Home page
Scopi e finalità
Locazione e sfratti
Acquisto e vendita
Il condominio
Tasse e imposte
Spese e manutenzioni

Libretto casa
Dialogo
Collegamenti utili
Esproprio
Difesa dei proprietari

Le aziende
Ricerca avanzata
Bando di concorso
Modulo Adesione
Scrivici


Dialogo

In questa pagina ospitiamo le esperienze e le opinioni pervenute via e-mail dai visitatori del sito e dagli aderenti.

Domanda.
Buongiorno, ho letto le pagine del sito e intendo dire la mia opinione a proposito della locazione.

La legge è rigorosa e severa con la proprietà, molto più blanda e permissiva con l'inquilino.
La legge che tutela l'inquilino non considera le esigenze del proprietario, è spregiudicata nei suoi confronti se non punitiva.

Ad avviare una pratica di sfratto per morosità oggi un proprietario deve pensarci due volte se non tre. Per riavere il suo bene deve aspettare mediamente 12 mesi e pagare fior di quattrini di spese legali che guarda caso non sono per niente regolamentate.
In questo modo l'inquilino non pagando si trasforma in truffatore e ladro. Il sindacato inquilini considera a "Rischio" il locatore.

La perdita che ne può derivare deve essere tenuta in debito conto. Nessuna legge costringe il padrone di casa ad affittare, c'è soltanto una questione morale o per meglio dire l'asocialità in una società che dovrebbe essere più giusta e più civile, secondo una morale di parte, ed allora perchè viene penalizzata da una ICI che colpisce case sfitte? E' la brutalità della legge italiana.

Il proprietario è preso letteralmente tra due fuochi. Se vuole tutelarsi deve trovare un locatario per bene, rischiando di lasciare la casa sfitta se non lo trova e quindi di pagare anche una ICI maggiorata. Oltre a non riscuotere l'affitto per tua tutela perché il primo arrivato non offre garanzie sufficienti ai fini del pagamento della pigione, il proprietario deve pagare la sanzione dell' ICI maggiorata.

A me non sembra che le nostre organizzazioni di categoria abbiano una voce incisiva. Non fanno paura a nessuno, sono amorfe e poco battagliere, si limitano ad essere una specie di scuola, ad elargire consigli legali dietro il pagamento della tessera.

Negli anni '50 per le nuove costruzioni, gli affitti erano liberalizzati, per incentivare le nuove costruzioni. Negli anni '60 per un alloggio nuovo in Torino, di due o tre camere prendevi circa 15.000/mese. I diversi governi succedutisi per ottenere consenso popolare non fecero altro che bloccare le pigioni, concedendo aumenti inadeguati e sempre più ridicoli, quando invece si sarebbero dovuti raddoppiare se non triplicare.
Si noti e si badi che per le nuove costruzioni gli affitti erano a libero mercato per cui il blocco degli affitti si protraè fino agli anni '78 con la crisi petrolifera e l'inflazione galoppante.

La pace sociale consisteva nella lotta all'inflazione, lotta ai privilegi. Parlando di brutalità, di coercizione, di sequestro e confisca. Basti pensare che se in uno stabile, un alloggio si faceva libero, doveva essere affittato allo stesso prezzo pagato dall'inquilino precedente, non era concesso un incremento del canone. Si vede che a Roma non sanno che a mantenere in piedi una casa costa quattrini? Era proprio la politica dello sfascio della casa.

Tutto questo alla faccia della democrazia e della giustizia sociale.

Come costruttore e venditore di case ho avuto modo di sentire il polso del mercato immobiliare nel dopoguerra dopo la bruciante scottatura dei risparmi valutari, quel povero tapino di risparmiatore credendo di collocare al meglio i propri risparmi investendoli nel mattone

Nell'immediato dopoguerra c'era emergenza di abitazioni e gli affitti vennero bloccati e non fu più possibile fare aumenti se non con il contagocce, il tutto giustificato dal disastro totale della guerra. Basti dire che per una locazione media nella perifieria di Torino si prendeva L. 100/mese che era l'equivalente di un chilo di pane. Una vera pacchia per l'inquilino.
L'abilità ingannevole dei nostri governanti era tale che i blocchi degli affitti sarebbero dovuti quanto prima finire. Invece un blocco succedeva ad un altro e la promessa che sarebbe dovuto finire entro una certa data dopo la quale il regime vincolistico sarebbe cessato andò dimenticata, finché arrivò la legge dell'equo canone un'altra disgrazia per i proprietari e per la casa.

