Per sapere il motivo di queste integrazioni, oltre la mia esperienza, clicca QUI
Per sapere cosa è il PRIMO FLAGELLO umano che si chiama CAFFE'
clicca
QUI Leggi quanto riporta il sito PAGINE MEDICHE "area medica" della CAFFEINA Clicca QUI inoltre è un INSETTICIDA Clicca QUI e lo ZUCCHERO: dannoso e tossico come il CAFFE', l'ALCOOL ed il TABACCO Clicca QUI  Per tutta la documentazione in nostro possesso clicca QUI

Una parte di un libro di  Stephen Cherniske, MS laureato presso l'Università dello Stato di New York ad Albany che ha oltre 35 anni di cliniche, di ricerca, ed esperienza di insegnamento il quale ha scritto un libro al riguardo e che ora voglio proporre a voi.   Per l'articolo  clicca QUI

Quindi abbiamo visto che i medici sono anche loro dei COMPAGNI DI MERENDA per dividere la torta,
Ma allora come potrà questo CAFFE' DROGA-INSETTICIDA dare alla nostra SALUTE quei benefici descritti sulla varie pagine dall'articolo citate?

Fin'ora, mancandoci delle necessaria informazione, non avevamo alcun mezzo per sapere se questi articoli sono veri o falsi,
MA ORA INVECE DELLE CHIACCHIERE, NOI ABBIAMO IN MANO UNO STRUMENTO PER UNA DIAGNOSI PRECOCE, CHE SERVE PER VERIFICARE SE BEVENDO QUESTO INDICATO CAFFE' OTTENIAMO QUELLA BASE NECESSARIA A QUESTI BENEFICI DI CUI LA OTTIMA SALUTE O MENO.

Si, questa DIAGNOSI PRECOCE ce l'ha indicata il dottor Angelo Bona: il valore della
OMOCISTEINA
difatti egli con un video ci informa che::

"OMOCISTEINA e malattie cardiovascolari
L'OMOCISTEINA è Un intermedio metabolico
nel ciclo dona Metionina, dei Folati e della Transulfatazione
Quando l'OMOCISTEINA è Bassa
significa
che il ciclo della mationina, dei folati e della via della TRANSULFATAZIONE va bene
ed il rischio vascolare
è basso
I Valori Normali di OMOCISTEINA
sono inferiori a 13 micromoli/L
Valori moderatamente elevati di OMOCISTEINA
Oscillano tra i 13 ed i 60 micromoli/L
Ma quando l'OMOCISTEINA nel sangue supera i 60 micrimoli/L
Aumenta il rischio di Incidenti cardiovascolari
quali
Ictus, Infarti
e trombosi Venose profonde
Ma perchè l'OMOCISTEINA Alta aumenta il rischio cardiovascolare?
Il Motivo dipende dal fatto
che quando l'OMOCISTEINA è Alta
il SAMe detto S-adenosil-metionina
risulta BASSO
e quindi
I vasi sanguigni
fanno fatica ad esprimere un enzima Salva Vita
che si chiama
eNOS
eNOs
in caso di qualsiasi occlusione Vascolare
produce istantaneamente
Ossido Nitrico
che provoca una rapida Vasodilatazione del vaso sanguigno
SBLOCCANDOLO
e prevenendo quindi
l'incidente vascolare
Non a caso
in caso di infarto
gli operatori sanitari
somministrano NITROGLICERINA
allo scopo di formare Ossido Nitrico nei vasi
e quindi
provocare una vasodilatazione
al fine di sbloccare l'ostruzione vascolare
Quindi un eccesso di OMOCISTEINA nel sangue
aumenta il rischio di Incidenti Vascolari
e disfunzioni endoteliali
Per mancata espressione di eNOS
l'Enzima Salvavita che vi sblocca i vasi sanguigni
mediante produzione di Ossido Nitrico
In caso di Occlusione Vascolare è
l'OMOCISTEINA ALTA
può essere tenuta sotto controllo
con 5 VITAMINE
VITAMINE B6, B9, B12, BETAINA
e sopratutto
ACIDO ASCORBICO
e lo ZINCO
e RIDUCENDO
il consumo di
Carni Rosse e caseine ricche di Metionina
Zucchero ed amidi raffinati
Perchè questi ultimi bloccano mediante l'Insulina
la via della TRANSULFATAZIONE
e bisogna eliminare anche
l'uso di CAFFEINA FUMO DI SIGARETTA e TEINA
Ma sopratutto ingoiare giornalmente ACIDO ASCORBICO e gli altri "ALIMENTI ESSENAZIALI"
perchè nessun animale soffre di Malattie Cardiovascolari.
Ce lo dice il dr. Mathias Rath con questo video
http://www.perche-gli-animali-non-sono-soggetti-ad-attacchi-cardiaci.org/

