quésto l'é o scîto de
PAOLIN
un scîto do belin!

  PROVERBI IN GENOVESE 2/2
PROVERBI IN ZENEIZE

 

A TAVOLA

A chi à famme, o pan o ghe pâ lazagne.
A chi ha fame, il pane gli sembra lasagne.

Chi atasta o menestron 'na vòtta, o no va ciù via da Zena.
Chi assaggia il minestrone una volta, non va più via da Genova.

Ciutòsto che röba avanse, créppa pansa.
Piuttosto che avanzi della roba, muori pancia. Piuttosto che far avanzare del cibo, mangiamo tutto anche se poi stiamo male.

O vin e-e donne fan giâ a testa.
Il vino e le donne fanno girare la testa (e non solo, n.d.r.).

L'ægoa a fa mâ e o vin o fa cantâ.
L'acqua fa male e il vino fa cantare.

Pansa afamâ a no sente raxon.
Pancia affamata non sente ragione.

Pansa pinn-a a veu ripözo.
Pancia piena vuole riposo.

FORTUNA, SFORTUNA

Sensa un pö de fortùnn-a no se fa ninte
Senza un po' di fortuna non si fa niente.

Pigiæ a fortùnn-a in spréscia, l'inpegno adaxetin.
Prendete la fortuna in fretta, l'impegno adagio.

'Na vòtta côre o can, l'âtra a lêvre.
Una volta corre il cane, l'altra la lepre.

E desgraçie van de longo træ a træ.
Le disgrazie vanno sempre tre a tre (tre per volta).

Sette comme e desgraçie do mainâ: fadîga, moutîe, corpi de mâ, a mancansa da dònna e da botiggia, o serviçio de goardia e ancon pe zonta, a nostalgîa de Zena e quella da famiggia.
Sette come le disgrazie del marinaio: fatica, malattia, colpi di mare, mancanza della donna e della bottiglia, il servizio di guardia e ancora per giunta, la nostalgia di Genova e della famiglia.

E desgraçie son de longo pronte, comme e töe de ostaie.
Le disgrazie sono sempre pronte, come le tavole delle osterie.

FOGLI DI CALENDARIO

Se l'é néigro a-a tramontann-a, preparite a-a boriann-a.
Se è scuro alla tramontana, preparati alla burrasca.

Quande o gatto o spassa l'oêgia, veu dî che cêuve.
Quando il gatto si pulisce l'orecchia, vuol dire che piove.
Quando è umido, l'umidità fa stendere maggiormente i nervi, quindi riesce a fare cose che col tempo secco non riesce, dunque piove.

Pòrtofin scûo, cêuve segûo.
Portofino scuro, piove sicuro.

Quande cêuve e lûxe o sô, tutte e strîe fan l'amô.
Quando piove e luccica il sole, tutte le streghe fanno l'amore.

L'arcobalen da séia fa luxî o sô in candéia.
L'arcobaleno della sera fa luccicare il sole in candela.

Chi travaggia a-a Sciançion, ghe va o frûto in perdiçion.
Chi lavora all'Ascensione (40° giorno dopo Pasqua), gli va il frutto in perdizione.

Né de mazzo, né de mazzón, no te levâ o pelissón.
Ne di maggio, né di maggione, non ti levare il pelliccione.
L'abbigliamento dev'essere alleggerito con prudenza

Quande e nûvie van a-o mâ, piggia a sappa e vanni a cavâ; quande e nûvie van a-o monte, piggia o caban e vatte a sconde.
Quando le nuvole vanno al mare, prendi la zappa e vai a cavare; quando le nuvole vanno al monte, prendi il soprabito e vatti a nascondere.

PROVERBI DO GATTO (attenzione: alcuni potrebbero essere volgari)

Pescòu da canna, caciòu da vischio, portòu da Cristo, tréi belinoin coscì no n'ò mâi visto!
Pescatore di canna, cacciatore di vischio, portatore di Cristo, tre stupidi così non ho mai visto!

