PAOLINO un scito do belin! PARTECIPAZIONI
BOMBONIERE
IN CHIESA
MENU RISTORANTE
TABLEAU
MUSICA
DIZIONARIO GE
MATRIMONIO STILE GENOVESE
SPOZALIăIO STILE ZENEIZE

Ecco alcuni semplici consigli su come organizzare il vostro matrimonio in stile genovese e, perchÚ no, risparmiare. Un tocco di originalitÓ distinguendosi dalle solite cerimonie standard e, allo stesso tempo, far conoscere la lingua e le tradizioni della nostra bella terra: la Liguria. Naturalmente questa pagina tratta solo alcuni aspetti dell'organizzazione del matrimonio a cui possono essere adattati lingua e tradizioni genovesi; nel web esistono vari siti tematici specifici sulle nozze.

PARTECIPAZIONI
È la lettera con cui gli sposi annunciano il luogo e la data del loro matrimonio, da spedire o consegnare a mano, ad amici e parenti. Contestualmente alle partecipazioni, andranno fatti stampare anche glixinviti al ricevimento che seguirÓ la cerimonia, e i bigliettini da inserire nelle bomboniere con i nomi degli sposi. Scriveteli in lingua genovese (se ci fosse qualche invitato "foresto" potrete aggiungere una velina scritta in italiano o altra lingua). Se non siete tanto preparati sul genovese (zeneize), ecco un fac-simile (partecipazioni ed invito insieme) precompilato con traduzione in italiano, da cui trarre spunto. Altre parole genovesi sul tema sono a fondo pagina.

BOMBONIERE
Qui potete scatenarvi con la fantasia, l'importante Ŕ uscire dalla solita banalitÓ proposta dai classici negozi di bomboniere; inoltre con il "fai da te" risparmiate delle palanche! Un materiale tipico ligure Ŕ senz'altro l'ardesia (ci sono molte cave estrattive in val Fontanabuona), da cui possiamo trarre spunto per le nostre bomboniere stile ligure: ad esempio piccoli orologi col quadrante in ardesia, oggetto senza dubbio utile, oppure un mini quadretto dipinto o con incisione laser, magari raffigurante un paesaggio ligure o la vostra chiesa, oppure un piccolo posacenere, oppure un ciondolo in ardesia, ecc.
Altra idea originale Ŕ quella di un piccolo mortaio (diametro cm.8) in marmo con pestello in legno, con all'interno i confetti di colore verde (a simulare il pesto),
Bomboniere mortai
il tutto racchiuso in una scatola trasparente; per i testimoni ne potete prendere un paio del diametro di cm.20. Ma dove trovare tutto ci˛? Il mortaio in marmo bianco potete acquistarlo a Carrara in una delle tante aziende site in via D. Zaccagna 6 (zona industriale), io mi sono servito dalla Nuova Marmotecnica di Baudoni, sono di ottima fattura corredati di pestellino; potete farveli spedire o andarci di persona.c E i confetti verdi? Acquistateli su internet, sono buoni ed economici, vi suggerisco Zelda bomboniere su ebay. Stessa cosa per nastrino e scatole trasparenti, o provate in qualche cartoleria (ad es. Lu.ma carta a Genova in via della Consolazione Ŕ fornitissima).
Infine, la moda di oggi Ŕ quella di corredare le bomboniere di matrimonio con essenze/profumi personalizzati che lascino un ricordo particolare; nel nostro caso potrei suggerire il profumo ligure per eccellenza, il pesto, o pi¨ semplicemente il basilico, la maggiorana, ma anche profumo di spezie o di cocco consigliato per gli sposiiin riva al mare.

IN CHIESA
La messa in lingua genovese era stata vietata dal genovesissimo cardinale Angelo Bagnasco, salvo poi nel 2010 togliere il veto e permettere l'uso del genovese solo al momento di rivolgersi ai fedeli per la spiegazione del Vangelo e delle Sacre Scritture (predica, letture, intenzioni di preghiera). Sicuramente Ŕ consentito il canto dell'Ave Maria Zeneize (Ave Maria Genovese), canzone religiosa in lingua genovese, composta nel 1964 da Agostino Dodero e parole di Piero Bozzo, interpretata anche da Piero Parodi. Qui cantata da Roberta Alloisio; altre versioni Qui e Qui.
- Messa in genovese, articolo su La Repubblica Genova del 28/4/2011
- Messa in genovese, stralcio audio dalla chiesa di Santa Zita in Genova, 28/4/2011
- Padre Nostro in genovese, traduzione del prof. Fiorenzo Toso
E il bouquet (mÓsso de fiôri) della sposa? Un bel mazzo di basilico!

