NonoBepi - agosto 2000

Nonobepi, su gentile concessione dell'autore, amico Osvaldo Noro.
Rende omaggio al poeta, cultore del nostro dialetto, al solo scopo
di divulgare quanto fatto e senza nessun scopo di lucro.


Osvaldo Noro

GLOSSARIO

A
ndol=angelo
alagnr = sorvegliare
antnie = litane
arcansil = arcobaleno
arinto = argento
arlio=orologio

B
bleghe = orme, impronte
br = cespuglio
blche = di gi, ormai
bcoi = boccoli, riccioli
bolva = favilla
bonbo = cotone
bors = capricci
brne =redini
busr = baciare
busnr = rumoreggiare

C
caros l = cuscino alla francese
catargole = solletico
cr = da correre
cor = cuore

D
drla = gerla
dobta = fra poco
dgo = gioco
dgo = gioco

F
fite = fette
folsca = favilla
furlr = soffiare, scompigliare

G
galivr = pareggiare, livellare

I
inida = abulica

L
lama = pozza d'acqua
ludr = slittare

M
manegt = coprimani
monesin = morbido
musina = salvadanaio
muzarl = folletto

O
ga = forza, impeto

P
par = per
pr = pare, sembra
pre = padre
predii = tasse
prsa = fretta, premura
pusira = silicosi

R
rasin = preghiera
remengr = elemosinare
ris-cia = scheggia
roegt = torsolo di mela

S
saldn = molassa
scarpe = ragnatele
schegant = ultimo nato di una nidiata
s-ciants = lampi
sentna = sentinella, guardiano
sfantr = dissolvere
ghirta = scoiattolo
sol = sole
sl = soltanto
mrs = morso (per il cavallo)
subir = fischiare
supir = soffiare

T
tabro = mantello
tramde = pareti
tri = sentiero

U
u = rugiada

V
vnc = vimini
volnda = aquilone

Z
zliga = rondine


GLOSSARIO

A
anci = oggi
ntro(a) = altro(a)
asi = abbastanza

B

balnsa = bilancia
balansr = bilanciare, pareggiare
balegr = calpestare (rumore di passi)
bc = caprone
bc = bcco (degli uccelli)
bca = acerba
bi(best) = beve (bevuto)
bi = belli
blche = di gi, ormai
bn = bene o beni, averi
bilda = arrabbiata
boin = pozza d'acqua
blp = volpe
bolsegr = tossire, rantolare
bonamn = mancia, ricompensa
brincr = afrerrare, ghermire
bubna = ricchezza, buona sorte
bucr = abbaiare
busnr = ronzare, rumoreggiare
butro = burro

C

clche = qualche
calchidn = qualcuno
caminr = andar via, allontanarsi
crga = peso, soma
carpa = mangiatoia
catr = trovare, ritrovare
cavsa = briglia
cc (ci) = piccolotto(i)
cca = piccola
cn = tiene
cn = piccolo
chl(a)(i)(e) = quello (a) (i) (e)

I

iern = ghiaione
inbacucr = racchiudere, intabarrare
inpirr = infilare, conficcare
inpizr = accendere
intorbir = intorbidire


L

lama = pozza d'acqua
ledamr = letamaio

M

magn = tormento, groppo in gola
manda = manza, manda (inviare)
manfrina = atteggiamento, mona
maturln = stupidone

0

i(l) = voglio, vuole
se = Voce
osl(i) = uccello(i)


P

par = per, pare (sembra)
parbo(a) = perbacco
par n = per ciascuno
pec = pena, compassione
pde = vicino a
pl = pelo
pl = pelle
pelc = pelato, calvo
polsr = riposare
porsl da bsc = cinghiale
ps = pozzo
ps = posso
prpi = proprio
provisin = provvigione, ricompensa

R

rap = grappolo(i)
rba = roba, ruba



NOTE GRAFICHE PER LE PARTI IN VERNACOLO

= suono stretto (sc - scaln)
= suono aperto (n - cido)
= suono stretto (csa - bor)
= suono aperto (drla - mrlo)

s = suono aspro (sole - sale)
s = suono dolce (casa - riso)
s = suono interdentale (sc = ceppo - sst = cesto)

n = suono nasale che precede le consonanti ''b'' e ''p ''