Questo fatto è perchè ogni essere vivente questo ACIDO ASCORBICO se lo AUTOPRODUCE dal concepimento alla morte, mentre l'Homo Sapiens NO."
http://digilander.libero.it/anna945/Immagini/omocisteinavideo.htm

Ed ora a riprova ecco il mio esame del sangue fatto in data 27-11-2015 dove il valore della
OMOCISTEINEMIA BASALE                    17.14 pg/ml                   (0.00-20.00)
http://digilander.libero.it/anna945/Immagini/esameomocist15.htm

Naturalmente personalmente NON BEVO CAFFE' da molti anni, e tu?
Quindi col valore della TUA OMOCISTEINA potrai determinare senza ombra di dubbio quali BASI ti stà creando e quali BENEFICI FUTURI potrai ottenere dal CAFFE' consigliato.

E se mi posso permettere, mentre ti fai fare quel semplice esame del sangue, richiedi al tuo medico i valori di quelli che ti indico sotto ed avrai la fotografia della tua attuale SALUTE. Mentre ci sei poi, richiedi al tuo medico, anche il valore dei "PRINCIPI ATTIVI" dei FARMACI (VELENO PURO) che lui ti ha prescritto per la tua malattia. Sono certo che sorriderà, ma NON te li richiede, ma sai perchè? perchè questi "PRINCIPI ATTIVI" nel tuo sangue NON CI DEVONO STARE, ma se non ci devono stare nel tuo sangue, COSA FARANNO MAI NEL TUO CORPO? Chiedilo a lui perchè NON DEVONO ESSERCI, LUI LO SA'!!
http://digilander.libero.it/anna945/Immagini/caffeharvard.htm

Il CAFFE' DROGA-INSETTICIDA. Questo io titolo del loro video di informazione come è fatto per il bugiardino e le scritte sulle sigarette:
"Una droga legale: il caffé (VIDEO)"
che è TUTTO UN PROGRAMMA, vero?
http://www.guidafinlandia.it/informazioni/curiosita-finlandesi/video-finlandia/caffe-video/

da questa pagina:
http://digilander.libero.it/genfraglo/Immagini/caffevideo.htm

ed ora il video intitolato:
LA TRAPPOLA DEL CAFFE'
https://youtu.be/JS8IXyr6cww

Causa certa di tutte le nostre MALATTIE.
Quindi continuare e perseverare nel berlo, nel tempo, è assolutamente MALATTIA CERTA.
Ed ora prima di iniziare vorrei portarti a conoscenza di un ragionamento che spiega TUTTO quanto mi stà succedendo in relazione alla mia SALUTE, che è spiegata dal fatto che
NELLA SALUTE, NESSUN ESSERE VIVENTE E' DIPENDENTE DA UN SUO SIMILE TRANNE L'HOMO SAPIENS. NON TI PARE STRANA LA COSA? sono certo che Madre Natura o la EVOLUZIONE NON possano punire solo l'Homo Sapiens, quindi
per conferma ti chiedo:
"Mi sai dire anche una sola specie animale della quale un individuo si reca da un altro individuo suo simile per la salute?"
NOOOO!?!?!?!?!

Se vuoi sapere di più sulla CAFFEINA clicca QUI se poi vuoi sapere cosa sono le droghe STUPEFACENTI di cui fà parte la CAFFEINA clicca QUI  lo leggi dopo.

Questa è una di quelle occasioni in cui si deve cercare OBBLIGATORIAMENTE UN COLPEVOLE, ma che guarda caso questa ricerca è sempre PILOTATA. Ora si colpevolizza il "superlavoro", come se questo potesse far del male a qualcuno. Se così fosse, sono certo che nei tempi non troppo lontani avremmo avuto morti ogni giorno, a migliaia, di uomini e donne che svolgevano anche tre lavori in una sola giornata con poche ore di riposo.
A questo proposito lo dimostra il fatto che gli Hunza, un popolo che vive in media 130-140 anni e che è conosciuto dai grandi scalatori:
"Ralph Bircher evidenzia che, se necessario, un Hunza in 24 ore può arrivare a marciare per 200 km a passo spedito senza mai fermarsi per mangiare o dormire.
Le forti doti di resistenza sono conosciute in tutto l’oriente, tanto che nelle spedizioni Himalayane, erano assoldati come portatori."
http://digilander.libero.it/genfranco1/Immagini/longevi.htm

