MARINA IMPERIALE


KIDO BUTAI


CLASSE ZUIKAKU


PORTAEREI ZUIKAKU

(GRU VOLANTE) 瑞鶴

"LA PIU' PRESTIGIOSA PORTAEREI DELLA MARINA GIAPPONESE"

La portaerei di classe Zuikaku furono probabilmente le migliori portaerei costruite dal Giappone. Velocissime, potenti, ben difese e corazzate erano in grado di scatenare una poderosa forza di offesa aerea. Combatterono eroicamente in tutte le battaglie in cui parteciparono e si dimostrarono difficilmente affondabili (al contrario della Akagi e della Kaga, le quali al primo serio attacco saltarono in aria). Diedero filo da torcere quasi da sole all'intera flotta americana. Non è un caso che parteciparono alle vittorie navali più prestigiose del Giappone. Per due anni, dopo Pearl Harbour, rappresentarono il sogno più ambito e prestigioso di ogni pilota di bombardiere e di areosilurante della flotta americana. Furono sopraffatte solo quando si trovarono di fronte soverchianti forze nemiche e non furono più supportate da piloti veterani e abili ma solo da principianti (non dimentichiamoci mai che alle Midway il Giappone perse sì due portaerei pesanti e due leggere ma soprattutto duecento cinquanta espertissimi piloti che non furono più degnamente sostituiti). Se il Giappone nel 1942 avessero avuto il potenziale industriale per costruire una decina di portaerei della classe Zuikaku (come fecero gli americani con le Essex) e naturalmente avesse avuto validi piloti per armarle avrebbe potuto sperare di vincere la guerra! Eroiche. (Shinano)


STORIA

La portaerei Zuikaku partecipò al bombardamento di Pearl Harbour insieme alla gemella Shokaku, all'ammiraglia Akagi, alla Kaga. alla Soryu e alla Hiryu (questa formazione fu la più poderosa che il Giappone riuscì a proporre in tutta la guerra del Pacifico). La Zuikaku partecipò con la gemella Shokaku e la portaerei leggera Soho alla battaglia del Mar dei Coralli (agosto 1942). Durante questa battaglia il Giappone perse la Soho, la Shokaku e la Zuikaku furono seriamente danneggiate, ma gli americani persero la gigantesca Lexington e salvarono per miracolo la Yorktown.

I danni patiti in questa battaglia impedirono ad entrambe le navi di partecipare alla battaglia delle Midway. Nella battaglia delle isole Salomone (agosto 1942) la Sokaku e la Zuikaku vendicarono le portaerei giapponesi affondate alle Midway. Durante questo scontro fu infatti affondata la Hornet e gravemente danneggiata la Enterprise. Dopo due anni di relativa inattività la Zuikaku e la Shokaku, insieme alla nuovissima Taiho. furono mandate al massacro contro ben undici portaerei americane della classe Essex. Si salvò solo la Zuikaku, che fu però gravemente danneggiata. Per la cronaca in questa epica battaglia i giapponesi persero più di cinquecento aerei (rimase famosa come il "tiro al piccione delle Marianne") contro i soli duecento americani.

Rimessa in sesto partecipò alla battaglia di Leyte. Riunita in formazione , comandata dall'Ammiraglio Ozawa,insieme alle portaerei leggere Cyioda, Chitotse e Zuiho fu mandata a farsi distruggere con pochissimi aerei, pilotati da piloti inesperti, per attirare la flotta americana a nord verso Capo Emgano mentre la flotta di corazzate di Kurita (nave ammiraglia era la Yamato) doveva affondare le portaerei a Leyte e tagliare i rifornimenti alle truppe appena sbarcate. Fatto sta che le quattro portaerei giapponesi si trovarono di fronte una flotta composta da sette portaeri pesanti (Hornet, Hancock, Intrepid, Lexington, Essex, Franklin, Enterprise) sette "corazzate superveloci" (e potentissime!) (New Jersey, Iowa, Massachussets, Washington, South Dakota ed Alabama), due incrociatori pesanti (Wichita e New Orleans), sei incrociatori leggeri e diciotto cacciatorpedinieri.

L'esito scontato dello scontro vide la distruzione della flotta di Ozawa. La Zuikaku, dopo essere stata ripetutamente attaccata dagli aerei e ridotta ad un rogo incontrollabile fu affondata da siluri lanciati dalla Essex e dalla Lexington, il 25 ottobre 1944, presso Capo Engano.


CARATTERISTICHE TECNICHE

Nave Zuikaku
Tipo CV
Cantiere Kawasaki, Kobe
Impostazione 11 dicembre 1937
Varo 27 novembre 1939
Entrata in servizio 26 settembre 1941
Affondamento 25 ottobre 1944 (battaglia di Capo Engano)
Lunghezza 257.47 metri
Larghezza 26,05 metri
Immersione 8,83 metri
Dislocamento 29.800 tonnellate
Velocità 34,2 nodi
Combustibile 3500 tonnellate
Autonomia 9700 miglia
Armamento 16 cannoni da127 mm.a.a., 36 mitragliere da 25mm., 72 aerei pronti;12 aerei di riserva, 3 elevatori
Equipaggio 1660

LA PAGELLA DELLO SHINANO

CARATTERISTICHE:

VOTO

MOTIVAZIONE

STAZZA:

8

29.800 tonnellate: buone per l'epoca

APPARATO MOTORE

9

ottimo per l'epoca

VELOCITA'

10

34,2 nodi: eccezionali per l'epoca

COMBUSTIBILE

8

buono per l'epoca

AUTONOMIA

9

9700 miglia, ottima per l'epoca

ARMAMENTO

9

ottimo per l'epoca

PROTEZIONE

9

ottima alla cintura, buona sul ponte di volo

CAPACITA' OFFENSIVA

10

72 aerei: buona forza di attacco per l'epoca (aveva i migliori piloti giapponesi)

STORIA

10

per quattro anni è stata il pericolo numero uno per gli americani

VOTO FINALE

9

la migliore portaerei mai prodotta dal Giappone

PUNTEGGIO FINALE

82

 tra le migliori portaerei di sempre!

PORTAEREI ZUIKAKU STORIA E CARATTERISTICHE TECNICHE

PORTAEREI ZUIKAKU FOTOGRAFIE

PORTAEREI ZUIKAKU ASSONOMETRIA

PORTAEREI ZUIKAKU SCHEMA COSTRUTTIVO

KIDO BUTAI

GIAPPONE

BATTAGLIA DEL MAR DEI CORALLI

BATTAGLIA DELLE MARIANNE

PORTAEREI NELLA STORIA

NAVI DA GUERRA

PORTAREI NELLA STORIA- GIAPPONE -PORTAEREI ZUIKAKU