Il padrone può attendere, libero imprenditore, esattore per conto dello Stato, deve lavorare gratis.

Cordiali saluti e scusi per lo sfogo.

Le do ragione, il sito nasce anche con lo scopo di mettere in risalto le ingiustizie subite dai padroni di casa passate e presenti. Si mobiliti e si dia da fare, per esempio scrivendo lettere e fax ai legislatori cercando di sensibilizzarli sull'argomento. Saluti.

Domanda:
Tramite il Ng condominio.it, ho visitato il suo sito. Reputo l'idea brillante. Finalmente una iniziativa a tutela del proprietario. Personalmente come proprietario sono vittima, invece che essere premiato dal sistema. Numerosi e continui sono i problemi per me. I pi¨ gravi riguardano:
1. Ici e Irpef che mi stremano, per il loro costo elevato.
2. Causa di sfratto per finita locazione, dove sono alla mercŔ di un'inquilino.
3. Spese condominiali imponenti, che mi divorano in modo incessante.
Basta al massacro. Aderisco gratuitamente alla sua iniziativa per difendere i nostri interessi. Purtroppo c'Ŕ bisogno ! incredibile :-((

La ringrazio per aver aderito all'iniziativa in difesa della casa. La invito come aderente e proprietario a farsi promotore in prima persona di iniziative che possano sensibilizzare maggiormente l'opinione pubblica e i nostri amministratori sulla pesante tassazione che grava sugli immobili e sulle leggi sperequative che danneggiano il proprietario invece di tutelarlo. Per esempio contatti altri proprietari a Lei vicini o conoscenti e gli faccia presente la cosa, scriva ai giornali, se puo' invii dei fax ai ministeri a Roma. Cerchiamo, insomma, un po' tutti insieme di difenderci e "Rompere le scatole" ai nostri governanti.

Domanda:
Scusami se mi permetto di dirtelo, ma il quadro da te tracciato Ŕ fin troppo "roseo"! Infatti, i miei nonni che vivono con la modesta pensione degli agricoltori, hanno avviato le procedure di uno sfratto per morositÓ di un locale commerciale nel lontano 1995, senza ancora ottenere nulla, e sebbene nel frattempo si siano dovuti far carico di spese legali, tasse sull'immobile e costi di manutenzione, ben maggiori di quelli da te supposti: calcola che dovrebbero percepire circa 30 milioni di soli arretrati!

Il punto per˛ Ŕ anche un altro, (e spero con ci˛ che nessuno si offenda!): che bisognerebbe scegliere con la massima oculatezza anche i propri patrocinanti, perchŔ non Ŕ raro, come in questo caso, che approfittando "dell'incompetenza" dei clienti, sfruttino opportunamente le situazioni a proprio vantaggio.... e la cosa Ŕ tanto pi¨ grave quanto pi¨ sono "popolari"! I miei poveri nonni hanno dato fondo ai loro pochi risparmi per assicurarsi un vero "principe del foro", il quale Ŕ sempre talmente occupato da non degnarsi mai di dar loro spiegazioni, ma altrettanto pronto a delegare le solerti segratrie alla riscossione degli onorari!

Peccato che alla luce dei fatti, non trovino giustificazione le spese sostenute: Ŕ proprio vero che la "legge non ammette ignoranza!" Ripeto: non voglio generalizzare, ma molti "stimati" professionisti dovrebbero farsi un bell'esame di coscienza: lo so, Ŕ un lavoro come un altro...ma invece di ragionare sempre e soltanto in termini pecuniari, dovrebbero almeno avere la delicatezza di ricordare, di tanto in tanto, che dietro ogni causa c'Ŕ un caso umano! Infatti, i tempi della giustizia sono lunghi, ma spesso vengono "opportunamente dilatati", per giustificare i conti: ci hai mai pensato?

