IL SITO DEL MISTERO

tratto da HIRAM, n.5-6, Dicembre 1982 – Ed. Soc. Erasmo, Roma


Introduzione all'alchimia

di G.P.

alchimia32.jpg (143125 byte)

L'Ouroborus, il serpente che si morde la coda simbolo dell'Uno nel Tutto della corrispondenza ermetica fra Universo e Materia.

Da un manoscritto greco copiato nel XV sec. e conservato alla Biblioteca Nazionale di Parigi.

Sovente chi si accosta allo studio dell'Alchimia ne riceve un vero e proprio impatto negativo e scoraggiante; tutto ciò a causa di espressioni astruse o contraddittorie che caratterizzano questa Tradizione e che valsero dure critiche (francamente le argomentazioni che possono essere sollevate a carico dell'Alchimia sono molte, e non a torto) già nel passato, come dimostra lo scritto di Sebastian Brant, vissuto tra il XV ed il XVI secolo, che così si esprimeva valutando l'argomento:

"E qui per non dimenticare

la brutta menzogna dell'Alchimia

che evoca argento ed oro

previamente nascosti nella mazza per mescolare;

E’ tutto trucco e ciurmeria.

Ve ne mostrano come prova un blocco

e tosto, vedete, ne esce un rospo!

Questa cecità scaccia di casa

colui che sedeva comodo e caldo;

ha rimpiazzato con le sue ricchezze l'alambicco

ed ora non ha che polvere e ceneri-

Ed alla fine perde anche il senno.

Molti uomini sono finiti così,

e nessuno ha raggiunto la ricchezza,

perchè Aristotele dichiara:

"La forma delle cose non si muterà mai."

Ancora prima, tra il XIV ed il XV secolo, Geoffrey Chaucer prendendo di mira gli alchimisti scriveva:

"Promettono di rivoltare

tutta la terra tra Southwark e Canterburie,

e di pavimentarla d'argento e d'oro...

ma non concludono mai nulla,

d illudono molta gente,

E dissipano rapidamente ogni avere,

ed alla fine si riducono a mendicare,

e con quest'arte non riescono a nulla, e

si vuotano la borsa ed il cervello."

Non sono, questi, che due esempi dei molti scritti. Nè mancarono dipinti ed incisioni volti a rappresentare, anche visivamente, il dissenso mordente sul medesimo argomento.

lo stesso, che pure credo profondamente nella Tradizione alchemica, rimasi assai perplesso, al mio primo approccio con l'Alchimia, di fronte ad espressioni come "Solfo, Mercurio e Sale sono i tre che compongono l’uomo". Oppure: "Il Fuoco contenuto nell'Acqua". Non posso quindi negare che la prima impressione che ne riportai mi stava sospingendo ad occuparmi d'altro:"Tutte bugie - pensai - buone solo per gli illusi!" Ma fu proprio il termine "bugie" che mi fermò in tempo: quelle "bugie che hanno le gambe corte", come recita il proverbio. E come mai, invece, queste bugie si presentavano con le gambe lunghe come i secoli? E se si fosse trattato, al contrario, di critiche ed impressioni dalla vista corta? Ecco un'ipotesi sulla quale val ben la pena meditare.

Gli Alchimisti sostengono da sempre che l'Opera di trasmutazione del Piombo in Oro parte dalla PRIMA MATERIA.

Questa espressione astrusa può cominciare ad essere accettabile al buon senso se la si suppone volutamente "ermetica". Lo fa intuire chiaramente Paracelso allorchè, in proposito, scrve:"E’ manifesto a tutti gli uomini che i poveri ne hanno più dei ricchi. La gente ne scarta la parte buona e ne conserva la cattiva. E’ visibile ed è invisibile, ed i bambini giocano con essa per la strada..." Basta riflettere un momento: che cosa usano i bambini nei loro giochi se non la "semplicità"? Non sono forse i ricchi proclivi a fuggire la semplicità? E non è forse vero che è la "condizione di primordiale semplicità", la "naturalezza dell'essere che la gente getta per l'essere artefatto? E non è talmente evidente da essere visibile e talmente nota da non essere più scorta?

