Per sapere il motivo di queste integrazioni, oltre la mia esperienza, clicca QUI
Per sapere cosa è il PRIMO FLAGELLO umano che si chiama CAFFE'
clicca
QUI Leggi quanto riporta il sito PAGINE MEDICHE "area medica" della CAFFEINA Clicca QUI inoltre è un INSETTICIDA Clicca QUI e lo ZUCCHERO: dannoso e tossico come il CAFFE', l'ALCOOL ed il TABACCO Clicca QUI  Per tutta la documentazione in nostro possesso clicca QUI

Per la definizione degli "ALIMENTI ESSENZIALI"
http://acidoascorbico.altervista.org/prova1/Immagini/alimentiessenziali.htm

Tutto sul MAGNESIO
http://acidoascorbico.altervista.org/prova2/Immagini/magnesiobase.htm

Tutto sulla vitamina D
http://acidoascorbico.altervista.org/prova1/Immagini/vitaminadbase.htm

Sulla pagina trovi l'uso del BICARBONATO DI SODIO, un "ALIMENTO ESSENZIALE" che circola  nel tuo sangue, e che quindi non potrà MAI causarti alcun danno, come invece i danni te li causano, in ogni modo i PRODOTTI CHIMICI VELENO PURO), che la pubblicità spazzatura ti fà vedere e ti racconta innocui per la tua vita.

Testimonianza di Santaanna Azzarelli:fs

Santaanna Azzarelli Grazie dei tuoi consigli, sono cose che faccio da tempo e li consiglio alle mie amiche. Io uso l aceto per tutto, lavatrice, capelli, mani, pentole da sgrassare, piatti, vetri, pavimenti.......per nn parlare del bicarbonato grande alleato delle casalinghe. Se poi devo togliere del calcare in bagno uso la coca cola, è l unico alimento nocivo che mi collabora alle pulizie
http://acidoascorbico.altervista.org/prova04/Immagini/santaannaazzarelliacetococa.htm

Altra testimonianza di Elisabetta Di Domenico

Commenti: 2
Commenti
Elisabetta Di Domenico Concordo in pieno io uso sempre aceto abbinato al bicarbonato x lavatrice/ lavastoviglie ed anche nei scarichi dei lavelli ...... e molto molto altro ..... GRAZIE Genre Franco x i consigli utilissimi !!!
 

Poalo Piribi nel BICARBONATO DI SODIO vi fà il bagno ed in casa usa anche l'aceto

Paolo Piribi Fino a che le persone acquisteranno spray anti acari per i divani dove i figli giocano... Nin vi e' speranza.
Acet come brillantante...sono 7 anni che lo utilizzi e va alla grande. La pelle e' basica, i neonati hanno un ph basuco...poi diventa acido a causa dell'alimentazione. E giu di saponi intimi a ph acido.... Ogni tanto mi fsccio bagni caldi con mezxo chilo di bicarbonato di sodio...gli odori spariscono per due gg. Ascellare...sostituito con bicarbonato...etc etc
 
Antonietta Corbo sofferente di fibromialgia una l'aceto ed il BICARBONATO DI SODIO per necessità

2

Commenti
Antonietta Corbo Da anni sono costretta ad usare l'aceto ed il bicarbonato.Ho forti allergie forse dovute alla fibromialgia.Grazie mille per i vostri consigli

Gestire

 

Il BICARBONATO DI SODIO, oltre che essere un "ALIMENTO ESSENZIALE", quindi BASE DELLA MIA VITA, ha una versatilità incredibile e come altri "ALIMENTI ESSENZIALI", quali il BORO e l'ACIDO CITRICO che troverete su questa pagina, sono capaci di aiutare l'uomo nelle più svariate occasioni. Questo proprio perchè sono la BASE della vita, sia animale che vegetale. L'articolo riporta delle informazioni che ritengo "perse" causa l'elettrodomestico TV, di cui le aziende con la loro pubblicità SPAZZATURA, fanno di tutto perchè ciò avvenga, onde poter rifilare al povero utente i loro prodotti, il più delle volte CANCEROGENI in quanto PRODOTTI CHIMICI, dai quali ne ricavano degli utili incredibilmente alti alla faccia della SALUTE UMANA.
Avete in casa del bicarbonato? Bene, è un prodotto versatile dalle molte proprietà, ecco come usarlo efficacemente.
SOS igiene in casa, attenzione agli oggetti a rischio germi
"Il bicarbonato è un prodotto molto conosciuto e comune, ma sapete quanti e quali utilizzi può avere in casa? I motivi per considerarlo un prezioso alleato sono tanti.
Per lavare frutta e verdura
Uno degli usi più comuni del bicarbonato è quello di aggiungerlo a una ciotola d’acqua dove immergere poi frutta e verdura in modo da pulire in profondità gli alimenti e sfruttare la sua azione disinfettante.
Sgrassa e pulisce le superfici
Il bicarbonato può sostituire gran parte dei detersivi, basta diluirlo in acqua e diventa un pratico detergente multiuso, capace di avere la meglio anche in caso di sporco ostinato. Volete un esempio? Impastatelo con un poco d’acqua e passatelo sulle incrostazioni carbonizzate del forno, le eliminerà. Diluendo uno o due cucchiai di bicarbonato in mezzo litro d’acqua e farà tornare pulite le piastrelle del bagno. Più è concentrato più è efficace, ma è bene ricordare che essendo una polvere non si scioglie, quindi non superate i 4 cucchiai per litro. Cliccate sul link per scoprire tutti i modi in cui usarlo per le pulizie di casa.
Fa tornare brillante l’argenteria
Le occasioni per utilizzare il bicarbonato sono davvero tante: potete pulire l’argenteria ossidata, senza peraltro che si formino aloni né graffi, semplicemente spargendo un poco di polvere su una spugnetta umida e sfregare l’argenteria.
Combatte i cattivi odori
Il bicarbonato ha anche la capacità di assorbire gli odori. Fate una prova mettendone un po’ in una ciotolina che lascerete in frigorifero o nella scarpiera, vi accorgerete subito di quanto è efficace contro i cattivi odori in casa.
Per i giochi dei bimbi
Volete proteggere i vostri figli dai batteri? Igienizzate i loro giocattoli, pulendoli con del bicarbonato sciolto in acqua.
Anche sui tessuti
Non temete di utilizzarlo anche sui tessuti: se avete dei tappeti e volete ravvivarne i colori, cospargetelo sui tappeti, lasciatelo agire per qualche ora, infine passate l’aspirapolvere e vedrete come i colori avranno ripreso brillantezza.
Detergente a zero impatto ambientale
Prodotto assolutamente green, il bicarbonato non ha bisogno di additivi, conservanti, profumi o altre sostanze che possono danneggiare l’ambiente o dar luogo a reazioni allergiche.
Nemico dei batteri
Essendo leggermente alcalino, crea un ambiente sfavorevole ai batteri, che amano vivere in ambienti neutri o acidi; ecco perché può vantare proprietà disinfettanti, igienizzanti e antimuffa.
Non solo per l’igiene domestica
Oltre che per l’igiene domestica, il bicarbonato vanta sorprendenti proprietà: diluito in un bicchiere d’acqua può aiutare la digestione. Non solo, con il limone contribuisce a migliorare il rapporto acido-basico dell’organismo e sono molti gli utilizzi di bicarbonato e limone come rimedio naturale. Molte soluzioni utilizzate per l’igene orale contengono bicarbonato ed è anche un prodotto di bellezza capace di migliorare l’aspetto di pelle e capelli. Viste le proprietà anti odore, con il bicarbonato si può realizzare un deodorante ecologico e fai da te."
http://acidoascorbico.altervista.org/prova04/Immagini/bicarbonatosodioaless.htm