Ha fatto bene a dirlo. Casi "peggiori" di quelli da noi esposti ce ne sono moltissimi. La legge ci lega le mani e ci considera dei privilegiati, benestanti, parte forte della società, proprietari immobiliari, senza considerare i sacrifici e le spese che si sono dovute sostenere per diventare proprietari e per continuare ad esserlo. Siamo considerati i "polli da spennare" a tutti i livelli, non siamo rispettatti nè dal fisco nè dalla Legge.
Pensi che conosco molte persone con una causa di sfratto per finita locazione iniziata nel '90 (contratto equocanone) e che si trascina da più di 10 anni. Finora i nostri governanti non sono stati capaci di far altro che bloccare e rinviare gli sfratti scaricando tutto il peso dell'assistenzialismo sul proprietario e non si intravede per il futuro alcuna via di uscita. Al tutto si devono aggiungere le spese legali niente affatto"calmierate" o eque per questi casi, ma belle salate sia per i bolli di legge, sia per le parcelle degli avvocati. Poi dobbiamo aggiungere il peso dell'ICI ahe paghiamo intera e senza alcun sconto per aver ospitato un inquilino che paga l'equocanone al posto dell' ICI e ci guadagna pure, perché non deve dichiarare reddito immobiliare e quindi non ha maggiorazioni IRPEF, ci guadagna anche perché non ha spese di manutenzione straordinaria da sostenere.
A questo punto il nostro consiglio é quello di vendere appena possibile e sbarazzarsi della proprietà ormai fonte soltanto di grane e fastidi.

Domanda:
Sono proprietaria di 2 immobili e gli inquilini non si preoccupano minimamente di pagare l' affitto... Sono ormai tre mesi che nessuno dei due versa il canone: la differenza Ŕ che una Ŕ una villetta arredata e al momento del contratto non Ŕ stata versata alcuna caparra, l' altro Ŕ un alloggio, dove l' inquilino non paga nemmeno le spese condominiali( ha versato 3 mesi di caparra). Che redditi dichiaro se tanto non pagano? I tempi per lo sfratto sono lunghi ,non esiste qualche legge per facilitare le cose? Ormai sono rassegnata a perdere i soldi, ma almeno che se ne vadano al pi¨ presto. Distinti saluti

Se le leggi non cambiano non si può fare alcunché, più che dare lo sfratto per morosità e aspettare che la pratica burocratica faccia il suo lungo e costosissimo corso, non vediamo alternative. La legge tutela l'inquilino anche quello moroso che sa benissimo che può stare in casa d'altri indisturbato a gratis almeno per un anno intero. Occorre mobilitarsi di persona, contattare amici, parenti, istituzioni, politici, fare sentire la propria voce per poter arrivare a formulare leggi che disincentivino la pratica della morositÓ. La invitiamo comunque a registrare sempre i contratti di affitto e a denunciare sempre il reddito della pigione fino alla sentenza di sfratto del giudice; lo Stato non ci tutela affatto, ma ci lascia in balia dei nostri inquilini morosi, però pretende dai proprietari il pagamento puntuale delle tasse. Si tratta di una grossa ingiustizia a cui occorre porre rimedio al più presto.

Domanda:
Buongiorno, avrei un piccolo quesito da proporvi: - sono proprietario al 50% di una villetta bifamigliare costruita e presa in eredita' da mio padre. Al primo piano abita la mia famiglia mentre al pian terreno abitano terzi. Poiche la casa ha circa 25 anni, necessita di una ristrutturazione generale. Poiche fino ad oggi non e' mai stato sfruttato il sottotetto, realizzato in cemento armato, ho pensato bene di recuperare la parte centrale della soffitta collegandolo con una scala al mio appartamento. Tale sottotetto non puo' essere destinato ad uso abitativo in quanto l'altezza massima e' di 2,4 mt e' l'altezza minima e' 30 cm. Si tratta solo di sfruttare la zona centrale come magazzino, lavanderia ecc....... Fin qua' tutto chiaro, almeno immagino, adesso vi antticipo l'inconveniente: Non appena ho parlato con i signori del piano sotto di recuparare tale spazio si sono dimostarti interessati anche loro a tale ripristino. Premetto questo: - in 25 anni mai nessuno ( al di fuori della mia famiglia ) si e' permesso di chiedere informazioni sul sottotetto e nessuno l'ha mai visto. Da 25 anni a qusta parte veniva utilzzato dalla nostra famiglia come deposito. - il vano di accesso alla soffitta risulta essere nella nostra abitazione tramite scala. Vi chiedo gentilmente in questo caso da che legge sono tutelato affinche' riesca a recuperare tale spazio in attesa di una Vostra risposta invio cordiali saluti.

