pagina 1
GENNAIO
2013
2012
2011
2010
2009
Gonnosnò - Collinas - Lunamatrona

Il giro è su asfalto e fiancheggia la s.s.131 per alcuni tratti. La parte riguardante Collinas si presenta con un asfalto molto mal messo, con canali nei quali la ruota ci finisce dentro. La traccia gps è stata fornita da Angelo.

Km. 75 circa.


Caserma Sa Pira - Is Strias

Il giro, su sterrato, parte dalla pineta di Sinnai (Caserma Sa Pira) e all'intersezione con il Riu Paiolu, si prende a destra verso Sedda De Is Inchiavaus. Si prosegue verso Cuccuru Sa Gruxitta e quindi per Pranu E Murta, Bruncu Barracca, Monte Terra Mala e quindi si arriva a Is Strias. Da qui verso Sedda De Is Inchiavaus per tornare alla Caserma Sa Pira.

Km. 26 circa.


Corongiu - Correxerbu - Tasonis

Il giro, su sterrato, parte dall'impianto di potabilizzazione di Corongiu e si snoda in senso antiorario per avere la possibilità di riscaldare i muscoli prima di affrontare le salite. Non è un tracciato da percorrere se si è fuori allenamento perchè le salite, visto la loro pendenza e la lunghezza, risulterebbero molto faticose (soprattutto quella che parte dal Riu Garapiu - m.s.l.m. 250 - ed arriva a Cuccuru Nuraxi Baiocca - m.s.l.m. 540 - in 2,5 chilometri).

Il giro è di circa 20,4 chilometri.


04 GEN
04 GEN
06 GEN
Gonnosnò - Laconi - Ales

Il giro, su strada, parte da Gonnosnò con una breve discesa per poi salire verso Albagiara. All'incrocio con la "442", si svolta a destra per andare a Senis oltrepassato il quale, al km 13 si prende a destra per Genoni quindi, Nuragus, Nurallao e Laconi, da dove si riprende la "442". Tornando indietro si passa da Nureci per raggiungere nuovamente Senis e poi Escovedu, Zeppara, Ales, Curcuris, Simala, Baressa, Baradili e, infine, si giunge a Gonnosnò.

Km. 85,500 circa

18 GEN
Geremeas - Baccu Mandara

Si parte sotto Nuraghe Pusceddu, si percorre un tratto di asfalto in direzione Costa S.Elena, e si prende a destra per la sterrata che passa sotto il viadotto e va verso Su Lillu. Ancora salita fino a Genna Succunnas dove, dopo una breve discesa, si guada un rigagnolo prima di riprendere a salire fino ad Arcu Sa Ruxi. La zona appena attraversata, Su Zinibirarxiu, è chiusa da cancelli della forestale aggirabili a piedi od in bicicletta. Con una buona dose di fortuna (noi l'abbiamo avuta) è possibile avvistare i cervi proprio in mezzo alla sterrata. Da Arcu Sa Ruxi fino a Bacca Mandara è tutta discesa fino all'asfalto che riporterà a Geremeas. Km. 20 circa


25 GEN
Baradili - Mitza Margiani
Partendo da Baradili si incrociano varie strade asfaltate per arrivare a Corte Baccas in leggera salita per poi proseguire fino a Su Pirastu in discesa. Si continua con un sali-scendi fino a Villaverde da dove la strada inizia a salire con pendenze significative fino alla zona nuragica di Mitza Margiani. Si ridiscende verso Tanca Pauli per risalire a Nuraghe San Mauro. Da qui "tottu calara" per Funtana Uralla fino a Corrugaus. Si riprende a salire verso Nuraghe Emmauru e poi giù fino a Baratili.

Km. 37 circa

25 GEN
pagina 2

Si tiene a precisare che TUTTE le tracce di seguito pubblicate, pur essendo scaricabili gratuitamente premendo sulla cartina, non sono precise. Tale imprecisione è data dall'errore di ricezione del gps che, tra gli altri fattori, viene influenzata dal tempo metereologico e dalla copertura del segnale in zone montuose. Pertanto esse devono ritenersi utilizzabili solo come riferimento grossolano della zona dell'escursione.
Fotografie