Questa ipotesi prende maggiore evidenza a proposito dei bambini. Si legge infatti in Matteo (11.25-26):

"In quel tempo Gesù prese a dire: Io Ti rendo lode, o Padre... perchè hai nascosto queste cose ai savi ed agli intelligenti, e le hai rivelate ai piccoli fanciulli." Ed ancora in Marco (10. 15-16): "In verità io vi dico che chiunque non avrà ricevuto il Regno di Dio come un piccolo fanciullo, non entrerà punto in esso".

Ecco l'accostamento: regno di Dio - fanciulli - semplicità primordiale - primitivo stato dell'essere - puro esistere -MATERIA PRIMA. E se così non fosse, se questo ed altre cose ancora celate nei simboli e nelle allegorie alchemiche non avesse voluto significare la sapienza di Ermete, Lattanzio non avrebbe esclamato, nel III secolo: "Herrnes (Trismegistus) ha trovato, non so come, quasi tutta la verità".

L'insegnamento alchemico, dunque, affermando che il lavoro di trasmutazione del Piombo in Oro deve partire dall'estrazione della MATERIA PRIMA, intende significare che la prima operazione per conquistare il Regno dei Cieli consiste nel trovare in noi stessi la "condizione primordiale della esistenza". Condizione, questa, più evidente nei fanciulli e citabile, quindi, quale sicuro esempio e riferimento.

A questo punto ci si potrebbe chiedere come mai la Tradizione alchemica abbia sentito la necessità di ricoprirsi di tanto ermetismo, di occultarsi con tanta cura, rischiando il discredito e la calunnia. E perchè, poi, gli alchimisti conoscendo ciò che agli altri era ignoto invece di diffonderlo, di spiegarlo, lo occultavano rendendone ostica la comprensione?

Il perchè lo ricorda il Libro della Sacra Legge dove leggiamo (Matteo, 13.10-13):"Allora i discepoli, accostatisi, gli dissero: Perchè parli loro in parabole? Ed egli rispose loro: Perchè a voi è dato di conoscere il mistero del Regno dei Cieli; ma a loro non è dato. Perchè a chiunque ha, sarà dato, e sarà nell'abbondanza; ma a chiunque non ha, sarà tolto anche quello che ha. Perciò parlo loro in parabole, perchè, vedendo, non vedono; e udendo, non odono e non intendono.

Due sono le Vie, e bene lo sappiamo noi iniziati: una "lunga" ed una "breve";una "profana- ed una "iniziatica". Riveliamo noi forse i nostri misteri al mondo profano? All'umanità, per il cui Bene e Progresso tuttavia lavoriamo?

Infine, v'è, in tutto ciò, un profondo senso di rispetto verso la natura degli altri; natura che deve seguire i suoi ritmi senza turbative, senza forzature: solo chi ha orecchie per intendere può intendere, senza traumi, tra i simboli, tra le allegorie, nelle parabole. V'è un tempo per tutto, una stagione per ogni frutto: ogni stagione chiama il suo frutto, non gli altri. E la Natura tutti li custodisce nel suo grembo.

Si è, dunque, chiarito che le mutazioni delle quali si occupa l'Alchimia non sono operazioni volte al mutamento dei metalli, ma operazioni che hanno per oggetto l'UOMO: questo e soltanto questo esse tendono a mutare, dallo stato plumbeo dell’egoità a quello aureo dell'universalità.

Questo il fine della Tradizione Alchemica che è anche un messaggio per coloro che avendo orecchie per intendere, intendano. Si tratta di un messaggio di "autonomia", di liberazione da ogni sorta di dipendenza e che potrebbe risuonare in questi termini: "Rialzati, Gigante in sonno, e riconosciti in quell'Immane che adori nei tuoi sogni."

