MOTORE A IDROGENO

































motori a idrogeno
Come funziona un motore a idrogeno? L'unione dell'idrogeno e dell'ossigeno da luogo nuovamente all'acqua H2O liberando energia pronta per l'uso.
La tecnologia 'fuel cell' potrà essere utilizzata sia sotto forma di motore elettrico per le automobili e i trasporti sia come centrale industriale per la produzione di energia elettrica.
Come funziona una cella a combustibile? Una fuel cell riceve in entrata due flussi: idrogeno dal polo negativo e ossigeno dal polo positivo.
Nel momento in cui gli atomi di idrogeno entrano in contatto con il catalizzatore gli elettroni si separano dal nucleo, generando energia elettrica, spostandosi verso il polo positivo dove si uniscono agli atomi di ossigeno caricandoli negativamente.
Il processo termina con il passaggio delle molecole di idrogeno (positive) verso quelle di ossigeno (negative) dalla cui reazione chimica si forma l'acqua..
b) motore a 'combustione interna' in grado di utilizzare l'idrogeno come carburante.
Dal punto di vista progettuale la principale criticità dell'utilizzo dell'idrogeno resta la sua elevata infiammabilità.
Nel caso dell'idrogeno liquido i serbatoi devono mantenere il carburante alla temperatura di -253°.

Motore ad idogeno - Fortran - Guida di SuperEva
Come funziona il motore che rappresenta futuro dell'autotrazione .
Il motore ad idrogeno sfrutta la cella a combustibile per produrre energia elettrica e quindi alimentare un motore elettrico responsabile quindi della trazione.
Attraverso l’uso delle fuel cells infatti si esegue un procedimento diverso per lo sfruttamento dell’idrogeno inteso come elemento base per la produzione di energia meccanica necessaria alla locomozione di un autoveicolo.
L’idrogeno in questo caso non è più utilizzato come combustibile in un motore, ma attraverso le pile a combustibile (fuel cells) viene trasformato in energia chimica opportunamente combinato con l’ossigeno.
L’energia prodotta dall’idrogeno viene appunto accumulata in queste pile e utilizzato per la locomozione del mezzo attraverso un motore elettrico.
La cella a combustibile e' un generatore elettrochimico in cui, in linea di principio, entrano un combustibile (tipicamente idrogeno) e un ossidante (ossigeno o aria) e da cui si ricavano corrente elettrica continua, acqua e calore .
Il combustibile (idrogeno) e i gas ossidanti (ossigeno dato semplicemente dall'aria) lambiscono rispettivamente l'anodo e il catodo (sulle facce opposte a quelle in contatto con l'elettrolito).

L'idrogeno: truffa o occasione unica?
Qui ci sono due opinioni sull'idrogeno.
Il primo articolo, scritto da Angelo Baracca, Franco Marenco e altri, dice che l'idrogeno è una grande truffa e che invece di eliminare l'inquinamento dovuto alla combustione dei carburanti fossili, semmai sposta quell'inquinamento fuori dai grandi centri urbani.
Appena sotto trovate un commento di Josef Hasslberger (socio fondatore de La Leva di Archimede) che spiega come e perché l'idrogeno è invece una grande occasione e potrebbe esser prodotto in una miriade di modi diversi che non richiedono l'uso degli idrocarburi o del carbone.
Ormai quando si parla di "energia pulita" si parla praticamente solo di idrogeno.
I firmatari della presente - ricercatori e persone a vario titolo impegnate in ambiente accademico e scientifico - desiderano esprimere la loro forte preoccupazione e un netto dissenso rispetto alla campagna mediatica che viene sostenuta per propagandare «l'idrogeno come combustibile pulito», addirittura alla base di una pretesa «rivoluzione ecologica».
Questa campagna è stata avviata dal noto economista Jeremy Rifkin (Economia all'idrogeno, Mondadori 2002), presidente della Foundation on Economic Trends di Washington, e continua ad essere alimentata, nonostante incongruenze piuttosto evidenti negli assunti di fondo.

