Ciro Siciliano
Un Eroe dimenticato.


Il 26 novembre 2000 a Montignoso di Massa (MS) si Ŕ celebrato uno dei tanti eroi dimenticati, ma tutt'altro che meritevoli di oblio.

Era l'estate del 1944, il Maresciallo Ciro Siciliano comandava la Stazione dei Carabinieri di Forno di Massa, un piccolo paese di cavatori posto ai piedi della catena delle Alpi Apuane. Il 13 giugno 1944 nel corso di un rastrellamento truppe tedesche e militi della X Mas di La Spezia radunarono la popolazione nei pressi della caserma del paese.
Aveva trentasei anni il Maresciallo dei Carabinieri Ciro Siciliano, era coniugato con due bambini di tre e quattro anni. In quei giorni a causa di una forte febbre non era in servizio, se fosse stato un'uomo vile ed egoista, o forse anche solo semplicemente attento alla propria incolumitÓ personale avrebbe potuto evitare di farsi vedere in momenti cosý drammatici. In fondo aveva una moglie e due figli da proteggere ed era anche febbricitante da alcuni giorni. Invece di fuggire indoss˛ la divisa e affront˛ con fierezza e sicurezza il tenente Bertozzi della X Flottiglia MAS che, coadiuvando in maniera spietata i nazisti, fu il protagonista in negativo di quella giornata. Scrive il Dr. Massimo Michelucci, ricercatore di storia locale nell'opuscolo stampato in occasione della cerimonia di inaugurazione della sede dell'Associazione Nazionale dei Carabinieri aperta in suo onore: "Ci siamo chiesti a lungo perchŔ Ciro l'abbia fatto. Fu una scelta ponderata, lucida, sicuramente consapevole dei rischi. Ed in ci˛ sta la grandezza. Forse f¨ lo spirito di servizio, il senso di responsabilitÓ, ma anche il coraggio, la speranza di voler far qualcosa per gli altri che sapeva indifesi, inermi ed incolpevoli. Probabilmente il suo comportamento, le sue richieste salavarono delle vite; forse addirittura cambiarono il corso degli eventi che in quel giorno si erano predisposti per terminare in un totale massacro della popolazione". "La grande storia quando incontra i singoli uomini li confonde, li rende piccoli, a volte meschini, incapaci di agire. Ma ce ne sono alcuni che proprio in quei momenti invece hanno il coraggio di scegliere ... " "Quel gesto gli cost˛ la vita (f¨ fucilato insieme ad altri 59 ostaggi ndr), ma lo fece un simbolo che merita il ns. ricordo."

Lo spunto per questo intervento Ŕ ampiamente tratto da una pubblicazione curata dall'Ass.Naz.Carabinieri e dal Comune di Montignoso.

Antola Alessandro


Pagina indietro