speranza

Speranza Cristiana

italiano español
Home ¦  Speranza ¦  Anelito ¦  Cristiana ¦  Escatologica ¦  Grido ¦  Sorgente ¦  Biblica ¦  Evangelica ¦  S. Agostino ¦  S. Paolo ¦  S. Tommaso ¦  S. Caterina ¦  Virtù ¦  Catechismo ¦ 
 
Speranza
Siti da visitare
Gruppo di preghiera
Preghiera e intercessione.
Maria Vergine
Un richiamo irresistibile.
San Giuseppe
Un grande Patriarca.
San Benedetto
Contro malattie e malefici
Inferno
Una terribile realtà.
Paradiso
Vado a prepararvi un posto.
Amore e passione
La passione di Gesù Cristo
Miracoli Eucaristici
Le Ostie in carne viva.
Miracoli
Segni della presenza divina.
Meditazioni
Il respiro dell'anima.
Apparizioni mariane
Maria segue l'umanità.
Gli Angeli
Esseri che ardono di amore.
Accendi la speranza
La vera gioia.
Purgatorio
Fratelli che tendono la mano.
Lectio divina
La Parola vivifica il cuore.
Santuario di Oropa
Il cuore di Maria
Il Peccato
Non solo trasgressione.
Viaggio interiore
Un cammino nella psiche.
Caterina Emmerick
Narra la via Crucis.
L'amicizia
Un vero sentimento.
Essere cristiani
Aspirazione per ogni cuore.
I primi venerdì
Al Sacro cuore di Gesù.
Decalogo
I dieci comandamenti.
Maria Valtorta
La Passione.
La Misericordia di Dio
Padre d'infinita pazienza.
Anima
Incredibile energia
La preghiera
Un mezzo efficace
Il Demone
Un seduttore.
Precedente  

La speranza cristiana provoca una sorgente di senso e chiede di rimanere fedeli a una fede certa, mentre la speranza umana è solo un appiglio per non naufragare nel mare delle difficoltà e dei disastri. Tuttavia vi è la tendenza di considerare la speranza cristiana come un'utopia, come un voler tendere a un qualcosa che non si può raggiungere e di conseguenza di essere esposti all'incertezza e alla delusione. Manca, in definitiva, la certezza di poter raggiungere il traguardo prefissato.

Nella lettera agli Efesini l'Apostolo Paolo menziona: "Ricordatevi che in quel tempo eravate senza Cristo, esclusi dalla cittadinanza d'Israele, estranei ai patti della promessa, senza speranza e senza Dio in questo mondo" (Ef 2,12). L'Apostolo sapeva che i gentili avevano una religione mitologica zeppa di dèi e miti e dai quali non proveniva nessuna speranza. Popoli che brancolavano in un mondo buio e il cui destino era oscuro, per questo Paolo rende evidente l'elemento che distingue i cristiani: "Conoscono Dio e in Dio hanno un futuro", sanno, in definitiva, che la loro vita non finisce nel vuoto".

Il Cristiano spera e crede nell'intervento del Signore Gesù a favore del suo popolo e questa speranza, in Paolo, acquista un tratto escatologico poiché si tratta di un incontro, direi definitivo, tra il credente e Gesù Cristo. Questo incontro particolare cambia l'esistenza, poiché le stupende regole morali evangeliche devono tradursi nell'agire dell'uomo cristiano. L'agire del credente non poggia quindi su un pensiero filosofico, ma su una persona che è il Figlio Unigenito di Dio, cioè Dio. "Tu però rimani saldo in quello che hai imparato e che credi fermamente. Conosci coloro da cui lo hai appreso e le sacre Scritture fin dall'infanzia: queste possono istruirti per la salvezza, che si ottiene mediante la fede in Cristo Gesù" (2 Tm 3,14-15).

Il cristiano è ricolmo di speranza poiché Gesù è al centro di tutta la Sacra Scrittura. L'esistere del credente deve essere segnato da un trasporto docile verso il suo Maestro. A tal proposito dice il Salmo: "Il Signore è il mio pastore: non manco di nulla; su pascoli erbosi mi fa riposare ad acque tranquille mi conduce". L'esperienza della Parola è dunque origine e meta della vita cristiana che trascende e anima la speranza del credente.