La pagina scrive:
"Prima di tutto, dell'articolo in oggetto DEVO sottolineare questa frase che ritengo COMPLETAMENTE FALSA, ma che purtroppo abbiamo già sentito moltissime volte:
"Anche il MERCURIO, contenuto nei frutti di mare, nel tonno, sgombro e pesce spada, ritarda la crescita della nostra criniera, ma niente paura…"
A questo punto mi chiedo:
MA QUESTO AUTORE SAPRA' CHE I PESCI SONO ANIMALI E DI CONSEGUENZA SONO FRATELLI NOSTRI E FRATELLI DI TUTTI GLI ANIMALI CHE VIVONO SULLA TERRA FERMA?
Detto questo dichiaro SENZA OMBRA DI DUBBIO che il MERCURIO non è VELENO SOLO per l'uomo ma lo è per TUTTI GLI ESSERI VIVENTI, in quanto i due REGNI, quello ANIMALE e quello VEGETALE vengono da una UNICA FONTE, poichè ad un certo punto della EVOLUZIONE vi fù la GRANDE SEPARAZIONE in REGNO ANIMALE e REGNO VEGETALE.
Quindi non riesco proprio ad ammettere che i pesci possano vivere con del MERCURIO nel loro corpo.
Quante FALSITA' dal mio simile INFINGARDO E FALSO pur di coprire le proprie malefatte, poichè se detto ci sarà pure un motivo per farlo. vero?
Però dobbiamo tenere presente una differenza SOSTANZIALE, di cui ci informa uno SCIENZIATO del secolo scorso di nome Irwin Stone che ci lascia un disegno molto esplicativo sulla AUTOPRODUZIONE di un "ALIMENTO ESSENZIALE" di nome ACIDO ASCORBICO (vitamina C) AUTOPRODOTTO da ogni essere vivente tranne che nella specie umana, la cui CARENZA è causa di molte differenza da questa nostra specie a TUTTe le altre specie viventi.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova03/Immagini/acidoascorbicomanca.htm

L'altro SCIENZIATO del secolo scorso 2 (due) volte Premio Nobel Linus Pauling, sul suo libro riporta di Irwin Stone su questo "ACIDO ASCORBICO:
"pagina 107/340------dice Irwin: 1) battericida, 2) disintossica, 3) controlla, 4) è innocuo
Irwin Stone (1972) ha descritto l'ACIDO ACORBICO in relazione alle malattie batteriche nel modo seguente:
1) E' battericida o batteriostatico e uccide o previene la crescita di organismi patogeni.
2) Disintossica e rende innocui le tossine batteriche ed i veleni.
3) controlla e mantiene efficace la fagocitosi.
4) E' innocuo ed atossico, senza danno per il paziente, gli effetti sopramenzionati.
http://digilander.libero.it/genfraglo/Immagini/originalelp.pdf

Quindi su questo problema, onde subire la TOSSICITA' del MERCURIO è INDISPENSABILE NON ESSERE CARENTI di ACIDO ASCORBICO (vitamina C).
Quante FALSITA' dal mio simile INFINGARDO E FALSO pur di coprire le proprie malefatte, poichè se detto ci sarà pure un motivo per farlo. vero?.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova04/Immagini/capelliedilsilicioorganico.htm

