Cinema - il sito di zon@ venerdý

Un film di Tomas Gutierrez Alea. Cuba/Messico/Spagna, 1992

Con Vladimir Cruz, Jorge Perugorria, Mirta Ibarra e Francisco Gattorno.

L'Avana. La storia dell'incontro tra David, un giovane militante comunista, ed un omosessuale, Diego, raffinato conoscitore della cultura nazionale. Una commedia agrodolce, ironica e leggera per affermare la libertà delle idee. Fragola e cioccolato sono i gusti di gelato preferiti rispettivamente dai gay e dai veri macho. Il film ebbe una notevole risonanza sia commerciale che politica, dando forza al dibattito sulla liberazione dell'omosessualità nei paesi comunisti. Penso che proprio per focalizzarsi sull'impegno politico della pellicola, il regista ha sapientemente controllato il rapporto tra i due protagonisti, che rimane, anche se sempre più forte, una corretta amicizia.

Frase chiave. David torna da Diego e dopo averlo visto scendere da un auto del corpo diplomatico e tornare a casa. David lo raggiunge e gli chiede: "Fra noi due le cose non dovevano essere sempre chiare? Cosa ci facevi in un auto del corpo diplomatico?". Diego: "Lascio questo paese!". David dice: "Ah, si!?! e inizia a staccere tutte le fotografie e i poster appese alla parete che hanno a che vedere con la rivoluzione" Diego lo ferma dicendo: "Non Ŕ come pensi tu casso, non me ne vado, mi cacciano" David: "Come ti cacciano, chi ti vuole cacciare?". Diego: "E' per le lettere che ho mandato, non sai che putiferio hanno scatenato" e poi consegnandogli un dossier dice: "Credi che con le informazioni che hanno su di me, qualcuno mi darebbe un lavoro, qualcuno rischierebbe per me? Dovrei andare a fare l'agricoltore o il manovale. Che cosa ci dovrei fare con un mattone in mano David, dimmi dove cazzo me lo metto! Pensavo di poter dire qualcosa e invece Ŕ buono e rivoluzionario solo quello che dite voi!". David: "Ma perchŔ te ne vai, cosa credi che li non avrai alcun problema?". Diego: "Ma David, davvero tu credi che me ne vada perchŔ lo voglio? Non ti rebndi conto che non c'Ŕ nient'altro da fare? Che non posso fare nient'altro? Questa Ŕ la mia unica vita, David: voglio fare delle cose, avere dei progetti come chiunque. Per essere come sono cazzo, perchŔ non devo averne diritto. Lasciatemi tentare almeno!" Diego scoppia in un pianto dirotto.

Per commentare fatelo qui