Nato a Foggia il 15 Marzo 1917, muore a Roma il 25 Dicembre 1987, dopo aver dedicato tutta la vita al Teatro.
Laureato in lettere, ufficiale di complemento e partigiano dal 1943, dopo la liberazione di Roma fond˛ la nostra Accademia con il nome di "Libera Accademia di Teatro", offrendone la direzione artistica al Suo maestro Pietro Scharoff, sotto la cui guida fin dal 1946 si diede il via a una serie di memorabili spettacoli al Teatro Eliseo di Roma ("L'Albergo dei poveri" (1946), "Le tre sorelle" (1947), "Il risveglio di primavera" (1947) tra gli altri...), suscitando tali entusiasmi che i critici parlarono di "miracolo".
La sua vita si svolse tutta alternando l'attivitÓ di attore e regista con quella di insegnante, alla quale, dedicandocisi con una passione e un impegno indimenticabili per chiunque sia stato suo allievo, mai rinunci˛.
Ebbe per compagni di lavoro e per registi, tra gli altri, Cortese, Orsini, Lemmon, Tappert (il popolare "Derrik"), Squarzina, Millo, Tedeschi, Cirino, partecipando a produzioni teatrali, film e sceneggiati televisivi in Italia e all'estero.