FOTO di ROVIGNO

 

 
 
Parte I
Foto di: Francesco Parducci
Commento di: Gianclaudio de Angelini 

 
 

 
 
Foto 62.gif

Foto di uno dei tre principali Leoni di Venezia presenti a Rovigno qui ripreso nella tipologia "in moleca". Questa pregevole opera si trova sulla facciata del Palazzo del Comune sito all'inizio di Rovigno Vecchio subito dopo l'Arco dei Balbi. Gli altri due si trovano: uno sul suddetto Arco dei Balbi e reca, l'unico in tutta l'area veneta, la scritta Victor tibi Marce evangelista meus. L'altro leone si trova sulla Torre dell'Orologio. 


 

 
Foto 63.gif 

La foto riprende l'elegante Torre dell'Orologio che reca uno dei Leoni di Venezia tuttora presenti a Rovigno. Le mura che inquadrano la torre sono relative al bell'arco intitolato ad un podestà veneto della famiglia Balbi. L'Arco dei Balbi è una delle entrate principali che conducono a Rovigno Vecchio. 


 

 
 
Foto 64.gif 

In prima piano un bar moderno con una meridiana che reca la scritta bilingue: "Alla migliore località turistica nell'inchiesta del 2^  programma di Radio Zagabria". Sullo sfondo nel grande edificio di color giallo ha attualmente sede la Banca di Zagabria. In origine era il Palazzo padronale della famiglia Angelini (quella del ramo di Giacomo Angelini, I.R. Commissario Distrettuale di Rovigno dal 1834 al 1850) 


 

 
 
Foto 65.gif 

Ex palazzo padronale della famiglia Fabris. Nella toponomastica originaria rovignese la piazza antistante è conosciuta come Pian de Miluòssa. Dal nome della nobile famiglia Milossa, a cui si deve la costruzione del palazzetto nel XVIII secolo, ove ha attualmente sede il Circolo degli Italiani. E uno dei più bei palazzetti di Rovigno, recentemente restaurato nel 1985 con un contributo dello Stato italiano di 300 milioni . 


 

 
 
Foto 68.gif 

Pittoresca inquadratura a squarcio che riprende l'elegante e svettante struttura del Campanile del Duomo di Rovigno sulla cui sommità vi è la gigantesca statua bronzea, cava e rotante su di un perno mobile, della venerata Sant'Eufemia co-patrona di Rovigno con S. Giorgio. 


 

 
 
Foto 69.gif 

Uno dei caratteristici squarci delle strette Calli di Rovigno Vecchio. 


 

 
 
Foto  71.gif e 72.gif 

Due diversi particolari di Rovigno Vecchio, dai rovignesi conosciuto come Monto, fotografato da Val Di Bora.


 
 

 
 Foto Parducci
 Foto Acanfora&Bombardieri
Foto Varie

 
 

 
Profilo storico Foto Cronologia sino al 1918
Mappe & Cartine Stampe & Quadri il Leone di S. Marco a Rovigno
Istituzioni Culturali Devozione Popolare Stemmi di Rovigno