Community
 
Aggiungi lista preferiti Aggiungi lista nera Invia ad un amico
------------------
Crea
Profilo
Blog
Video
Sito
Foto
Amici
   
 
 

 

 

GIANBURRASCA ED I PINK FLOYD

 

 

 

 

La discussione è stata già affrontata mille e più volte, ma ancora non si è del tutto convinti del testo di "Saint Tropez", dell'album Meddle. L'eterna diatriba.
In "Saint Tropez" è citata Rita Pavone ...o no?

 

In pochi siti (anche esteri) ed in alcuni libri, vi è riportata nella strofa finale della canzone la famosa frase: "...making a date for Rita Pavone..."

Cosa che, in più di una occasione, è stata sottolineata con enfasi ed orgoglio dalla stessa signora Pavone in Reno.

Dal testo sul cd, però, salta fuori...: "...making a date for later by phone..."

come del resto in quasi tutti i libri di testi.

 

Da questo è saltato fuori un putiferio data la poca "simpatia" del personaggio stesso in questa storia. Certo, ascoltando il brano, può saltare all'orecchio la doppia fonetica di entrambi i testi ed è facile confondersi. Ma perchè tutto questo? Da dove e quando è iniziata questa storia?

 

 

A molti sfugge che la signora Rita Pavone è, da anni, personaggio molto noto all'estero, ma non sappiamo con certezza se gli stessi Floyd hanno avuto modo di ascoltare (e vedere?) nei primi anni '70 (quando la Pavone era davvero sulla cresta dell'onda in Italia e non solo); quindi, potrebbe non essere una casualità, dato che anche all'estero è riportata (sovente volte) la frase "in omaggio" alla stessa. Ma voluta da chi?

Però sul booklet dell'album in questione, non è riportato il di cui sopra omaggio. Indi verrebbe da pensare che non sia vero. La domanda sorge spontanea: conoscendo il carattere certamente non all'acqua di rose del signor Waters ed essendo questo un episodio noto da anni quasi solo in Italia, se non fosse davvero solo un errore di interpretazione fonetica, credete davvero che il buon Roger se ne starebbe così zitto? Semplicemente non gli è mai interessata la questione, visto che è solo un malinteso fonetico...

Una recente discussione sul Forum di Pink Floyd Sound e un articolo apparso su un sito italiano, mi ha portato a cercare la verità, sempre con lo stesso spirito imparziale, se non altro per cercare di mettere la parola "fine" alla questione, in un modo o nell'altro.

Innanzi tutto ho fatto una piccola ricerca sul web, circa i vari siti che riportano i testi, proprio per vedere quanti potevano riportare la frase supposta errata e quanti quella supposta giusta. Il risultato è abbastanza confortante e già toglie i primi dubbi, anche se ci sono alcuni siti che comunque riportano il verso errato (* alcuni siti potrebbero non essere più funzionanti, o hanno corretto la pagina).

 

(testo con "making a date for Rita Pavone"):

http://www.letrasmania.com/letras/letras_de_canciones_pink_floyd_1591_letras_album_3524_letras_san_tropez_41643.html

http://userweb.metalink.net/~mvvconni/meddle.html

http://www.pinkfloydonline.com/lyrics/meddle.html

http://angolotesti.leonardo.it/P/testi_canzoni_pink_floyd_1591/testo_canzone_san_tropez_41643.html

http://www.risa.co.uk/sla/song.php?songid=23718

http://www.tuttotesti.com/pinkfloyd/09.shtm#4

http://www.lyricsmania.com/lyrics/pink_floyd_lyrics_1591/meddle_lyrics_3524/san_tropez_lyrics_41643.html

http://www.testimania.com/testi/testi_pink_floyd_1591/testi_meddle_3524/testo_san_tropez_41643.html

http://lyrics.islagratis.com/lyrics_song_free.php?song=17076

 