Una dimostrazione in più che al superlavoro TUTTI possono resistere, ma alla VERA CAUSA di questa morte NO.
Altra conferma è che:
"Gli Hunza, la popolazione più longeva al mondo
E’ il popolo degli Hunza: questa popolazione non solo vive in media 130-140 anni ma non conosce neppure le nostre tanto temute patologie degenerative, il cancro, malattie del sistema nervoso, ecc.."
A conferma della MORTE ANNUNCIATA, la frase dell'articolo dice:
"Solo i tanti caffè l'avevano tenuto sveglio."
che non solo l'anno tenuto sveglio, ma alla fine l'hanno anche UCCISO come fà la DROGA INSETTICIDA denunciato da questo video:

http://www.guidafinlandia.it/informazioni/curiosita-finlandesi/video-finlandia/caffe-video/

e spiegato bene con la frase:
"Quanto riporto sotto è ricavato dalla ORIGINALE PUBBLICITA' del link sopra, che riporta la GRANDE VERITA' MAI NASCOSTA anche se non dichiarata, di cosa sia in effetti la beneamata CAFFEINA in NATURA, un "INSETTICIDA" ma che in effetti NON SI VUOLE VEDERE e SOPRATUTTO SAPERE, e che quindi NON MI SONO INVENTATO NULLA. Questa pubblicità, come si nota è diretta al lavoratore che ne è DA SEMPRE: il target finale diretto dell'HOMO SAPIENS.
IL TITOLO:
CAFFE': la più grande dipendenza da sempre.....
Ogni giorno nel mondo vengono consumate 300 tonnellate di caffeina:
l'equivalente di una tazza per ogni uomo, donna e bambino......
Il maggiore acquirente mondiale di caffè, gli Stati Uniti, deve importare quasi tutto il suo fabbisogno
perchè le piante di caffè da cui viene raccolta la caffeina, a livelli commerciali, crescono
solo tra i tropici del Cancro e il tropico del Capricorno, in una zona chiamata: la cintura del caffè. Solo uno stato si trova all'interno della cintura; le Hawaii:
Tuttavia gli Stati Uniti sono il maggiore acquirente solo perchè sono molto popolosi.
I bevitori di caffè più entusiasti pro-capite sono, in ordine crescente in: Olanda, Danimarca, Islanda,
Norvegia e, campione del mondo, la Finlandia, dove bevono tre volte tanto di caffè,
al giorno rispetto all'americano medio. Tutti questi paesi si trovano fuori dalla cintura del caffè
maaa...non pare strano che chi produce non lo beva?
....a me sinceramente NOOOO. VI AVVELENERESTE
voi sapendo di avvelenarvi GIORNO dopo GIORNO?
...ora è facile capire che chi produce SA!
e devono importare il 100% del loro fabbisogno di caffeina.
Per ottenere questa caffeina, prima le api devono impollinare i fiori di una pianta di caffè e da questi fiori
poi nascono vivaci bacche rosse. A differenza di altre piante addomesticate più collaborative,
le bacche della pianta del caffè non maturano tutte nello stesso momento.
Una volta raccolto, il chicco di caffè viene estratto dall'interno della bacca. Questo giovane seme della pianta
viene poi essicato, riscaldato, macinato e immerso in acqua bollente per ottenere
la preziosissima caffeina. Ci vogliono circa 40 chicchi di caffè per fare una tazzina di espresso.
Ma perchè c'è la caffeina nei chicchi di caffè, in primo luogo? Non è di certo
perchè le piante di caffè vogliono essere ridotte a pezzi dall'uomo e vedere
la sua prole trucidata.
Gli alberi, ovviamente, non hanno nè volontà nè sensibilità, e originariamente hanno sviluppato la caffeina
a proprio beneficio. La caffeina è un insetticida che paralizza o uccide in modo efficace gli insetti
che masticano la pianta del caffè.
Non è noto se gli insetti escano di scena per un'overdose di caffeina, ...e con l'HOMO SAPIENS come si comporterà? pare che neanche questo sia noto.
Sapendolo ora ti chiedo: vale la pena rischiare per una tazzina di caffè al giorno?
Perchè mentre voi siete occupati
a ingerire caffè, il vostro corpo lavora per espellerlo in un modo o nell'altro.
Sebbene l'avvelenamento da caffeina esista, bisogna prima diventare dipendenti. Ed è una vera
e propria dipendenza fisiologica non una pseudo-dipendenza psicologica,
come quella che la gente manifesta per i videogame e internet.
Ma la caffeina non è l'eroina: un'estensione rapida non vi sarà letale. Potrebbe sentirvi irritabili
e procurarvi un terribile mal di testa, ma dal momento che la caffeina rilascia dopamina per farvi felici
e al rastafarianesimo....La caffeina è la droga psicoattiva più utilizzata al mondo, e a buna ragione:
...certo, sà portarti al creatore, per questo è... è semplicemente divina.
Continuando il discorso....
Sapete per cosa altro si può ringraziare la caffeina? Per una piccola cosa chiamata illusionismo.
Aumenta la concentrazione, riduce l'affaticamento e migliora la memoria.
Anche se la caffeina è/tecnicamente/letale, è presente in una dose adatta per un insetto da 1 grammo....in proporzione alla quantità lo è maggiormente per l'uomo
se volte che la falce della morte vi venga a trovare....continuando a bere CAFFE' e TE.
Ora è importante vedere questo link che rende l'idea delle scritte:
http://digilander.libero.it/genfraglo/Immagini/caffevideo.htm