La ringraziamo per averci scritto. Di solito i sottotetti sono di pertinenza dell'appartamento dell'ultimo piano, come stabilito da molte sentenze della Suprema Corte, salvo che esista un titolo (come per esempio un atto di acquisto/vendita o regolamento di condominio contrattuale) che disponga diversamente. Non siamo legali e per una risposta più precisa dovrebbe consultare un tecnico professionista. Cerchi di capire perché i suoi vicini del piano di sotto avanzano diritti sul sottotetto da Lei sempre utilizzato e se hanno titoli per farlo. E' sempre meglio cercare di trovare un accordo amichevole che andare verso lo scontro diretto. Come promotori del sito La casa, ci sentiamo in dovere di coinvolgerLa nella nostra battaglia unitaria in difesa di tutti i proprietari vessati dalle leggi italiane e tartassati dal fisco, invitandoLa a coinvolgere anche i suoi vicini di casa e conoscenti in questa campagna di sensibilizzazione, facendosi promotori in prima persona di iniziative come per esempio scrivere ai vari giornali, media, radio, TV e Istituzioni dello Stato lettere, fax, e-mail, segnalando il problema.

Domanda:
Spett.le redazione, Vi scivo questa per segnalarvi il mio sconforto relativamente alla seguente situazione: Sono conproprietario con mia moglie dell'appartamento nel quale risiediamo, che Ŕ stato acquistato circa 10 anni fa come societÓ semplice, di cui siamo gli unici soci, ora non capisco perchŔ non possiamo avere la detrazione come prima casa ai fini irpef e ici, solamente perchŔ questa comproprietÓ Ŕ regolata sotto forma di societÓ semplice e non come cointestatari. Grato se vorreste fornirmi chiarimenti in merito, Porgo Distinti Saluti.

La ringraziamo per aver aderito all'iniziativa di difesa e valorizzazione della casa. La sua casa risulta intestata ad una società e non a una persona fisica. La normativa fiscale cambia a seconda che si tratti di una persone fisica o di una persona giuridica. Il quesito che Lei ci pone esorbita dall' ambito delle nostre competenze. Le consigliamo di rivolgersi a dei commercialisti per avere informazioni più precise. Purtroppo la legislazione fiscale italiana in ambito immobiliare (e non solo in quello) è un rebus a volte difficile da districare perfino per gli "esperti". Tra gli obiettivi che ci prefiggiamo, come proprietari di casa, c'è anche quello di sensibilizzare il Governo e le Istituzioni verso una maggiore semplicità e chiarezza fiscale cercando di eliminare palesi ingiustizie. Ci appoggi in questo compito. La invitiamo quindi a farsi promotore in prima persona, presso le varie Istituzioni sia pubbliche che private di queste iniziative, scriva ai giornali, agli uomini politici che ritiene possano venirgli incontro e faccia sentire la sua voce. Saluti.

Domanda:
Mi rivolgo a Voi perchŔ decisamente disorientata.... Ho acquistato con molta fatica 50 mq di appartamento come mia prima casa a Cremona....che bello!!! Peccato che per lavoro ho dovuto abbandonare la mia "Stanza" a Cremona, affittandola a 6.000.000 all'anno con regolare contratto al mio tranquillissimo inquilino. Ora sono presso un amico a Milano...domanda: - ai fini dei redditi posso ancora avere diritto alla detrazione di prima casa visto che comunque la residenza l'ho mantenuta a Cremona? che differenza passa ai fini fiscali tra primacasa e principale abitazione? - Su questa casa pago un mutuo con rata mensile....gli interessi possono ancora essere portati in detrazione? - per il calcolo dell'ici posso ancora detrarre le 200.000 previste per la prima casa? (aiuto!! mi serve risposta urgente....se le ultime due domande hanno per risposta un SI, allora il CAAF mi ha sbagliato la dichiarazione dei redditi!!) grazie!!