Dobbiamo ora chiarire la simbologia alchemica, cioè capire su quali principi e concetti essa si fonda.

Dal CAOS fu tratto l'ORDINE, ossia un insieme armonico e definito. Ma cos'è il Caos? Si tratta di una situazione letteralmente di "confusione" nella quale le cose (per così dire) sono "fuse insieme" come in un crogiuolo. Caos è anche "non manifestazione","principio-non-in-atto","possibilità potenziale non espressa". E ciò che nel pensiero Induista è detto "il Brahrnan","l'Immanifesto", l'Origine di tutto ciò che esiste: impensabile ed indicibile, Esso si pone oltre l’"Essere" ed il "Non-Essere".

La Tradizione alchemica gli attribuisce moltissimi nomi, ma il significato non cambia: Notte, Matrice, Acqua mercurio, Materia indifferenziata, Veleno, Vipera, Aceto filosofale, Materia prima, Abisso, Albero, Madre, Solvente universale, Donna; tutti stanno ad indicare il Caos. Una delle espressione definenti il Caos, l’"Albero", la troviamo con carattere di universalità, in moltissimi miti a cominciare da quello biblico relativo alla caduta di Adamo. La troviamo anche nei classici dell'India, come nei Veda, nelle Upanishad dove appare come "Albero del Mondo", a volte capovolto per significare che in alto, ossia in "cielo", affonda le sue radici e trae origine la sua forza, mentre in basso, cioè nel Mondo, si presentano i suoi frutti manifesti.

Secondo la Tradizione indiana dall'Albero del Mondo stilla il "soma", o "Amrtà", bevanda d'immortalità che illumina e dà conoscenza; ma allo stesso tempo, tra le fronde dell'Albero, si cela Yama che è tanto il dio della morte, quanto il signore dello "stato primordiale", di ciò che è oltre la Manifestazione, quindi YAMA E’ DIO IMMANIFESTO DI SE STESSO. In tutto ciò v'é un punto molto interessante che troviamo anche in altre Tradizioni, compresa - ben inteso - quella alchemica, e cioè: nello stesso elemento, l'Albero, si fondono due aspetti, l'uno relativo a concetti d'immortalità e di conoscenza, l'altro ad idee di morte e distruzione. A volte il pericolo mortale, celato tra le fronde dell'Albero, è il Serpente, o il Dragone. Gli alchimisti, ad esempio, fanno chiaro riferimento a ciò definendo il Caos, come già detto, anche con i termini di "Veleno", "Vipera","Solvente universale".

Questo è il Caos.

Esso è "femminile", cioè caratterizzato dalla passività, dalla tendenza a non manifestarsi, a non individuarsi, a non conoscersi, a mantenersi come possibilità, ad esistere in potenza e non in atto. Tuttavia esso contiene tutte le possibilità:, anche quella di mutarsi in atto, al fine di conoscersi. La mitologia greca riferisce di questo Dio primordiale - Saturno - che divorava la propria progenie, il frutto di se stesso. Ecco la tendenza alla "non manifestazione"; tendenza che emerge anche dalla figura del serpente UROBOROS che attacca se stesso e si divora. Sempre rifacendosi al mito ellenico di Saturno, sappiamo che uno dei suoi figli, Zeus, sottratto alle fameliche fauci del padre, lo "uccide", ne assume il regno e si congiunge con la madre Rhea. Qui tutto preannuncia un mutamento dello stato primordiale: un principio, insito nel medesimo Tutto, prevale sulla condizione di stasi vincendola (uccisione del padre Saturno) e dominando -conoscendola - la forza universale (congiunzione con la madre Rhea, allegoria dell "' incesto filosofale").

Si determina così l'UNO, manifesto a sè stesso, trionfatore di sè stesso. Egli è l'AUTOGENO, generatore di sè stesso e più di sè stesso antico.