evidenziando che la pianta del CAFFE' ha sviluppato la CAFFEINA come difesa personale come fanno moltissime piante, per cui gli insetti che ne mangiano una qualsiasi parte lasciano questo mondo poichè oltre che essere una DROGA è anche un INSETTICIDA dei più potenti. Però se è LETALE per gli altri animali, immaginiamoci quanto può esserlo per una persona che ne ingoia un quantitativo molto alto.
Questa sì che ne è la VERA CAUSA, ma dato che questo tocca gli interessi di TROPPI, sicuramente questa CAUSA viene subito eliminata per il BENE di troppe LUCROSE persone.

Questo CAFFE' stà proprio in TUTTE le alimentazioni vanificando ogni sforzo per eliminare gli alimenti che si pensa possano far perdere la salute. Ma questo CAFFE' entra in punta di piedi pubblicizzato in modo subdolo e disinformando tutte le persone di qualsiasi ceto possano essere. Difatti lavazza chi lo beve, lo manda direttamente in PARADISO levandogli la vita. L'articolo sotto invece mette come oggetto la polenta e come complemento il CAFFE' mentre, a ragion veduta ne cambio i ruoli e cioè mettendo al'oggetto il subdolo CAFFE' ed in secondo luogo gli altri alimenti che da SEMPRE sono mangiati, ma i tumori sono aumentati solo dal 1900 in poi.
Forse a molti parrà esagerato da parte mia l'aver denominato questo CAFFE' "il PRIMO FLAGELLO umano", ma questo Roberto Defez, primo ricercatore Consiglio Nazionale Ricerche, Istituto di Genetica e Biofisica del Cnr Napoli. dichiara:
"Defez ha poi ricordato studi pubblicati che indicano Pordenone, dove la polenta rientra nelle abitudini alimentari locali, come la terza città in Europa per alta correlazione di tumori all'esofago, ma gli autori degli studi indicano anche come fattori di rischio le grappe, IL CAFFE', e la polenta specie se è bollente."

Voglio sottolineare la parte che dice:
"può nascondere rischi legati alla presenza di fumonisine, delle tossine che possono indurre il cancro all'esofago. Pordenone, una delle zone dove l'alimento è più diffuso e utilizzato, è al terzo posto in Europa per numero di tumori in quella parte del corpo..." ma cita anche il CAFFE'
http://digilander.libero.it/genfranco2/Immagini/caffepolenta.htm

Lo studio che allego è la dimostrazione di quanto sia la verità del contenuto: 

Presenza di furano nel caffè dal mercato spagnolo: Contributo di birra e tostatura.

Altaki MS 1, Santos FJ 2, Galceran MT 1.
Informazioni Autore

1 Departament de Química Analítica, Universitat de Barcelona, ??Avda. Diagonal 647, 08028 Barcellona, ??Spagna.
2 Departament de Química Analítica, Universitat de Barcelona, ??Avda. Diagonal 647, 08028 Barcellona, ??Spagna. Indirizzo elettronico: javier.santos@ub.edu.

Astratto

In questo lavoro, abbiamo valutato la presenza di furano negli infusi ottenuti da regolare, decaffeinato, e il caffè solubile e commerciale capsule confezionate. A questo scopo, un microestrazione in fase solida metodo precedentemente sviluppato spazio di testa automatizzata accoppiato cromatografia-spettrometria di massa di gas (HS-SPME-GC-MS) è stato utilizzato. Inizialmente, l'influenza delle condizioni HS-SPME sulla formazione furano è stata valutata. Inoltre, è stato anche studiato l'effetto di condizioni di tostatura (temperatura e tempo) utilizzati per i chicchi di caffè sulla formazione di furano. Abbiamo trovato che bassa temperatura e tempo lungo tostatura (140 ° C e 20 min) diminuisce il contenuto di furano finale. Le concentrazioni di furano nei normali birre caffè macinato da una macchina per caffè espresso erano più alti (43-146ng / ml) rispetto a quelli ottenuti da una macchina da caffè a casa a goccia (20 e 78ng / ml), mentre birre caffè decaffeinato da una macchina per il caffè a casa a goccia (14 -65ng / ml) ha mostrato una concentrazione furano simile a quella ottenuta dal caffè normale. Relativamente basse concentrazioni di questo composto (12-35ng / ml) sono stati trovati in infusi di caffè istantaneo, mentre capsule di caffè confezionato commerciali hanno mostrato la più alta concentrazione (117-244ng / ml). Infine, l'assunzione giornaliera di furano attraverso il consumo di caffè a Barcellona (Spagna) (0.03-0.38µg / kg di peso corporeo) è stato stimato.
http://digilander.libero.it/anna945/Immagini/caffefuranostudio.htm