(testo con "Making a date for Later by phone"):

http://www.pinkfloydfan.net/t1560-meddle-lyrics.html

http://pink-floyd.lyrics-songs.com/lyrics/63076/

http://thinkfloyd.free.fr/paroles/index_paroles.htm

http://www.seeklyrics.com/lyrics/Pink-Floyd/San-Tropez.html

http://www.bruder-franziskus.de/pinkfloyd/pflmed4.htm

http://www.azlyrics.com/lyrics/pinkfloyd/santropez.html

http://www.lyricsfreak.com/p/pink-floyd/108648.html

http://www.guntheranderson.com/v/data/santrope.htm

http://pink-floyd.letras.terra.com.br/letras/63076/

http://www.sing365.com/music/lyric.nsf/San-Tropez-lyrics-Pink-Floyd/A4A0E41B8C54833F482568A1000429EB

http://www.pink-floyd-lyrics.com/html/san-tropez-meddle-lyrics.html

http://www.pinkfloydsound.it/

http://members.xoom.virgilio.it/floydzine/meddle.htm

http://www.pink-floyd.it/testi/71.htm

http://www.brain-damage.co.uk/

http://www.floydian.de/

http://members.lycos.nl/floydianfan/

http://members.xoom.virgilio.it/floydzine/

http://digilander.libero.it/floyder/

http://www.pinkfloydstyle.com/

http://digilander.libero.it/charlief

http://www.lyricscafe.com/p/pink_floyd/050.htm

http://www.musicalstore.it/Testi%20internazionali/Pink%20Floyd/Testi/San%20Tropez.htm

http://www.davemcnally.com/Lyrics/PinkFloyd/Meddle/

http://www.geocities.com/volga_777/main.htm

 

 

La ricerca su Internet è proseguita.

Alcuni fan hanno trovato un vecchio articolo sul sito del Portale della Svizzera Italiana, TicinOnline, dell'ottobre del 2002.

http://www.ti-cket.ch/common_includes/pagine_comuni/articolo_interna.asp?idarticolo=125157&idtipo=6

 

L'articolo è dedicato a Rita Pavone ed il giornalista le fa alcune domande in occasione dei 40 anni di carriera artistica.

Alla domanda "Inevitabile farti una domanda su Internet. Qual è il rapporto tra Rita Pavone e la realtà virtuale?", la Pavone risponde testualmente: "Molto buono. Ho un sito ufficiale, e due altri siti, uno brasiliano e un altro norvegese. Rispondo personalmente alle mail che mi arrivano e alle critiche che giungono. So ad esempio che sul forum musicale del Corriere della Sera moderato dal critico Mario Luzzato Fegiz c’è stata una discussione circa la veridicità del fatto che i Pink Floyd mi avessero citata in una loro canzone degli anni settanta. Alcuni utenti erano dubbiosi, ma mi dispiace per loro. I Pink Floyd effettivamente nel 1974 sono venuti a vedermi in concerto a Cannes e in seguito mi hanno omaggiato parlando di me in un loro brano. Non nego che in seguito la canzone sia stata reincisa e proposta con un’altra versione in cui non compariva più il mio nome, d’altronde anch’io ho inciso “Datemi un martello” con due versioni differenti."

In effetti sono affermazioni abbastanza shockanti. Ma forse c'è un po' di confusione da parte della Pavone!

Bisognerebbe sapere quale sia il periodo del 1974 dove i "Floyd sono venuti a vedermi in concerto a Cannes...". Forse era tanto conosciuta da interrompere le fatiche del PRE-TOUR francese del 74 per andare a vedere la Pavone? Infatti, l'unico momento in cui i Floyd visitarono la Francia era dal 18 al 26 giugno del 1974, durante il mini-tour francese.

Poi dice "...e in seguito mi hanno omaggiato parlando di me in un loro brano....". ...Ma Meddle è del 1971....! Come potevano i Floyd rendere omaggio ad una semi-sconosciuta (anche se famosa) in un brano del 1971 dopo aver visto un concerto nel 1974? ...Macchina del tempo...?

Ma il massimo lo da quando dice "...Non nego che in seguito la canzone sia stata reincisa e proposta con un’altra versione in cui non compariva più il mio nome..."!!! Secondo la Pavone i Pink Floyd, nell'era d'oro del loro successo negli anni '70, hanno reinciso la canzone per togliere il suo nome?