MENU (CARTACEO) DEL RISTORANTE
Anche qui potete scrivere in genovese il nome dei piatti. Una volta scelto il menu dovete tradurlo; poi portate il testo del menu tradotto, su carta o su file, al gestore del locale (spesso il menu viene stampato direttamente dal ristoratore) o alla tipografia: penseranno loro all'impaginazione e alla stampa. Se avete difficoltÓ nella traduzione genovese, ecco qualche piccolo aiuto:
- Esempio di Menu genovese 1
- Esempio di Menu genovese 2
- Dizionario genovese tematico
- Dizionario Genovese on-line
- Traduttore Italiano Genovese

TABLEAU
Il Tableau Ŕ un originale "tabellone", solitamente posizionato all'ingresso della sala dove si tiene il ricevimento, sopra sono indicati i nomi degli invitati e il tavolo a cui si devono sedere; tutto questo Ŕ raffigurato in base ad un tema o uno stile particolare scelto dagli sposi. Inoltre, si possono anche preparare singoli segnaposto personalizzati e abbinati al tema e allo stile del tableau.
Qui viene suggerito un tema culinario basato sui principali piatti della cucina ligure: trenette al pesto, pansoti in salsa di noce, minestrone, trippa, cima, focaccia genovese, farinata, pandolce genovese, canestrelli, frisceu, ecc. (genovese: trenette a-o pesto, pansoti in sarsa de nôxe, menestron, trippa, šimma, fugassa zeneize, fainâ, pandôše zeneize, canestrÚlli, frisceu). Ad ogni piatto viene abbinato un tavolo con i nomi degli ospiti che vi si dovranno sedere.
tableau

Naturalmente potete sostituire il tema con proverbi o poesie o filastrocche genovesi, con immagini della riviera o dell'appennino ligure, mestieri di una volta, personaggi liguri famosi (Gilberto Govi, Cristoforo Colombo, Andrea Doria, Giuseppe Garibaldi, Nicol˛ Paganini, Fabrizio De AndrÚ), testi di canzoni genovesi (Ma se ghe penso, Te veuggio tanto ben di F.Lai e M.Merli, Creuza de mâ di DeAndrÚ, O mae matrimonio di P.Parodi, Olidin olidena, Foxe de Zena, Trilli trilli, ecc.); basta cercare su internet, sta alla vostra fantasia e gusto. Se andate in una tipografia con l'idea giÓ in testa, potete farvi consigliare.

SOTTOFONDO MUSICALE AL RISTORANTE
Potete crearvi da soli una selezione musicale, che pu˛ venire diffusa dall'impianto stereo del locale in cui ospitate gli invitati per il pranzo/cena/rinfresco: basta caricare i brani in formato mp3 su una chiavetta usb, o su pi¨ Cd. Dove reperire musica folk genovese? Recentemente alcuni brani sono stati ripubblicati dalla DeVega, spesso in abbinamento con IL SECOLO XIX o IL CORRIERE MERCANTILE. Altrimenti, facendo una ricerca su internet (youtube) si trovano numerosi brani di musica genovese dei pi¨ famosi cantanti liguri (Piero Parodi, Franca Lai, i Trilli, Buio Pesto, Giuseppe Marzari, Matteo Merli, De AndrÚ, ecc.).

DIZIONARIO GENOVESE TEMATICO
Addio al celibato/nubilato= Adîo a-o fantinægo
Altare= Artâ
Basilica= Baxilica
Bomboniera/e= Bonbonêa / bonbonêe
Celibe= fantìn
Cerimonia= Çeim˛nia
Chiesa= Gêxa
Fedi nuziale= AnÚllo da spozoÚi / da spozâ
Festeggiare= Festezâ
Fidanzati= Galànti
Gioia/allegria= ContentÚssa
Invitato/i= Invit˛u / invitæ
Letto nuziale= LÚtto da spozoÚi
Marito= MÓio
Matrimonio= Spozališio
Moglie= Mogê
Nozze= Nòsse
Nubile= fantìnn-a
Prete= Præve / prŠ
Ricevimento= Riševimento
Signore (Dio)= Segnô
Sposo/sposa= Spôzo / spôza
Sposi= SpozoÚi
Testimone/i= Testim˛nio / i
Vestito= Vestîo
Sabato= SÓbbo
Domenica= DomÚnega
Gennaio= Zenâ
Febbraio= Frevâ
Marzo= Marso
Aprile= Arvî
Maggio= Mazzo
Giugno= Z¨gno
Luglio= L¨ggio
Agosto= Agosto
Settembre= SetÚnbre
Ottobre= Òtôbre
A Tavola= a töa
Acqua naturale/gasata= Ægoa sccÚtta / gazâ
Aperitivo di benvenuto= Aperitivo de benvegnûo
Banchetto= Disnâta, scianprÓdda, ribòtta
Dolce/i= Dôše / dôsci
Primo/i= Primmo/i
Ravioli al rag¨= Ravieu co-o tocco
Secondo/i= Segondo/i
Torta nuziale= Torta nošiâle
Tazzina (di caffŔ)= CichÚtta / tasýn / copetinn-a
Vino= Vin