Riguardo all'articolo invece devo finalmente ammettere che alcuni articoli parlano degli "ALIMENTI ESSENZIALI" che circolano nel nostro SANGUE, anche se si riferiscono solo a quelli che troviamo sopratutto nei nostri FRATELLI VEGETALI, che quindi circolano nella loro LINFA, ma che però sono anche quelli che circolano nel SANGUE dei nostri FRATELLI ANIMALI in quanto provenienti da una unica fonte come già detto sopra..
L'articolo in oggetto, ci vuole convincere che la caduta dei capelli sia causata dai CIBI NATURALI, ma purtroppo devo dire che questo è FALSO.
E' comprensibile e senza ombra di dubbio che a causare questa caduta NON POSSONO ESSERE I CIBI NATURALI, che se così fosse saremmo TUTTI PELATI in quanto i cibi elencati dall'articolo sono alla portata di tutti e quindi ingoiati da tutti, chi più chi meno. Comprensibile vero?
Ma allora NON POSSONO ESSERE I CIBI NATURALI la causa della caduta dei capelli
Ho certezza invece che la VERA CAUSA sono i PRODOTTI CHIMICI aggiunti ai cibi per conservarli, colorarli, dare loro il gusto voluto, per poter svolgere il famoso "GIOCO DEL BUSINESS" (COMMERCIO) del PIL.
"Certo, perchè ormai tutti sappiamo che l'oggetto del commercio, i CIBI INNATURALI, per poter proseguire nel GIOCO di questo, devono aggiungere PRODOTTI CHIMICI VELENOSI, dei quali i CONSERVANTI, i COLORANTI, gli "AROMI" o "AROMI NATURALI" ecc., frutto delle "ricerche scientifiche", in modo da poter reggere il tempo necessario a smaltire questi prodotti immessi sul mercato e spacciati per NATURALI. Questo viene confermato dalle date di scadenza, che in effetti SONO FALSE, ma sono messe per convincere il povero individuo che questa data di scadenza è inserita a salvaguarda della sua SALUTE, mentre della tua SALUTE NON GLIENE FREGA A NESSUNO DI LORO, importa SOLO IL LORO GIOCO e di conseguenza IL DENARO.
Ma non basta, sappiamo che vi sono consorelle alla UNICEF, delle altre ASSOCIAZIONI, chiamiamole "povere", che come questa chiedono denaro in continuazione, visto che si dichiarano "senza lucro", come le altre nominate ONLUS, senza contare la più spudorata AIRC (associazione italiana ricerca cancro) che dichiara di darsi da fare per guarire il cancro e lo fà da almeno un secolo senza MAI alcun risultato, l'unica cosa che fanno, sanno dare dei consigli, mi chiedo se SAPRANNO che questi "micronutrienti", "integratori" o "ALIMENTI ESSENZIALI" sono IMPORTANTISSIMI PER LA SALUTE UMANA, ma anche di TUTTI gli altri esseri viventi?
Ma sapendolo, perchè permettono che il mondo impostato da CERVELLONI BACATI continuino quel "GIOCO DEL BUSINESS" (COMMERCIO) impostato sul DIO DENARO senza curarsi minimamente della SALUTE DEL PROPRIO SIMILE, involontario partecipante al GIOCO?
Per questo loro "GIOCO DEL BUSINESS" (COMMERCIO), permettono che la maggior parte dei CIBI NATURALI vengano raffinati, togliendo loro come è scritto sull'articolo in oggetto:
"Le sostanze alimentari di cui un organismo ha bisogno per il normale sviluppo e il mantenimento di uno stato di buona salute sono dette "nutrienti",

http://acidoascorbico.altervista.org/prova04/Immagini/giocodelcommerciomondiale.htm

Ma non solo, anche i medicinali come gli antidolorifici, gli antinfiammatori ecc., ma non dimentichiamo la prima causa che normalmente si ingoia costantemente ogni giorno fin da bambini aggiunto ai DENTIFRICI: IL FLUORURO DI SODIO, veleno per i topi, naturalmente seguito dal CAFFE', ingoiato ogni giorno con costanza causata dalla DROGA CAFFEINA.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova04/Immagini/capelliedilsilicioorganico.htm

Se vuoi fare la doccia utilizzando un sapone 100% naturale e privo di sostanze chimiche è possibile ed è davvero semplice da realizzare!
ECCO COSA TI SERVE:
1) una barra di sapone
2) una grattugia da cucina
3) latte di cocco
4) una brocca d'acqua
5) una pentola
6) una bottiglia di plastica
Prima di tutto è necessario grattugiare il sapone e metterlo nella pentola ed accendere il fornello ad una temperatura medio bassa.
A questo punto aggiungiamo l'acqua, un litro per ogni barra di sapone utilizzata.
Riscalda il tutto fino ad ottenere una miscela liquida e successivamente aggiungi circa 250 millilitri di latte di cocco.
In questo modo la tua soluzione diventerà un sapone liquido idratante.
Infine una volta lasciata raffreddare mettilo in una bottiglia di plastica, possibilmente con un tappo con dosatore.
Si tratta di una soluzione economica e sopratutto naturale priva di composti chimici ed è quindi ideale per la pulizia del corpo.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova04/Immagini/saponeliquidonaturale.htm

Detersivo lavatrice liquido.
200 g sapone di Marsiglia
• 100 g di bicarbonato
• 5 litri d’acqua
• 200 g di BORACE
è il migliore tra gli sbiancanti il cui BORO è tra gli "ALIMENTI ESSENZIALI" che dovremmo ingoiare giornalmente a piccolissime dosi in quanto ANTIDOLORIFICO
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/boroc.htm

 lo trovi in drogheria o da chi vende prodotti chimici.
• Olio essenziale
Per la preparazione del detersivo lavatrice fai da te liquido dobbiamo mettere l’acqua in una pentola e porla sul fuoco. Quando l’acqua raggiunge il punto di ebollizione, spegniamo e aggiungiamo il sapone di Marsiglia. Anche in questa ricetta il sapone dovrà essere stato precedentemente ridotto in pezzetti. Una volta versato nell’acqua, cominciamo a mescolare, cercando di evitare che si formino grumi e che il sapone si addensi troppo.
A questo punto, copriamo la pentola con uno strofinaccio e lasciamo risposare il tutto fino a raffreddamento completo. Ci vorrà probabilmente qualche ora. Passato questo tempo, versiamo il bicarbonato e continuiamo a mescolare. Per favorire l’assorbimento del bicarbonato possiamo usare delle fruste o un frullatore ad immersione. Versiamo dunque il composto ottenuto in bottiglie di plastica o vecchi recipienti di detersivi che abbiamo conservato (e sciacquato accuratamente).

http://acidoascorbico.altervista.org/prova04/Immagini/saponeliquidolavatrice.htm

La scoperta più significativa è che questo ACIDO CITRICO attenua il gusto orrendo del CLORURO DI MAGNESIO "ALIMENTO ESSENZIALE" rendendolo bevibile, tra i più importanti per il corpo animale, sopratutto per quello umano.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova2/Immagini/magnesiobase.htm

Sarà un caso che esso è contenuto anche dal LATTE oltre che dal LIMONE? Leggilo nel qui sotto.