La relazione tra fede e speranza è intrinsecamente collegata a Cristo che è il fondamento e motivo della stessa esistenza. "La fede è fondamento di ciò che si spera e prova di ciò che non si vede" (Eb 11,1). Solo se il credente ha fiducia in Gesù, può sperare e la speranza, da parte sua, può nutrire e custodire la fede. Con questo presupposto ciò che si crede diventa ciò che si spera: "Il Dio della speranza vi riempia, nel credere, di ogni gioia e pace perché abbondiate nella speranza per la virtù dello Spirito santo" (Rm 15,13).

La speranza, non va dimenticato, è certezza nel futuro in forza di una realtà presente determinata da quella Presenza che la fede ci indica. Il cristiano testimonia la speranza vivendo nella fede realizzando così l'essenza del suo esistere. La speranza, che affonda le radici nell'amore, non delude: "In speranza infatti siamo stati salvati. Ora, ciò che si spera, se è visto, non è più oggetto di speranza; infatti, ciò che uno vede, come potrebbe sperarlo? Ma, se speriamo quello che non vediamo, lo attendiamo con perseveranza" (Rm 8,24).

L'uomo moderno spesso pensa solo a se stesso e ricerca unicamente ciò che lo rassicura, così sbarra verso la strada verso un futuro e verso la speranza!

L'uomo che spera è una persona che in continuazione ha cercato ed è stato raggiunto del Risorto. È bene ripetere che cercare Gesù è il presupposto per incontrarlo. Solo che cerca trova: "abbiamo trovato colui del quale hanno scritto Mosè, nella legge, e i Profeti: Gesù, figlio di Giuseppe di Nazareth" (Gv 1,41-45).

Il messaggio biblico è un itinerario di conversione: "Voi sapete che non ha prezzo di cose effimere, come l'argento e l'oro, foste liberati dalla vostra condotta, ereditata dai padri, ma con il sangue prezioso di Cristo" (1 Pt 1,18-19). Il testimone della speranza è chi annunzia la "promessa della vita è in Cristo Gesù" (2 Tm 1,1) e racconta l'esperienza di un incontro che ha toccato la sua vita, il suo cuore nonostante la propria debolezza e fragilità.

Credere nel Risorto apre a quella speranza di chi sa tenere lo sguardo fisso in Gesù Cristo nostro Signore il quale ci ha aperto le porte dell'eternità.

La speranza cristiana e strettamente connessa sia alla fede sia alla carità, compagne di viaggio che la abbandonano mai. La speranza non può deludere perché sorge dalla fede e si alimenta con l'amore. "La speranza poi non delude, perché l'amore di Dio è stato riversato nei nostri cuori". (Rm 5,5). Ecco che l'amore di Dio è dunque il sostegno e il fondamento della speranza, in forza del suo Amore potremo superare tutto ciò che è motivo di sofferenza: "cinque volte dai Giudei ho ricevuto i trentanove colpi, tre volte sono stato battuto con le verghe, una volta sono stato lapidato, tre volte ho fatto naufragio, ho trascorso un giorno e una notte in balia delle onde". (2 Cor 11,24).

Dio ha rivelato e promesso all'uomo una speranza certa: "Vi è un futuro definitivo nell'eternità", questo dovrebbe cambiare il modo di vivere per attendere una gioia che mai avrà fine dove il tempo non ci sarà più.

La speranza vince sempre la paura, poiché dona il coraggio non rimanere fermi, di aprire la porta per varcare la soglia e mettersi alla sequela di Cristo, e trovare il Lui il senso della vita. Si troveranno così nuovi orizzonti che compenseranno il presente e doneranno un futuro radioso.

  Santi e Beati:
SperanzaSan Francesco di AssisiSperanzaSan Antonio da Padova
SperanzaSanta Teresa di LisieuxSperanzaSanta Rita da Cascia
SperanzaSanta LuciaSperanzaSanta Gemma Galgani
SperanzaSan Antonio GalvaoSperanzaSanta Elisabetta
SperanzaSanta Caterina LabouréSperanzaSan Giovanni Bosco
Per informazioni:  monastery@tiscali.it gruppo di preghiera Numero accessi: visite  
Speranza - Tutti i diritti riservati