In nome di una Madre s'inaugura la vita

Lontano i pastori chiamano qualche pecora persa.
" E' una bella notte per venire fuori agnellino mio, notte limpida in alto e asciutta in terra.
Il viaggio Ŕ finito e tu hai aspettato questo arrivo per nascere.
Sei un bravo bambino, sai aspettare. Ora nasci che tuo padre ti aspetta.
Si chiama Iosef, quando entra gli diciamo: caro Iosef io sono Ieshu tuo figlio.
Vedrai che sorpresa, che faccia farÓ ".
" Adoro la creatura perfetta che mi Ŕ nata,
posso allentare il nervo attorcigliato del sospetto:
Ŕ maschio, Ŕ la certezza, non pi¨ una profezia.
E' maschio primogenito in terra di Iosef e MiriÓm.
E' maschio, l'ho fatto io, sgusciato sano in mezzo all'acqua e al sangue,
il corpo esulta insieme a quello di ogni donna che mette al mondo l'altro sesso,
perchŔ Ŕ un regalo a noi ".
" Hai fatto bene a nascere di notte, lontano dagli uomini e dal giorno.
Quello che verra, domani e poi, sarÓ il contrario di ora, di stanotte."

( ERRI DE LUCA " IN NOME DELLA MADRE")

Notte Santa a voi tutti.

ISABELLA
(inviato il 24 dicembre 2007)







Indice Racconti





Home
Nel Giardino degli Angeli by Anna

"In questo sito ogni immagine ti parla !"

Vai alla Mappa del Sito
Se qualcosa in questo sito dovesse violare i diritti d'autore vi prego di segnalarmelo, GRAZIE! Scrivimi