Ogni commento sembra superfluo. Meddle fu inciso in vari studi di Londra (EMI Studios, Morgan Studios, Air Studios) tra il gennaio ed il maggio del 1971 e mixato nel luglio dello stesso anno. Ben prima che la Pavone affermi che i Floyd l'abbiano vista dal vivo nel 1974!

 

Del resto, recentemente anche lo stesso Mason appare un po' scettico sulla questione, anche se non smentisce.

Sul sito di E-Cremona appare un'intervista a Mason del 25 maggio del 2005, in occasione della presentazione del suo libro, http://www.e-cremona.it/article.php?sid=6911

Alla domanda del giornalista Claudio Zambini, "Una curiosità: a chi è venuta l'idea di citare Rita Pavone nel testo di "Saint Tropez"?", Mason risponde:

"Oh, suppongo a Roger: la canzone era stata composta mentre eravamo in tour a Saint Tropez. Devo ammettere che dovrei dare un'occhiata al testo perchè non ricordavo proprio questo particolare: non saprei dirti per quale motivo ha inserito il suo nome nel pezzo, dovresti chiederlo a lui."

Comunque, una cosa è sicura: Mason ha risposto senza dare una conferma, ma semplicemente perchè non si ricorda della frase incriminata.

 

 

L'amica Sara ha a suo tempo già fatto una piccola interpretazione linguistica della frase incriminata.

Secondo Sara, che pensava che ormai l'argomento fosse esaurito e che chiunque leggesse quella traduzione non potesse che ridere, tutto si ricollega ad un libro di testi dell'Arcana. Anche lei poteva essere tanto sorpresa, quanto 'orgogliosa' (come italiana) quando per la prima volta lesse la traduzione dell'Arcana, ma, pur essendo il suo inglese alquanto precario all'epoca, gli sembrò subito dubbio che il testo si riferisse alla signora Pavone.

Così ha cercato - da esperta audiofila - di ascoltare "Saint Tropez", ma senza poter cogliere nulla che assomigliasse minimamente a "Rita". Può darsi che tuttora se uno non avesse letto il testo ufficiale, forse non sarebbe riuscito a cogliere quello che canta esattamente Waters, ma sicuramente non sarebbe mai venuto in mente a nessuno la signora Pavone, senza quella traduzione dell'Arcana.

Un italiano che non sappia assolutamente nulla della lingua inglese potrebbe, ascoltando la canzone, cogliere "pafon", ... ma un anglosassone non pronuncerebbe mai Pavone come "pafon", gli anglosassoni pronuncerebbero "Pefoni" forse... certo non "Pafon".

La materia fu subito chiarita dall'allora mio più caro amico di Sara, che ci teneva molto a sapere ogni più piccolo dettaglio sui testi e sui significati delle canzoni, nonchè ottimo linguista; da quel momento, nessun dubbio. Del resto, Rita Pavone potrà pur essere citata in svariati siti italiani o non, ma vi assicuro che nessuno degli stranieri che io, Nino e Sara conosciamo ha mai sentito parlare di quel testo ...o di Rita Pavone.

 

Infine è corso in aiuto Nino Gatti, che già nel gennaio 2003 aveva affrontato la questione sul sito di Rockol.

Infatti, nel dicembre del 2002 era apparso un piccolo articolo, http://www.rockol.it/news.php?idnews=49685

"Rita Pavone amata dai Pink Floyd? Ci scrivono dicendo che..."

"La questione in realtà non è nuova, ma i termini sono stati riaperti dall'email che Nicola De Cal, ex direttore della fanzine floydiana "Learning To Fly" ed attuale co-direttore di un'altra fanza dedicata al leggendario gruppo britannico, "Hey You", ci ha mandato. E' vero che i Pink Floyd citarono la "nostra" Rita Pavone nel testo di una loro canzone, "San Tropez", brano contenuto nell'album "Meddle"?

