MARINA IMPERIALE

KIDO BUTAI

PRIMA DIVISIONE POARTAEREI


PORTAEREI AKAGI (赤城)

ORIGINALE

(CASTELLO ROSSO)

Il programma navale giapponese del 1920 prevedeva la costruzione di una classe di incrociatori da battaglia del dislocamento di 42.000 tonnellate, armati con 10 cannoni da 406 mm e aventi una velocità di 30 nodi. Queste unità furono impostate tra la fine del 1920 e i primi mesi del 1921, ma non furono ultimate perche superavano il dislocamento consentito dal trattato di Washington, però fu permesso alla Marina giapponese di utilizzarle e completarle come navi portaerei. Per questa trasformazione furono scelti l' Akagi (castello rosso, nome di una montagna giapponese) e l' Amagi (castello celeste) che era stato varato nell' Arsenale di Yokosuka nel novembre 1922. Però quest'ultima unità non pote essere completata, perche in un terremoto del settembre 1923 lo scafo fu incendiato e danneggiato così che al suo posto fu trasformata la corazzata Kaga.  La Akagi fu costruita sul modello della Furious e delle due Courageous inglesi, cioè con ponti di volo "a scalino" di diversa lunghezza, che in origine erano tre. Quello più basso, che era sostenuto da montanti elevantisi sul ponte di coperta, si estendeva fino a prora estrema, restringendosi per seguire le forme dello scafo sottostante. Quello intermedio si arrestava a circa 1/5 della lunghezza da prora e quello più elevato giungeva fino a 1/4 della lunghezza da prora. Il ponte più elevato, che costituiva il vero ponte di volo, aveva una forma praticamente rettangolare e, non essendoci alcuna isola, la sua superficie restava completamente libera per le manovre degli aerei.  Esisteva solo un minuscolo casotto di rotta nella parte prodiera di destra di tale ponte, seguito da un semplice albero. I fumaioli erano due, ambedue sporgenti esternamente sul lato destro. Quello prodiero era più grande e ripiegato verso l'esterno e verso il basso; quello poppiero era più piccolo, verticale e sporgeva un poco al di sopra del ponte di volo.  Le aviorimesse erano su tre livelli ed erano contenute in una struttura centro prodiera, così che il ponte di volo superiore nella parte poppiera era sostenuto da degli alti pilastri elevantisi sul ponte di coperta. Per trasportare gli apparecchi dalle tre aviorimesse fino sul ponte di volo superiore, vi erano due elevatori, spostati sul lato destro. Quello prodiero, che si trovava a centro nave, era di dimensioni maggiori; quello poppiero, che era più piccolo, si trovava nella zona poppiera del ponte stesso.  Gli aerei che venivano lanciati dai due ponti di volo inferiori di prora, non avevano bisogno di elevatori, ma uscivano attraverso un portellone prodiero nel rispettivo ponte. L'armamento principale antinave era costituito da 10 cannoni da 203 mm ed era suddiviso in due settori: quello prodiero, costituito da due torri binate poste ai lati del ponte di volo inferiore, sotto la estremità prodiera del ponte intermedio, e quello poppi ero costituito da 6 pezzi singoli in casamatta, tre per lato, a livello del ponte di batteria. Nel 1933 le due torri prodiere da 203 mm furono alzate e dal ponte inferiore passarono al livello del ponte intermedio. La protezione era costituita da una cintura a murata estendentesi solo nella zona centrale dello scafo con spessore massimo di 254 mm e in una corazzatura delle casematte poppiere. L'apparato motore era su quattro eliche azionate da quattro gruppi di turbine; il vapore era generato in 19 caldaie, le quali scaricavano nei due fumaioli sul lato destro.

L'Akagi rappresenta la tipologia delle portaerei di seconda generazioni, costruite dopo la Prima Guerra Mondiale e derivate da navi da battaglia, come la cugina Kaga e le americane Lexington e Saratoga. La sua forma con tre ponti a scalino permetteva di far partire contemporaneamente gli aerei dai ponti inferiori e di farli atterrare su quello superiore. Nel momento in cui la tecnica degli aerei migliorò e si rese necessario un ponte di volo più lungo divenne necessario ristrutturare l'intera nave e creare un unico ponte superiore. La presenza delle due grandi torri prodiere con cannoni è tipica degli anni Venti, in un'epoca in cui si pensava che una portaerei dovesse difendersi dalle altre navi non solo con gli aerei ma anche con i propri cannoni. Anche le gemelle americane Lexington e Saratoga avevano cannoni di questa tipologia. Quando negli anni Trenta ci si rese conto che le portaerei dovevano essere difese da task force di scorta e dai propri aerei i cannoni diventare obsoleti e furono eliminati. 

Il gruppo aereo dell'Akgi alla fine degli anni Venti e negli anni Trenta era il migliore al mondo, dal 1928 al 1929 fu comandata niente meno che da Yamamoto.

In definitiva l'Akagi originale rappresentava il meglio delle portaerei degli anni Venti! (Shinano)

PORTAEREI AKAGI STORIA E CARATTERISTICHE TECNICHE

PORTAEREI AKAGI FOTOGRAFIE

PORTAEREI AKAGI SCHEMA COSTRUTTIVO

PORTAEREI AKAGI DOPO LE MODIFICHE DEL 1936

MARINA IMPERIALE (GIAPPONE)

PORTAEREI NELLA STORIA
NAVI DA GUERRA
PORTAEREI NELLA STORIA- MARINA IMPERIALE - PORTAEREI AKAGI - CARRIER AKAGI -