I gondoin e i fónzi náscian sensa semenâli.
Le canaglie e i funghi nascono senza seminarli.
Gondoin letteralmente significa profilattico, ma viene usato per indicare un brutto ceffo.

A moæ di belinoin a l'é de longo grâia.
La mamma degli scemi è sempre incinta.

L'é mêgio fâse beccâ a goersa da-i öxelli, che mangiâ da-i vermi.
È meglio farsi beccare la potta dagli uccelli, che mangiare dai vermi.

S'avesse o cû comme a teu faccia, aviéiva finn-a verghéugna a cagâ!
Se avessi il culo come la tua faccia, avrei persino vergogna a defecare!

Monta chi e ti veddi Zena (ciù un caroggio e 'na bitêga).
Sali qui e vedi Genova (più un vicolo e una bottega). Si dice quando uno chiede una cosa impossibile. Volgarmente: sali sul mio pene e vedi Genova...

ALTRI PROVERBI

Scialla scialla che Zena a l'é bella.
Evviva evviva che Genova è bella.

Chi veu vedde un cattîo, fasse aragiâ un bon.
Chi vuol vedere un cattivo, faccia arrabbiare un buono.

Chi l'é tròppo bon o l'é un mincion.
Chi è troppo buono è uno sciocco.

A veitæ e l'êuio vegnan de longo a galla.
La verità e l'olio vengono sempre a galla.

Se tutti i laddri avessan e còrne, o mondo o saieiva un caniòu.
Se tutti i ladri avessero le corna, il mondo sarebbe un canneto.

O meize de çiòule o ven pe tutti.
Il mese delle cipolle viene per tutti: per ognuno di noi, inevitabilmente, giungono i giorni del pianto

Chi lava a testa a l'âze perde tenpo, lescîa e savon.
Chi lava la testa all'asino perde tempo, ranno (acqua e cenere) e sapone.

Chi l'é stæto bruxòu da l'ægoa câda, à poîa da freida ascì.
Chi è stato bruciato dall'acqua calda, ha paura anche della fredda.

Amixi sci, ma tabacco no.
Amici si, ma tabacco no.
Nessun legame autorizza ad approfittarsi oltre un certo limite.

Chi semenn-a agogge no vadde descâso.
Chi semina aghi non cammini scalzo.
Cioè: essere sempre prudenti e valutare bene quel che si vuol fare prima di farlo.

Chi no ne veu de mì, mì manco de lô.
Chi non ne vuole sapere di me, io neanche di loro.

O diâo o no fa crensa.
Il diavolo non fa credito.

Ben de spesso e cöse indoæ, son de drento avelenæ.
Sovente le cose dorate, sono dentro avvelenate.
  simile, ma più volgare
De d'âto liscio liscio, de sotta merda e piscio.
Sopra liscio liscio (cioè tutto in ordine), sotto m... e p...

Chi é in tæra predica, chi é in mâ navega.
Chi è in terra predica, chi è in mare naviga. Chi non è buono a far niente dà consigli, chi sa naviga (che è considerata un'arte).

L'òmmo, l'âze e bibin, i son tréi cuxin.
L'uomo, l'asino e il tacchino, son tre cugini.

Gh'ò in belin che ghe sta quattro polli de d'âto. (Serra Riccò)
Ho un pene che ci sta quattro polli sopra.

Tùtto ven a tàggio, finn-a e onge pe piâ l'àggio (Serra Riccò)
Tutto viene a taglio, persino le unghie per pelare l'aglio. Al momento del bisogno ogni cosa diventa utile.

Dai diamanti non esce niente, dal letame nascono i fiori. (F.De André)

Vuoi acquistare un Libro di Proverbi Genovesi? Leggi Recensioni qui.

  torna su     << ALTRI PROVERBI
CULTURA e TRADIZIONI POESIE GE MODI DI DIRE BARZELLETTE GE