Prodigi Atti degli Apostoli

Fidelis Dei - Universo cattolico
Prodigi Atti degli Apostoli
Siti da visitare
monastero invisibile
Gruppo di preghiera.
Maria Vergine
Un richiamo irresistibile.
San Giuseppe
Un grande Patriarca.
San Benedetto
Contro malattie e malefici
Inferno
Una terribile realtà.
Purgatorio
Fratelli che tendono la mano.
Paradiso
Vado a prepararvi un posto.
Amore e passione
La passione di Gesù Cristo
Miracoli Eucaristici
Le Ostie in carne viva.
Apparizioni mariane
Maria segue l'umanità.
Gli Angeli
Esseri che ardono di amore.
Maria Valtorta
La Passione.
La Misericordia di Dio
Padre d'infinita pazienza.
La fede
Una virtù soprannaturale
La carità
Amore operante
Anima
Incredibile energia
La preghiera
Un mezzo efficace
Il Demone
Un seduttore.
  italiano español english Precedente  

Negli Atti degli apostoli sono riportati i prodigi non comuni che Dio operava attraverso Pietro, Paolo e gli altri apostoli come attività evangelizzatrice; anche grazie a questi prodigi molti credettero in Lui.

A Gerusalemme nel primo sommario Luca narra di «molti prodigi e segni miracolosi avvenivano per opera degli apostoli»; a Iconio in riferimento al primo viaggio missionario di Paolo e Barnaba, racconta che il Signore «rendeva testimonianza alla parola della sua grazia e dava che si operassero segni e prodigi per mano loro»; così il sommario dell'attività di Paolo a Malta: «Gli altri che nell'isola avevano malattie accorrevano e venivano guariti, i quali anche ci onorarono con molti onori e al momento del salpare, posero a (bordo) le cose (a noi) utili».

A Gerusalemme Pietro assieme a Giovanni guarisce il paralitico alla porta del tempio (3,1-11): Costui, vedendo Pietro e Giovanni che stavano per entrare nel Tempio, chiedeva loro l'elemosina... E Pietro gli disse: «Non possiedo né argento né oro, ma quello che ho te lo do: nel nome di Gesù Cristo, il Nazareno, alzati e cammina». Lo prese per la mano destra e lo sollevò. Di colpo i suoi piedi e le caviglie si rinvigorirono e, balzato in piedi, si mise a camminare, ed entrò con loro nel Tempio camminando, saltando e lodando Dio. Tutto il popolo lo vide camminare e lodare Dio e riconoscevano che era quello che sedeva a chiedere l'elemosina alla porta Bella del Tempio ed erano meravigliati e stupiti per quello che era accaduto.

Nel primo viaggio apostolico, pure Paolo guarisce un paralitico. C'era a Listra un uomo paralizzato alle gambe, storpio sin dalla nascita che non aveva mai camminato. Egli ascoltava il discorso di Paolo e questi, fissandolo con lo sguardo e vedendo che aveva fede di essere salvato, disse a gran voce: «alzati, ritto in piedi!». Egli balzò in piedi e si mise a camminare.

A Gerusalemme molti segni e prodigi avvenivano fra il popolo per opera degli apostoli ... intanto andava aumentando sempre più il numero degli uomini e delle donne che credevano nel Signore, tanto che portavano gli ammalati persino nelle piazze, ponendoli su lettucci e barelle, perché quando Pietro passava, almeno la sua ombra coprisse qualcuno di loro. Anche la folla delle città vicine a Gerusalemme accorreva, portando malati e persone tormentate da spiriti impuri, e tutti venivano guariti.

Pietro si recò dai fedeli che abitavano a Lidda. Qui trovò un uomo di nome Enea, che da otto anni giaceva su una barella perché era paralitico. Pietro gli disse: «Enea, Gesù Cristo ti guarisce; alzati e rifatti il letto». E subito si alzò. Lo videro tutti gli abitanti di Lidda e del Saròn e si convertirono al Signore.

