La leggenda di Dracula è diventata famosa in tutto il mondo grazie al romanzo dello scrittore irlandese Bram Stoker. Tale romanzo si ispirava ad un personaggio storico veramente esistito: il Conte Vlad Tepes ( Tepes in romeno significa "impalatore" e si riferisce al fatto che Vlad usava appunto impalare vivi i propri nemici).
Il Conte, principe di Valachia, difese la propria terra dall'invasione dei Turchi, ma lo fece con tanta ferocia da guadagnarsi il nomignolo di Dracula, che in romeno significa diavolo.
Dunque visitando la Transilvania si possono vedere i luoghi dove si svolse la vicenda storica da cui prese ispirazione la leggenda.
A Sighisoara ci sono i luoghi dove il Conte passò l'infanzia e i visitatori possono persino pranzare nel ristorante aperto nella sua casa natale. A Hunedoara si trova il Castello del Principe Iancu, dove Vlad si rifugiò per qualche tempo in gioventù. Mentre il Castello di Bran è universalmente conosciuto come il "Castello di Dracula" anche se, forse, Vlad non vi risedette mai.
Altri luoghi interessanti per le suggestioni legate alla leggenda sono la città di Bistrita nel Nord della Transilvania ed il Castello di Poienari nei Carpazi Meridionali.
Infine, si può visitare la tomba di Dracula, vicino a Bucarest, in un monastero sul Lago Snagov: nella cripta è stato trovato soltanto lo scheletro di un cavallo, il che rende questo mistero ancor più inquietante.