LA JUVE E IL BRASILE

La Juventus, dalla terra del samba, piena di campioni, non ha mai importato grandi giocatori. Infatti fatta eccezione per Sernagiotto e Emerson, sono arrivati a vestire il bianconero giocatori di classe discreta, Da Costa, Cinesinho, Nenè,  Altafini e Julio Cesar .

PEDRO SERNAGIOTTO. Nato a San Paolo il 17/11/1908. Il primo brasiliano della Juventus, soprannominato nella sua terra  "Ministrino".  Un' ala destra veramente tascabile di statura 155 cm,  ma capace di dribbling ubriacanti. Arrivo' a Torino nel 1932 e se ne torno' nel suo paese dopo aver vinto due scudetti. Nel biennio Juventino mette insieme 60 partite (50 in Campionato e 10 nella Coppa Europa Centrale) e 16 gol (14 in Campionato e 2 in Coppa Europa Centrale). E' morto nel 1969

LEONARDO COLELLA. Corinthians nel 1955. Attaccante di levatura decisamente modesta, in bianconero si ferma solo una stagione nella quale disputa 21 partite realizzando 7 gol. Nell'estate del 1956 la Juventus lo rispedisce in Sudamerca.

DINO DA COSTA. Nato a Rio de Janeiro il 1° agosto 1931. Mediano e mezzala. La Juventus lo acquista nella stagone  1963-64. In bianconero, viene schierato prima  mediano e poi mezzala, si ferma per un triennio, contribuisce al successo della Coppa Italia 1965  e mette insieme 67 presenze (51 in campionato, 4 in Coppa Italia e 12 nelle Coppe europee) e 12 gol (11 in campionato e 1 in Europa).

CHINESINO SIDNEY CUNHA. Nato A Rio Grande il 28 giugno 1935. Centrocampista. Alla Juventus dalla stagione 1965-66. Nell'undici bianconero, il piccolo, brasiliano, gioca alla grande. Contribuisce allo scudetto 1967, e alla Coppa Italia 1965. A Torino si ferma per un triennio collezionando 112 presenze (85 in campionato, 9 in Coppa Italia e 18 nelle competizioni europee) e realizza 10 gol (8 in campionato e 2 sul proscenio intemazionale).

NENE' CLAUDIO OLINDO DE CARVALHO. Nato a Santos il 1° gennaio 1942. Centravanti. La Juventus lo preleva dal Santos di sua maestà Pelè nell'estate del 1963. Classe innata ottima visione di gioco. In bianconero si ferma per una sola stagione nella quale mette insieme 36 presenze (28 in Campionato e 2 in Coppa Italia e 6 in Coppa delle Fiere) e 12 gol ( 11 in Campionato 1 in Coppa delle Fiere). Nell'estate del 1964 la Juventus lo cede al Cagliari.

JOSE ALTAFINI. Nato a Piriciala il 27/08/1938. Alla Juve giunse quando aveva ormai 34 anni, a carriera praticamente conclusa. Gioca quando la Juve non riusciva a sbloccare il risultato, o quando c'era da rimontare una situazione compromessa,  Vycpalek prima e Parola poi, lo gettavano nella mischia quasi sempre ripagati da preziosi gol.  A Torino si ferma per un quadriennio, disputando 119 partite (74 in

Campionato, 24 in Coppa Italia e 21 nella competizioni europee), segnando 37 gol ( 25 in Campionato, 3 in Coppa Italia e 9 nelle competizioni europee). 

JULIO CESAR SILVA. Nato a Bauru il 08/03/1963. Alla Juventus dalla stagione 1990/91. Ultimo brasiliano vincente con la maglia della nostra squadra. Ottimo libero. Con la maglia bianconera si ferma per quattro stagioni, contribuendo alla conquista di due Coppe U.E.F.A e una Coppa Italia. Nell'estate del 1994 viene ceduto al Borussia Dortumunt

FERREIRA EMERSON. Nato a Pelotas il 04/04/1976. Centrocampista. Uno dei tanti colpi di Luciano Moggi. Arriva alla Juve dopo un'estate  travagliata fatta di tira e molla con il DS della Roma Baldini. Fortemente voluto dal nuovo allenatore bianconero Fabio Capello che per anni lo ha avuto alle sue dipendenze nella Roma, il giocatore si dimostra sin dalle prime uscite  di essere quel fuoriclasse che tutti attendevano per l'ulteriore salo di qualità impossessandosi subito delle chiavi del centrocampo bianconero.

Da un grosso contributo per la conquista del 28° Scudetto.

Altri giocatori che nelle file della Juventus hanno avuto minor fortuna sono: Miranda ( che aveva un tiro squassante ma soltanto quello, ingaggiato nel 1962 e rispedito a casa nel 1963). Siciliano (anche lui arrivato nel 1962). Fernando (utilizzato in una partita di Coppa Italia nel 1961 e subito girato a Palermo).