Community
 
Aggiungi lista preferiti Aggiungi lista nera Invia ad un amico
------------------
Crea
Profilo
Blog
Video
Sito
Foto
Amici
   
 
 

Tutto sul preservativo




a cura della Adup - Associazione per la diffusione dell'uso dei preservativi.

Qui troverete tutte le risposte ai vostri dubbi e alle vostre incertezze sull'uso del profilattico e sul suo utilizzo nella prevenzione delle Malattie a Trasmissione Sessuale.

Le gioie dell'amore
Cos'è il preservativo
Storia e processo di produzione
Come usarlo
Preservativo e lubrificanti
Sesso sicuro
Scegliere è... Comodo!


Che cosa ci vuole per godere le gioie dell'amore sicuri e rilassati?
Naturalmente il preservativo!
Così come avete l'abitudine di pulirvi regolarmente i denti, così dovreste imparare ad usare il profilattico per abitudine. Un'abitudine nasce da una decisione presa una volta per tutte ossia quella di proteggervi con il preservativo sempre e comunque. Ma proteggersi da cosa? Il preservativo serve ad evitare gravidanze indesiderate ed è sicuramente uno dei metodi anticoncezionali più usati. Ma il suo uso serve anche e soprattutto a proteggersi dalle oltre 20 malattie a trasmissione sessuale (il cui veicolo di trasmissione, cioè, sono i rapporti sessuali). Prima fra tutte l'Aids.
Con il preservativo l'amore non ci perde nulla, la salute ci guadagna. La diffidenza verso l'uso del profilattico non deve, infatti, essere di ostacolo al vostro benessere fisico. E se pensate di non poter sopportare questa "corazza" al vostro piacere sessuale; se vi sentite un po' imbranati nell'usarlo (o addirittura non lo avete mai messo), se avete dubbi o incertezze in merito, allora non vi preoccupate! Siete capitati nel posto giusto.
Vi parleremo di preservativi e di tutto ciò che c'è da sapere su di loro: il preservativo può diventare il vostro "nemico" più alleato per la cura del benessere sessuale della vostra persona e di quella del vostro/a compagno/a.

Cos'è il preservativo
Il preservativo è costituito da una sottile guaina di gomma di lattice da inserire al momento del rapporto sul pene già eretto, prima di qualsiasi contatto genitale.
Tecnicamente parlando, quindi, il condom (preservativo in inglese) ha la forma di un sottile cappuccio in lattice, che al momento dell'erezione, prima che il pene entri in contatto con la vagina, va srotolato e infilato sull'organo maschile. In tal modo durante l'eiaculazione, si impedisce allo sperma maschile di entrare in vagina, eliminando così il rischio di una indesiderata gravidanza, nonché la trasmissione di virus legati alle malattie, il cui contagio avviene proprio tramite i rapporti sessuali. In commercio, oggi, ne esistono di svariati tipi e marche tra i quali scegliere quello più adatto alle nostre esigenze: sottili, anatomici, ritardanti, colorati, ecc..

La storia e il processo di produzione
Il profilattico non è un'invenzione recente: l'uomo ha sempre cercato di difendersi dalle malattie veneree, un tempo molto diffuse e pericolose, nonché dalle gravidanze indesiderate. Gli antichi Egiziani usavano la tela di lino, mentre i Cinesi arrotolavano sottili fogli di carta impregnate d'olio, attorno al pene. I Giapponesi ricorrevano ai profilattici fatti col carapace delle tartarughe, mentre gli antichi Romani preferivano la vescica di capra. Nell'800 veniva utilizzato l'intestino d'agnello o capra, Persino la seta è stata utilizzata per fabbricare preservativi, che si legavano al pene con un nastro e venivano riutilizzati.
Nel 1839 vengono realizzati i primi preservativi in gomma (resa elastica grazie al processo di vulcanizzazione scoperto da Charles Goodyear). Agli inizi del '900 comincia, quindi, la produzione di massa. Alla gomma si sostituisce il lattice, materiale tutt'oggi utilizzato come materia prima, unitamente al poliuretano, per chi soffre di allergia al lattice. In poliuretano vengono realizzati alcuni modelli maschili e l'ancora poco conosciuto preservativo femminile.
I preservativi fabbricati oggi sono prodotti ad alta tecnologia che offrono una sicurezza ottimale e la massima qualità. Si pensi che oggi la differenza tra rapporto sessuale con e senza preservativo è di solo 2 centesimi di millimetro, se si usano profilattici sottili. Ed in ogni caso, qualunque sia la tipologia di preservativo prescelta, la sensibilità è assicurata insieme alla massima garanzia.