Acido citrico
CITRICO, ACIDO (tedesco Citronensäure). - In piccole quantità si ritrova libero o salificato in molte piante. In maggiore quantità si ritrova nei frutti delle piante del genere Citrus, specialmente nei limoni, dai quali fu ricavato per la prima volta dallo Scheele nel 1784. E contenuto anche nel latte (1-2‰). In pratica l'acido citrico si ottiene dai limoni, e anche per azione di certe muffe sul glucosio, sulla mannite e sulla glicerina (v. sotto).
http://acidoascorbico.altervista.org/prova1/Immagini/acidocitrico.htm

  •  
    Genre Franco Ciao Andrea, capiti a fagiolo. Quante volte e quanti grammi circa di ACIDO CITRICO ingoi al giorno? E da quando lo ingoi? E' importante, poichè avuta la tua informazione mi muovo in merito. GRAZIE. Ora devo andare, ma appena arrivo mi guardo il video. Buona Giornata ciaooo Franco
  •  
    Andrea Andulea Ciao Franco assumo l'a. a. insieme all' a. citrico circa 12 g di a. a. e 12 di citrico sono 6 - 7 anni che gli assumo Devo dire che avevo amalgama 7 che le ho tolte 1 mese fa e 8 anni di mg
  •  
    Genre Franco Ciao Andrea Andulea, mi dai una bella notizia. E' grazie a te che è da circa un anno che con Franca ne ingoiamo 3 grammi cadauno al giorno. Però solo sabato ho fatto una bellissima scoperta, se scoperta si può chiamare. Se si ingoia il CLORURO DI MAGNESIO, i soliti 3 grammi PIU' mezzo cucchiaino di ACIDO CITRICO insieme e tutti gli altri come fà Franca, il GUSTO DIVENTA AMABILE. Quindi per molte persone che hanno il problema del GUSTO ORRENDO del CLORURO, in questo modo si è risolto questo problema. Vuoi provare e dirmi qualcosa? GRAZIE. Ora vado. ciaooo Franco
  •  
    Andrea Andulea Ragazzi mi stupite, non sapete che ill limone contiene 50-80 grammi/litro di acido citrico, che conferisce il tipico sapore aspro e diversi altri acidi organici tra cui l'acido malico, l'acido ascorbico o vitamina C Il suo uso come farmaco era consolidato quando ancora non si sapeva nulla delle vitamine. Innanzi tutto ne veniva apprezzato il succo quale antiemorragico, disinfettante, diminuzione consistenza di feci (diarrea) e ipoglicemizzanti (tende a far diminuire il glucosio nel sangue)[8]. Nell'aromaterapia viene indicato come rinfrescante, tonico per la circolazione, battericida, antisettico, valido per abbassare la pressione arteriosa, utile per eliminare verruche, calli, gengive infiammate, per curare artrite e reumatismi, vene varicose, raffreddore, influenza[9]. Era reputato indispensabile nella cura dello scorbuto, cosa ben nota tra i marinai che non mancavano di approvvigionarsi di limoni prima di ogni viaggio impegnativo.
  • Ciao Andrea Andulea, GRAZIE, hai fatto una giusta spiegazione. Anche questa volta mi hai convinto a provare e ne ho avuto con gli amici cui ci riforniamo insieme, dei benefici. A parte che l'ACIDO CITRICO, come hai già detto, è del LIMONE e di questo LIMONE non dobbiamo dimenticarci che nel 1948 la moglie del cliente di Pantellini col consiglio del dottore per lenirgli la SOFFERENZA, quindi DOLORI, causati da un tumore allo stomaco con 3 mesi di vita, ha guarito in pochi mesi il marito. Ma se Pantellini, come dottore, lo ha consigliato alla signora, vuol dire che sapeva che il LIMONE gli avrebbe calmato i dolori, in quantochè a quei tempi esistevano ben poche medicine a tale scopo. Ma questo LIMONE oggi NON è mai consigliato da nessun dottore, e noi se lo sapevamo ce ne siamo dimenticati. Sono certo che molti di voi ha sentito parlare della famosa cura dei sette giorni e sette limoni, sia in salita che in discesa per certi problemi. Quindi dobbiamo conto che nel LIMONE vi è l'ACIDO ASCORBICO, ma oltre questo c'è anche l'ACIDO CITRICO. Come detto, ha funzionato talmente bene che ha anche guarito il malato di tumore. Ora, quanta parte di merito avrà l'uno e quanta parte l'altro nella guarigione del malato dal tumore? dato che chi dovrebbe farlo non si sogna neppure di fare le ricerche SCIENTIFICHE dovute e logiche in tale senso, queste ce le facciamo da noi. Questo perchè quanto stiamo già facendo NON C'E' NULLA DI SCIENTIFICO, ma se siamo quì TUTTO FUNZIONA, vero? Ora in merito a questo ACIDO CITRICO, posterò la testimonianza del nostro amico Bruno Borgarino, che ora è in Australia, e della sua mancata operazione all'anca, tanto di moda ai giorni nostri.  Senza contare che questo ACIDO CITRICO, messo nel liquido con gli altri e specialmente il CLORURO DI MAGNESIO, ne cambia completamente il gusto rendendo il gusto di tutto amabile. L'ho provato

    personalmente con Franca ed altri.
    https://www.facebook.com/groups/acidoascorbico/permalink/550694475023285/

