Community
 
Aggiungi lista preferiti Aggiungi lista nera Invia ad un amico
------------------
Crea
Profilo
Blog
Video
Sito
Foto
Amici
   
 
 

La natività (Annunciazione!, Annunciazione!)
_________________________________

  

In una casa umile ma onesta, una donna somigliante alla Madonna è seduta quando entra l'angelo Gabriele che quasi cieco suona la tromba e sbatte i piedi.


ARENA: Annunciazione! Annunciazione! Tu Marì Marì fai il figlio di Salvatore. Gabriele t'ha dato la buona notizia. Annunciazione! Annunciazione!
TROISI: Ma io non sono Maria, io non mi chiamo Maria.
(L'angelo non vede bene e per questo comincia a tatstare prima il terreno e poi Maria. Poi urla di nuovo)
ARENA: Annunciazione!...
TROISI: (Stupito e confuso si rivolge all'angelo ormai fuori scena) Gabriè, tu si scemo! Cose 'e pazzi. Uno sta int' 'a casa sua...
(Entra Enzo Decaro. È vestito da angelo e suona un flauto)
TROISI: Che vuò scusa?
DECARO: Sono il Cherubino, mi ha mandato Gabriele per creare l'atmosfera celestiale.
TROISI: Cherubì! (E fa cenno con la mano di uscire da casa sua) Cherubì, tu te ne a' a j'! Mo' ritorna mio marito e io che gli dico «Chisto è 'o Cherubino!» Cose 'e pazzi... Una sta int' 'a casa sua... Mio marito... mio marito mi disse «Non ti preoccupà, non ti preoccupà, 'o trovo un altro lavoro» e infatti è iuto a 'na parte e ha detto «io aggia lavorà» e chill'ha detto «guardate, noi glielo diamo il lavoro, ma si tratta di un lavoro minorile.» Mo' mio marito tene 'na certa età, allora ha detto «no, mi dispiace, sì, io tengo i figli, tengo i figli miei, ma sono tutti e due fuori età lavorativa perché tengono 18 e 20 anni...». A Napoli si fatica fino a dodici anni, «mi dispiace...» È rimasto nu poco accussì però ha detto «non posso fare niente, mi dispiace, ma li tengo già tutte e due in pensione. Mi dispiace!»
(Entra Decaro in canotta e elmetto da guerra)
DECARO: Signò, io me ne lavo le mani! Per correttezza io me ne lavo le mani! Per precisione io me ne lavo le mani! IO ME NE LAVO LE MANI!
TROISI: Ma fatte pure la doccia, Pila', che me ne importa a me!
(Entra Lello Arena. In testa porta un elmetto giallo con una sirena luminosa rossa. Indossa una maglietta imbrattata di sangue)
ARENA: Signò, signò è nato! Signò guarda che se io acchiappo gli innocenti faccio una strage! Faccio una strage!
TROISI: Ma tu chi si' Erode? Chillo del trono insanguinato e della strage degli innocenti?
ARENA: Più forte non sento signò!
TROISI: (Ripete tutto)
ARENA: Più forte non sento!
TROISI: (Ripete ancora una volta)
ARENA: Non sento!
TROISI: (Indicando la sirena luminosa) Ma pecché non chiudi sto coso!
ARENA: Signò, io faccio 'na strage!
TROISI: Erò! Guarda come te lo dico bello: «Tu vai a finì in galera.»
ARENA: Ma perché, secondo te, per una cosa di queste vado a finì in galera?
TROISI: Secondo me, scusa, dopo il trono insanguinato e la strage degli innocenti tu vai a finì in galera per nu' piezzo!
ARENA: Ci devo pensare. (Esce di scena)
TROISI: E mi fece mio marito «non ti preoccupà, non ti preoccupà». Allora uno ci disse «guardate, io ho il lavoro però si tratta di un lavoro nero per sua moglie». Mo', non per dire no... mio marito a me mi vuole 'nu bene e' pazz', non mi fa spostà 'na seggia da qua a là, allora ha detto «no, mi dispiace, ma no. Se devo mandare a lavorare mia moglie... Preferisco una casa umile ma onesta». E chist'ha detto «guardate noi abbiamo del lavoro, ma si tratta di lavoro a cottimo». A questo punto mio marito è rimasto nu' poco e ha detto «scusate, ma è possibile che a Napoli solo lavoro non se ne trova, sempre co' n'ata parola vicina addà sta...».
(entra il Cherubino)
TROISI: Ma mo' che vuoi?
DECARO: Sto creando l'atmosfera celestiale.
TROISI: E non la puoi creare più in là?
(Gabriele entra sbattendo i piedi)
ARENA: Annunciazione! Annunciazione!...