Il processo di produzione
Nell'attuale processo di produzione (in vasche contenenti il lattice vengono immerse forme di vetro alle quali il lattice aderisce e dalle quali viene successivamente staccato tramite un abbassamento della temperatura) i pezzi vengono controllati elettronicamente uno ad uno e sottoposti a rigorosi test e prove di resistenza, prima di essere lubrificati con olio di silicone (e con sostanze aromatizzate nel caso di preservativi agli aromi) e confezionati.
Tutti i profilattici in commercio devono rispondere a requisiti precisi di qualità, previsti dalla normativa europea EN 600 e sono disciplinati come Dispositivi Medici dalla Direttiva 93/42 CE. Il che vuol dire che devono aver caratteristiche di qualità certificate. Acquistate solo prodotti di qualità recanti il marchio CE o MD oppure OK, accompagnati dal relativo foglietto illustrativo e dalla data di scadenza. I preservativi hanno data di scadenza 5 anni dalla produzione. Se conservati in luogo asciutto e fresco, non ci sono problemi sulla loro integrità, nel corso di questi anni. Quando portate con voi il preservativo non mettetelo nel portafoglio o nel cruscotto della macchina.
Preferibilmente conservatelo in una scatoletta o in un astuccio dove rimane protetto dalla luce e da oggetti appuntiti e taglienti. A tal proposito, esistono in commercio allegri e discreti portapreservativi, che consentono una conservazione integra del prodotto.


Come usarlo
Usare il preservativo e veramente facile. Eventuali remore sull'interruzione artificiosa dei preliminari, della naturalezza del rapporto, vengono facilmente superate se la sua presenza viene vissuta con curiosità e complicità da parte di entrambi i partners. E poi ricordate che la sicurezza della vostra vita non ha prezzo. Divertitevi a scegliere con la vostra/o compagna/o il preservativo, fra i tanti che il mercato vi offre, magari scegliendo anche quelli aromatizzati ai gusti di frutta o colorati.
Non lasciatevi scoraggiare se all'inizio sembra tutto un po' complicato. Con un po' di esercizio riuscirete ad usarlo con facilità.

Vi aiutiamo con queste descrizioni:
  • Prima di utilizzare il preservativo, controlla sempre, riportata sulla confezione. Non usare profilattici scaduti.
  • Estrai il preservativo dalla confezione facendo attenzione a non romperlo con le unghie. Il preservativo può essere usato solo a membro eretto.
  • Per indossarlo devi individuare da che parte è arrotolato l'anello e appoggiarlo al glande in modo tale che la parte da srotolare sia all'esterno. Se il preservativo non si srotola, significa che l'hai messo alla rovescia: basta voltarlo e il gioco è fatto.
  • Mentre srotoli il preservativo sul membro, con l'indice e il pollice dell'altra mano premi il piccolo serbatoio sulla punta, in modo tale che non si formino bolle d'aria
  • Fai scorrere le dita verso la base del membro fino a che l'anello di gomma arriva alla base del pene. Se si formano bolle d'aria stringi il membro tra le dita facendole scorrere dalla cima alla base (le bolle d'aria oltre a ridurre la sensibilità del membro, rischiano di aprire un varco alla fuoriuscita dello sperma o di lacerare il preservativo).
  • Se usi il lubrificante, ricorda che questo va messo sempre sulla parte esterna del preservativo. Metterlo all'interno non serve a niente e poi si rischia di far scivolare via il preservativo durante il rapporto.
  • E' importante usare il lubrificante durante i rapporti anali, perché li agevolano e poi evitano la rottura del profilattico a causa dell' attrito.
  • Dopo l'eiaculazione, occorre uscire prima che finisca l'erezione. Per estrarre il membro, senza correre il rischio che il preservativo si sfili, afferralo con due dita a forbice alla base dell'anello prima di uscire.

    Preservativi e lubrificanti
    I preservativi vengono, alla fine del processo produttivo, lubrificati generalmente con oli al silicone per agevolarne l'uso e renderli più scorrevoli sia nella fase di srotolamento sul pene che durante il rapporto. Tuttavia, situazioni particolari, come secchezza vaginale della compagna, o il ricorso al sesso anale possono richieder una maggiore lubrificazione. A tale scopo si usano i lubrificanti.
    Si tratta di sostanze a base acquosa, che riproducono con i loro componenti i liquidi naturali del corpo intervenendo in tutte le situazioni sessuali in cui è necessario procurare una maggiore lubricità delle zone interessate. Generalmente si presentano sotto forma di gel, non ungono ed il loro uso è consigliato in tutte le situazioni in cui è necessario procedere le parti intime da irritazioni o bruciori con una lubrificazione in grado di favorire la penetrazione.
    Ricordatevi di usare lubrificanti a base acquosa che sono compatibili con l'uso dei preservativi.
    E' sconsigliato usare lubrificanti oleosi perché danneggiano i profilattici.