    Del video devo sottolineare lo scritto:
    SPESSO I NORMALI AMMORBIDENTI OLTRE AD ESSERE PARTICOLARMENTE INQUINANTI
    IN REALTA' NON AMMORBIDISCONO I TESSUTI MA RILASCIANO UNA PATINA OLEOSA
    CHE SI DEPOSITA SULLE FIBRE E CHE CREA UNA SENSAZIONE DI MORBIDEZZA
    MA QUESTO PUO' PROVOCARE ALLERGIE E COSTRINGE A LAVARE I PANNI PIU' SPESSO
    Ecco a cosa servono le cosidette RICERCHE.
    L'ACETO ed il BICARBONATO DI SODIO sono PRODOTTI NATURALI che non possono mancare in nessuna cucina, e come tali hanno un impiego NATURALE che i media, dei quali la TV, ci ha fatto perdere i pregi con il loro LAVAGGIO DEL CERVELLO con la PUBBLICITA' SPAZZATURA. Uno dei loro NATURALI impieghi sul video sotto.
    METTETE ACETO NELLA LAVATRICE IL RISULTATO E' SORPRENDENTE
    L'ACETO IN LAVATRICE?
    E' UTILE PER OTTENERE UN PULITO MAGGIORE E RISULTATI STRABILIANTI!
    SPESSO I NORMALI AMMORBIDENTI OLTRE AD ESSERE PARTICOLARMENTE INQUINANTI
    IN REALTA' NON AMMORBIDISCONO I TESSUTI MA RILASCIANO UNA PATINA OLEOSA
    CHE SI DEPOSITA SULLE FIBRE E CHE CREA UNA SENSAZIONE DI MORBIDEZZA
    MA QUESTO PUO' PROVOCARE ALLERGIE E COSTRINGE A LAVARE I PANNI PIU' SPESSO
    L'ACETO RAPPRESENTA QUINDI UNA SOLUZIONE VALIDA PER SUPERARE QUESTI PROBLEMI
    GRAZIE ALL'ACIDO ACETICO IN ESSO CONTENUTO
    E' IN GRADO DI RENDERE I CAPI PIU' MORBIDI RAVVIVARE I COLORI ED ELIMINARE GLI ODORI
    INOLTRE E' UTILE ANCHE PER IGIENIZZARE E PULIRE A FONDO I TESSUTI
    NON CONTIENE SOSTANZE TOSSICHE
    ED E' DECISAMENTE ECONOMICO RISPETTO AI VARI PRODOTTI IN COMMERCIO
    E' SUFFICIENTE UTILIZZARLO QUANDO SI FA IL BUCATO
    VA INSERITO AL POSTO DELL'AMMORBIDENTE
    E QUANDO LA LAVATRICE AVRA' TERMINATO IL CICLO
    SARA' NECESSARIO STENDERE I PANNI ALL'ARIA APERTA PER ELIMINARNE L'ODORE
    SE INVECE SI DESIDERA AVERE UN BUCATO PROFUMATO
    E' POSSIBILE AGGIUNGERE QUALCHE GOCCIA DI OLIO ESSENZIALE
    http://acidoascorbico.altervista.org/prova04/Immagini/acetoammorbidlavatrice.htm

    Un altro modo di usare l'ACETO ed il BICARBONATO DI SODIO:
    INCROSTAZIONI E CALCARE: PASSATE ACETO BIANCO E BICARBONATO SUL VETRO DELLA DOCCIA
    IL RISULTATO VI SORPRENDERA'
    COME FARE PER PULIRE IL BOX DOCCIA IN MODO EFFICACE, SEMPLICE E NATURALE?
    BASTA UTILIZZARE DUE ELEMENTI PRESENTI IN OGNI CUCINA
    OSSIA L'ACETO BIANCO ED IL BICARBONATO DI SODIO
    L'ACETO E' UNO DEI MIGLIORI RIMEDI NATURALI CONTRO I DEPOSITI DI CALCARE
    MENTRE IL BICARBONATO E' UTILE SPECIALMENTE NELLA PULIZIA DEL PIATTO DOCCIA
    SE MISCELATI INSIEME ACETO BIANCO E BICARBONATO FORMANO UN POTENTE ANTICALCARE
    CHE A DIFFERENZA DI QUELLI DISPONIBILI IN COMMERCIO
    ESSENDO NATURALE NON DANNEGGIA GLI ELEMENTI DI RUBINETTERIA
    REALIZZARE UNO SPRAY ANTICALCARE E' SEMPLICISSIMO!
    PER PRIMA COSA E' NECESSARIO UTILIZZARE UNO SPRUZZINO
    A CUI VANNO AGGIUNTI CIRCA 100 ML DI ACETO BIANCO
    DEL BICARBONATO DI SODIO
    ED EVENTUALMENTE UN PAIO DI CUCCHIAI DI DETERSIVO PER I PIATTI
    UN'ALTERNATIVA PER ELIMINARE LE INCROSTAZIONI DI CALCARE
    O TRACCE DI MUFFA DAL BOX DOCCIA
    CONSISTE NEL CREARE UNA MISCELA OTTENUTA CON TRE CUCCHIAI DI BICARBONATO
    TRE DI ACETO BIANCO
    E UN CUCCHIAIO DI ACQUA DISTILLATA
    MISCELATI INSIEME QUESTI INGREDIENTI FORMANO UNA PASTA
    CHE DOVRA' ESSERE SFREGATA CON UNA SPUGNA SULLE ZONE DA TRATTARE
    http://acidoascorbico.altervista.org/prova04/Immagini/acetobiancoecalcare.htm

    Acido citrico
    Dal punto di vista nutrizionale, l'acido citrico favorisce l'assorbimento del FERRO ed ostacola la formazione di CALCOLI RENALI di istina, xantine ed acido urico; espleta inoltre una blanda azione battericida ed antiartritica. Un eccessivo consumo di acido citrico può ledere lo smalto e facilitare l'erosione dentale; per questo motivo i dentisti raccomandano di attendere qualche minuto prima di lavarsi i denti dopo aver bevuto bevande acide.
    L'acido citrico viene impiegato anche nella preparazione di prodotti farmaceutici, come le polveri e le compresse effervescenti, o in generale come agente conservante.
    L'acido citrico è un ottimo alcalinizzante urinario, può quindi essere utilizzato per potenziare l'attività terapeutica dell'uva ursina in presenza di infezioni urinarie, e nella prevenzione della calcolosi urinaria da acido urico.
    http://acidoascorbico.altervista.org/prova1/Immagini/acidocitricob.htm

    In natura il succo di limone ne contiene il 5-7%, quell d’arancia l'1% circa, ma si trova anche nel resto della frutta in percentuali diverse e nel regno vegetale anche nei funghi, nel legno, nel vino e nel latte. L’acido citrico ha una grande importanza a livello del metabolismo di tutti noi, infatti a livello biochimico rientra nel famoso ed essenziale ciclo di Krebs. Dal punto di vista nutrizionale, l'acido citrico è importante perché favorisce l'assorbimento del FERRO ed ostacola la formazione di CALCOLI RENALI, ecco perché si usa spremere il succo del limone sopra la carne o il pesce, si abbina bene per il palato, ma è anche utile.
    http://acidoascorbico.altervista.org/prova1/Immagini/acidocitricoa.htm