PROVERBI SUL MATRIMONIO
- E mogê di mainæ no son nÚ výdoe nÚ maiæ
Le mogli dei marinai non sono nÚ vedove nÚ maritate.
- E d˛nne dixan a veitæ, ma a dixan solo a meitæ
Le donne dicono la veritÓ, ma la dicono solo a metÓ.
- A 'na d˛nna ben maiâ sciûga fîto a seu bugâ
A una donna ben sposata asciuga presto il suo bucato. Un buon matrimonio fa andare bene tutto.
- AvŔi ci¨ c˛rna che cavelli
Avere pi¨ corna che capelli. Per indicare una persona tradita.
- A spôza setenbrinn-a, fîto vidovinn-a
La sposa settembrina, presto vedovina.
- Lĺ˛mmo mai˛u o lĺÚ n' öxÚllo imbrag˛u
Lĺuomo sposato Ŕ un uccello ingabbiato.
- Chi s'asomeggia, se piggia
Chi s'assomiglia, si piglia (si sposa).
- Chi se mezûa sĺoug¨ra
Chi (lĺanello) si misura si augura (presto di sposarsi). Similmente: Chi no se mezûa no dûa (chi non si misura non dura).
- Chi se mÓia mâ, a s˛ fadiga o no vedde mai cessâ
Chi si sposa male la sua fatica non vede mai cessare.
- A coæ de spozâ a lĺÚ comme quella de cagâ, quande a ven bezÚugna andâ
La voglia di sposare Ŕ come quella di defecare, quando viene bisogna andare.
- Quande a výdoa a se marîa, a s˛ penitensa a no l'Ú finîa
Quando la vedova si risposa, la sua penitenza non Ŕ finita.
- Mogê, ægoa e sâ, a chi no ne domanda no ghe ne dâ
Moglie, acqua e sale, a chi non ne domanda non ne dare.
altri Proverbi Genovesi cliccando qui.

Usi, costumi e tradizioni del matrimonio in Liguria
Le usanze e i costumi sul matrimonio sono molti, ad esempio in Liguria non ci si sposa a Settembre perchÚ nella tradizione locale vige il detto "Sposa settembrina, presto vedovina"! Oppure alcune spose liguri non indossano perle il giorno del "si", sembra che una perla porti una lacrima, per cui prima di usarle la sposa dovrÓ "ripagarle" con qualche dono. Infine altra curiositÓ, mettere una monetina nella scarpa della sposa, dovrebbe portare alla coppia ricchezza e prosperitÓ.

Padre Nostro
Preghiera tradotta in base alla grafia ufficiale genovese; tratta da una pagina de "A Compagna". Altra versione, tradotta dal prof. Fiorenzo Toso, sul sito www.conosceregenovaonlus.org .
  Poæ n˛stro che tĺê in šê
  segge santific˛u o teu nomme
  che vêgne o teu regno
  segge fæta a teu voentæ, comme in šê coscý in tæra.
  Danne ancheu o n˛stro pan da giornâ
  remÚtti a niâtri i n˛stri dÚbiti
  comme niâtri i rimetÚmmo a-i n˛stri debitoî,
  e no ne indûe tentašion,
  ma liberine da-o mâ.

Ave Maria
  Âve, Marîa, pinn-a de grÓšia,
  o Segnô o lĺÚ con ti.
  Ti tĺê benÚita tra e d˛nne
  e benÚito o l'Ú o frûto do teu sÚn, Gex¨.
  SÓnta Marîa, Moæ do Segnô,
  prêga pe niâtri pecatoî,
  ˛ua e inte lĺôa da n˛stra m˛rte.

Su
HOME  LIGURIA  IL GENOVESE  POESIE GE  MODI DI DIRE
© Paolino