Ecco l'auto a idrogeno - di Giorgio Iacuzzo
Infatti, in Italia, fin dagli anni '70 hanno circolato veicoli di serie modificati per andare a idrogeno, economici, meno rumorosi ma soprattutto puliti, realmente a impatto zero.
I tedeschi avevano fornito i Messerschmitt 109 con l'ultima potente versione del motore DB605C, ma i caccia alleati erano sempre i più veloci.
I tedeschi lo trasferirono per tre mesi in un laboratorio sotterraneo in Germania dove gli venne insegnata la tecnica di montaggio di un dispositivo che poteva aumentare la potenza per una decina di minuti al massimo (poi il motore avrebbe rischiato di rompersi), agevolando il velivolo nel disimpegno durante i duelli aerei..
Di cosa si trattava? In apparenza niente di complicato: si trattava solo di iniettare nel motore una certa percentuale di d'acqua assieme al carburante.
Iniziò poi un dottorato di ricerca presso l'Università del Lussemburgo dove nel 1973 presentò la tesi finale sull'auto a idrogeno..
L'idrogeno era immagazzinato in bomboloni nel bagagliaio del veicolo e nel motore erano state eseguite alcune modifiche, tra le quali:.
L'idrogeno veniva autoprodotto dall'ingegner Longo in proprio, per mezzo di una centralina per l'elettrolisi che lo forniva già a 12 atmosfere di pressione, dunque pronto per essere immesso nelle bombole.

Metti un dado nel motore. Di idrogeno
Un grande passo avanti verso l'utilizzo pratico dell'idrogeno: un cubetto di idrogeno nel serbatoio dell'auto.
I motori a scoppio che funzionano a idrogeno sono puliti : emettono cioè come gas di scarico vapore acqueo! Per questo, secondo molti, l'idrogeno è il combustibile del futuro .
L' idrogeno in forma gassosa è esplosivo , difficile da trasportare e condensare.
Il materiale metallico è poroso - con micropori di un milionesimo di millimetro di diametro, in cui viene insufflato l'idrogeno ad altissima pressione.
'Abbiamo sperimentato questo principio - possiamo intrappolare idrogeno gassoso in un materiale solido, poroso, che lo rilascia quando richiesto' ha dichiarato Mark Thomas, dei Carbon Research Laboratories di Newcastle.
'Se sviluppato, il metodo ha potenziali applicazioni per ogni genere di motore o generatore .
Le auto a idrogeno forse arriveranno tra decenni, ma la nostra scoperta porta questo traguardo un passo più vicino'.
Il materiale metallico è plasmabile, sicuro, facilmente trasportabile e rilascia l'idrogeno solo al momento della combustione nel motore.
L'auto a idrogeno più veloce del mondo Motor Show di Tokyo.

EXPLORA - La TV delle Scienze
Motore a idrogeno, soluzione all'inquinamento con qualche sorpresa spiacevole? .
Infatti scienziati del California Institute of Technology hanno appena riferito su Science che, lungi dall'essere ad inquinamento zero, l'idrogeno usato come carburante al posto dei combustibili, rovinerebbe la fascia dell'ozono che ci protegge dalle radiazioni del sole.
La combustione a idrogeno, spiegano, non rilascia sottoprodotti tossici, il pericolo però è che parte di esso, dal 10 per cento al 20 per cento potrebbe sfuggire, per esempio dalle pompe di rifornimento.
Ma non tutto è perduto, molti esperti invitano a non drammatizzare ricordando che non è ancora noto completamente il ciclo dell'idrogeno.
Potrebbe essere, dicono i più ottimisti, che l'idrogeno liberato per sbaglio vada a finire nel suolo, senza neanche raggiungere la stratosfera.
D'altronde, concludono gli esperti, non possiamo dimenticare che l'idrogeno è attualmente l'unica alternativa ai combustibili cui non si potrà fare affidamento ancora per molto, a meno di non voler condannare definitivamente il pianeta alla distruzione.

EXPLORA - La TV delle Scienze
Record di distanza per sottomarino giapponese a idrogeno .
Un sottomarino automatico con motore a idrogeno, un gioiello di tecnologia basato sulle celle a combustibile e ribattezzato “Urashima”, ha battuto il record mondiale di navigazione non stop negli abissi marini percorrendo in poco più di due giorni 317 km.
Il record precedente, di 262 km e risalente al 1998, apparteneva ad un sottomarino britannico, con motore convenzionale alimentato da batterie al litio.
È il primo veicolo al mondo a immergersi e a navigare sott'acqua con un motore a idrogeno, la tecnologia a energia pulita e rinnovabile che si spera rivoluzionerà nel medio termine il sistema dei trasporti e dell'approvvigionamento energetico.
La tecnologia delle celle a combustibile usata dal gruppo di Aoki impiega idrogeno e ossigeno e ha raggiunto un'efficienza del 50 per cento.
Visto in funzione, Urashima fa impressione per la sua silenziosità: il motore a celle di combustibile aziona sia le eliche verticali per l'immersione sia quelle per gli spostamenti in orizzontale.