De Cal in pratica sostiene che sono tutte invenzioni. Scrive a Rockol il co-direttore:

"Carissimi della redazione (…), succede con regolarità che la mitica Rita Pavone, nelle sue interviste, affermi con comprensibile orgoglio di essere stata citata anche dai Pink Floyd nella canzone 'San Tropez' presente nell'album 'Meddle'. Ho scritto anche al 'Corriere della Sera' due o tre anni fa per smentire tale notizia, e se possibile vorrei che poteste fare chiarezza voi una volta per tutte: Rita Pavone era sicuramente famosa anche negli U.K., ma i Pink Floyd non l'hanno mai mai mai mai mai citata nelle loro canzoni!

Tutto è dovuto ad un errore di traduzione dei testi dall'inglese all'italiano: le molte persone che si sono cimentate nel tradurre le canzoni hanno sempre commesso clamorosi errori di traduzione. Nel caso specifico, in molti testi di libri tradotti si trova la strofa: 'Making a date for Rita Pavone', quando i Pink Floyd cantano chiaramente 'Making a date for later by phone'."

 

Fin qui Nicola. La risposta di Rockol però lascia ancora dubbi, sebbene agli occhi dei fan dei Floyd sia ormai chiaro.

"Per ora, in attesa di tornare sull'argomento, che comunque rimane una disputa perlomeno divertente, dobbiamo parzialmente deludere l'amico Nicola. Le nostre prime ricerche, s'intende lungi dall'essere esaustive, evidenziano con certezza alcune anomalie.

Abbiamo, come prima cosa, immesso sul motore di ricerca "Google" le seguenti parole: "Tropez Rita Pavone". Il search engine ha trovato 225 documenti. Alcuni chiaramente non c'entrano nulla, altri si riferiscono abbastanza precisamente alla disputa ed al testo floydiano.

Sul forum di un Website concorrente abbiamo poi trovato lo stesso oggetto di discussione dibattuto recentemente, ovvero lo scorso 20 ottobre.

Un lettore afferma con sicurezza che di "San Tropez" esistono in realtà due versioni.

A confonderci maggiormente le idee, ecco quanto reperito sul sito Pinkfloydfan.net, il quale riporta con orgoglio, in tutte le sue pagine, la scritta "La più grande e vecchia comunità sui Pink Floyd che ci sia in Rete, dal 1995". E la sezione contenente il testo di "San Tropez" cosa dice?

Il Website, che dovrebbe risultare ben informato e che in ogni caso non è italiano e quindi dovrebbe risultare estraneo da italiche influenze d'ogni tipo, riporta: "And you're leading me down to a place by the sea/I hear your soft voice calling me/Making a date for Rita Pavone". E adesso come la mettiamo?"

(09 dic 2002)

 

Per quanto ne sappiamo, uno dei primi testi in cui era riportato il verso sbagliato fu il libro di traduzioni della Edizioni Lo Vecchio, come confermato anche dall'amico Fabrizio Frau, di Pink Floyd Sound. Ma la versione data da Rockol ...fa acqua da tutte le parti!

Se immettiamo adesso la stessa frase su Google, non troviamo quasi nulla di nuovo. La discussione su un Forum non fa prova, è una discussione ...lo dice il nome stesso, non ci sono dati di fatto. Un non meglio precisato lettore (Rockol purtroppo non dice il suo nome) afferma "con sicurezza" che "Saint Tropez" sia stata fatta addirittura in due versioni! Questo è il colmo..... per noi poveri e umili fans dei Floyd! Infine, Rockol cita come unico esempio online Pinkfloydfan.net, che, sebbene all'epoca della disputa avesse il verso errato, si è ricreduto, ha capito l'errore e ha modificato il testo della canzone mettendo il verso giusto!

 

Così anche Nino Gatti aveva risposto a Rockol, analizzando già all'epoca i fatti, proprio per confutare quando detto da questi.

http://www.rockol.it/news.php?idnews=50280

 

"Rita Pavone amata dai Pink Floyd? Un parere definitivo (speriamo)

Riceviamo un'email che si propone di far luce sul presunto legame tra la "nostra" Rita Pavone ed la leggendaria band inglese dei Pink Floyd (vedi News). La pubblichiamo, augurandoci con questo di chiudere la questione..."

