Community
 
Aggiungi lista preferiti Aggiungi lista nera Invia ad un amico
------------------
Crea
Profilo
Blog
Video
Sito
Foto
Amici
   
 
 

 I nodi per la giunzione di corde:

"nodologia"; per ogni situazione il nodo migliore. Come farli...

Pagina quadro
I nodi di base
I nodi  per l'imbragatura e la sicura
I nodi autobloccanti

 

1.) Nodo inglese (inglese a contrasto)

   Utilizzato per la formazione di anelli di corda; al contrario dell'inglese doppio questo nodo risulta poco affidabile poichè ha la tendenza a sciogliersi lentamente. Risulta limitato anche per altri utilizzi.

 


 

2.) Nodo doppio inglese

 Utilizzato anch'esso per la formazione di anelli di corda. Un tempo lo si usava anche per l'unione di corde nelle doppie ma ora è stato soppiantato dal nodo galleggiante. In tutti gli utilizzi che non prevedano scorrimenti sulla roccia o sul terreno è il nodo di giunzione per antonomasia; anche se sottoposto a carichi si scioglie con discretà facilità e ciò lo rende ancor più efficace; inoltre può essere utilizzato con corde o spezzoni di diametro differente. Su terreni con asperità e su roccia tuttavia si incastra con facilità e quindi risulta più adatto il nodo galleggiante: Una volta eseguito tensionare tutte le tratte di corda


 

3.) Guide intrecciato

   Relativamente poco utilizzato poichè presenta gli stessi difetti del doppio inglese; non è altro che un guide con frizione intrecciato. E' un nodo che raramente si utilizza 


 

4.) Nodo fettuccia

      E' simile al precedente ma ora si tratta di un nodo semplice intrecciato ossia ripercorrendo una corda in senso opposto attorno al nodo. Ha il difetto di slegarsi con molta difficoltà una volta sollecitato; si usa solo con le fettucce in quanto in ogni caso i nodi con esse sono difficili da sciogliere ed inoltre è di facile esecuzione


 

5.) Nodo galleggiante

   E' il nodo per eccellenza di giunzione di corde; a partire dalle corde per le doppie agli anelli per gli ancoraggi. Ha come pregio fondamentale quello di non incastrarsi sulla roccia e sui cambi di pendenza in quanto il nodo si gira dalla parte opposta alla roccia e scorre quindi su di essa.
   La precauzione fondamentale è quella di lasciare almeno 40 cm di corda oltre il nodo in quanto il nodo tende a girarsi su se stesso e ciò potrebbe risultare pericoloso; si esegue in pratica un nodo semplice su entrambe le corde e  si tirano, una per volta, le quattro tratte di corda
Petzl



Per errori, omissioni o chiarimenti fare riferimento all'indirizzo E-mail 
monpage@iol.it