Fiat: motore ad idrogeno per la Panda
Il progetto sostenuto dai ministeri di Ricerca e Ambiente Fiat: motore ad idrogeno per la Panda Autonomia di oltre 200 km per 5 minuti di ricarica .
Il sistema e' alimentato con idrogeno stoccato a circa 350 bar di pressione in un serbatoio alloggiato sotto il pianale (zona posteriore).

UGIS - Articoli - OGM per medicinali - Motore a idrogeno
Verso un futuro energetico ad idrogeno Si tratta di un gas che si presta ottimamente come vettore di energia non inquinante e, se prodotto da energie rinnovabili, consente un impiego eco-compatibile al 1000 per cento Automobili da cui non esce fumo nero ma aria pulita, e case riscaldate da impianti che producono calore ed energia elettrica, immettendo nella rete elettrica il surplus prodotto.
Il futuro ideale prefigura l'impiego di fonti come il solare o le biomasse per produrre idrogeno da sfruttare sia per produrre energia elettrica in centrali tradizionali che in piccoli impianti di generazione di calore ed elettricità per piccole utenze o per mezzi di trasporto che sfruttano il principio delle celle a combustibile.
Raffaele Vellone, direttore del Progetto idrogeno e Celle a combustibile dell'Enea - occorre ricordare che l'idrogeno non è una fonte di energia ma solo un 'vettore energetico' il cui impiego non è inquinante e che può ossere ricavato sia da combustibili fossili come petrolio o metano, ma che per essere totalmente eco-compatibile dovrà essere prodotto da energie rinnovabili.
'L'impiego generalizzato dell'idrogeno - prosegue Vellone - può essere la svolta decisiva verso la riduzione delle emissioni di gas serra.

Guide of MOTORE A IDROGENO



info: MOTORE A IDROGENO


Photo by www.rai.it
NEWTON - Un secolo e mezzo dal primo motore a scoppio
Un secolo e mezzo dal primo motore a scoppio .
Il primo esemplare fu realizzato nel 1853 a Firenze da Eugenio Barsanti e Felice Matteucci e funzionava ad idrogeno .
Il primo motore a scoppio era a idrogeno e fu inventato e messo a punto 150 anni da due toscani, Padre Eugenio Barsanti, di Pietrasanta, professore di fisica e di idraulica all'Osservatorio Ximeniano, e Felice Matteucci, ingegnere e fisico lucchese.
Nel 1853, i due tecnici presentano all'Accademia dei Georgofili una memoria nella quale è descritto un motore che utilizza la combustione interna dei gas per produrre forza motrice.
Tre anni dopo, l'officina meccanica della Fonderia del Pignone realizza un modello del motore Barsanti-Matteucci, che può essere considerato il primo esempio al mondo di motore a scoppio..
Per sottolineare il fatto che il primo motore a scoppio era a idrogeno, il Comitato manifestazioni in onore di Barsanti e Matteucci ha organizzato un convegno dal titolo 'Dall'idrogeno all' idrogeno', che si terrà a Lucca, il 4 e 5 aprile, nel Complesso monumentale S.
La prima intuizione che portò poi alla realizzazione del primo motore a scoppio fu del fisico Barsanti, padre scolopo e insegnate nelle scuole del suo ordine.

NEWTON - Record di distanza per sottomarino giapponese a idrogeno
Record di distanza per sottomarino giapponese a idrogeno .
Il motore elettrico dell'unità subacquea senza equipaggio è alimentato da celle a combustibile ed ha permesso di navigare ininterrottamente in immersione per 317 chilometri .
Un sottomarino automatico con motore a idrogeno, un gioiello di tecnologia basato sulle celle a combustibile e ribattezzato 'Urashima' (nella foto), ha battuto il record mondiale di navigazione non stop negli abissi marini percorrendo in poco più di due giorni 317 km.
Il record precedente, di 262 km e risalente al 1998, apparteneva ad un sottomarino britannico, con motore convenzionale alimentato da batterie al litio.
E' il primo veicolo al mondo a immergersi e a navigare sott'acqua con un motore a idrogeno, la tecnologia a energia pulita e rinnovabile che si spera rivoluzionerà nel medio termine il sistema dei trasporti e dell'approvvigionamento energetico.
La tecnologia delle celle a combustibile usata dal gruppo di Aoki impiega idrogeno e ossigeno e ha raggiunto un'efficienza del 50%.
Visto in funzione, Urashima fa impressione per la sua silenziosità: il motore a celle di combustibile aziona sia le eliche verticali per l'immersione sia quelle per gli spostamenti in orizzontale..

