Avviso - Avis - Notice
Come prendere il contenuto di questo sito
Coma pij 'l contn de sto pst
How to consider the content of this site.

drapita Queste poche righe sono da leggere fino in fondo, giusto per fare in modo di capirci. Vi sono fior di professori che studiano e hanno studiato per davvero la lingua piemontese in tutte le maiere, la soa storia e la sua letteratura, e questo non solo a Torino o in Piemonte, ma in tutto il mondo. Chi vuole davvero saperne di pi sul Piemontese bisogner che vada a leggersi quanto questi signoti hanno scritto, che sono lavori importanti ed interessanti. Ma queste pagine hanno un altro scopo, che non la pretesa di aggiungere qualcosa a quello che stato fatto in modo molto miglior.Queste pagine sono scritte per che s che il Piemontese c', ma non s che esiste una Lingua Piemontese (da ben pi di 800 anni) e che il Piemontese ha una sua Grammatica, una sua Grafia e una sua Fonologia che sono codificate da un bel po'.
Non ci interessa, qu, discutere del perch l'Italia non voglia riconoscerla. Per ora ci accontentiamo che lo sappia qualcuno in Europa e nel mondo, sebbene sarebbe bello che non lo dimenticassimo poi noi stessi.
Ogni tanto capita che si trovi qualcuno che scrive in Piemontese, senza saperlo scrivere, solo per dire stupidaggini, come se il Piemontese servisse giusto a quello. Un po' di stupidaggini fanno anche bene, qualche volta, ma sarebbe meglio, magari, fare che scriverle giuste anche perch, se nessuno tutela il Piemontese, bisogner che lo facciamo noi. Delle volte poi capita che qualcuno che non conosce la lingua sritta (e purtroppo sono tanti), scriva cose anche serie, ma in un modo da far spavento. Come se mai nessuno avesse scritto in Piemontese, ed occorresse inventarlo.
Allora lo scopo di queste pagine di dare una mano a chi voglia leggere e scrivere in Piemontese, ma non abbia il tempo, la voglia, i soldi per comprarsi dei libri (per bisognerebbe farlo, magari per capire che il Piemontese una grande ricchezza per tutti, roba tutt'altro che vecchia e solo per contadini, e purtroppo c' anche chi pensa quello).
Eppure quei punti fermi della vita che io ho messo insieme, mi vengono da cose che ho sentito da piccolo, a casa, in Piemontese, e che poi non ho pi sentito n in Italiano n in Inglese, sebbene queste siano lingue "ufficiali". Forse proprio quello: la roba "ufficiale" spesso lascia il tempo che trova.
Tornando a queste pagine esse sono, insieme, quello che ho imparato a casa mia, quello che ricordo di un dizionario di Sant'Albino che c'era in casa, e di una Grammatica dita dai Brand, che una volta avevo anche studiato. Poi ho trovato cose su Internet ed in giro per le biblioteche del Piemonte. Mi sono poi divertito un po' a studiare i meccanismi di derivazione del Piemontese dal Latino, comparandolo con l'Italiano ed il Francese. Il problema che il Latino lo ho rinfrescato, ma mi ricordo quello che posso, il Francese anche, ma anche qu non pi di tanto, l'Italiano dovrei saperlo abbastanza (avendo dovuto impararlo studiandolo a scuola). Il Piemontese a scuola non si studia. Quello che mi hanno insegnato a casa era piuttosto "fine e signorile", visto che ai tempi di mia nonna la mia famiglia aveva relazioni con una famiglia di Conti, che ci tenevano a parlare un Piemontese raffinato e mia nonna, che spesso andava a chiacchierare con la contessa, aveva ripreso questo stile.
Questo dice tutto sullo stile e sullo scopo di questo lavoro. Facile che vi siano errori, qualche fesseria. Se questo serve almeno a stuzzicare qualche curiosit per la nostra Lingua, va gi bene. Dai semi di curioso nascono sempre belle cose.

Attenzione
Il Piemontese non di "sinistra", non di "destra", non di "centro", non appartiene a nessuna formazione politica (sarebbe una appropriazione indebita). Soprattutto il Piemontese NON È RAZZISTA, proprio come non razzista l'Italiano, l'Inglese, il Francese, ecc. Un popolo sicuro e radicato nella sua cultura non ha mai paura delle altre culture, anzi, gli servono per crescere. Un popolo che perda la sua cultura naturale, o che gli viene negata, allora ha paura degli altri, perch gli altri sono ricchi e lui povero. La paura la madre del razzismo. La paura poi sorella dell'ignoranza, e dunque paura ed ignoranza sono la madre e la zia del razzismo.
Queste pagine possono essere usate in maniera completamente libera, ma non per motivi politici o contro la legge.