Il segno designato dagli alchimisti a simboleggiare il Caos, il Tutto - il cerchio ¡ - viene arricchito di un punto centrale ¤ per indicare l'UNO manifesto. Ma non solo (e questo è importantissimo): tale segno indica anche la perfetta UNITA’ tra l'UNO e il TUTTO. Importante è rendersi conto che questa UNITA non è "unione" la più perfetta di substanzialità estranee, sebbene equilibrate. Le espressioni "padre", "madre", "figlio" sono solamente espressioni umane, adottate onde definire, per nostro uso ed a causa della nostra limitatezza, una Realtà che è UNITA’ per sua propria natura. Si legge in proposito nel "Trionfoermetico": "Si uccide da sè, poi da sè si risuscita. Sposa di sè stessa, impregna sè stessa, si risolve da sè stessa nel suo proprio sangue".

Nel momento in cui l'Uno, potenzialmente contenuto nel Tutto, prevarica il Tutto e si manifesta, nella natura del Caos si determinano due "poli" o principi di opposte tendenze: uno avrà carattere di fissità, di stabilità e verrà indicato con il geroglifico del Sole ¤ , l'altro si distinguerà per mutevolezza e gli corrisponderà il simbolo femminile della Luna.ƒ

Quindi, a questo punto è possibile presentare un primo schema riassuntivo. di quanto esposto.

alchimia13.jpg (60396 byte)

 

Per quanto concerne le due possibilità contenute rispettivamente nei relativi principi Sole alchimia23.jpg (1558 byte) , Luna alchimia24.jpg (1283 byte) , ricordiamo solo di sfuggita il simbolo cinese Yin-Yang alchimia25.jpg (1899 byte) nel quale le due polarità opposte "ma non antagoniste" coesistono in perfetto equilibrio di forze. Nel momento in cui l'equilibrio si rompe ed un principio prevale sull'altro, ecco che si determina il "moto",il "divenire". In una parola: la Manifestazione.

Dunque il Serpente UROBOROS alchimia26.jpg (2500 byte)si sdoppia e, così sdoppiato, si oppone a se stesso.

E’ il conflitto tra due tendenze, tra due direzioni di cui una cerca di involversi indefinitamente in sè stessa, mentre l'altra protende ad evolversi definitamente in sè stessa. E’ la così detta "coppia degli opposti" che caratterizza tutta la manifestazione ad ogni livello; è la binarietà di ciò che si è reso palese, esterno eppure contenuto, avversario ed alleato a sè medesimo. Lo stesso accade nella figura della Trimurti indiana dove il manifesto Brahma possiede due aspetti, due polarità peculiarissime ed INSITE NELLA SUA NATURA, e cioè: Shiva e Vishnu.

Mentre Shiva è l'aspetto antagonista alla manifestazione, ossia la possibilità del Dio di distruggere ciò che ha creato, di riassorbirlo nell'Origine, Vishnu è il conservatore, l'amorevole custode di quanto è venuto in essere. La medesima osservazione può esser fatta a proposito di Osiride intorno al quale si muovono le due figure, antagoniste per eccellenza, di Horus il radioso e di Seth il tenebroso. Ma il carattere di bipolarità accennato, lungi dal costituire una separazione del Principio, rappresenta al contrario una NECESSITA’ FUNZIONALE DELLA MANIFESTAZIONE STESSA.

Ciò detto, poniamo in evidenza alcuni aspetti di fondo dei due principi differenziati e che la Tradizione alchemica definisce Luna e Sole.

alchimia05.jpg (37293 byte)

Accennando al segno cinese del Tutto, definito YinYlang alchimia25.jpg (1899 byte) , abbiamo detto che esso significa il Caos, cioè il Tutto non manifesto. Abbiamo anche detto che la sua non manifestazione, ossia la non differenziazione dei due principi - è dovuto al perfetto stato di equilibrio dei contrari recanti - sia qui aggiunto -ognuno il seme del principio contrario, ma non - lo si ricordi sempre - antagonista; infatti i due principi ricordati sono considerati dal pensiero cinese come generatori potenziali l'uno dell'altro.