TROISI: (Guardandolo sfinito e compassionevole) Gabriè tu si scemo! Mio marito ha detto «va bene» ha detto «sì, se posso lavorare di meno tanto di guadagnato». E chillo: «allora non ci siamo capiti, ho detto che tengo per voi un lavoretto...» e mio marito: «scusate un lavoretto... lo dice la parola un lavoretto» e chisto ha detto: «no, non ci siamo capiti... no, non guardate a me, guardate la mano!» Come mio marito ha afferrato sta cosa della mano ha detto no! E allora voi direte: «ma se facessero tutti quanti accussì a Napoli non faticasse nisciuno?» e invece io vi rispondo: «Sì, non faticasse nisciuno!»
(Entra Decaro con canotta e elmo)
DECARO: Signò , io me ne lavo le mani! Io me ne lavo le mani! 'O paese è piccolo, la gente parla... Pilato di qua, Pilato di là. Poi quand'è il momento mi mandate a chiamare, vengo con spada e bastone.
TROISI: Porta pure coppe e denari! Tanto è diventata 'na cantina è diventata...
ARENA: (Vestito da Re Magio) Permesso signora... Nel libro del Destino...
TROISI: No, no, no, scusate ca' libri qua non ce ne servono. E chesta è 'na povera casetta di pescatori e enciclopedie e cose non ce ne servono.
ARENA: Signora, ma io sono un Re.
TROISI
: Un Re?
ARENA: Sono venuto dal lontano Oriente per portarvi in dono...
TROISI: L'oro?
ARENA: No! Sono venuto dal lontano Oriente per portarvi in dono...
TROISI: L'incenso.
ARENA: No! Sono venuto dal lontano Oriente per portarvi in dono...
TROISI: (Fa una smorfia delusa) La mirra...
ARENA: La mirra!
TROISI: Io 'o sapevo. Come si può fare... Mo' tre sono i Re Magi e chi mi capita a me? Chillo colla mirra. Ca poi che è sta mirra? Nun aggio capito che è sta mirra.
ARENA: La mirra è un'erba medica che si dà agli ammalati...
TROISI: Mamma mia d' 'o Carmine!
ARENA:
Ai moribondi...
TROISI: Mamma mia! Per piacere, Magio, mettila loco. Già stammo accussì belli cumbinati cca'!
ARENA: Hai visto la stella, che bella che bella! Lo disse il profeta che è la Cometa!
TROISI: Magio! Magio... pe' piacere, aggio... sto parlando... (Esce il Re Magio e entra il Cherubino che però questa volta non suona) Che? Senza atmosfera celestiale stasera?
DECARO: Gabriele non ci sta?
TROISI: No, nun ce sta!
DECARO: Ma è venuto?
TROISI: Ma perché, mo vi date l'appuntamento cca'?
DECARO: Ha lasciato detto qualcosa?
TROISI: Nun ha lasciato detto... tu sai come fa, viene ca', sbatte i piedi pe' terra, suona 'a trumbetta e se ne va.
DECARO: Ma torna?
TROISI: Non ha lasciato detto niente!
(Entra Gabriele sbattendo i piedi e suonando la trombetta)
ARENA: Annunciazione! Annunciazione!
DECARO: Aspetta! Aspetta!
ARENA: O Marì! Marì! Avimmo sbagliato casa!
(Squilla il telefono)
TROISI: Ma comme avite sbagliato casa, io v' 'o sto dicendo a' tre ore...Scusate, il telefono. Pronto! Sì Signore, sì Signore. (E si inginocchia) Sì, so' venuti tutti quanti Signore... no, non mancava nisciuno Signore... Troppo nu fastidio Signore... Non lo dico pe' vo rinfaccià, figurarsi. Ah, hanno sbagliato tutto... e sì... è scemo Gabriè Signò! No! io lo dico per Voi Signore... ma vi andate a mettere in mano a certa gente che chillo nun ci vede... lo so... è scemo... Signò, mio marito fa 'o pescatore... ho capito, ho capito. Va bene Signore, va bene. E lo so, hanno sbagliato... e che vulite fa Signò... vedete che si aggiusta tutto. E lo so... lo so... avevate organizzato tutto per il 24 e mo' invece... e lo so Signò e che volete fa'...quando chillo è scemo. E lo so... sì Signo è chillo ch'ha dato più fastidio. Entra e sbatte chilli piedi pe' terra... va bene... ho capito...serve per dare più importanza... Signò mio marito fa 'o pescatore... E lo so, mo state nu' poco alterato... no... nun facite accussì però... no... no... SEMPRE SIA LODATO SIGNORE! Che so' sti 'ccose in bocca a Voi, per piacere Signore... e non sta bene... lo so, ho capito... mio marito... lo so, Signore, ho capito... va bene Signore. Arrivederci Signore, buone cose! Mamma mia come stava agitato chisto... d'altronde aveva ragione... pure io quando aspettavo 'o primo figlio stavo strana...!

 

Indietro