

Molti di questi dischi prodotti in Corea sono stati totalmente o parzialmente censurati e addirittura banditi dalla Corea, sin dal 1970. Ma molti coreani sfidarono la censura producendo questi album, contro tutte le minacce delle autorità, soprattutto per far conoscere al mondo la loro situazione.

Così, accanto ai dischi ufficiali (cioè, quelli ufficialmente approvati dalla Censura del Governo Coreano - di solito riportano la dicitura "Passed censorship By K.E.C.P.P." oppure "Approved By The Government" sull'etichetta o anche sul retro-copertina), sono uscite delle edizioni censurate di vari gruppi (come Beatles, Deep Purple, Pink Floyd, Rolling Stones,…), con canzoni inserite nella copertina e nell'etichetta, ma non stampate sul vinile.. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Classico è l'esempio del TDSotM OLE-288, dove era il governo stesso a limitare questi dischi, applicando la "censura"! Oppure altre versioni quasi simili alle stampe europee, ma comunque ...approvate dal Governo Coreano. Un altro stratagemma usato dagli editori coreani era quello di mettere in copertina il numero di catalogo e le scritte di un paese europeo o americano: classico è l'esempio di "A NICE PAIR" HM236, che in copertina, sia davanti che dietro, riporta il numero dell'edizione francese 2C 156-50203/4 !

Accanto a tali edizioni, però, cominciò a fiorire un mercato parallelo di dischi "normali", ma con colorazioni diverse e quanto mai artigianali: ecco, così, le prime versioni con i testi stampati sulla copertina (invece delle cover originali), in modo da camuffare meglio il gruppo, e le versioni monocromatiche, assai diverse dalle edizioni regolari europee e americane, con il colpo d'occhio dell'unica colorazione della copertina. In alcuni casi, poi, non esistono stampe ufficiali del gruppo: è il caso, per esempio, di "A Saucerful of Secrets".

Il costo di tali edizioni monocromatiche non doveva essere tanto alto: è stato usato del cartone non di prima scelta, molto facile all'usura; i dischi sono quasi tutti grossolani e pesanti (quasi quanto il materiale con cui si facevano i primi bootlegs). Colpisce anche il fatto che parecchie versioni presentino copertine NON apribili, diverse, come impostazione, dalle normali edizioni, come i TDSotM, gli ANIMALS e i THE WALL. O sono addirittura senza le copertine disegnate interne, come i WYWH o i THE WALL.

 

  Altre copertine monocromatiche.

 

 

Per non parlare dei disegni delle copertine: i disegni sulle covers sono quasi tutti delle fotocopie di dischi americani, forse prima fotocopiati o scannerizzati malamente e poi stampati con colorazioni monocromatiche e con l'aggiunta (quasi sempre) dei numeri di catalogo propri scritti a mano, e anche di adesivi fotocopiati (come negli ANIMALS e nei TDSOTM).

 

 

 

 

Unici nel loro genere, poi, sono le edizioni con i testi stampati sulle copertine stesse al posto delle covers originali (proprio quei testi presenti nelle inner sleeve o nelle copertine interne delle edizioni europee), come i due TDSotM, il WYWH, i due ANIMALS e il THE WALL.

 

 

Tra tutti spicca, comunque, l'originalità della colorazione monocromatica di queste copertine, fatta con colori sempre più strani (grigio, verde, blu, ocra, rosa, violetto, marrone, arancione,...): la sensazione che si ha vedendo per la prima volta questi dischi è che sia stato un lavoro "artigianale" e grossolano, anche se forse non voluto da queste fantomatiche case di etichetta. E ciò non fa che confermare il clima di censura che ci doveva essere in quegli anni in Corea, tale da giustificare un uscita così "clandestina" di dischi. Ma sono proprio queste edizioni monocromatiche, totalmente inattese e di grosso impatto collezionistico, che fanno aumentare il fascino per la discografia coreana …ed anche il valore! Ma per un collezionista, il bello è proprio questo!

Come ho già detto, non si è sicuri del numero esatto dei dischi coreani usciti, in quanto ne esistono poche copie in circolazione (soprattutto delle stampe monocromatiche), ed altrettanto poche sono le notizie. Comunque, oltre al fatto che questi dischi di sicuro provengono solo dalla Corea, non si è sicuri al 100% della loro ufficialità.

 

 

Un piccolo approfondimento: in parecchi dischi coreani è riportata sul rim-off la scritta "MASTERED BY CAPITOL", non sappiamo il perchè, ma probabilmente voleva intendere che il disco era stato stampato in qualche stabilimento americano, oppure che l'acetato proveniva dalla Capitol americana, gli altri numeri sul rim-off infatti erano simili alle edizioni americane. E' un fatto curioso, ma non sapremo mai con certezza la verità.

 

 

 

 

 

 

Copyrights & Credits.

Ricerche a cura di Stefano Tarquini, con la preziosa collaborazione di Kim Jae Kyeung (novembre 2000).

* Parte della presente ricerca è stata approfondita ed inserita nel libro dei Lunatics: "PINK FLOYD. STORIE E SEGRETI" (Giunti Editore, 2012), ISBN-EAN: 9788809773745, con l'autorizzazione dei rispettivi autori. Pertanto, ogni loro uso è strettamente vietato dalla legge.  http://www.thelunatics.it/tlhomebook.htm

© All trademarks and copyrights remain the property of their respective owners. The contents of this entire website are presented here as a non-profit service intended for the non-commercial purposes of criticism, research, comment, education and archiving use only. This site is only a tribute to Pink Floyd.

Questo sito usa cookie di profilazione al fine di inviare comunicazioni pubblicitarie personalizzate e consente anche l'invio di cookie di “terze parti”. Proseguendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie, o, in alternativa, è possibile personalizzare la loro configurazione alla sezione dedicata (Policy/Cokies).