Noi siamo disorientati ancora piu' di lei !
Scherzi a parte, le sue domande dimostrano quanto ingarbugliata sia la normativa fiscale sulla casa e non solo su quella. Prima o seconda casa, abitazione principale o secondaria, non si capisce piu' niente. Le probabilita' di commettere errori nelle dichiarazioni dei redditi sono sempre piu' alte, chi ci rimette alla fine siamo poi sempre noi proprietari di casa. Le domande che lei ci pone esorbitano dall'ambito delle nostre competenze, in quanto non siamo commercialisti, ma proprietari come lei e dalle pagine del sito informiamo che non diamo consulenza su problemi tecnico legali; in genere se si possiede una casa, ma non la si abita perche' la si e' data in locazione, si perdono molte agevolazioni fiscali anche se e' l'unica che si possiede. Se poi lei figura ancora residente li', le cose si ingarbugliano ancora di piu' Per una risposta piu' precisa provi a consultare il sito del Ministero delle Finanze all'indirizzo www.finanze.it . Da parte nostra invece, la invitiamo ad aderire all'iniziativa di valorizzazione della casa anche al fine di sensibilizzare per una normativa fiscale piu' chiara ed equa in ambito immobiliare. Saluti.

Domanda:
Sono proprietaria di una villetta, che i precedenti inquilini hanno praticamente distrutto l' interno senza pagare il canone d' affitto, ma sia lodato il cielo che se ne sono andati ( ma ho dovuto pagare anche l' avvocato). Ora avevo trovato una famiglia che mi sembrava a posto e ora la sorpresa: ho abbuonato 2 mesi, perchŔ facessero mettere a posto la casa e le spese superiori al corrispondente dei 2 mesi le avrei sostenute io, a settembre avrebbero iniziato a pagare ( ed Ŕ da quella data che io avrei fatto partire il contratto giÓ firmato). I signori ora negano tutto e pretendono di non sostenere alcuna spesa, dicono che devo far mettere tutto a posto e loro inizieranno a pagare da settembre. Ma sono un ente di beneficienza? Comunque ho detto che potevano restituire le chiavi e io avrei restituito la caparra, ma non va ancora bene, hanno consegnato le chiavi ad un avvocato e ora mi tocca andarci anche io con perdita di soldi e denaro, Cosa devo fare? Come comportarmi? Aspetto una vostra risposta, ringraziandovi anticipatamente.

Con i contratti di affitto e con gli inquilini bisogna usare molta prudenza. La legge tutela l'inquilino, non il proprietario. Inoltre il proprietario che affitta deve dare l'alloggio in ordine e con gli impianti a norma di legge. Noi consigliamo, se si hanno dei dubbi quando si stipula un contratto, di avvalersi della consulenza di qualche associazione di categoria che possa dare chiarimenti e suggerimenti al riguardo. Inoltre se si prendono accordi speciali con l'inquilino come nel suo caso, è sempre bene mettere nero su bianco e sottoscrivere quello che si stabilisce, cercando di evitare gli accordi verbali. Saluti.

Domanda:
Ciao, innanzitutto i complimenti per la Vostra iniziativa veramente lodevole. Come proprietari di immobili 10 appartamenti concessi in affitto ad inquilini che per adesso grazie a Dio non ci danno affatto problemi anzi siamo in ottimi rapporti amichevoli, siamo invece BOMBARDATI da una parte dai Ladri e dell'altra dalle finanze e dai Vigili Urbani. Vi chiedo gentilmente un consiglio per quanto ci e' successo proprio in questi giorni in relazione alla comunicazione da fare al Comune"ANTIMAFIA L. 191 del 18 MAGGIO 1978" . Ci e' arrivata una multa di 400.000 lire per appartamento per n. 7 appartamenti: . Gia concessi in affitto da diversi anni . 4 degli affittuari nel frattempo hanno ottenuto la residenza nel Comune di Pocenia . alcuni affittuari se ne sono adirittura anche andati . tutte le tasse comunali ICI-IMMOND. ECC ECC sono regolarmente pagate . per le vie brevi-verbali i Carabinieri pi¨ vicini sono continuamente stati messi al corrente . Che cosa fare, il Comune ci ha gia' detto che sono argomentazioni insufficienti. Ci conviene fare ricorso in prefettura e/o presso altra AutoritÓ competente e come farlo .? Se mi potete dare gentilmente qualche dritta vorrei con tutte le mie forze oppormi a questo regime assolutista e oramai insopportabile . Ne ho veramente le palle piene adesso basta . Grazie e scusate per lo sfogo di ira ma non ce la faccio proprio pi¨ . Grazie di nuovo - buon lavoro e ciao .