Allorchè si determina la differenziazione per la rottura dell'equilibrio nello Yin-Yang, ossia nel rapporto tra la tendenza alla "non-differenziazione" e quella portata alla "differenziazione", si possono avere due casi, e cioè: o la Luna domina il Sole, o il Sole domina la Luna, come dallo schema che segue.

 

alchimia07.jpg (5336 byte)

 

Primo caso: La Luna domina il Sole.

E' la legge del "divenire",il "Karma" degli Induisti. Questa situazione è detta delle ACQUE FLUENTI, cioè delle forze allo stato selvaggio. t anche la ricerca, il percorso, gli stadi che devono essere attraversati, le mutazioni verso l'individuazione.

alchimia09.jpg (3090 byte)

alchimia08.jpg (5098 byte)

Secondo caso: Il Sole domina la Luna.

E’ l'Opera IMMUTABILE E COMPIUTA.

Questa situazione è detta delle ACQUE GELATE, cioè delle forze fissate dal Sole. In una parola: NDIVIDUAZIONE, o Pietra Filosofale.

alchimia10.jpg (4032 byte)

Potremmo anche riassumere quanto precede ancor più sinteticamente nel seguente modo:

alchimia17.jpg (13944 byte)

facendolo seguire da una dichiarazione che gli alchimisti hanno fatto giungere fino a noi, attraverso i tempi.

Eccola: "Il fine dell'arte nostra preciosa è nascosto... i nostri elementi sono invisibili, non quelli che il volgo conosce".

Fino a questo punto ci siamo occupati della DUALITA’ per il cui tramite la Manifestazione si trasforma da potenzialità in atto.

E’ ora il momento di occuparci della TRIADE, cioè del TERZO aspetto della Manifestazione.

Si è detto che l'INSTABILITA’, e quindi tutto ciò che è "brama" e -"godimento-, ", è assimilato alle ACQUE DISCENDENTI o FLUENTI, IRROMPENTI: queste vengono rappresentate dal geroglifico alchimia27.jpg (1362 byte) . Il suo contrario, cioè la FISSITA’, la STABILITA’, il DURATURO, il REALE, è indicato dal geroglifico alchimia28.jpg (1183 byte) , principio del Fuoco ascendente, assimilabile al Sole.

Il segno alchimia27.jpg (1362 byte) , considerato "ferriminile", unito a quello delFuocoalchimia28.jpg (1183 byte) "maschile", produce il risultato di quella che può essere definita come una equazione simbolica: il segno che rappresenta la Terra, elemento fisso alchimia29.jpg (1963 byte) E’ il così detto e riconosciuto Sigillo di Salomone.

Considerando ancora i due principi come "femmina " e "maschio ", è possibile un'analogia interessante con altri due regni, e cioè: alchimia27.jpg (1362 byte) = ¾  e alchimia28.jpg (1183 byte) = ½ . L'orizzontale femminile unita con la verticale maschile porta alla generazione di un nuovo regno, risultato dalla congiunzione dei due: alchimia31.jpg (1123 byte)la Croce.

Anticipando un concetto alchemico che troveremo più oltre, diremo che l'ideogramma del Sale alchimia14.jpg (1449 byte)nasce dall'unione del regno della Materia prima indifferenziata alchimia30.jpg (1318 byte) con la orizzontale femminile ¾ il cui insieme suggerisce il senso di ciò che è "corporeo", di ciò che è "imprigionato"; il cadavere ermetico, cioè l'umana prigione: il corpo umano, creatura terragna.

