FABRIZIO GABRIELLI





Ho da poco compiuto 39 anni e di professione sono traduttore dal tedesco. Provengo da una ridente cittadina termale che si chiama Montecatini Terme, una stazione termale tra le più celebri di tutta Italia. Fino a qualche anno fa Montecatini era il tempio incontrastato di Serata d'onore e di Pippo Baudo, che a Montecatini era praticamente di casa. Da quando il Pippone nazionale si è ritirato dalla scena televisiva, a Montecatini non si vedono più né attori, né comici, né tantomeno le ballerine della RAI. Adesso di ballerine ci sono rimaste solo quelle dell'est europeo, che però non hanno mai fatto un passo di danza in vita loro (anche se provengono da terre di grandi tradizioni di ballo e sono esperte in altre arti - pure quelle importanti). Se avete voglia di dare un'occhiata alla mia città clicca pure qui.
In alternativa, da non molto tempo, è disponibile anche la Rete Civica di Montecatini Terme.


Qui ci sono anche un paio di foto di Montecatini:
La fonte dell'acqua Tettuccio
L'airone, simbolo di Montecatini

La prima è la sorgente del Tettuccio, l'acqua più famosa delle Terme di Montecatini. Tra le acque curative delle nostre terme l'acqua del Tettuccio si situa a metà di un'ipotetica scala di gradazione minerale delle acque disponibili a Montecatini. L'acqua più pesante è la Tamerici, mentre la più leggera si chiama Regina.


ATTENZIONE: l'acqua termale di Montecatini è da assumere sotto stretto controllo medico.


Quindi prima di recarvi alle Terme di Montecatini chiedete a chi di dovere se ne avete effettivamente bisogno. Dico questo, perché con le acque termali non si scherza e ogni tanto sul quotidiano locale vengono pubblicate le notizie di qualche furbacchione che credeva di andare a passare l'acqua e invece si ritrova all'ospedale.


L'altra foto è il simbolo della città di Montecatini, l'airone, che probabilmente fu scelto come mascotte cittadina perchè un paio di secoli fa da quelle parti c'era la palude e l'airone era l'uccello principe (desidero ringraziare pubblicamente il granduca Leopoldo Io di Alsazia-Lorena che verso la fine del XVIIIo secolo bonificò la piana della Valdinievole - ma le zanzare non ce le ha tolte nemmeno lui!!!).

Abito a Modena e sebbene si stia veramente bene, qui in Emilia, ogni tanto sento un po' di nostalgia per la bella terra degli olivi. I servizi funzionano davvero bene e la gente è molto cordiale. Ciò nonostante, qui in Emilia mi manca molto l'ironia toscana e quella caratteristica maniera di prendere la vita in maniera scherzosa e goliardica - una goliardia che spesso sfocia in cinismo (come nel celebre film "Amici miei").

La città secondo me più bella della Toscana è Siena e a proposito vi consiglio vivamente di fare un giretto da quelle parti.
Ritengo sia superfluo dire che sarebbe meglio se ci andaste di persona, ma in mancanza di soldi o tempo, potrete accontentarvi visitandola in forma cibernetico-elettronica, cioè cliccando sullo stemma della città qui sotto.




Comune di Siena




A proposito di Siena sono un grande appassionato del Palio che cerco di andare a vedere dal vivo tutte le volte che posso. La mia Contrada di adozione è quella del....



Drago
(Il cor che m'arde divien fiamma in bocca...)



Sono online i filmati video in formato Real Media e Windows Media Player delle carriere del Palio di Siena


Filmati video del Palio di Siena


Cliccando sulla coccarda
Palio dell'Assunta 2001, vittoria del Drago con Zodiac e il fantino Dè
sarà possibile rivedere l'ultima vittoria della Contrada del Drago (datata 16 agosto 2001, Zodiac cavalcato dal giovane fantino ).
Da buon toscano, anche se non sono senese di origine, e soprattutto da appassionato ho scritto "due parole" sulla psicologia del Palio.
Quali sono le 17 contrade del Palio?
NEW!
Ho aggiunto una nuova paginetta con alcuni links degni di nota dedicati al Palio di Siena
Links sul Palio di Siena
NEW!


NEW! È finalmente online una pagina che tenta di fare chiarezza sulle lotte tra guelfi e ghibellini, che infiammarono il panorama politico del Bel Paese circa ottocento anni fa:
Guelfi e ghibellini

e un'epopea sulla celeberrima
Battaglia di Montaperti (4 settembre 1260)
combattuta tra senesi e fiorentini.
NEW!
 
 
 
NEW! Cliccando sul "cupolone" del Brunelleschi di Santa Maria del Fiore accederete alla nuovissima sezione dedicata alla Storia di Firenze.
Avendo fatto il liceo a Firenze e avendo quindi avuto molti più contatti con Firenze che non con Siena, la sezione a lei dedicata non poteva che assumere un aspetto ben più sistematico del capitolo dedicato a Siena.

Clicca qui per accedere alla sezione dedicata alla Storia di Firenze
NEW!





NEW! Ho aggiunto una piccola sezione sui
locali più in di Bologna e della Riviera
tutti rigorosamente testati sul campo.
NEW!





Questa pagina è stata realizzata con Allaire Home Site 4.01;
Ultima modifica: 15 febbraio 2008;



AVVERTENZA SUL COPYRIGHT

Tutte le pagine presenti in questo sito sono di proprietà di
Fabrizio Gabrielli e pertanto soggette alle vigenti leggi in materia di © copyright. Tuttavia l'autore consente l'utilizzo dei testi redatti, purché se ne citi la fonte, ovvero:
  • Il link sia rediretto ad una delle pagine presenti su questo sito oppure
  • Copiando il testo (o i testi) su pagine con formattazione diversa dalla presente, se ne citi chiaramente l'autore.

    Tutte le violazioni saranno perseguite a norma di legge.





    Sei il visitatore numero


    Questa pagina è autorizzata dal

    Consorzio per la tutela del Palio di Siena
    Consorzio per la Tutela del Palio