Community
 
Aggiungi lista preferiti Aggiungi lista nera Invia ad un amico
------------------
Crea
Profilo
Blog
Video
Sito
Foto
Amici
   
 
 

"Anna dai Capelli Rossi" 

è uscito in Giappone nel 1979. E' arrivato in Italia nel 1980. Gli episodi sono 50. Produttori: Nippon Animation. Titolo giapponese: Akage no An.

Protagonisti: Anna, Diana, Matteo, Marilla, Gilbert

 

La storia

Anna Schirley è una ragazzina orfana che viene adottata dal vecchio Matthew e dalla burbera Marilla, che in realtà voleva un maschio che potesse aiutarli nel lavoro dei campi; per fortuna di Anna, i due la trattano come una figlia, senza risparmiare ogni sacrificio per farla studiare. Lei si applica tantissimo, e diventa prima in tutto. Purtroppo a scuola viene presa in giro da tutti per il colore dei sui capelli: i bambini fetenti la chiamavano pel di carota e lei si difendeva chiamandoli ignoranti (le carote non hanno peli). Il più odioso di tutti è lo smargiasso compagno di classe Gilbert, un moccioso all'apparenza antipatico ma in realtà segretamente innamorato della bambina. Così, tra un'avventura nel bosco e un piagnisteo per l'ennesimo scherzo, la piccola Anna cresce nella natura incontaminata di Avonlea e, divenuta grande, oltre ad affermarsi come grande scrittrice, impara finalmente fidarsi di Gilbert e a ricambiare il suo amore. Tratto dal primo dei sei romanzi di Lucy Maud Montgomery (Anne of Green Gables) questo cartone rinnova la serie degli orfanelli (Candy Candy, Georgie, Remi) ma riesce a non sbrodolare nel lacrimevole e difficilmente ricorre alle bassezze tipiche del filone (morte improvvisa di amici, parenti e animali cari).

Pur essendo un anime per bambine risulta molto avvincente. In più è uno dei primi cartoni a trattare, anche se in maniera piuttosto blanda, il tema della diversità: i capelli rossi di Anna, in realtà molto belli, sono per lei una vera disperazione e per gli altri un ottimo motivo per prenderla in giro. Solo da grande riuscirà ad accettarli, come accetterà se stessa e l'amore di Gilbert.

La sigla di Anna dai Capelli Rossi