COMUNIcando

Associazione culturale noprofit

pace.jpg (6987 byte)

 

 

 

Auguri di Natale 2015

L'amore per la scuola pubblica

8 marzo

Il sito di Maria Teresa Torti

 

posta.gif (15009 byte)

testata-a.gif (9167 byte)testata-b.gif (16306 byte)testata-c.gif (12028 byte)testata-d.gif (8005 byte)

 

Il giorno della memoria 2015

Saggio sui paesi

Diritti individuali

Salviamo la Costituzione

Comunicando:assemblea 2017

 

pace.jpg (6987 byte)

-- yo yo mundi

associazione italiana storia orale

Documentario : LE   RADICI  NASCOSTE Solero attraverso le immagini

LO  STATUTO

Ha sede legale in Quargnento via Marconi 13.
L’Associazione non ha fini di lucro e si pone come esclusivo scopo il perseguimento di finalitÓ di solidarietÓ sociale.
Articolo 2) 
Scopi
Gli scopi perseguiti dall’Associazione sono:
  1. assistenza e comunicazione sociale: creare rapporti di conoscenza, collaborazione, amicizia tra gli abitanti dei paesi per superare l‘isolamento e vincere l’indifferenza.
  1. istruzione: divulgare il sapere, la consapevolezza e la partecipazione democratica anche in collaborazione con le scuole, facendo da supporto e da integrazione nell’ambito culturale.
  1. formazione: combattere l’ignoranza e la passivitÓ, vere emergenze del terzo millennio e fonti primarie delle nuove povertÓ, attraverso progetti di educazione permanente e di presa di coscienza. Organizzare corsi, seminari, tavole rotonde, trasmissioni radiotelevisive, documentari e produzioni video, pubblicazioni anche in collaborazione con altre Associazioni.
  1. tutela, promozione e valorizzazione delle cose di interesse artistico e storico: valorizzare le radici e le tradizioni locali attraverso ricerche, iniziative, mostre ed ogni altra attivitÓ di promozione pubblica anche in collaborazione con Associazioni ed Enti locali. Sviluppare la ricerca delle tradizioni popolari con un approccio antropologico ed etnico, ricostruzioni di storia locale senza trascurare le fonti orali (dialetto). Tali iniziative favoriscono la presa di coscienza degli abitanti dei piccoli paesi, stimolano la partecipazione diretta e consapevole in tutte le forme ritenute degne ed efficaci.
  1. tutela e valorizzazione della natura e dell’ambiente: operare per la preservazione dell’ambiente in ogni sua collocazione. Questo al fine di contribuire a rendere i piccoli paesi una realtÓ viva e propositiva, dove la qualitÓ della vita si intreccia agli aspetti naturalistico-ecologici, alla dimensione culturale ed etica, alla ‘gioia di stare con gli altri.
  1. promozione della cultura e dell’arte: sviluppare la creativitÓ attraverso momenti di festa, occasioni di confronto artistico tra le diverse arti e i nuovi linguaggi. Organizzare performance di poesia con poeti e giovani talenti, incontri musicali, fruizione ed educazione all’immagine (video, cinema ecc.) ed ogni altra iniziativa utile a questi fini, anche in collaborazione con altre Associazioni. In particolare le attivitÓ sono volte a contrastare la passivitÓ e l’isolamento tra i giovani, spesso privi di centri di aggregazione e di socializzazione.
  1. tutela dei diritti civili: sensibilizzare ognuno al fine di una presa di coscienza critica sull’era della globalizzazione coniugando la solidarietÓ multietnica con il rispetto per le radici e le tradizioni locali. Mettere al centro delle iniziative i diritti umani e civili, creare momenti di incontro con testimoni ed esperti, corsi di formazione alla tolleranza razziale ed al rispetto delle identitÓ. Confronto con associazioni di volontariato, conoscenza e collaborazione con esperienze di solidarietÓ nazionale ed internazionale.

Alessandria 21 dicembre 1999.