E’ CANCEROGENO E L’ABBIAMO BEVUTO TUTTI IN DIVERSE OCCASIONI, ECCO DI COSA SI TRATTA! (FATE GIRARE) 7 Ottobre 2015
C’è un pericolo nel caffè in capsule, è il Furano, un ossido cancerogeno che potrebbe causare tumori oltre una certa dose. Pericolo per chi beve troppi caffè.
Consumare caffè in capsula aumenta il rischio di ingerire furano, ossido tossico e cancerogeno, generalmente considerato un inquinante organico persistente, presente soprattutto quando cibi e bevande vengono sottoposti a trattamento termico.
Javier Santos, docente di chimica analitica all’Università di Barcellona, ha deciso di studiare attentamente la presenza di sostanze pericolose nel caffè. Con un team di esperti ha quindi redatto il rapporto “Occurrence of furan in coffee from Spanish market: Contribution of brewing and roasting”, con il quale sono state messe in luce alcune criticità nella produzione e distribuzione del caffè nel mercato spagnolo, equiparabili alla situazione italiana.
Lo studio dell’Università di Barcellona, pubblicato sulla rivista scientifica Food Chemistry, ha analizzato le diverse modalità di somministrazione della famosa bevanda: in polvere, solubile e in capsule, rilevando come nel caffè in capsule le dosi di furano siano più elevate rispetto ad un caffè fatto in maniera tradizionale. Stilando una classifica approssimativa di contenuto di furano per le diverse tipologie di caffè, si ottiene: · caffè in capsule, 117-244 nanogrammi per millilitro; · caffè preparato con macchinetta tradizionale, 20-78 ng/ml; · decaffeinato, 15-65 ng/ml; · caffè solubile, 12-35 ng/ml. Secondo il Professor Santos «la ragione di questi alti livelli è dovuta al fatto che le capsule ermeticamente sigillate impediscono che il furano, che è altamente volatile, si disperda». Nonostante i dati preoccupanti, il team di studiosi rassicura gli amanti del caffè, dato che i livelli di sostanze nocive riscontrate sarebbero tali da non essere ritenuti dannosi per la salute umana. Resta comunque il fatto che, insieme al black gold, il corpo assorba, in dosi variabili, furano. Ciò potrebbe orientare i più assidui bevitori a scegliere l’opzione più sicura possibile. Questa opzione, a mio avviso, è quella di evitare l’uso del caffè che, tra l’altro, contiene caffeina, una sostanza medicinale della quale il nostro organismo NON ha necessità di assumere quotidianamente e magari ripetutamente. So che molte persone usano il caffè per “risorgere” al mattino dalla stanchezza che NON dovrebbero provare dopo una notte di sonno ristoratore… ma questo è un discorso legato allo stile di vita, alle abitudini, anche alimentari. Come sottolineato più volte, soprattutto in merito alle dosi di cibo radioattivo che una persona può ingerire in “tutta sicurezza”, il dubbio sorge in merito alla possibilità di accumulo di queste sostanze nel nostro organismo: se i tecnici sono certi che, per essere pericoloso, il furano dovrebbe essere ingerito in quantità molto elevate (circa 20 caffè al giorno), ben poco ci dicono sul rischio di accumulo. Vediamo la definizione di furano presa da Wikipedia:
Il furano, altresì conosciuto come furfurano o ossido di divinilene, è un composto organico eterociclico AROMATICO, ottenibile per sintesi e per distillazione del legno, in particolar modo del pino.
Il furano è un liquido chiaro e incolore, molto volatile ed altamente infiammabile, con un punto di ebollizione vicino alla temperatura ambiente. È tossico e può essere cancerogeno, viene infatti generalmente considerato un inquinante organico persistente. I dibenzofurani policlorurati, come il TCDF, sono composti derivati del furano assimilati alle diossine.”
Benché lo studio, a quanto pare, metta in allarme solo per il caffè contenuto nelle cialde, a me pare che anche un comune espresso contenga una quantità di furano (43-146 ng/ml) vicina a quella delle cialde: questo vuol dire che il furano è presente in tutta la produzione di caffè. Aggiungo che non sappiamo quanto di questa sostanza tossica il nostro organismo possa tollerare o almeno non sono riuscito a trovare ricerche in tal senso.
Mi sorge spontanea una domanda: ma da dove accidenti arriva questo furano, che ci fa nel caffè? Cioè, deriva dai metodi produttivi anche se sono corretti (es. tostatura) o non dovrebbe esserci in ogni caso?
FATE GIRARE, AVVISATE TUTTI

Quale sarà quindi il vero scopo di questo FURANO?
dare un GUSTO, in quanto AROMATICO, ma se è così allora anche il CAFFE' contiene gli "AROMI";
oppure:
aumentare la dipendenza al bevitore,
o quale altro scopo occulto ha questa MICIDIALE aggiunta?
Si parla sempre di TOLLERANZA a certi valori, e quindi della non pericolosità, ma a quale corpo si sono riferiti per stabilire questo massimo
?
http://digilander.libero.it/anna945/Immagini/caffefurano.htm