A Malta, avvenne che il padre di Publio dovette a mettersi a letto, colpito da febbri e da dissenteria; Paolo andò a visitarlo e, dopo aver pregato, gli impose le mani e lo guarì. Dopo questo fatto, anche gli altri abitanti dell'isola che avevano malattie accorrevano e venivano guariti.

A Cipro, Paolo, pieno di Spirito santo, fissò gli occhi su il mago Elimas, e disse: «Uomo pieno di frode e di malizia, figlio del diavolo, nemico di ogni giustizia, quando cesserai di sconvolgere le vie del Signore? Ed ora ecco, la mano del Signore è sopra di tè: sarai cieco e per un certo tempo non vedrai il sole». Di colpo piombarono su di lui oscurità e tenebra, e barcollando cercava chi lo guidasse per mano. Quando vide l'accaduto, il proconsole credette, colpito dall'insegnamento del Signore.

Filippo, sceso in una città della Samaria, predicava loro il Cristo. E le folle, unanimi, prestavano ascolto alle parole di Filippo sentendolo parlare e vedendo i segni che egli compiva. Infatti da molti indemoniati uscivano spiriti impuri, emettendo alte grida, e molti paralitici e storpi furono guariti. E vi fu grande gioia in quella città.

Mentre andavamo alla preghiera, venne verso di noi una schiava che, avendo uno spirito maligno, faceva l'indovina e procurava molti guadagni ai padroni. Essa si mise a seguire Paolo e noi, gridando: «Questi sono servi del Dio Altissimo e vi annunziano la via della salvezza». Così fece per molti giorni finché Paolo, mal sopportando la cosa, si rivolse allo spirito e disse: «In nome di Gesù Cristo ti ordino di uscire da lei». E all'istante lo spirito uscì.

A Giafa c'era una discepola chiamata Tabità, nome che significa Gazzella, la quale abbondava in opere buone e faceva molte elemosine. Proprio in quei giorni si ammalò e morì ... udito che Pietro si trovava là, gli mandarono due uomini a invitarlo ... Pietro allora si alzò e andò con loro. Appena arrivato, lo condussero al piano superiore e gli si fecero incontro tutte le vedove in pianto ... Pietro fece uscire tutti e si inginocchio a pregare, poi, rivolto alla salma, disse: «Tabità, alzati!» Ed ella aprì gli occhi, vide Pietro e si mise a sedere. Egli le diede la mano e la fece alzare, poi chiamò i fedeli e vedove, e la presentò loro viva.

Ora un ragazzo di nome Èutico, seduto alla finestra, mentre Paolo continuava a conversare senza sosta, fu preso da un sonno profondo; sopraffatto dal sonno, cadde giù dal terzo piano e venne raccolto morto. Paolo allora scese, si gettò su di lui, lo abbraccio e disse: «Non vi turbate, è vivo!» Poi risalì, spezzò il pane, mangiò e, dopo aver parlato ancora molto fino all'alba, partì. Intanto avevano ricondotto il ragazzo vivo, e si sentirono molto consolati.


Siti da visitare
Lectio divinaLa Parola che vivifica il cuore.
Accendi la speranzaLa vita è meravigliosa non sciuparla.
Viaggio interioreUn viaggio tra la psiche ed i fantasmi della mente.
Caterina EmmerickMistica che narra la via Crucis.
Il PeccatoNon solo trasgressione.
Santuario di OropaIl cuore di Maria.
La speranzaA che serve la speranza?.
L'amiciziaUn vero sentimento.
MeditazioniIl respiro dell'anima.
Essere cristianiAspirazione per ogni cuore.
I primi venerdìAl Sacro Cuore di Gesù.
DecalogoI dieci comandamenti.
  Santi e Beati:
MiracoliSan Francesco di AssisiMiracoliSan Antonio da Padova
MiracoliSanta Teresa di LisieuxMiracoliSanta Rita da Cascia
MiracoliSanta LuciaMiracoliSanta Gemma Galgani
MiracoliSan Antonio GalvaoMiracoliSanta Elisabetta
MiracoliSanta Caterina LabouréMiracoliSan Giovanni Bosco
Per informazioni:  monastery@tiscali.it Numero accessi:visite  
Miracoli - Tutti i diritti riservati