Passione

#

Gesù muore

Questo buio impressionante che avvolge la creazione nell'estremo limite della morte di Gesù, non è altro che un simbolo di un'altra eclissi di estrema radicalità che incombe dentro la coscienza del Figlio di Dio fatto uomo che prova in sé, per libera scelta d'amore estremo, che significa la perdita totale del Padre.

GESÙ MUORE SUL PATIBOLO DELLA CROCE

Il profeta laico della morte di Dio nel nostro tempo è stato Nietzsche. Pagine drammatiche e stupende quelle della Gaia scienza dove annuncia che Dio è morto! Egli ha il coraggio di affermare che noi uomini l'abbiamo ucciso con la nostra negazione totale di lui. Ci siamo resi responsabili del più gran disastro per l'uomo. Senza Dio che cosa farà l'uomo? Dovrà aspettarsi gli orrori di una tragedia immane che si abbatterà su di lui. Purtroppo è stato proprio così. Nietzsche muore all'inizio del secolo che ha visto gli orrori di due guerre mondiali e che vede ancora la terra insanguinata dai conflitti assurdi e bestiali.

Questo filosofo famoso proponeva tuttavia una soluzione sbagliata: al vuoto lasciato dalla morte di Dio, affermava lo sforzo di un uomo superiore che poteva osare l'impossibile, avendo dentro di sé il fuoco divino della volontà. Una proposta elitaria che alla fine si rivelò assurda anche per lui colpito dalla follia, ma che continua ad affascinare le menti disilluse dalla nostra civiltà. Una sola è la risposta, quella che Nietzsche non volle capire: solo la morte di Gesù in croce è la vera morte di Dio che risorge dopo tre giorni a vita nuova. È da questo abisso di morte che sale la risurrezione per l'uomo senza Dio: tutti coloro che guarderanno a colui che hanno crocefisso saranno salvati dai loro peccati, dalla morte di Dio nel loro cuore. Dio morto nel cuore dell'uomo risorgerà subito nel momento stesso dell'invocazione e del pentimento.

Il corteo con il condannato giunge nel posto riservato a queste esecuzioni, ormai sono l'uomo dei dolori. Ecco la cima del monte dove sarò immolato. La croce deposta sul terreno mi attende. Tolte le vesti, le piaghe si sono riaperte sommando dolore al dolore. Ormai sono come una goccia nel mare in balia delle onde, sperduto nell'oceano della sofferenza. Trascinato sulla croce, hanno trafitto mani e piedi, che significa sentirsi lacerare la carne, non è possibile tradurlo in parole. Il dolore condotto dai nervi arrivò al capo in modo tremendo e devastante, ogni fibra del corpo sembrò annientarsi. I carnefici impietosamente infierivano sulle carni, ma io non ero un oggetto inanimato.

Ora, eccomi inchiodato sul legno. La superficie è rugosa, dura e dovunque è dolore. Le piaghe, le ferite, le spine nel capo e la marea del soffrire sale. La croce è innalzata e deposta nello scavo predisposto. Tutto il corpo è appeso ai chiodi e il torace compresso rende difficile la respirazione. I miei accusatori sono lì, come lupi famelici annusano il sangue della bestia ferita. Non soddisfatti esprimono un odio che si compiace nel vedermi martoriato, inchiodato e apparentemente indifeso. Per i loro schermi: salva te stesso (Mc 15,29-31) avrei potuto annientarli o compiere un prodigio, invece sono salito sulla croce, accettando di essere immolato, per pagare il riscatto di tutti.

Ora, però, comincia la lenta agonia. Il tempo sembra non passare mai, il corpo lotta contro la tremenda sofferenza che è ben al disopra della sopportazione. Ogni istante è la paga per tutte le iniquità passate, presenti, future, grava questo immane peso su di me. Ogni parte del corpo, nessuna esclusa, è torturata per il riscatto di tutti i peccati, compresa la mente. La tremenda ira del Padre sull'umanità perversa, ora si abbatteva con rigore sul proprio dilettissimo Figlio. Sì, ho riscattato le vostre colpe sulla mia carne. Lasciato completamente solo, io vedevo, dall'alto, rigore e ira, dal basso, scherni, sollazzo e in me dolore, dolore e ancora dolore. Quanta pena nel vedere ai piedi la mia Mamma, l'Apostolo e le pie donne. Ella soffriva e offriva con slancio. L'atroce sofferenza disintegrava tutte le mie viscere e scendeva nella mente e nel suo cuore che era unito al mio.

Quale amore la legava al martirio nel vedere il suo dilettissimo figlio spegnersi in quell'atroce sofferenza!
Il suo cuore urlava: che cosa ha fatto a voi?
Lui che è così buono, innocente e misericordioso, come l'avete ridotto! In quella bolgia di odio regalai ai carnefici e accusatori, ancora un atto d'amore: Padre, perdonali, perché non sanno quello che fanno.
(Lc 23,33-34).

Lì fece buio come le tenebre del male. Buio del dolore martirizzante, come il dilatarsi del tempo e dopo quasi tre ore d'agonia resi lo spirito al Padre.

Padre buono, Padre amoroso, accetta, con il mio sacrificio e con il sangue versato, queste creature. Ho donato tutto per loro, lava le colpe e le loro vesti col mio Sangue, affinché diventino candide come la luce, degne del tuo amore.
Tratto dal libro: "Aprirò una strada nel deserto"..

Se vuoi scrivere un tuo commento, clicca qui e noi lo pubblicheremo.

Ti potrebbe interessare