Devo sottolineare quanto recita l'articolo sotto:
"Finora, i suoi effetti devastanti sono stati studiati pienamente solo sugli animali, ma è evidente che non si tratta di una sostanza benefica: quando associata con altre tossine – come diossine e PCB – il furano può provocare danni molto seri. Lo ricorda, sul Fatto Quotidiano, Patrizia Gentilini medico oncologo e membro dell’ISDE: “I rischi per la salute correlati all’esposizione a tali agenti sono importanti e purtroppo non del tutto noti: certamente la TCDD ( diossina di Seveso), unitamente ad un furano e al PCB 126 sono cancerogeni certi per l’uomo ad azione multiorgano e correlati in special modo a tumori del sangue, mammella, fegato, polmone. Tuttavia, anche se l’effetto cancerogeno, in particolare per diossina e composti diossino-simili, è stato quello affrontato per primo e quindi più studiato, ciò che oggi emerge con sempre maggiore evidenza per l’insieme di queste molecole è la complessa azione di squilibrio endocrino-immuno-metabolico, per cui l’effetto oncogeno appare essere più una conseguenza, che non una diretta azione.
Anche se i ricercatori spagnoli hanno stabilito che la quantità di furano presente nel caffè non supera i limiti di legge, occorre fare sempre attenzione. Il rischio, infatti, è quello del bioaccumulo e cioè quel processo di accumulazione costante di sostanze tossiche, che possono persistere nel nostro organismo anche a livelli superiori rispetto a quelli dell’ambiente circostante.
Pochi mesi fa, ad esempio, abbiamo visto come i furani e altre sostanze tossiche (Pcb, pesticidi e ftalati) abbiano provocato non pochi danni alle donne che facevano uso di alcuni particolari tipi di cosmetici: tra i problemi di salute più gravi, l’incidenza di alcune forme tumorali e la menopausa precoce. L’ultima rilevazione su questa sostanza effettuata dall’EFSA ne ha mostrato la presenza “in vari alimenti trattati termicamente, in particolare caffè e prodotti in scatola, compresi gli alimenti in vasetti per l’infanzia”."

Ed ora mi permetto di riportare cosa ingoiamo OGNI GIORNO di prodotti CHIMICI altrettanto CANCEROGENI messi nei cibi, anche per i bambini, per dare il gusto al prodotto di uno dei quali la pubblicità recita: "GUSTO IN ABBONDANZA", peccato che sia UN GUSTO CHIMICO CANCEROGENO.
Vedete la pubblicità del DANETTE DANONE e controllate gli INGREDIENTI sul link:

http://digilander.libero.it/genfranco5/Immagini/aactimeldanacolaromi.htm

ma non basta riscontratelo anche quì
http://digilander.libero.it/genfranco5/Immagini/aaromipanoramicaberr.htm

e quì
http://digilander.libero.it/genfranco5/Immagini/aabibitearomi.htm

ed ancora
http://digilander.libero.it/genfranco5/Immagini/aaferrero.htm

ma non finisce quì
http://digilander.libero.it/genfranco5/Immagini/aabambiniaromi.htm