In sintesi, quindi, ecco ancora una triade formata da Sole-Fuoco alchimia30.jpg (1318 byte) ; Luna-Acqua alchimia24.jpg (1283 byte) ; Terra-Sale wpe2.jpg (1293 byte);

LA TRIADE METAFISICA

Come il Binario, o DIADE, ha generato simbolicamente la TRIADE, così lo stesso BINARIO, unito al segno femminile ¾ della orizzontale, unito al segno alchimia27.jpg (1362 byte) - le Acque fluenti - ed al segno alchimia28.jpg (1183 byte) il Fuoco ascendente ¾ ci porterà al QUATERNARIO:

alchimia11.jpg (13563 byte)

dei quali due principali (ACQUA e FUOCO) e due derivati (TERRA e ARIA) che possono anche essere identificati con i bracci della Croce.

In questo caso parliamo di "Croce degli Elementi" il cui punto di intersezione - unione dei quattro Elementi - genera la Quintessenza, principio di Vita.

alchimia12.jpg (12697 byte)

Questo regno, la Croce, alchimia31.jpg (1123 byte) , nella Tradizione alchemica ben di rado appare rappresentato da solo; infatti esso è associato ad altri simboli a dar loro un significato specifico. Per esempio, associato al simbolo dell'Elemento Fuocoalchimia28.jpg (1183 byte)alchimia16.jpg (1432 byte),. che viene a rappresentare il Solfo. Il suo significato è di principio ancora in stato d'impurità poichè vincolato dagli Elementi del Quaternario terrestre.

Lo stesso dicasi per il simbolo del Mercurio terrestre, simboleggiato dal geroglifico alchimia15.jpg (1624 byte) dove la lettura sarà: i quattro Elementi alchimia31.jpg (1123 byte) generati dall'indifferenziato Tutto alchimia30.jpg (1318 byte) giacciono ancora sotto il dominio della Luna alchimia24.jpg (1283 byte) principio instabile del divenire.

Più dettagliatamente rappresentando:

alchimia01.jpg (13625 byte)

Esiste un'enunciazione ermetica che, sunteggiando il contenuto della Tavola Smeralgdina, afferma:"Tutto ciò che il Macrocosmo ha, anche l'uomo lo possiede".

Poichè nell'Universo Solfo alchimia16.jpg (1432 byte)Mercurio alchimia15.jpg (1624 byte)e Sale alchimia14.jpg (1449 byte)rappresentano il cosidetto TRIMUNDIO, predetto Trimundio si manifesta anche nell'uomo che è a sua volta un Microcosmo, un universo in miniatura.

Perciò avremo le seguenti corrispondenti:

alchimia02.jpg (16457 byte)

Questo "trimundio" presentato come costituente l'uomo ha bisogno di una spiegazione. Mi riferisco in particolare al termine SPIRITO rappresentato dal Mercurio ; quì per "spirito" gli alchimisti intendono L'INSIEME DELLE FORZE VITALI LE QUALI COSTITUISCONO UNA DIMENSIONE INTERMEDIA TRA IL CORPOREO E L'INCORPOREO. Tali forze, o energie "psicovitali", sono la "vita",ossia il principio energetico animatore della forma. Lo "spirito", nel senso sottolineato, corrisponde al Ka ¾ il doppio ¾ della Tradizione egizia, all’"ob" dell'esoterismo ebraico, al "corpo sottile" ed al "prana" della Tradizione induista.

Alla luce di quanto detto possiamo meglio comprendere come per gli alchimisti avesse senso affermare che:

a) nell'ANIMA l'uomo porta la forza solare, dove € =alchimia16.jpg (1432 byte);

b) nello SPIRITO la forza Lunare o Mercuriale, dove € =alchimia15.jpg (1624 byte)

c) nel CORPO la fissità del Sale alchimia14.jpg (1449 byte).

Vediamo ora come i quattro Elementi entrino nella costituzione dell'uomo. L'Alchimia vede nell'uomo la presenza di quattro enti, e cioè:

1) un ente TERRESTRE (o Saturno) nel quale agisce la forza della Terra alchimia18.jpg (1545 byte) (Piombo alchemico)

2) un ente ACQUEO (o Mercurio) alchimia15.jpg (1624 byte) equivalente al "Ka" egizio (il "doppio"),all’"ob" ebraico. E’ anche detto ente LUNARE, sede della sensitività, dell'attività paranormale.