    L'ACIDO CITRICO "ALIMENTO ESSENZIALE" che è nel liquido seminale detto SPERMA quindi nel corpo del maschio. E' nel LATTE di ogni femmina animale al mondo, di conseguenza anche nel suo corpo. Attraverso questo LATTE entra nel corpo del piccolo a svolgere uno dei suoi ruoli più importanti, quello di ANTIDOLORIFICO, quindi INNOCUO sia per l'interno che per l'esterno del corpo. E' capace di sostituire tutti quei PRODOTTI CHIMICI "NOCIVI" alla salute di ogni essere vivente "C A N C E R O G E N I"che ne sono la PRIMA VERA CAUSA DI TUMORI e le altre malattie.
    Ecco alcuni dei suoi possibili impieghi domestici, per la pulizia della casa e per la cura della persona.
    1) Ammorbidente per il bucato
    2) Anticalcare fai-da-te
    3) Disincrostante per la lavatrice
    4) Brillantante per la lavastoviglie
    5) Dopo-shampoo
    Per questo segui questo link per le dosi.
    http://lola.mondoweb.net/viewtopic.php?f=21&t=1016&start=200&mobile=on
    6) Gallette da bagno frizzanti
    7) Pulizia dei vetri
    8) Pulizia degli scarichi
    9) Pulizia delle pentole
    10) Pulizia del WC
    ...e chissà quali altri impieghi può avere per IGIENIZZARE sia la PERSONA CHE LA CASA.
    http://acidoascorbico.altervista.org/prova1/Immagini/acidocitricoincasa.htm

    L’aceto, fra i suoi tanti usi, è anche un ottimo ammorbidente per il bucato in lavatrice
    Pochi lo sanno, ma aggiungere l’aceto durante il bucato in lavatrice può aiutare ad ottenere un pulito maggiore e un risultato strabiliante. Gli ammorbidenti disponibili in commercio infatti presentano una serie di svantaggi che possono essere facilmente sopperiti dall’uso dell’aceto. Questi prodotti, oltre ad essere particolarmente inquinanti, non ammorbidiscono i tessuti, ma rilasciano una patina oleosa che si deposita sulle fibre, creando una sensazione di morbidezza. Quest’ultima può provocare allergie nelle persone più sensibili, ma soprattutto costringe a lavare i panni più spesso.
    La soluzione migliore per ovviare a questi problemi è quella di utilizzare l’aceto quando si fa il bucato. Tutti gli aceti infatti contengono l’acido acetico, una sostanza che rende i capi più morbidi, ravviva i colori ed elimina gli odori. Usatelo nella lavatrice inserendolo al posto dell’ammorbidente e il risultato sarà strabiliante.
    L’aceto infatti, oltre a igienizzare i capi, rimuove direttamente i residui di detersivo sugli indumenti e libera le fibre dai minerali che si trovano nell’acqua del lavaggio. I vantaggi nell’utilizzo di questo tipo di ammorbidente sono tantissimi, prima di tutto il fatto che non contiene sostanze tossiche ed è molto più economico degli altri prodotti. Quando la lavatrice avrà terminato il ciclo, sarà sufficiente stendere i panni all’aria. Inizialmente odoreranno di aceto, ma niente paura: l’odore se ne andrà non appena saranno asciutti. In alternativa, se si desidera che il bucato sia profumato, si può aggiungere qualche goccia di olio essenziale all’aceto (bastano circa 50 gocce).
    Il migliore da utilizzare è quello bianco distillato, che si trova facilmente al supermercato e ha un prezzo inferiore agli altri tipi di aceto. Ricco di proprietà e utile sia a tavola che in casa, l’aceto possiede tantissime proprietà che lo rendono un alleato perfetto per la salute. Ottimo per condire insalate e verdure, è perfetto anche come sgrassatore e nelle pulizie, in più è un ottimo lucidante per i capelli opachi, da usare nell’ultimo risciacquo subito dopo lo shampoo.
    http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/boraceedacetobianco.htm

    Il borace è un cristallo naturale che igienizza a fondo i panni sbiancando il bucato ed eliminando i cattivi odori
    home Lifestyle
    Il borace, nome scientifico tetraborato di sodio, è un cristallo di boro che trova largo impiego in diversi settori industriali e fra i più disparati prodotti commerciali.
    Qui vogliamo concentrarci sulle sue proprietà igienizzanti che vi permetteranno di ottenere un lavaggio del bucato perfetto. L’aggiunta del borace deterge a fondo i tessuti e ridona brillantezza ai panni.
    Sei benefici del borace
    Prima di tutto va specificato che il borace riporta i bianchi al loro colore originario (senza far ricorso a prodotti aggressivi come la candeggina). Il cristallo converte alcune delle molecole di idrogeno dell’acqua che sono i veri agenti sbiancanti.
    In secondo luogo, l’acqua diventerà più dolce e verranno eliminate le tracce di calcare che fanno diventare i tessuti ruvidi. Il borace porterà il PH dell’acqua a 8 (rispetto al suo valore naturale di 7).
    Il composto rimuove le tracce di sapone che potrebbero rimanere fra le maglie del tessuto anche dopo il risciacquo.
    Il quarto vantaggio è la neutralizzazione dell’odore del bucato bagnato. Eliminando i funghi che spesso si creano negli ambienti umidi, il prodotto aiuta a conservare l’odore fresco dei panni appena lavati.
    Più in generale, il borace disinfetta i vestiti da diversi batteri.
    Infine, il composto aumenta il potere smacchiante dei detergenti. Il Ph basico del borace elimina le macchie di acide più difficili.
    Il borace: curiosità e precauzioni
    Mezzo misurino di cristallo a ogni lavaggio è sufficiente per ottenere risultati sorprendenti. Il Borace è un minerale naturale che è stato usato per centinaia di anni prima di essere superato dai nuovi prodotti commerciali. Può essere trovato in drogheria, in lavanderia o nei grandi supermercati.
    Il prodotto deve essere tenuto lontano dalla disponibilità di bambini e animali domestici perché, se ingerito, diventa tossico per l’organismo: meno di 5 grammi possono essere fatali per un essere vivente di piccole dimensioni; mentre, per un adulto o un animale con mole superiore è pericoloso dai 15 grammi in su. Quest’ultima precauzione va tenuta in considerazione specialmente se si usa il cristallo come antiparassitario spargendolo per casa. Il suo potere igienizzante funziona infatti anche per la pulizia degli ambienti e per tenere lontani gli insetti, ma è sempre bene farne un uso cauto.