Nell'italiano gliarticoli appaiono nella duplice forma''lL-Lo'' ''UN-UNO''. Il dialetto ha un'unica forma ''AL'' e ''AN'' . Da ci Ia presenza dell'apostrofo che indica la mancanza della vocale:
- Il cane - al can ; un cane - an can
- Lo sposo - al sposo ; Uno sposo - an sposo
- L'uomo - 'l n ; Un uomo - 'n n

Le preposizioni articolate vedono disgiunti l'articolo dalla preposizione semplice al fine di evitare equivoci:
- a le = alle (mentre ''ale" = ali)
- a i - ai (mentre "ai" = aglio)
- da 'l = dal (mentre ''dal'' = giallo)
- da la = dalla (mentre ''dala'' = gialla)

Alla preposizione semplice ''in'' il dialetto preferisce ''te'':
- te 'n bus = in un buco
- te la drla = nella gerla

Nella lettura di un testo dialettale, particolare importanza assume l'uso degli accenti chiuso ( ' ) e aperto ( * ) sulle vocali ''e'' ed ''0'' perassegnare la giusta fonia alla parola.

Le forme verbali del verbo ''avere'' risultano accentate:
- mi = io ho
- ti te = tu hai


GRAFIA

an = ‘n = articolo indeterminativo maschile:
an can . . . = un cane
‘n n . . . = un uomo

na = n’ = articolo indeterminativo femminile:
na fda . . . = una pecora
n’ qua . . . = un’acqua

Da notare che mentre nella lingua italiana gli articoli maschili hanno due forme
(il-lo / i-gli / un-uno), nel dialetto sono presenti in una sola forma (al-‘l-i / an).

el = ‘l = pronome personale maschile:
el dorme . . . = egli (lui) dorme
e ‘l va . . . = ed egli (lui) va

lu-la-i-le-lri-lre = altri pronomi personali presenti nei testi.

Nelle forme interrogative, il dialetto usa posporre il pronome personale alla voce verbale (come nella lingua francese):

tu che . . . ? = Cos’hai .. . ?
Vtu ‘nd . . .? = Dove vai . . . ?
Arla che . . . ? = Cosa avr . . .?
Sarlo chi . . . ? = Chi sar . . . ?

Le voci verbali di "avere nei testi appaiono accentate e non con l' "h" come nell’italiano:

mi . . . = io ho
ti te . . . = tu hai
la la (l’) = ella ha

Tutte le preposizioni articolate appaiono divise in preposizioni semplici ed articoli, ad evitare una grafia molto spesso uguale a sostantivi o aggettivi:

alla = a la . . . ala (ala)
alle = a le . . . ale (ali)
ai = a i . . . ai (aglio)


Particolarit grafiche

= lettera "s'' con suono dolce
(casa ... riso... viso...)

s = lettera ''s" con suono aspro
(sole... sale... sera...)

z = suono interdentale di:

zc = ceppo
zst = cesto
zta = zampa

nb = suono nasale (trnba)
np = suono nasale (canpna)

a 'l - 'l = articoli al maschile
an - 'n = articoli al maschile

(''el'' - talvolta per eufonia ''al'' - generalmente pronome personale)

Tutte le preposizioni articolate appaiono divise in preposizioni semplici ed articoli ad evitare ugual grafia per sostantivi ed aggettivi.

I numerosi accenti, oltre ad assegnare il giusto suono (aperto o chiuso) alle vocali, possono essere di guida nella comprensione della metrica o del ritmo del verso.



....al mio nipotino DAVIDE
(05.02. l 994)

Spete che i ps
curti, de 'l tnp,
i busse le onbre
de le bleghe, lnghe,
de i me insgni.
... E te s riv.



* Leggende della val Belluna *  Fedro elaborato in alpagoto *  Le ble storie de na lta * 
Fogole *  Glossario - Grafia *  Premi e Segnalazioni *  Noro Home Page *