"Sono Nino Gatti, editore della nuova fanzine sui Pink Floyd, “On The Run”, e “storico” dei Pink Floyd da un quarto di secolo. Ho appena terminato di leggere un intervento nelle vostre pagine legato ad una presunta citazione del nome Rita Pavone in una canzone dei Pink Floyd. Non me ne vorrà la signora Pavone se mi appresto a smentire definitivamente l'evidente equivoco.

Nel numero 2 (luglio/agosto 1991) la fanzine italiana “Cymbaline” riprodusse una lettera scritta di proprio pugno dalla signora Pavone ad un fan dei Pink Floyd: “Sì, sono io quella Rita Pavone che i Pink Floyd cantano nel loro brano 'Saint Tropez', e permettimi di dire che ne sono modestamente molto orgogliosa. Ho conosciuto il gruppo nel '76 durante un mio spettacolo in Francia. Loro si trovavano in sala e ricordo che applaudirono con molto calore durante la mia esibizione”.

Primo errore della signora Pavone: cita un concerto del 1976, noto periodo di pausa tra il Tour di "Wish You Were Here" e le registrazioni di "Animals", dove i Floyd praticamente furono insieme tutti e quattro solo a Londra per la registrazione del nuovo disco. Ma la Pavone, adesso non dice che i Floyd erano presenti ad un suo concerto francese nel 1974? ...1976 o 1974? Possibile che i Floyd siano così dei fans accaniti della Rita nazionale da andarla a vedere in due concerti nell'arco di due-tre anni?

 

Continua Nino:

"Orgogliosamente, l'artista italiana affermò in un'altra intervista che ”gli U2 e i Manhattan Transfer mi nominano nelle loro interviste”. I Pink Floyd in una strofa del loro brano Saint Tropez cantano “..e tu mi inviti sulla riva del mare a una appuntamento con Rita Pavone” (Sette, n. 28, 1995).

Nel 1997 venne pubblicato il libro di Rita Pavone “Nel mio 'piccolo'” (Sperling & Kupfler), nel quale essa fu ancora più “imprecisa”:

“Sulla Costa Azzurra durante la tournée estiva del '73, mi dissero che tra il pubblico in sala c'erano i Pink Floyd, a cui non devo essere affatto dispiaciuta come artista se anni dopo, nel brano 'Saint Tropez' del loro 33 giri 'Meddle', arrivarono a cantarmi con queste parole: “...and you're leading me down to a place by the sea / I hear your soft voice calling to me / making a date for Rita Pavone”.

L'evidenza dell'errore è già nelle parole di Rita Pavone, che ricorda l'incontro con i Pink Floyd prima nel 1976 e poi nel 1973. “Meddle” fu pubblicato il 13 novembre 1971, quindi due anni prima della sua citata tournée del 1973, e non in seguito. Inoltre, nel box dei Pink Floyd ”Shine on”, pubblicato a cura della EMI nel 1992 (che comprendeva anche il cd “Meddle”) era contenuto un libro nel quale furono inseriti i testi originali dei cd contenuti nella confezione. A pagina 33, il testo di “Saint Tropez” con il suo giusto finale, cioè “later by phone”.

Il cd “Meddle” fu poi ristampato, qualche anno dopo, in versione remaster e con i testi riportati all'interno della copertina. Scontato ricordare che il testo riproponeva correttamente “later by phone”."

Ormai sembra chiaro che nel corso degli anni la signora Pavone continua a cambiare versione di date. E riflettendoci sopra, un pubblico così famoso, quali i Pink Floyd, certo non si può dimenticare o non si può dare tre differenti interpretazioni!

 

Continua ancora Nino:

"La causa di tutto questo è da ricercare in una raccolta di testi non autorizzata, ciclostilata, comparsa sul mercato italiano alla fine degli anni Settanta, all'interno della quale, nel testo della canzone contenuta nel disco dei Pink Floyd “Meddle”, del 1971, la frase originale “Maken a date for later by phone” divenne “Maken a date for Rita Pavone”.

Il motivo di questo errore sta nel fatto che tutti i dischi dei Pink Floyd pubblicati prima di “The dark side of the moon” del 1973, dunque ”Meddle” compreso, non presentavano il testo in copertina; plausibile, dunque, che un ascoltatore di lingua italiana avrebbe potuto interpretare la frase “lather by phone” come “Rita Pavone”.