Un'ultima cosa. Ho visto da qualche parte che gli zingari Sinti Piemontesi hanno conservato il Piemontese meglio di quello che abbiamo fatto noi, e i loro bimbi lo parlano ancora bene. A A loro voglio giusto dire "grazie" e a buon rendere.

indItal
drappieSte pche righe a son da lese fin-a 'n fond, giusta për f an maneras 'd capsse. A-i son fior ëd professor che a studio e che a l'han studi dabon la lenga piemontisa an tute le manere, soa stria e soa literatura, e sn nen mach a Turin an Piemont, ma an tut el mond. Chi a veul dabon savjne 'd p an sël Piemontis, a venta prpi che a vada a lese ln che lor-s a l'han scriv, che a son travaj amportant e anteressant. Nop ste pgine a l'han n'utr but, che nen giont quaics a ln che a l' stit fit motobin mej da d'utri. Ste pgine a son scrive për chi a s che 'l Piemontis a-i , ma che a s nen che a esist na Lenga Piemontisa (da bin p che 800 agn), e che 'l Piemontis a l'ha soa gramtica, soa grafa e soa fonologa che a son codific da un bl pss.
A n'anteressa nen, ambeless, dëscute dël përch l'Italia a veuja nen arcons-la. Për adss is contentoma che a lo spia quaidun an Eurpa e ant el mond, contut che a sara bel se is lo dësmentiisso nen noiutri.
Minca tant a cpita che as treuva quaidun che a scriv an Piemontis, sensa savjlo scrive, giusta per d 'd gavade, coma se l'Piemontis a servissa mach a ln. Un pch ëd gavade a van ëdc bin, qaich vlta, ma a sara mj, magara, f che scrivije giuste, 'dc përch, se gnun a ta 'l Piemontis, a ventr ch'i lo faso noiutri.
Dle vire peui a cpita che quaidun ch'a conss nen la lenga scrita (e belavans a son tanti), a scriva magara 'd cse seriose, ma an manera da f sgiaj, coma se gnun a l'avissa mai scriv an Piemontis e ch'a tochissa anventlo.
Antlora, 'l but dë ste pgine a l' col ed giut na man a chi a veuja lese e scrive an Piemontis, ma che a l'ha nen temp e veuja e dn da catsse 'd lber (per a ventra flo, magara për cap che 'l Piemontis a l' na gran richëssa për tuti, e rba tut utr che vja mach da campagnin, e belavans a-i 'dc chi ch'a pensa ln).
Epua coj pnt ferm dla vita, che i son riv a but ansema, a ven-o da cse ch'i l'hai sent da cit, antëc, an Piemontis, che peui i l'hai p nen sent, n an Italian n an Inglis, contut che as trata 'd lenghe "ufissiaj". Frse a l' prpi ln: la rba "ufissial" sovens a lassa 'l temp ch'a treuva.
Tornand a ste pagine, a son, ansema, ln che dël Piemontis i l'hai amprend a c mia, ln ch'im arcrdo d'un dissionari dël Sant'Albin che i l'avo antëc, e na Gramtica edit di Brand che na vlta i l'ava 'dc studi, e peui vite cse che i l'hai trov an sla ragn e an gir per vire bibliotche del Piemont. Peui i son dësmorame un pch a studi la derivassion dal Latin dëel Piemontis, paragon con ël Fransis e l'Italian. Ël problema a l' che : ël Latin i l'hai arzentalo, ma in arcordo mach ln ch'i peulo, ël Fransis ëdc, ma 'dc chl nen p che ln, l'Italian i dovra savilo bastansa.
Ël Piemontis, a scla, as ëstudia nen. Col ch'a l'han mostrame a c a l'era pitst "fin e signoril", vist che ai temp ëd mare granda nstra famija a l'era an relassion con na famija 'd Cont, che a-j tniso a un Piemontis bin parl, e mare granda a 'ndasa sovens da la contëssa a ciaciar.
Sn a dis tut an sij lmit e 'l but dë sto travaj. Fcil che a-i sio d'eror, quich gavada. Se sn a serv almanch a ciss un pch ëd curiosit për nstra lenga, a va gi bin. Da jë smens ëd curios a nasso sempe 'd bele cse.

