L'Italia a Sorrento (1971 - 1980)

Nel 1971 il circolo proprietario di Italia la mette in vendita per 3.000.000 di lire ma conclude la trattazione per 2.300.000 lire in favore di Eugenio e Salvatore Di Leva. L'evento è generato anche dalla decadenza di questa stazza che viene esclusa dalle categorie olimpiche.
Italia arriva così a Sorrento dove viene subito disposto un lavoro ben più che di manutenzione. Lo scafo era infatti da tempo lasciato fermo e quindi si procedette alla riparazione del motore e il rifacimento della coperta e dei bagli.

Il nostro armatore e la sua barca (dal 1980)

Il tempo passa e gli impegni dei due proprietari li spinsero a vendere lo yacht ad un appassionato che già da tempo corteggiava quell'importante imbarcazione. Nel 1980 Antonio Sisimbro diventa l'armatore di Italia ed ancora adesso cura ogni centimetro di legno di quest'imbarcazione.
Nelle mani del tabaccaio, come lo chiamano in molti, l'Italia ha sicuramente ricevuto più attenzioni e cure di qualsiasi altro precedente proprietario. Cure giornaliere, di ore ed ore passate a scartavetrare e verniciare sotto il sole o nel clima invernale. cure di chi ha passato la notte in barca sveglio per la paura della folle mareggiata, cure di chi ha medicato le ferite che il tempo ha inflitto allo scafo.
L'Italia l'hanno rivista ad Imperia agli inizi degli anni novanta per ben due volte accompagnata sempre dal suo armatore che si è trovato al vertice di competizioni per lui impensabili.

Nel 2001, su proposta del Centro Studi Tradizioni Nautiche della Lega Navale Italiana Napoli, si avvia per Italia, con l'aiuto della FIV, una procedura che la porterà ad essere riconosciuta dalla Soprintendenza dei Beni Culturali come imbarcazione di importante interesse storico (03 dicembre 2002) per effetto della Legge 490/1999

Allo stato attuale l'Italia è fra le fedeli imbarcazioni che seguono la "carovana" cella Lega Navale di Napoli che porta la vela in tutti i porti del golfo partenopeo ed annualmente gareggia a Torre del Greco, Castellammare, Seiano, Capri, Ischia, Procida e Ventotene. In più partecipa alle regate di barche d'epoca come: Edoardo De Martino a Sorrento, quella al circolo Savoia a Napoli e Le Vele D'epoca organizzata dalla LN a Gaeta.
Infine partecipa alla manifestazione in onore di Peppe Cappiello a Sorrento.