Se abbiamo ben capito, lei ha ricevuto una multa per non aver comunicato la cessione degli alloggi alle autorita' competenti. Si tratta di una pratica burocratica il cui onere spetta al proprietario e da eseguirsi entro 48 ore dalla cessione del fabbricato su appositi moduli predisposti. Lei sostiene di essersi rivolto ai carabinieri per una comunicazione verbale, ma loro avrebbero dovuto dirle con precisione cosa fare e a chi rivolgersi per la comunicazione. Non sappiamo dirle se conviene fare ricorso, le cui modalita' dovrebbero gia' essere richiamate nel verbale che ha ricevuto. Provi a chiedere una consulenza presso un sindacato di categoria quale l'UPPI, o la Confedilizia o qualunque altro presso la sua zona. Loro avendo piu' esperienza sapranno consigliarla in merito. Saluti.

Domanda:
Carissimi, forse non sono il primo che vi segnala questo, un anno fa ho dovuto cambiare casa a causa del lavoro, non avendo abbastanza risorse per vendere e acquistare una nuova casa ed essendo la nuova sede di lavoro temporanea ho deciso di affittare la mia casa di proprieta' e di andare in affitto, il risultato e' che ora devo pagare le tasse sull'affitto che percepisco ma non posso scaricare dalle medesime l'affitto che pago. In altre parole il mio reddito, di fatto, non e' aumentato di una lira rispetto ad un anno fa mentre per il fisco e' aumentato di ben 15ML l'anno. beffa nella beffa non posso scaricare nemmeno le misere 500.000 o 600.000 lire previste recentemente per chi e' in affitto visto che quando ho affittato il mio appartamento a Roma non erano ancora in vigore i nuovi stupidi contratti concordati saluti.

Domanda:
Stipulato contratto il 1 luglio 2000. Prima mensilitÓ pagata a fine mese , seconda mensilitÓ pagata in parte, a Settembre ed Ottobre salta il pagamento del canone dell'inquilino. Abbiamo una caparra corrispondente a due mensilitÓ. Mi sono rivolto agli affittuari precedenti e vengo a conoscenza che Ŕ giÓ stato sfrattato per morositÓ e ha lasciato per dispetto un ammontare di circa lire 50.000.000 di spese e danni . Facciamo presente e sottolineamo che le pratiche di ricerca referenze sull'inquilino e sua situazione economica sono state seguite da una agenzia immobiliare che alla stipula del contratto ha preteso oltretutto una mensilitÓ da parte ns. pi¨ il relativo compenso dall'inquilino e che al momento ritiene il problema risolvibile soltanto tra il locatore ed il locatario ( cioŔ si defila da ogni responsabilitÓ ). Sapppiamo che le tempistiche di rilascio dell'appartamento saranno minimo di sei mesi. Visto la recidiva morositÓ dell'inquilino , visto che Ŕ giÓ da tempo seguito per pignoramenti diversi e/o sequestri di beni ( nulla tenente - nulla facente), il contratto e le tasse sono regolarmente registrate e pagate da parte ns. Ŕ possibile sperare in una prassi pi¨ rapida di sgombero?

Grazie per il vostro intervento. Da quello che dite, siete ottimisti! Ma dove abitate per riuscire ad ottenere il rilascio dell'immobile in sei mesi vista la recidiva dell'inquilino? Per nostra esperienza e di molti altri proprietari, qui a Torino e provincia occorre minimo un anno per ottenere il rilascio dell'immobile con l'intervento dell'ufficiale giudiziario. Casi come il suo sono all'ordine del giorno. Dalle pagine del sito cerchiamo di sensibilizzare su questi problemi, sollecitando rapide soluzioni che non arrivano. Delle agenzie non occorre fidarsi molto perche' ce ne sono tante senza scrupoli che non fanno controlli di alcun genere.