è questo per almeno il 99% della produzione, sia industriale che privata, come gelati, pane bianco, panettoni colombe ecc.
L'articolo lo spiega molto bene:
"Svelato il segreto più gelosamente custodito dalle multinazionali alimentari
Tutte le aziende alimentari custodiscono gelosamente UN PICCOLO SPORCO SEGRETO e oggi voglio rivelartelo mettendo a nudo tutta la questione!
Molte persone parlano degli additivi chimici utilizzati come ingredienti, questo però non è il solo problema: le aziende alimentari inseriscono qualcos'altro negli alimenti, qualcosa che sfugge alle regolamentazioni qualcosa di DAVVERO MESCHINO.
Il problema principale di ogni azienda alimentare è vendere di più spendendo di meno.
Per far ciò le aziende nell'ultimo secolo si sono sempre più modernizzate, implementando sistemi di produzione ad alta resa e bassa spesa.
Questi sistemi di produzione sono stati applicati all'agricoltura, agli allevamenti e tutta la produzione successiva.
Procedimenti altamente tecnologici producono enormi quantità di cibo in pochissimo tempo.
Tutto ciò però ha contribuito a far crescere un problema: il cibo industriale NON E' SAPORITO, PERDE TUTTO IL SUO SAPORE NATURALE le diverse fasi di lavorazione: la lavorazione è diventata iper-tecnologica, ma LA VERDURA, LA FRUTTA, LA CARNE, IL LATTE. I LATTICINI e le materie prime non sono risultate adatte per essere sottoposte a questo tipo di stress meccanico e chimico, risultato il cibo che esce dalla filiera ad alta tecnologia non ha più sapore, è cattivo, e nessun uomo lo accoglierebbe come cibo in quello stato.
Ma un momento! Il cibo che troviamo al supermercato è gustoso, pieno di sapore, eppure proviene da procedimenti industriali: come è possibile tutto ciò?
La risposta è semplice:
CHIMICA!
Questo è il segreto delle aziende alimentari, tutto il sapore dei loro cibi proviene da quell'unica piccola parolina sul fondo della lista degli ingredienti:
“AROMI”.
Dietro a questa semplice e onnipresente scritta si può celare di tutto.
E non farti ingannare dal termine “Aromi naturali”: la differenza con il semplice termine
“Aromi” è davvero minima e di naturale c'è ben poco (potremmo dire niente!).
Gli aromi costituiscono un mercato fiorente gestito da poche compagnie di punta in tutto il
mondo.
Si parla addirittura di servizi segreti del cibo.
I servigi di queste aziende produttrici di inganni, (Aromi), sono rilasciati sotto stretto riserbo, non sia mai che l'opinione pubblica venga a conoscenza che lo yogurt alla fragola presente in tutti i supermercati contiene:
amil-acetato, amil-butirato, amil-valerato, anetolo, anisil-formato, benzil-acetato, benzile-isobutirato, acido butirrico, cinnamil-isobutirato, cinnamil-valerato, olio essenziale di cognac, díacetíle, dipropil-chetone, etil-acetato, etil-amilchetone, etil-butirato, etil-cinnamato, etil-eptanoato, etil-eptilato, etil-Iactato, etil-metilfenilglucidato, etil-nitrato, etil-propionato, etil-valerato, eliotropina, idrossifreniP2-butanone (soluzione al dieci percento in alcol), alfa-ionone, isobutil-antranilato, isobutil-butirato, olio essenziale di limone, maltolo, 4metilacetofenone, metil-antranilato, metil-benzoato, metil-cinnamato, carbonato di metil-eptina, metil-naftil_chetone, metilsalicìlato, olio essenziale di menta, olio essenziale dì neroli, nerolina, neril-isobutirato, burro di giaggiolo, alcol fenetilico, etere di rum, gamma-undecalactone, vanillina e solvente.
Tutto questo elenco di ingredienti dietro la piccola scritta “Aromi”
Fra questi ingredienti troviamo un estere (anisil-formato) dell'acido formico, nonché esteri
(metil-antranilato, metil-benzoato, metil-cinnamato) dell'alcole metilico: nel corpo gli esteri in genere vengono "smontati" (non al 100%), ossia nel caso specifico si liberano appunto, a seconda della sostanza, alcole metilico ed acido formico che sono entrambi assai velenosi!
Senza gli aromi il cibo industriale risulterebbe pessimo e quindi invendibile.
Gli aromi sono un inganno colossale che ogni giorno ci portiamo a casa sulle nostre tavole. Esistono migliaia di aromi e nessuno sa che tipo di interazioni possono verificarsi all'interno del corpo umano:non esistono studi in tal senso, questo per due motivi:
1. Sarebbero davvero molto lunghi e costosi.
2. Le multinazionali alimentari non ne vogliono sapere di uno studio di questo tipo, un'eventuale bocciatura senza appello degli aromi farebbe crollare l'intera industria.
Buona parte del cibo che ti porti a casa ogni giorno contiene un inganno e mina la tua salute in modo che nemmeno immagini."
http://digilander.libero.it/genfranca/Immagini/aromia.htm

Il caffè, preso in dosi non eccessive, può essere una bevanda che aiuta il nostro organismo a stare meglio: fa bene al cervello e riduce l’incidenza di malattie neurodegenerative come Parkinson e Alzheimer. È inoltre un buon antiossidante e protegge il fegato.

Bisogna, però, stare attenti a ciò che consumiamo e alle sostanze chimiche che possono essere presenti nei prodotti di uso quotidiano. Alcuni ricercatori dell’Università di Barcellona, guidati dal professor Javier Santos, hanno effettuato una ricerca sulla presenza di furano nel caffè. Le concentrazioni maggiori di questo composto tossicosono state individuate nel caffè in capsule, tra i 117 e i 244 nanogrammi per millilitro. Nell’espresso sono presenti, invece, tra i 43 e i 146 nanogrammi per millilitro, mentre nel caffè che prepariamo in casa, possiamo trovarne ancora meno: 20-78 ng/ml con quello normale; 14-65 nel decaffeinato. Il livello più basso è stato riscontrato nel caffè solubile: 12-35 ng/ml.

Ma perché il furano è così concentrato nelle capsule di caffè? Questa sostanza organica viene spesso a formarsi nel corso dei trattamenti termici degli alimenti: “La ragione di questi alti livelli”, spiega Santos, “è dovuta al fatto che le capsule, ermeticamente sigillate, impediscono al furano, che è un composto volatile, di disperdersi”.

