EL'FILO'

"... stalle tiepide ed appena illuminate, odore di foglie e di fieno, respiro caldo d'animali addormentati, in piedi come statue oscure o sdraiate sullo strame morbido, e noi-in fondo-seduti su una panca di legno lisciato del tempo o su mucchi di granturco ad ascoltare antiche storie e fiabe e favole argute. Ad ascoltare la saggezza dei vecchi ed a vivere la nostra giovinezza ricca solo di sogni e di speranze colorate dai primi turbamenti dell'Amore". (da El fil˛)



E' importante ricordare, per non dimenticare. Siamo diventati cosý "grandi" da non riuscire pi¨ a vedere le nostri radici. Abbassiamo lo sguardo per trovare la sorgente che ha dato vita alle nostre tradizioni, culture e costumi... (M.C)

 

 


EN MONTAGNA

Fico la facia
nel mus-cio bagnÓ, soto a 'n pŔz
e no 'n sar˛ tŔs che la sera.
El so che de tuta sta paze
no porter˛ a casa che 'l saor
sempre salvÓdech,
enema a fili de erba seca
empegnadi al me vŔcio maion!
SpegiÓ 'n te ogni poza
gh'Ŕ 'l eren dei momenti vissudi
per mi, per mi sol
e no penso che sempre,
el tornar lÓ zo
sia na nova condana!

A FILO'

Trovarse 'nsieme, lý, come sti ani,
fra zent amica, 'rent a na pignata
de quel de Isera; corer via lontani
sul sentier dei ricordi. Ad˛s na mata
voja malsana de poder tornar
endrýo 'n dell temp, sia pure per mezora- mezora!- ma sicuri de trovar, stesse face, la zent, quela de alora.
Trovarse 'nsieme, sora 'n fogolar
-ogni tant na brazada de sarment!
basta uno che 'l taca a ciacerar
<Te ric˛rdet?!> che s¨bit torna 'n ment
un dopo l'altro, n' fila, 'ncadenÓi
i ricordi. e va 'ndove se vol,
dese, vintani 'ndrio, tant oramÓi
ed temp no 'l conta pi¨. Se slongÓ 'l col...
... se parla pian... Paura che i ne senta? Ma gnanca per la ment! Ŕco-pol darse- rispŔto per ste storie che le tenta de tornar vive, senza vergognarse.
<Te ric˛rdet?!>... e s¨bit salta fora
tante matade, tanti dispiazeri,
roba vŔcia-passada, ma che ancora ˛cupa la so part en dei pensieri.
<Te ric˛rdet?!> ... e i nossi vinti ani
i salta su ancor freschi, vivi, bŔi,
sepolendo rosari de malani
che dopo lori n'Ŕ vegn¨i fra i pŔi.
E per en poc tornem quei de na volta,
senza el arÓdio che ne 'nsemeniss...
<Te ric˛rdet?!> ... e tuti i altri i scolta
<Te ric˛rdet?!> ... e mai no se feniss!
Se svoda le pignate e le bicere:
<Te ric˛rdet?!> ... le pipe a pian se sm˛rza desmentegade; a spale pu lizere ne sentim noi, pur soto n'altra sc˛rza.
<Te ric˛rdet?!> ... le brase se fa smorte. Po' deventa fadiga 'l ciacolar. Alora: <Bona note!>...
e a le so porte! I ricordi?...
SmorzÓi sul fogolar!

LA VECIA FONTANA

La vecia fontana,
con l'acqua che core,
che salta, che canta,
l'ei bela.
El sol el ghe zuga
le nef la la veste.
No l'ei miga lustra
la vecia fontana.
Col legn i l'ha fata,
col c˛r i l'ha ornata.
Doman i la cava
la vecia fonatana.

 


SOMMARIO

Mandate i Vostri pensieri dialettali: non dimenticate le Vostre radici...

I Vostri pensieri dialettali...

CONTINUA...