In seguito l'Arcana Editrice pubblicò a firma di Walter Binaghi una serie di volumi con i testi originali dei dischi dei Pink Floyd, con tanto di traduzione a fronte, che riportavano erroneamente il testo incriminato (questi libri, a dire il vero, contenevano numerosi altri errori, opportunamente segnalati all'epoca - a più riprese - anche da alcune fanzine sui Pink Floyd).

Qualcuno già sospettò che il volume di Binaghi non fosse poi così preciso nella trascrizione dei testi: nella rivista mensile Stereoplay del febbraio 1979, nella recensione proprio al libro di Walter Binaghi “Pink Floyd” (Arcana Editrice, L. 3.200), il recensore Enzo Capua sentenziava: ”Mi sembra che questo libro sia ben congegnato (a parte un errore chiassoso nell'introduzione dove è scritto che "Interstellar overdrive" si trova su “A saucerful of secrets” e qualche ovvio dubbio su certe traduzioni)”."

(06 gen 2003)

 

Nino Gatti, da buon storico, ha analizzato il materale sinora conosciuto e le conclusioni sono ovvie. A sostegno della tesi prevalente viene l'amico Sebastiano. Alla metà di luglio del 2006 mi ha scritto un'interessante email, proprio relativa alla problematica del testo di "Saint Tropez"; ed ecco quello che ne è venuto fuori.

"Ciao Stefano.

Sono rimasto fulminato dal concerto dei Pink Floyd a Torino del 1988, conoscevo solo alcuni pezzi, ma dopo quel concerto ho cercato di procurarmi tutte le cassette (...ah, ...quanti ricordi) ed i libri disponibili per sapere tutto quello che potevo sui Pink Floyd. Insomma, un'illuminazione.

Fra i libri che ho comprato c'era quello, appena uscito, dell'Arcana Editrice, a cura di Paolo Bertrando, contenente alle pagine 88 e 89 i "famosi" riferimenti a Rita Pavone.

Da italiano, visto che mi stavo mangiando tutti i testi di tutti i dischi, non potevo non avere un moto di stupore nel leggere che la giamburrasca era stata citata dai Floyd. Ok, ho pensato... è successo a Vera Lynn, perchè non potrebbe succedere a Rita Pavone?

Caso volle che un paio d'anni dopo io entrai a far parte di un gruppo musicale, col il quale partecipai alle selezioni del "Festival degli Sconosciuti", organizzato proprio dalla Pavone e da suo marito Teddy Reno. Arrivammo alle finali regionali e la serata era condotta proprio dalla signora Pavone.

Il pomeriggio, alle prove, ricordo che la incontrai.

Ora, sono passati tanti anni, ma quando parli con un famoso personaggio, se non sei nessuno ...te lo ricordi per tutta la vita. Ebbene, questo è (a grandi linee) quello che ci siamo detti:

"Ciao Rita, ma lo sai che i Pink Floyd ti hanno citata in una loro canzone?"

Mi ricordo perfettamente di averle dato del tu (...boh, ...si vede che i personaggi famosi sono talmente familiari, che li tratti come conoscenti, anche se li incontri per la prima volta!) e mi ricordo anche che questa è stata l'unica cosa che le ho chiesto, da buon Fan dei Pink Floyd.

Mi aspettavo una risposta affermativa, visto che stavamo parlando di un brano di vent'anni prima... figurarsi se non lo sapeva! Invece...:

"Davvero?"

"Si', ma come... non lo sapevi?"

"No, pero' mi fa piacere." ...e poi deve aver detto una cosa del tipo "Non mi stupisco" o "Non sono sorpresa" ...mi ricordo una cosa del genere, ma non le parole esatte. Sono pero' sicuro al 100% che NON LO SAPEVA. Gliel'ho detto io. Per colpa di Bertrando e di Arcana!

Quindi, per sapere da dove salta fuori quel "Rita Pavone", bisogna forse interpellare i traduttori del volume, ovvero Paolo Bertrando, Walter Binaghi e Daniela Mento.