L’ EFSA, l’agenzia europea per la sicurezza alimentare, ha effettuato una valutazione del rischio del furano per la salute umana, congiuntamente con ONU, FAO e Organizzazione Mondiale della Sanità: la conclusione è che “il margine di esposizione per il furano rivela una preoccupazione per la salute umana”. L’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC), l’ha inserita inoltre nella lista tra le possibili sostanze cancerogene per gli esseri umani.

Finora, i suoi effetti devastanti sono stati studiati pienamente solo sugli animali, ma è evidente che non si tratta di una sostanza benefica: quando associata con altre tossine – come diossine e PCB – il furano può provocare danni molto seri. Lo ricorda, sul Fatto Quotidiano, Patrizia Gentilini medico oncologo e membro dell’ISDE: “I rischi per la salute correlati all’esposizione a tali agenti sono importanti e purtroppo non del tutto noti: certamente la TCDD ( diossina di Seveso), unitamente ad un furano e al PCB 126 sono cancerogeni certi per l’uomo ad azione multiorgano e correlati in special modo a tumori del sangue, mammella, fegato, polmone. Tuttavia, anche se l’effetto cancerogeno, in particolare per diossina e composti diossino-simili, è stato quello affrontato per primo e quindi più studiato, ciò che oggi emerge con sempre maggiore evidenza per l’insieme di queste molecole è la complessa azione di squilibrio endocrino-immuno-metabolico, per cui l’effetto oncogeno appare essere più una conseguenza, che non una diretta azione.

Anche se i ricercatori spagnoli hanno stabilito che la quantità di furano presente nel caffè non supera i limiti di legge, occorre fare sempre attenzione. Il rischio, infatti, è quello del bioaccumulo e cioè quel processo di accumulazione costante di sostanze tossiche, che possono persistere nel nostro organismo anche a livelli superiori rispetto a quelli dell’ambiente circostante.

Pochi mesi fa, ad esempio, abbiamo visto come i furani e altre sostanze tossiche (Pcb, pesticidi e ftalati) abbiano provocato non pochi danni alle donne che facevano uso di alcuni particolari tipi di cosmetici: tra i problemi di salute più gravi, l’incidenza di alcune forme tumorali e la menopausa precoce. L’ultima rilevazione su questa sostanza effettuata dall’EFSA ne ha mostrato la presenza “in vari alimenti trattati termicamente, in particolare caffè e prodotti in scatola, compresi gli alimenti in vasetti per l’infanzia”.

E quì mi permetto di riportare il mio personale pensiero:
L'articolo recita anche
"Il caffè, preso in dosi non eccessive, può essere una bevanda che aiuta il nostro organismo a stare meglio: fa bene al cervello e riduce l’incidenza di malattie neurodegenerative come Parkinson e Alzheimer. È inoltre un buon antiossidante e protegge il fegato."
ed allora mi chiedo:
COME POTRA' MAI APPORTARE QUESTI SOPRADETTI BENEFICI QUESTO "FURANO", IN QUALSIASI QUANTITA' E' INGERITO, IN QUANTO PRODOTTO CHIMICO E COME TALE "MAI RICONOSCIUTO DAL MIO CORPO"?
QUALE LE DIFFERENZA DAL CIANURO? E' SOLO QUESTIONE DI QUANTITA'.

Se l'italiano è la tua lingua leggi sotto.
Se hai cliccato sul traduttore e vuoi leggere la pagina nella tua lingua clicca sulla riga.

il link è: http://ambientebio.it/caffe-in-capsula-al-furano-i-ricercatori-e-cancerogeno/

                      Sai cosa è il CLORURO DA MAGNESIO ? vai su
                                 
www.genfranconet.tk

                                Ecco invece i siti che potrebbero cambiarti la VITA
                                                      www.dr-rath-foundation.org
                                                      www.massimopietrangeli.net
                                         www.aerrepici.org/forum/forum.asp?FORUM_ID=1

I link che NON ti devi perdere sono: cliccaci sopra poi te li leggi con comodo.

http://digilander.libero.it/genfraglo/VolontariWEB.com_files/lapelle.htm

http://digilander.libero.it/genfraglo/VolontariWEB.com_files/lettura.htm

http://digilander.libero.it/genfraglo/VolontariWEB.com_files/esperienze.htm

Se NON hai ancora visitato il nostro sito ti consiglio di visitarlo e per capire cosa è l'ACIDO ASCORBICO devi leggere le pagine più importanti che sono: CHI SIAMO, LA DONNA,
SITO SECONDO, SITO TERZO, SITO QUARTO, SITO SESTO,
SITO DECIMO.

                           Quindi clicca per SAPERNE di più sull'ACIDO ASCORBICO
                         
oppure:
                                    www.genfranconettt.tk