    http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/boraceboro.htm

    Viviamo in un mondo ossessionato dai capelli: l’industria dei prodotti per capelli vale 38 miliardi di dollari all’anno e cresce del 7% all’anno. Sembra quindi che pur di tenere i nostri capelli lucenti e in ordine siamo disposti a comprare qualsiasi prodotto. Tuttavia, scrive il Telegraph, c’è un movimento “underground” secondo cui il segreto per avere capelli più belli consiste nel non utilizzare alcun tipo di shampo.
    Sostituire shampo e balsamo con estratti naturali o semplicemente con l’acqua sta guadagnando credibilità presso molti ambienti. Secondo molti parrucchieri professionisti e giornalisti che scrivono in magazine femminili i capelli diventano pià luminosi e forti se non si lavano con lo shampo. Senza contare i vantaggi che questo porta all’ambiente e al portafoglio.
    Lucy Aitken Read, leggiamo sempre sul Telegraph, ha scritto un libro che verrà pubblicato fra due settimane: “Happy Hair: The definitive guide to giving up shampoo”, una guida che spiega come liberarsi dello shampoo. Lucy si lava i capelli senza shampoo da due anni e i risultati sembrano essere ottimi, come si può vedere dalla
    foto sotto.
    Lucy, che lavora in un istituto di beneficenza, ha deciso di abbandonare i prodotti per i capelli dopo aver letto uno studio che spiega che ogni giorno le donne versano 515 sostanze chimiche sul proprio corpo. Oggi si lava i capelli con acqua ogni 3-4 giorni e ogni due settimane utilizza uova o del bicarbonato. Sul suo blog, Lucy dà tutti i consigli che possono tornare utili a chi vuole provare questo trattamento.
    Non usare shampoo migliora i capelli?
    Ed ecco quali sono le 3 cose che occorrono per diventare “no-poo“, cioè per utilizzare il metodo di lavaggio dei capelli senza alcun prodotto:
    1) Bicarbonato: pulisce il cuoio capelluto senza doverlo impiastrare di oli
    2) Aceto di mele: è un’ottima alternativa al balsamo. La sua azione, congiunta a quella del bicarbonato, aiuta a ristabilire il ph naturale dei capelli.
    3) Spazzola: stimola il cuoio capelluto e distribuisce le ghiandole sebacee
    http://acidoascorbico.altervista.org/prova3/Immagini/shampoo.htm

    Per il consiglio completo per lavare gli importantissimi tuoi CAPELLI.
    http://acidoascorbico.altervista.org/prova3/Immagini/capellibicsodio.htm

    La pagina scrive:

    "Chi non desidera capelli da principessa Disney? Ecco alcuni semplici accorgimenti per mantenerli sani, forti e lucenti
    Parrucchieri per uomo
    Istituti di bellezza
    Estetiste
    Per prendersi cura dei propri capelli ci vogliono pazienza, costanza e, sfortunatamente, bisogna rinunciare ad alcuni trattamenti che, soprattutto quando si parla di capigliature delicate e fragili, rischiano di danneggiarli in modo permanente. Cosa fare per avere capelli forti e sani? Ecco 5 validi consigli per salvaguardare la propria chioma, rendendola forte e voluminosa.
    1- Non decolorarli
    La decolorazione è il principale nemico della salute dei capelli. L’ossigenazione con volumi elevati “cuoce” letteralmente il capello, dandogli un aspetto malsano e bruciato, oltre a favorire le doppie punte, a discapito della lucentezza e della salute della chioma. Chi vuole capelli biondi, o meglio biondissimi, ricorre spesso a queste tecniche, dai colpi di sole allo shatush, ma bisogna stare molto attenti a decolorare sempre nel rispetto della propria capigliatura e soprattutto sapere perché la decolorazione va fatta solo dal parrucchiere.
    Oltre ad affidarsi a parrucchieri esperti, che generalmente proteggono il capello, prima del trattamento, con specifici prodotti, bisogna evitare in ogni caso di decolorare troppo spesso. Meglio affidarsi a una tinta, meno glam ma più sicura o, meglio ancora, a uno schiarente naturale come lo shampoo alla camomilla, che esalta i riflessi chiari.
    2- Utilizzare le maschere
    Le maschere, gli impacchi e le fiale curative aiutano il capello a sopportare lo stress, nutrendolo, idratandolo e liberandolo dalle impurità. Le maschere per la chioma possono essere:
    naturali
    industriali
    Le maschere naturali e fai da te possono essere fatte anche a casa, mescolando alcuni ingredienti. Ecco alcuni esempi:
    maschera allo yogurt e al miele per nutrire
    maschera all’olio di oliva per idratare
    maschera al tuorlo d’uovo per rinforzare
    maschera alla maionese per migliorare tono e lucentezza
    maschera all’alloro per risanare i capelli rovinati
    Le maschere industriali si trovano in commercio, specifiche per ogni tipo di capello. Ci sono quelle progettate per risanare le chiome danneggiate, quelle adatte ai capelli fini, quelle per capelli grassi o eccessivamente secchi. Non resta che consultare il proprio parrucchiere per capire quali trattamenti sono più adatti.
    3- Non lavarli troppo spesso
    C’è chi pensa, erroneamente, che lavando i capelli continuamente (e sottoponendoli al brushing, ovvero la messa in piega) crescano più sani e forti. Invece è esattamente il contrario. Proprio come un bel vestito, o una camicetta di pizzo, i capelli più si lavano più si rovinano. Chiaramente non si può neanche evitare lo shampoo e il balsamo, ma l’importante è capire la giusta frequenza di lavaggio per il proprio capello.
    Chi ha capelli secchi, può limitare lo shampoo a una o due volte a settimana, al contrario di chi li ha normali o grassi e deve intensificare i lavaggi. Ovviamente bisogna scegliere prodotti il più possibile delicati, con un PH neutro e senza ingredienti chimici, per non sottoporre la propria chioma a un ulteriore stress. Non dimenticare mai il balsamo, o meglio, la crema, nutriente e districante.
    4- Tagliare le doppie punte
    Il salone da parrucchiere e le forbici a molti fanno paura, soprattutto se si desiderano capelli da Rapunzel. Eppure spuntare la propria capigliatura una volta al mese o ogni due mesi aiuta a rinforzarla e renderla più sana e luminosa. È sufficiente una leggera spuntatina, uno o due centimetri, per eliminare le doppie punte (che di solito sono la parte più rovinata della chioma).
    I capelli cresceranno più sani e forti e, soprattutto, liberi dalle doppie punte o da quello spiacevole effetto in cui il pettine s’incastra all’estremità. Chiaramente bisogna scegliere un buon coiffeur, che spunti leggermente e nel rispetto del taglio scelto.
    5- Cosa mangiare per avere capelli forti e sani
    Anche l’alimentazione è molto importante per avere una chioma da sogno. Il primo consiglio, quello che danno tutti i nutrizionisti e gli esperti di fitness e beauty, è idratarsi. Bere molta acqua è un imperativo categorico per la salute e anche per la bellezza dei propri capelli. Occorre anche assumere tante vitamine per capelli, sostanze come lo zinco, il rame e il ferro, e cibi ricchi di Omega3. Ecco alcuni esempi:
    Salmone
    Noci
    Carote
    Yogurt
    Uova
    Lenticchie
    Cipolle
    Cetrioli
    Frutti di mare
    Per chi volesse accelerare il processo di crescita, si possono assumere anche integratori per la salute dei capelli come la biotina, a base di zinco, ferro, magnesio, vitamine A, B e C, proteine, Omega3.
    I capelli sono una risorsa importante, sono lo specchio del corpo e devono mostrare forza, vitalità e lucentezza. Per prendersene cura al meglio bisogna evitare i trattamenti aggressivi, applicare maschere, bere molta acqua e prendere integratori e vitamine.
    http://acidoascorbico.altervista.org/prova04/Immagini/capellieglialimentiessenziali.htm