Innov'azione - A Brescia i motori a idrogeno dell’Università Cattolica
Si tratta di una tipologia di motore che oltre a ridurre sensibilmente l’impatto inquinante risolve, nell’ambito dell’applicazione per il quale è pensato, i problemi relativi ai rifornimenti e alla gestione dell’idrogeno.
Tag: Brescia, celle combustibile, idrogeno, motore, Università Trackback Indirizzo di Trackback per questo post:.

Un motore a idrogeno che fa... acqua — Ulisse
acqua È possibile che in un ipotetico motore a idrogeno per auto l'acqua anziché venire espulsa sotto forma di vapore venga in qualche modo riciclata e da questa ricavato nuovamente l'idrogeno in un ciclo continuo di energia? Gabriele Cuscino 17 ottobre 2005 L'idrogeno è l'elemento intermedio di un ciclo dell'acqua.
Otteniamo infatti l'idrogeno agendo con energia sull'acqua.
Con questa energia si riesce dunque a spezzare i fortissimi legami che legano i due atomi di idrogeno (H) all'atomo di ossigeno (O) nell'acqua (H-O-H).
Si genera così idrogeno molecolare (H-H), che si può considerare un concentrato di energia potenzialmente disponibile.
Questa energia può infatti essere ricuperata riformando quegli stessi legami H-O che erano presenti nell'acqua, bruciando l'idrogeno con ossigeno (per esempio in un motore di automobile) e riformando così acqua (H-O-H).
Poiché l'acqua prodotta nella combustione è chimicamente identica di quella che è stata consumata nella formazione dell'idrogeno, siamo in presenza di un ciclo che può essere immaginato essenzialmente come un ciclo di rottura e di riformazione dei legami H–O.

Auto ecologiche sulla linea di partenza
Auto ecologiche sulla linea di partenza etanolo, olio di colza, GPL, elettricità e, naturalmente, idrogeno: è ormai chiaro che l'auto del futuro non berrà più solo benzina.
Fra le tecnologie di punta c'è quella del motore a idrogeno, elemento già ampiamente usato nell'industria, e anche come propellente per le navicelle spaziali.
Per questo motivo - e visto che è uno degli elementi più abbondanti sulla Terra - tutte le maggiori case automobilistiche si sono lanciate nella ricerca sul motore a idrogeno (dal 1993 al 2000 sono stati spesi più di sei miliardi di dollari) e oggi esistono numerosi prototipi di autovetture all'idrogeno.
«Gli autoveicoli a idrogeno non sono ancora concorrenziali con quelli a benzina perché, dal punto di vista economico, non è vantaggioso investire per il cambiamento di tutte le infrastrutture basate sulla tecnologia del petrolio, come per esempio le reti di distribuzione.
In realtà se nel costo della benzina venissero inclusi i costi esterni - come i danni ambientali e alla salute delle persone - l'idrogeno, che è un carburante pulito e che può essere prodotto senza inquinare dall'elettrolisi dell'acqua tramite l'energia solare, sarebbe molto più appetibile»..

Anche l’idrogeno può inquinare
ENERGIA Anche l’idrogeno può inquinare o sviluppo di tecnologie basate sull’idrogeno, come le centrali a fusione nucleare e i motori a celle combustibili, dà la speranza di poter avere a disposizione entro pochi anni una fonte pulita e inesauribile di energia, visto che l’idrogeno è l’elemento più abbondante nell’universo e non emette gas inquinanti quando viene bruciato.
Gli scienziati della Shell Global Solution, il centro di ricerca della multinazionale del petrolio Shell, hanno pensato di verificare quest’affermazione stabilendo che è possibile riporre sull’idrogeno le speranze di un futuro pulito, a patto di servirsene nella maniera corretta.
I ricercatori hanno infatti condotto uno studio sulle emissioni di gas serra dei motori a combustione interna di tipo convenzionale (a benzina, diesel e gas naturale) e non convenzionali, come quelli elettrici e a idrogeno, misurando non solo la quantità di anidride carbonica emessa direttamente dai motori durante la combustione, ma anche quella generata nei processi di estrazione, produzione e distribuzione dei combustibili.