Domanda:
VS. ARTICOLO SU ISTITUZIONE ALBO AMMINISTRATORI IMMOBILIARI.
Leggendo il Vs. articolo predetto, mi fa strano che un sito come il Vs. che dovrebbe fare gli interessi dei proprietari di casa esprima che l'albo degli amministratori di condominio non Ŕ una cosa necessaria ma addirittura " futile". Come sicuramente Voi sapete " e vi guardate bene da informare i Vs. utenti " ad oggi esistono le associazioni private per gli amministratori di condominio, associazioni non riconosciute dallo stato italiano e che di conseguenza non rispondono del conmportamento deontologico/professionale dei loro iscritti. Nell'eventualitÓ di istituzione di un'albo professionale, ci sarebbe la possibilitÓ che eventuali comportamenti non corretti vengano sanzionati con evidente vantaggio della committenza che forse spenderebbe di pi¨ ma sarebbe garantita maggiormente. In secondo luogo, penso che Voi sappiate che la professione di amministratore immobiliare comporta sempre maggiori incombenze normative, penali etc....., incombenze alle quali solo un'albo pu˛ far fronte aggiornando i propri iscritti e vigilando sul loro operato. Ritengo pertanto che quanto detto possa facilmente dimostrare che il Vs. articolo guarda unicamente il lato economico della questione e tralascia completamente il fine primario del Vs. sito che Ŕ quello di rendere informati gli utenti sulla realtÓ immobiliare e del condominio allo scopo di tutelarli e indirizzarli al meglio nelle loro decisioni. Probabilmente sarebbe il caso di non dimenticare questo fine primario nei prossimi articoli.

Lei ha ragione, ma non ci fraintenda. Abbiamo deciso di costruire il sito "la casa" per sensibilizzare sui problemi che i proprietari devono affrontare in materia di tasse, spese, locazioni, sfratti, condominio, normative, ecc. Siamo d'accordo con lei quando afferma che il nostro articolo (SU ISTITUZIONE ALBO AMMINISTRATORI IMMOBILIARI) guarda unicamente il lato economico della questione. Conosciamo le nobili intenzioni che motivano l'albo degli amministratori di condominio, il cui fine dovrebbe essere quello di tutelare maggiormente sia gli utenti proprietari, che gli stessi amministratori professionisti.
Però vorremmo fare alcune osservazioni.
Se occorre istituire un albo apposta per difendere gli utenti da comportamenti non corretti, allora dovremmo riempire il mondo di albi, uno per ogni categoria e genere di attività. La cosa ci sembra eccessiva. A nostro avviso, sono ben altri gli strumenti da mettere a punto per difendere gli utenti da comportamenti scorretti. Non sarebbe meglio fare un albo dove inserire proprio quelle figure che si sono comportate in modo scorretto e renderlo pubblico? Sarebbe piu' efficace. Qualcuno però potrebbe ricorrere al garante della privacy e allora vede che bella ipocrisia?
Se effettivamente ci fosse una vera volontà politica di tutela del proprietario di casa, si sarebbe cercato, già da diverso tempo, di fare qualcosa di concreto in sua difesa anche per quanto riguarda gli inquilini morosi e gli sfratti per finita locazione, approntando procedure per il rilascio degli immobili più veloci e nello stesso tempo abbattendone i costi, dando la possibilitÓ di scalare dal reddito le spese legali dello sfratto. Ma tutto questo non avviene.
Perché?
La nostra impressione invece, è quella che si cerchi sempre la sola tutela della categoria professionale, in questo caso dell'amministratore, trascurando completamente le ragioni del proprietario e quelle del suo portafoglio.
Vogliamo l'albo degli amministratori? Benissimo, ma prima risolviamo il problema degli sfratti per morositÓ e per finita locazione, facciamo una vera politica di sostegno della casa, riducendo le spese, dando la possibilitÓ a inquilini e proprietari di scalare dal reddito le effettive spese sostenute e non un forfait del 15% come avviene oggi; vediamo di ridurre le aliquote delle tasse (ICI e IRPEF) per permettere ai proprietari di disporre delle risorse sufficienti per pagare anche il maggiore costo "professionale" dell'amministratore; cerchiamo di semplificare e ridurre le pratiche burocratiche che costano e portano via tempo. Oggi sul condominio gravano moltissime spese. Troppe! Ci sono molte persone che fanno fatica a pagarle.
Anche il libretto fabbricato che si vuole istituire ha un fine nobile, ma noi ne siamo contrari per le stesse ragioni: quelle del portafoglio.

 

border=0

Scrivi al Webmaster

 



Home page - Scopi e finalità - Locazione e sfratti - Acquisto e vendita - Il condominio - Tasse e imposte - Spese e manutenzioni - Libretto casa - Dialogo - Collegamenti utili - Esproprio - Difesa dei proprietari - Le aziende - Ricerca avanzata - Bando di concorso - Le aziende - Aderisci - Scrivici

Altavista Italia ricerche

Segnalato su Pronto Open Directory
La Stampa Web Parade
Virgilio directory