Chi sono?     Cosa dicono?    Ugo Albano

 

 

 

 

 
 

 

La CONNESSIONE   DISCONNESSA

 

- i rischi di internet sulla mente umana -

 

 

 

 

“Era meglio quando si stava peggio” recita il vecchio detto: oggi più che mai la saggezza popolare ci aiuta a comprendere i tempi odierni. Questi tempi mostrano un paradosso: siamo in contatto con tutto il mondo, ma non con chi ci sta di fronte. Internet è stata indubbiamente una rivoluzione sulla comunicazione umana, con innegabili benefici, ma anche con pericolosi rischi di alienazione. L'uso delle tecnologie richiede, oggi più che mai, una grande consapevolezza non solo nell'uso, ma anche e specialmente per evitarne l'abuso. Il grande rischio è evidente nelle giovani generazioni, i cosiddetti “nativi digitali”, in cui, se il virtuale sostituisce il reale, ci si rende poi di fatto  strutturalmente incapaci di relazioni vere. Ne parliamo? Se ti interessa leggere tutto, vai all'articolo completo.

(N.B.: usa i contatti a destra per ingrandire e sfogliare)

 

 

 

 

 
 

a proposito dell'

assistente sociale apicale

 

 

 

"Che mi ha portato a fare a Posillipo, se non mi vuoi più bene?", recitava una vecchia canzone napoletana. La metafora la uso per invitare ad una riflessione i colleghi magistrali, dopo l'oggettiva considerazione dell'inutilità della Laurea Magistrale in politiche sociali. Al tema ho dedicato un lungo articolo diviso in più parti pubblicato in più puntate sul portale degli assistenti sociali. Se ne hai voglia, puoi leggerli: prima parte, seconda parte, terza parte, quarta parte, quinta parte, sesta parte, settima parte, ottava parte. 

 

 

 

 
 

La DIGNITA'  nel MORIRE

intervento sociale,  bioetica, cura del fine vita

 

 

 

Dopo anni di vendita si è esaurito il libro "la dignità nel morire". Si tratta di un testo specifico per assistenti sociali, dedicato al lavoro sociale nella non autosufficienza. Un testo utile per i colleghi alle prese con la terza età o con le malattie invalidanti: dalle case di riposo ai servizi domiciliari, dagli sportelli sociali alle unità di valutazione multidimensionale, l'assistente sociale è infatti chiamato a confrontarsi di continuo con la morte e la sofferenza, sono necessarie quindi  competenze relazionali col morente e con i familiari che nessun libro ancora spiegava bene. Ci abbiamo pensato noi: tutti gli autori sono infatti assistenti sociali in servizio. Motivo di nostro orgoglio!

 

Prima della messa fuori commercio del libro me ne sono fatte spedire dall'editore un pò di copie. Chi ne volesse una può contattarmi senza problemi.

 

 

 

 

dedicato a te ...

            

 

              CONSULENZE                 

 

 

 

             FORMAZIONI                 

 

 

             GIORNALISMO                         

 

                                                                              

                                                                                      PER CONTATTARMI  

 

area personale
 Sito aggiornato dall'autore il 18 febbraio 2017   

PER CONTATTI    

   

  L'AUTORE