Tecnologia e Scienze - Heos.it. Notizie, interviste. Ecco il motore diesel a idrogeno
03.03.07 - Messo a punto un nuovo tipo di tecnologia dell'idrogeno che permetterà tra qualche anno di produrre nuovi motori a idrogeno.
Sono stati realizzati dunque esperimenti per la produzione di motori a idrogeno la cui efficienza è pari a quella degli attuali motori diesel, ma molto, molto meno inquinanti, mantenendo il miglior rapporto volume - potenza dei motori.
I ricercatori si augurano che questi motori alimentati a idrogeno offrano vantaggi netti rispetto ai motori dell’attuale generazione e che siano in grado di competere con altri sistemi di propulsione sotto il profilo delle prestazioni e dei costi.
Prendendo come punto di partenza il motore a combustione interna, i progettisti si sono incentrati sullo sviluppo di nuovi componenti, come iniettori, sistema di accensione, preparazione di strumenti di dinamica computazionale del fluidi (CFD) per ottimizzare il processo di formazione e di combustione della miscela.
Raymond Freymann, capo del gruppo ricerca e tecnologia della BMW spiega: “Il motore a combustione è uno dei prodotti industriali più altamente sviluppati..
Siamo convinti che anche in futuro il motore a combustione a idrogeno ...

Chiedi all'esperto: chimica
Vorrei sapere come funziona la combustione di idrogeno specificamente per automobili, con relative formule chimiche.
dove due molecole di idrogeno si combinano con una di ossigeno per formare due molecole di acqua gassosa: se la temperatura ambiente circostante è superiore ai 100°C (tipiche temperature di motore sono 600-1000°C) l'acqua non condensa ed esce dal sistema allo stato di vapore..
Quindi nulla di strano che dalla combustione (che è una ossidazione [2]) dell'idrogeno si ottenga acqua..
Quando l'idrogeno liquido contenuto nei serbatoi viene gassificato ed entra a contatto con l'ossigeno dell'aria nella camera di scoppio viene innesacata la reazione da una scintilla proprio come nelle auto normali..
Il processo di combustione libera inoltre una grande quantità di energia (-68, 32 kcal/mole di idrogeno [3]) che riscalda i gas combusti (vapore) ed il motore (ambiente in cui avviene la reazione)..
Il riscaldamento del vapore provoca l'espansione del gas (vapore) che spinge i pistoni del cilindro convertendo lavoro di espensione in lavoro meccanico, nè più né meno di quanto faccia un normale motore a scoppio..

Benefits


Photo by www.scanner.it
In vendita l'auto a idrogeno Costerà 3500 euro al mese - Motori - Repubblica.it
Ha un motore V12 da 260 Cv e scatta da 0 a 100 in 9 secondi In vendita l'auto a idrogeno.
Costerà 3500 euro al mese di VINCENZO BORGOMEO FOTO Il comunicato ufficiale Bmw Forse è presto per dire "arriva l'auto a idrogeno", ma la rivoluzione è innescata: ad aprile Bmw venderà in Nord America, Europa e Giappone, la Serie 7 a idrogeno.
Il prezzo? Identico a quello della corrispettiva versione a benzina: ossia un piccolo capitale perché la vettura a idrogeno deriva dalla 760iL che costa in leasing circa 3500 euro al mese.
E si tratta ancora di un prezzo di grande favore perché la 760 a idrogeno in realtà costa talmente tanto che (testuale dalla dichiarazione di un portavoce Bmw) "è impossibile da comprare per chiunque".
D'altra parte il progetto Bmw per la Serie 7 a idrogeno è piuttosto complesso - è iniziato nel 1978 - e parte dal presupposto che il cliente non debba rinunciare alle prestazioni di una normale vettura.
Ecco perché alla fine il motore è un 6000 V12 da 260 cavalli: la Bmw superecologica scatta da 0 a 100 km/h in 9, 5 secondi ed è in grado di raggiungere una velocità massima (limitata elettronicamente) di 230 km/h.

:: INTERNET ITALIANO :: Meccanica sezione motori a idrogeno
Alcune soluzioni hanno potenzialmente un costo di produzione e una autonomia accettabili ma hanno il limite sul mancante sistema di rifornimento dell'idrogeno, compresso o liquefatto, e il costo degli stessi.
Ad oggi esiste una sola società che sia riuscita a sviluppare un sistema di rifornimento ad idrogeno puro, ad alta densità, a sicurezza intrinseca e sopratutto che risolva il problema di accumulo, trasporto e distribuzione del combustibile.
Tutto ciò è possibile sviluppando un carburante chimico adatto alle fuel cell e riciclabile in un ciclo chiuso, nel quale alle varie trasformazioni viene solo aggiunto idrogeno..
Il carburante è composto da un sale ( NaBH4, sodio boroidruro) che quando viene introdotto nel serbatoio dell'auto è diluito in acqua, questa "acqua salata" ( non tossica e non infiammabile) fatta passare per un sistema catalitico rilascia idrogeno "su domanda", cioè, l'idrogeno viene prodotto al momento del bisogno per cui l'idrogeno "libero" nel sistema è presente in parti minime, riducendo a zero i rischi di incendi e/o esplosioni, a valle del processo catalitico oltre all'idrogeno si ha del borace (NaBO2, borato di sodio) un composto chimico non nocivo utilizzato nell'industria dei detersivi.