E' evidente che poi si dev'essere informata per i fatti suoi ed ha usato, ovviamente, la cosa per dare ulteriore lustro al suo nome ...e chi non lo farebbe? Non c'e' nemmeno stata una smentita ufficiale! E comunque, a mente fredda, forse ho esagerato a pensare che Rita Pavone potesse conoscere "Meddle"... senza cattiveria, intendiamoci!

Be', questa e' la mia storia.

Sono capitato sul tuo sito per caso, vai così, ci stai dentro una cifra!. Un saluto.

Seba."".

 

Dunque, secondo noi, non rimangono più dubbi. La Pavone non è mai stata citata nel brano di "Saint Tropez" di "Meddle" e tutto l'equivoco nacque per un paio di testi errati che riportavano il verso sbagliato. Da buoni italiani, qualcuno ne ha approfittato, altri ci hanno creduto. A meno che non venga fuori Waters e ammetta che nel testo originale di "Saint Tropez" fosse davvero citata la Pavone! ...Smentendo sia la EMI che tutte le case autrici di libri di testi.

Ma come dire: ..."E' solo un'impressione" (Rita Pavone, 1970).

 

Altri testi sbagliati.

Volevo finire con un paio di inediti testi della frase incriminata.

1) Il primo testo differente è stato scovato da Nino Gatti in un libro di testi intitolato "Pink Floyd. Illustrated Song Book", comprato ad un asta su Ebay; il libro contiene tutti i testi fino a "The Dark Side of the Moon" ed è probabilmente stato fatto nel periodo 1973-1975, sembra stampato non professionalmente, forse in serigrafia. E' simpatica l'ultima riga di St Tropez, leggetela e non ridete troppo.....  

 

 

 

2) Il secondo testo diverso è stato individuato dall'amico Stefano Girolami, e si trova all'interno del disco di Meddle edizione giapponese (sia in vinile rosso, che in vinile nero): al suo interno, come sapete, il disco include un inserto di varie pagine scritte in giapponese, che riporta alla fine i testi delle canzoni in inglese;  con relativa traduzione in ideogrammi. E mi sono saltate all'occhio un paio di cose:
sulla canzone di "Saint Tropez", l'inserto riporta quest'altra versione della frase incriminata, diversa da quelle finora conosciute:

"I hear your soft voice calling me,
making a date for... PLAY THE PART FULL
if you're alone
I'll come home"
.

 

 

 

 

 

 

Copyrights & Credits.

Ricerca a cura di Nino Gatti e Stefano Tarquini (luglio 2006) e Stefano Girolami (2009).

Hanno collaborato Sara Guidoni-Vidoni, Nicola De Cal, Fabrizio Frau e Sebastiano "Syd".

 

* La presente ricerca è stata approfondita ed inserita nel libro dei Lunatics: "PINK FLOYD. STORIE E SEGRETI" (Giunti Editore, 2012), ISBN-EAN: 9788809773745, con l'autorizzazione dei rispettivi autori. Pertanto, ogni loro uso è strettamente vietato dalla legge.

http://www.thelunatics.it/tlhomebook.htm

 

 
Community
 
Aggiungi lista preferiti Aggiungi lista nera Invia ad un amico
------------------
Crea
Profilo
Blog
Video
Sito
Foto
Amici
   
 
 

 

 

 
Community
 
Aggiungi lista preferiti Aggiungi lista nera Invia ad un amico
------------------
Crea
Profilo
Blog
Video
Sito
Foto
Amici
   
 
 

 

 

 

 

 

 
Community
 
Aggiungi lista preferiti Aggiungi lista nera Invia ad un amico
------------------
Crea
Profilo
Blog
Video
Sito
Foto
Amici
   
 
 

______________________________________________________________________________

© All trademarks and copyrights remain the property of their respective owners. The contents of this entire website are presented here as a non-profit service intended for the non-commercial purposes of criticism, research, comment, education and archiving use only. This site is only a tribute to Pink Floyd.

 

 

_________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

      | The Pink Side of the Moon © 2001-2012 | Site opened on 10/02/2001 | Webmaster: Stefano Tarquini aka "Mr. Pinky" |                                    | Home | Greetings and Thanks | Disclaimer | Site Map |