    Vuoi lavarti i capelli e mantenerli in SALUTE?
    EVITA COME LA PESTE I PRODOTTI CHIMICI che ti causano i TUMORI ed altre 1000 (mille) malattie, usa il BICARBONATO DI SODIO, che è un "ALIMENTO ESSENZIALE" contenuto nel liquido seminale di ogni maschio animale al mondo insieme all'ACIDO CITRICO, nel quale sono stato GENERATO, quindi come potranno causarmi danni se sono scritti nel mio DNA?
    Inoltre ricordati che su ogni parte del tuo corpo egli si AUTOPRODUCE quelle DIFESE IMMUNITARIE necessarie alla conservazione della sua salute, quindi NON DEVI ABUSARE a levale poichè IN CASO i problemi glieli crei TU facendolo troppo sovente.
    PULITI SI' MA IN SALUTE.

    Lavare i capelli col bicarbonato dà risultati ‘favolosi’
    Dopo la storia della blogger Lucy Read vi raccontiamo quella di Margaret Badore e Katherine Martinko, che hanno ottenuto ottimi risultati per i suoi capelli semplicemente abbandonando lo shampoo a favore del bicarbonato di sodio. Anche lei ha provato il metodo “no poo”, cioè abbandonare i prodotti per i capelli e utilizzare al massimo estratti naturali. Per i primi 31 giorni Margaret ha semplicemente lavato i suoi capelli con dell’acqua, ma i suoi capelli erano grassi, perciò stava per ritornare allo shampoo.
    Prima di tornare indietro, però, Margaret ha provato a lavare i capelli col bicarbonato, e ha funzionato. Ha semplicemente mischiato del bicarbonato con dell’acqua e l’ha usato sotto la doccia. Foto sotto: a sinistra Margaret dopo 20 giorni senza usare shampoo. A destra: i suoi capelli dopo aver utilizzato il bicarbonato.
    margaret_badore_no_shampoo.jpg.662x0_q100_crop-scale
    Lavare i capelli col bicarbonato e l’aceto: la variante di Katherine
    Katherine, oltre al bicarbonato, ha utilizzato l’aceto: “Il bicarbonato ha fatto un favoloso lavoro di pulizia dei miei capelli, erano splendenti, sgrassati“. Sotto potete vedere una foto dei suoi capelli dopo l’esperimento: “Quando usavo lo shampoo avevo una palla di capelli ricci molto più grande, ora sono molto più facilmente trattabili“, spiega Katherine.
    Lavare i capelli col bicarbonato e le uova ogni 3-4 giorni: la ricetta di Lucy
    Lucy Read, invece, ha deciso di abbandonare i prodotti per i capelli dopo aver letto uno studio che spiegava che ogni giorno le donne versano 515 sostanze chimiche sul proprio corpo. Oggi si lava i capelli con acqua ogni 3-4 giorni e ogni due settimane utilizza uova o del bicarbonato. Sul suo blog, Lucy dà tutti i consigli che possono tornare utili a chi vuole provare questo trattamento. I risultati li potete vedere nella foto sotto:

    Se l'italiano è la tua lingua leggi sotto.
    Se hai cliccato sul traduttore e vuoi leggere la pagina nella tua lingua clicca sulla riga.

    il link è: http://www.lafucina.it/2015/01/13/lavare-i-capelli-col-bicarbonato/

     

                             Sai cosa è il CLORURO DA MAGNESIO ? vai su
                                     
        http://clorurodimagnesio.altervista.org/

                                    Ecco invece i siti che potrebbero cambiarti la VITA
                                                          www.dr-rath-foundation.org
                                                          www.massimopietrangeli.net
                                             www.aerrepici.org/forum/forum.asp?FORUM_ID=1

    I link che NON ti devi perdere sono: cliccaci sopra poi te li leggi con comodo.

    http://acidoascorbico.altervista.org/VolontariWEB.com_files/lapelle.htm

    http://acidoascorbico.altervista.org/VolontariWEB.com_files/lettura.htm

    http://acidoascorbico.altervista.org/VolontariWEB.com_files/esperienze.htm

    Se NON hai ancora visitato il nostro sito ti consiglio di visitarlo e per capire cosa è l'ACIDO ASCORBICO devi leggere le pagine più importanti che sono: CHI SIAMO, LA DONNA,
    SITO SECONDO, SITO TERZO, SITO QUARTO, SITO SESTO,
    SITO DECIMO.

                               Quindi clicca per SAPERNE di più sull'ACIDO ASCORBICO
                             
    oppure:
                                        http://acidoascorbico.altervista.org/index.html