:: INTERNET ITALIANO :: Motori sezione meccanica
Tutto sulla meccanica dei motori e nuove tecnologie, idrogeno, benzina, pistone .
Articolo sulla tecnologia del futuro per i mezzi di trasporto: idrogeno.
In campo meccanico da anni si fanno studi per migliorare le prestazione del motore a idrogeno che porta notevoli vantaggi come: basso costo, basso consumo, livello di inquinamento quasi nullo e infine risolve le questioni politiche economiche e relative guerre.

Casaenergia.Tv - 50 mila euro per un pre-prototipo di motore a idrogeno alimentato a combustibile liquido
50 mila euro per un pre-prototipo di motore a idrogeno alimentato a combustibile liquido .
21 febbraio – La Regione Calabria ha stanziato 50 mila euro per la prima fase del progetto promosso dal Polo universitario di Colle di Val d'Elsa e da Green Engineering, in collaborazione con il Cies, Centro di ingegneria economica e sociale dell'Università della Calabria, per la realizzazione di un pre-prototipo di un motore a idrogeno alimentato a combustibile liquido..
“Il finanziamento erogato per il nostro progetto”, ha commentato Claudio Rossi, docente e uno dei coordinatori del Polo universitario colligiano, “è un riconoscimento molto importante che ci permetterà di sviluppare il programma di lavoro per la realizzazione del pre-prototipo di motore a idrogeno alimentato a combustibile liquido.

Casaenergia.Tv - 50 mila euro per un pre-prototipo di motore a idrogeno alimentato a combustibile liquido
50 mila euro per un pre-prototipo di motore a idrogeno alimentato a combustibile liquido.
21 febbraio – La Regione Calabria ha stanziato 50 mila euro per la prima fase del progetto promosso dal Polo universitario di Colle di Val d'Elsa e da Green Engineering, in collaborazione con il Cies, Centro di ingegneria economica e sociale dell'Università della Calabria, per la realizzazione di un pre-prototipo di un motore a idrogeno alimentato a combustibile liquido..
“Il finanziamento erogato per il nostro progetto”, ha commentato Claudio Rossi, docente e uno dei coordinatori del Polo universitario colligiano, “è un riconoscimento molto importante che ci permetterà di sviluppare il programma di lavoro per la realizzazione del pre-prototipo di motore a idrogeno alimentato a combustibile liquido.

Bmw H2R Idrogeno batte 9 Record a 300 Km/h - newstreet.it
L'drogeno non consente soltanto la propulsione di vettori spaziali: BMW ha dimostrato le potenzialità di un'auto spinta da motore a combustione interna di idrogeno battendo 9 record mondiali.
Riuscendo in questa difficile impresa presso la pista ad alta velocità di Miramas in Francia, il Gruppo BMW ha dimostrato chiaramente come l'idrogeno possa sostituire efficacemente i combustibili tradizionali senza che il conducente debba scendere a compromessi in termini di prestazioni dinamiche..
Le caratteristiche tecniche della macchina da record H2R confermano questa superiorità, grazie ad un motore sei litri 12 cilindri capace di sviluppare una potenza superiore ai 210 kW (285 CV).
Questo motore permette al prototipo di accelerare da 0 a 100 km/h in circa 6 secondi e di raggiungere una velocità massima di 302, 4 km/h.
Basato sul motore a benzina della 760i, il motore a combustione interna di idrogeno vanta le tecnologie più avanzate come la fasatura completamente variabile VALVETRONIC brevettata da BMW..
Le principali modifiche apportate al motore riguardano il sistema di iniezione del combustibile adattato dalla BMW alle speciali caratteristiche ed esigenze della propulsione a idrogeno.

Ecco il motore diesel-idrogeno.
Arriva dal Paese dei canguri il primo motore ibrido alimentato con una miscela di diesel e idrogeno .
Vishi Karri , che guida l'equipe di ricerca e che ha presentato il motore nell'Università della Tasmania , lo ha definito "un passo significativo nella protezione dell'ambiente .
La miscela di idrogeno e diesel nella stessa camera è un concetto rivoluzionario "..
Il motore - ha aggiunto Karri - "sarà anche un mezzo di transizione fino all'introduzione di motori alimentati completamente ad idrogeno .