Atension
Ël Piemontis a l' nen dë "snistra". Ël Piemontis a l' nen ëd "drita". Ël Piemontis a l' nen ëd "centro". A l' nen ëd gnuna formassion poltica. Pi che tut a l' NEN RASSISTA , parj coma a l' nen rassista l'Italian, ël Fransis, l'Inglis, e via frt. Un ppol, sicur e anradis an soa coltura, a l'ha mai paura dj'utre colture, ansi. a-j servo për chërse. Un ppol che a perda soa coltura natural, ch'a-j la nego, antlora peui a l'ha para dj'utri, përch j'utri a son rich r chil a l' pver. La para a l' la mare dël rassism. La para, peui, a l' sorela dl'ignoransa. Donca para e ignoransa a son mare e maga dël rassism.
Ste pgine a peulo esse dovr an manera lbera për tut, ma nen për motiv poltich e contra la lege.

N'ltima csa. I l'hai vist da quich part che ij zingher Sinti Piemontis a l'han goernane 'l Piemontis mej ëd lv ch'i l'oma fit noiutri, e ij s cit a lo prlo 'ncora bin. A lor i veulo giusta d "mers " e a bon rende.

indPiem
draping This notice has to be read in order to avoid misunderstandings. The scope of these pages is not a deep and scientific discussion on Piedmontese language, since this type of work is carried on all around the world by well skilled an prepared people, mainy Professors working at Universities. They have produced important and very interesting works and so, if you actually want to know more about Piedmontese, you should refer to these works. Piedmontese writers left us their works along the centuries and, by reading them, you can understand so much about Piedmontese people and language.
My natural language is Piedmontese I spent most of my working life doing research, but in a completely different field. I had anyway the opportunity of meeting people all around the world, and of speaking with them, after the work, in the evening while dining (good food and wine are always appreciated by a "piemontis", besides they provide a correct way of meeting people). Along these years I could understand that a common language, certainly required in order to communicate, is not able to produce "culture" and "humanity". It is a tool for knowing how to say things but it cannot suggest what to say. The risk of losing a "humanity's culture" in favour of a "business' culture" is real and dreadful. On the contrary, an actual human culture grows and is expressed in natural languages, close to people. Only after having become part of the personality it can be translated and shared. This is valid at world's level as well as at national level. From this the importance follows of all natural languages. So, also the Piedmontese has an important role in preserving and increasing "humanity" (for all, and for future).
These few "lessons" are for introducing Piedmontese tongue to people who whant to kow something about, but they don't think at buying books, or at more serious approach. They have anyway to consider that my previous works as a writer are limited to scientific and technical papers to be discussed in meetings and conferences absolutely not related to this field.
As far as my piedmontese expertise is concerned, the main point is that it is my language. At home, in my family, we spoke a correct and clean Piedmontese since, years before, my family was in relationship with a noble family of Couts, whose point od honour was to speak only a perfect Piedmontese whenever possible. My grandmother often went to chattle with the countess, and took this habit. I remember that, when I was a child, often my parents corrected my piedmontese grammar and syntax. Then I had a piedmontese vocabulary, a piedmontese grammar, and I read somthing of piedmontese writers of the last three centuries. Then I found pieces of information on Internet and in some libraries around the Piedmont. I also tried to study the derivation from Latin of Piedmontese, compared with Italian and French. I recalled my Latin, but my memory has limits, and the same happened for French (I suppose to know acceptably well Italian, since I had to learn it at school). The fact that this is not my usual job will probably clearly appear.
This shows the limit of this work, that probably will have lack of precision and, maybe, some errors.

Attention please
Piedmontese does not pertain to "left" parties, it dies not pertain to "center" parties, it does not pertain to "right" parties, and it does not pertain to any other political organization. It just pertains to "Humanity" and is a part of its richness. Mainly the Piedmontese is not racist, exactly as Italian, French, English, Spanish, German, Romanesh, Kikuyu, etc. are not racist.
People which are deep-rooted in their natural culture , are not afraid of other cultures and civilizations since, on the contrary, they are occasions for growing up. People that have lost his natural culture feels himself as a poor, even if they are inserted in another culture. They know that, from a human point of view, cannot contribute to the House of Humanity. Then they are afraid of others. They feel themselves stupid enough for being an easy prey of other cultures. So they try to keep away the others. Fear and stupidiry are the mother and the aunt of racism.
These pages can be freely used for all purposes, but not for political reasons, and not againdt the laws.

As a last thing, I read in somewhere that Piedmontese Sinti Nomads took care of Piedmontese better than piedmontese people did. Their children still speak Piedmontese wery well. I just would like to say them "tanks".

indEngl




Indietro a Piemontese - Dar a Piemontis - Back to Piedmontese

indice
castelloValentino
Il castello del Valentino
Ël castl dël Valentin
Valentino's Castle