Il simbolo corrispondente è s .

3) un ente FLUIDICO (Mercurio congiunto al Fuoco) alchimia19.jpg (1729 byte) dove è sostituito dal segno dell'Ariete alchimia22.jpg (952 byte) (solare): donde la trasformazione di alchimia15.jpg (1624 byte) in alchimia19.jpg (1729 byte) E’ l'ANIMA. Ha corrispondenza con l'Elemento ARIA alchimia20.jpg (1403 byte) quale arresto del Fuoco.

4) un ente intellettuale che è il SOLE  , ovvero ORO nell'uomo. Centro di stabilità spirituale che dà luogo all'ESSERE individuato. Il suo simbolo è r .

Gli enti di cui ai punti 2), 3), e 4) sono commisti a quello terrestre in uno stato IMPURO, detto MISTO che potremmo rappresentare così:

alchimia03.jpg (12117 byte)

I quattro enti ora menzionati, e corrispondenti ai quattro Elementi e ad altri simboli, hanno a loro volta corrispondenza in quattro colori, e precisamente:

NERO = Terra, Piombo, Saturno, Sale alchimia14.jpg (1449 byte)

BIANCO Acqua, Luna, Venere, Mercurio impuro alchimia15.jpg (1624 byte)

ROSSO Aria, Mercurio solare, congiunto al Fuoco

AUREO o ORO = Fuoco, Sole e Solfo  , alchimia16.jpg (1432 byte).

Abbiamo cosi visto, in una rapida scorsa, la simbologia alchemica principale, cioè quei simboli che la Tradizione di cui si stà dicendo usava onde adombrarvi i significati "iniziatici" dell'Arte.

Conoscendo ormai i significati di alcuni simboli di base, possiamo dire che l'Opera alchemica può condensarsi nell'espressione "Senza Sale non si può ottenere la Pietra filosofale"; frase che potremmo esprimere ideograficamente nel seguente modo:

alchimia04.jpg (3621 byte)

e che potremmo tradurre in linguaggio corrente: l'esperienza del Corpo alchimia14.jpg (1449 byte) è indispensabile per completare l'attività di individuazione dell'UNO  che attraverso il molteplice torna consapevolmente al TUTTO.

In questa Opera che si inizia, come detto, dal momento umano alchimia14.jpg (1449 byte) e , si devono distinguere diverse fasi operative il cui risultato. corrisponde a successivi stadi dell'ESSERE IN DIVENIRE. Tali fasi sono quattro, e precisamente:

La fase del NERO ¾ detta anche "putrefazione" ¾ che si esercita specificatamente sull'aspetto umano ( alchimia14.jpg (1449 byte) Sale); la fase del BIANCO che vede il proprio campo d'azione sul "Primo Mercurio" alchimia15.jpg (1624 byte), cioè nel mondo delle forze lunari (il Ka); quella del ROSSO che opera sul Mercurio trasformato da lunare in solare alchimia19.jpg (1729 byte) , ossia sull'Anima; infine la fase AUREA che vive nel divino mondo di quella cosciente realizzazione dell'Essere chiamata dai Greci "en to pan".

Dicevano gli alchimisti:"Dopo la semina nel corpo della Terra, durante il NERO inverno, succede la BIANCA primavera, la ROSSA estate e l'AUREO autunno nel quale il frutto è maturo e può essere colto".

Ben chiedemmo noi la nostra semina nel corpo della Terra quando accettammo la sollecitazione "Visita Interiora Terrae Rectificandoque Inveniens Occultum Lapidem". Ognuno di noi sa, nel segreto della propria coscienza, se entrammo profondamente tra le scure zolle o se rimarremo, impauriti ed incerti, sull'orlo dell'Opera a sognare.



HOME Indice Misteri ed Esoterismo


 

back.gif (9867 byte)