Questione Energia-Idrogeno! Facciamo chiarezza.... - I Grilli di Bari - Gruppo Libertario - (Bari) - Meetup.com
Ho deciso di aprire questa discussione dopo aver parlato con molte persone sulle macchine idrogeno, rendendomi conto della totale ignoranza che ruota attorno a questo argomento dovuto ovviamente a mancanza di informazione da parte delle televisioni, e disinformazione che si trova sulla rete.
Quello che è certo, come insegna Carnot, II legge della Termodinamica, è che non è possibile avere un motore con rendimento del 100% ( ovvero che tutto il calore viene trasformato in lavoro ), proprio perchè ci sono dei limiti della Natura che già l'abbassa del 20% il rendimento.
Considerando attriti e problemi vari, come sapete, si arriva per le auto ad accensione comandata ( a benzina ) sul 20 % ( questo vuol dire che del calore prodotto dalla combustione della benzina che paghiamo così cara solo il 20% serve per camminare, l'altro 80% serve per riscaldare l'ambiente, con tutti i problemi relativi che ne conseguono per raffreddare il motore, ma questo è un altro discorso...
Un eventuale motore a idrogeno funzionerebbe come un motore a benzina, con le uniche ( importanti differenze ) dei gas combusti, che in questo caso sarebbe vapore acqueo.
Quindi il motore a idrogeno per auto-trazione va bene, perché anche l?idrogeno come combustibile ha un potere calorifico elevato.

MOTORE A IDROGENO ?