    Sesso sicuro
    Le Malattie a Trasmissione Sessuale: da oltre 10 anni, parole come questa, unitamente ad Aids e Prevenzione, sono entrate a far parte del nostro quotidiano. Ora se ne parla, ora no. Ma il virus, silenzioso e tenace, continua incessantemente il suo lavoro e il contagio, sebbene ridotto nei numeri, continua da interessare tutti, giovani e meno, eterosessuali e gay, uomini e donne. Finora non sono stati identificati vaccini ne cure risolutrici, sebbene molti passi in avanti siano stati fatti per migliorare la qualità della vita delle persone contagiate. Ormai tutti o quasi sanno cos'è l' Aids e come ci si contagia. Ma tale diffusa informazione non ha completamente sbarrato la strada al dilagare del virus, nei paesi occidentali. Segno che qualcosa non funziona nell'adozione dei mezzi di prevenzione.

    Il contagio avviene attraverso:
  • i rapporti sessuali non protetti cioè senza l'uso del preservativo;
  • il contatto sangue-sangue (ad es. lo scambio di siringhe tra tossicodipendenti);
  • da una madre sieropositiva al proprio figlio, durante la gravidanza, il parto o l'allattamento al seno.

    Nel rapporto sessuale il contagio avviene quando sangue, sperma, liquido che precede l'eiaculazione o secrezioni vaginali di una persona sieropositiva vengono a contatto con piccolissime erosioni, anche non visibili, presenti nella vagina, nell'ano, nelle pareti della bocca, sulla pelle del pene dell'altro partner: attraverso questi tagli, il virus può penetrare nel corpo infettandolo.
    Non esistono altri canali di trasmissione. Non c'è contagio dalle strette di mano, dagli abbracci, dallo stare nella stessa stanza con un siero positivo. Quindi smettiamola di essere ignoranti di fronte a questo problema e poi di fare gli stupidi non infilando un preservativo per non interrompere i preliminari! Se si pensa di aver avuto un rapporto a rischio, allora è bene fare il test Hiv, che consente tramite un semplice esame del sangue di conoscere se è presente o meno l'infezione. Per effettuare il test, gratuito e riservato, non occorre la richiesta del medico. Il risultato del test è affidabile e definitivo solo dopo tre mesi dal possibile contagio. Fare il test è un atto di responsabilità nei nostri confronti e nei confronti degli altri. Il preservativo è la sola protezione sicura contro la trasmissione del virus, a meno che non optiamo verso un'improbabile astinenza sessuale. Inoltre, il profilattico ripara anche dal contagio da altre malattie a trasmissione sessuale . C'è ne sono in giro oltre 20 e la possibilità di contagio è più frequente di quanti si pensi. Certo, non sono mortali come l'Aids, ma portano problemi e fastidi anche duraturi e definiti, quali ad es. l'infertilità. Non dimentichiamo, poi, che il preservativo protegge da gravidanze indesiderate, ed è il contraccettivo più facile da usare, senza alcuna controindicazione o intervento del medico. Un bambino è una responsabilità troppo seria ed una gravidanza deve essere un atto di scelta consapevole, non un incidente di percorso. Anche l'aborto, è una parola che si tramuta al momento di viverlo, in una esperienza poco piacevole.
    E il piacere sessuale? Inutile negare che una delle remore ad usare il preservativo, è relativa al fatto che tale strumento neghi la possibilità di avere rapporti sessuali liberi e piacevoli.

    Si interrompe la spontaneità, la naturalezza...
    Ma non credete che con un po' di fantasia, complicità con la propria partner si possa ovviare a queste "complicanze" e che comunque il prezzo da pagare sia giusto se va a vantaggio della vostra salute o addirittura vita? Imparare ad indossare un profilattico è più semplice di quanto si creda e poi se alla prima volta risultiamo essere un po' imbranati, ricordiamoci le prime cadute in bicicletta o con il motorino. Per fortuna qui ad assistere c'è solo il nostro partner con il quale affrontare "l'impresa" con curiosità e ironia. E poi basta seguire le istruzioni riportate all'interno del prodotto. Prendetelo come un gioco, insomma. E' solo questione di esercizio e poi si proverà ugualmente un intenso piacere con la massima sicurezza. I preservativi di oggi sono molto più sottili di quelli di una volta e dopo un po' che ci si fa l'abitudine è come non averlo.
    Oggi, grazie alla tecnologia, la differenza tra il rapporto sessuale con o senza il preservativo è si soli 6 centesimi di millimetro, che diventano 2 centesimi di millimetro usando i profilattici extrasottili.
    Pensate di poter sopportare tale peso, soprattutto considerando la tutela che offrite alla vostra salute?