AGR on line: Accordo per il motore a idrogeno
Secondo il quotidiano giapponese Yomiuri le case automobilistiche Honda, General Motors e Bmw, sarebbero impegnate in un progetto comune per sviluppare un motore a idrogeno con celle a combustibile considerate la nuova frontiera dell' energia non inquinante e rinnovabile.
Le tre case automobilistiche si concentreranno soprattutto sulla tecnologia per rendere sicuro il rifornimento dell' auto con idrogeno liquido.
Qualsiasi perdita infatti, nella fase di passaggio dell' idrogeno liquido dal distributore al serbatoio dell'auto, può essere causa di esplosioni incontrollate.
Da anni, le maggiori imprese automobilistiche del mondo sono impegnate nella realizzazione del motore a idrogeno, convinte che questo sistema rivoluzionerà il settore dei trasporti e quello dell' approvvigionamento energetico, con ricadute positive per l’ ambiente.
Questo tipo di energia infatti (fusione dell' idrogeno con l' ossigeno) produce acqua, unico elemento di scarico.
Regione Toscana .:. Primapagina
Grazie a un protocollo fra Regione Toscana e Ministero dell'istruzione e a un finanziamento della Regione Toscana che, con il contributo dei privati, arriva a un investimento complessivo di circa 10 milioni di euro,   verrà sperimentato nell'area pisana, un motore a idrogeno in grado di alimentare auto e scooter.
Il motore utilizzerà diverse soluzioni tecnologiche, tutte e comunque in grado di ridurre a zero le emissioni di anidride carbonica.
 "E' un progetto integrato e multidisciplinare - spiega - unico in Italia, in grado di attivare l'intera filiera, a partire dalla ricerca di soluzioni per la produzione, la compressione, lo stoccaggio, la distribuzione dell'idrogeno, fino alla produzione vera e propria"..
Accanto alla ricerca sul motore a idrogeno, ha spiegato Vitale, è aperta anche la sfida del motore ibrido, che utilizza l'idrogeno per produrre energia elettrica..
Il progetto Filiera Idrogeno è coordinato dalla Facoltà di ingegneria dell'Università di Pisa, con la collaborazione della Scuola superiore di Sant'Anna, di centri di ricerca pubblici e privati, di un gruppo di imprese riunite nel consorzio Pontech di Pontedera, che lo coordina dal punto di vista gestionale.
il VELINO | Leggi la newsletter: il VELINO AZIENDE
Bruxelles moltiplica per venti la ricerca sul motore a idrogeno.
- Il fondo europeo per la ricerca sul motore a idrogeno, a cellule di combustibile, ammonterà nel triennio 2003-2005 a 2, 12 miliardi di euro.
Motori Terra | Tecnocino
Piaggio Gilera GP 800 fa il suo debutto a Milano come il più veloce scooter per ora in produzione con il suo motore a due cilindri e 850 cc per 75 hp e una coppia da oltre 76 Nm… spaziale! Ecco il video dopo la continuazione….
Questa moto che si può ammirare in una frazione di un documentario andato in onda su Discovery Channel è la prima a idrogeno ad essere commercializzata.
Premio all'innovazione amica dell'ambiente 2003
Healthful:sistema di alimentazione per attuali motori con idrogeno gassoso h2(g), scisso a bordo degli autoveicoli con utilizzo di idruri liquidi stabili hy-hy con zero emissioni Informazioni sul candidato:.
RICERCA SPERIMENTAZIONE PRODUZIONE: - produzione di idrogeno; - serbatoi per l'immagazinamento di idrogeno gassoso a tempoeratura ambiente e pressione atmosferica, con utilizzo di idruri metallici stabili, solidi colloidali e liquidi; - sistema innovativo a bordo autoveicoli per alimentazione con idrogeno; - prodotti riformulanti per gasoli e benzine .
Sistema integrato di produzione e stoccaggio di idrogeno ottenuto da reforming di Biogas con la valorizzazione dei rifiuti solidi urbani come fonte di energia rinnovabile e sostenibile.
HEALTHFUL è un sistema tecnologicamente avanzato unico al mondo che è applicato a bordo degli attuali autoveicoli con motore a combustione interna (e FUEL CELL)che consente l'alimentazione con idrogeno gassoso con utilizzo di idruri liquidi HY-HY, prodotti a livello industriale a basso costo che consentono senza modifica ai motori la stessa autonomia ottenuta con utilizzo di benzine e risultato di zero emissioni inquinanti.
1
Mazda e i veicoli alimentati ad idrogeno .
L’interesse di Mazda per i veicoli ad idrogeno copre un arco di 15 anni: il primo prototipo, HR-X, venne presentato nel 1991 al Motor Show di Tokyo.
Anche allora, questa concept car era stata dotata di un motore rotativo ad idrogeno.
Comunque, l’obiettivo di Mazda è quello di risolvere queste problematiche senza sacrificare i suoi valori ‘zoom-zoom’ di dinamismo e piacere di guida; da qui, la decisione di seguire la strada del motore rotativo alimentato ad idrogeno.
Il motore RENESIS, basato sul brevetto Wankel, è radicato nel DNA Mazda ed è stato scelto come partner per soddisfare i nuovi requisiti aziendali di compatibilità ambientale.
Anche se il motore rotativo ad idrogeno rimane un settore chiave di sviluppo per Mazda, ciò non ha impedito alla società di Hiroshima di continuare a lavorare contemporaneamente allo sviluppo di veicoli con cella a combustibile.
I prototipi Mazda alimentati ad idrogeno, frutto di questa intensa opera di ricerca, si sono succeduti dai primi anni ’90 fino all’ultimissima concept car Mazda RX-8 Hydrogen RE presentata nel 2003 al Motor Show di Tokyo.
Dotata di un sistema a doppia alimentazione funziona alla perfezione sia ad idrogeno sia a benzina, rendendo più facile il suo utilizzo quotidiano.
Oilcrash Italia: Limiti energetici alla crescita
Energia netta Petrolio La fine dell’economia dei consumi Motori ad idrogeno alla riscossa? I soldi non sono energia Gli economisti non sono in grado di prevedere Conclusioni Riferimenti bibliografici Energia netta L’analisi dell’energia netta divenne una controversia pubblica nel 1974 quandol’informazione si concentrò su due storie.
[20 ]   Motori ad idrogeno alla riscossa? L’industria automobilistica sta progettando di mettere instrada automobili con motore ad idrogeno entro il 2004.
Ma le nuove auto non sarannosu strada ancora per molto poiché questi motori usano idrogeno ottenuto dalmetanolo, che è a sua volta ottenuto da combustibili fossili.
[21 ] L’idrogeno non è una “fonte” di energia — è un “vettore”di energia (come l’elettricità).
Circa il 95% dell’idrogeno usato nel mercatostatunitense viene prodotto per mezzo di un processo chimico noto come “conversionea vapore del metano” [ nel testo originale: steam methane reforming - N.d.T.
[22 ] Una alimentazione a base di carbonio(solitamente metano o carbone) viene combinata con vapore ad alta pressione e adalta temperatura per produrre idrogeno con una perdita energetica di circa il 35%.Il metanolo è solitamente prodotto dal metano o dal carbone con una perditadi energia netta che varia tra il 32% e il 44%.


Home @CallCenter