    Preservativi per tutti i gusti.
    Il mercato oggi ci viene in aiuto, offrendo una gamma sempre più articolata di prodotti, realizzata comunque a partire dalla materia prima, il lattice naturale di gomma, ma differenziata nelle misure e nella lavorazione. E per chi è allergico al lattice, esistono i profilattici in poliuretano.
    A ciascuno il suo preservativo, quindi. Tanti tipi, ognuno rispondente alle più svariate esigenze.
    Ne esistono di più stretti o più larghi, sagomati o lisci, anatomici o normali, ritardanti o supersottili, con o senza spermicida. Insomma per tutti i gusti. E a proposito di gusti, si possono trovare preservativi ai gusti di frutta che oltre ad essere aromatizzati, sono simpaticamente colorati. Rossi, gialli, verdi...

    Scegliere è Comodo!
    Preservativi per tutti i gusti. E si, anche il mercato dei preservativi si è evoluto. Dai tempi in cui si poteva trovare in commercio il mitico Settebello, si è oggi passati ad una gamma sempre più articolata di prodotti, realizzata comunque a partire dalla materia prima, il lattice naturale di gomma, ma differenziata nelle misure e nella lavorazione. E per chi è allergico al lattice, esistono i profilattici in poliuretano. A ciascuno il suo preservativo, quindi. Tanti tipi, ognuno rispondente alle più svariate esigenze.
    Ne esistono di più stretti o più larghi, sagomati o lisci, anatomici o normali, ritardanti o supersottili, con o senza spermicida. Insomma per tutti i gusti. E a proposito di gusti, si possono trovare preservativi ai gusti di frutta che oltre ad essere aromatizzati, sono simpaticamente colorati. Rossi, gialli, verdi...

    Imbarazzo nell'acquisto? Dubbi sul suo uso? Ancora incertezze?
    Se andassimo a fare una rapina, saremmo più disinvolti. E se dovessimo chiedere chissà cosa, avremmo più coraggio! Non guardiamo negli occhi la cassiera del supermercato quando mettiamo sulla cassa il nostro pacchetto di profilattici, e verifichiamo che la farmacia sai vuota prima di entrarci. Se siamo fortunati ad aver un distributore automatico a portata di mano, la cosa è fatta. Penseranno che stai acquistando delle sigarette ma in ogni caso, comunque, le macchinette offrono scarsa scelta di marche. E poi leggiamo furtivamente le indicazioni sulla scatola per capire se quel particolare tipo fa al caso nostro.
    E allora? Internet viene in nostro soccorso proponendo una soluzione facile e conveniente: l'informazione e l'acquisto on line. Leader in questo settore è sicuramente www.comodo.it, sponsor di queste pagine nonché sostenitore della nostra associazione.

    www.comodo.it: la più ampia e dettagliata informazione sul preservativo, sul suo uso e soprattutto sulla prevenzione. Inoltre vi sarà offerta la possibilità di comprare on line, scegliendo il preservativo adatto alle vostre esigenze, cercandolo in un catalogo di oltre 130 tipi di preservativi delle migliori marche, dalla Durex alla Control, dalla 2003 alla Primex, e poi la Akuel… Ogni articolo è esposto da un'ampia informazione sul prodotto. I prezzi sono decisamente più bassi rispetto quelli praticati in farmacia o al supermercato. Avrete la possibilità di leggere le caratteristiche di ciò che acquistate e di scegliere il preservativo più adatto a voi, sia in termini di qualità che di fascia di prezzo.
    I prodotti vengono spediti direttamente a casa, in pacchi anonimi, non recanti alcuna indicazione sul contenuto. Il sito è arricchito da approfondimenti sul tema della prevenzione e sul preservativo, da dove nasce a come si usa. Lo staff è sempre a vostra disposizione per rispondere ai vostri dubbi, perplessità e curiosità.
    Infine tanto divertimento con le più simpatiche barzellette e vignette sull'argomento. Così, tanto per sdrammatizzare e riderci su...