Riministoria © Antonio Montanari
il Rimino, n. 67, anno III, maggio 2001
Redazione: via Emilia 23 (Celle), 47900 Rimini RN Italy  - Tel. 0541.740173
E-mail: monari@libero.it  *  ilrimino@libero.it

Cerca all'interno di Riministoria con siteLevel.


Tutte le notizie di Rimini e provincia sono nel sito


Pittori e miracoli per la Beata Chiara da Rimini: 1618-1696

di Stefano De Carolis (esclusiva per "il Rimino")

Negli ultimi mesi, due pubblicazioni a stampa (Arte e storia della chiesa riminese di Pier Giorgio Pasini; Santa e ribelle. Vita di Chiara da Rimini di Jacques Dalarun) ed una sezione di una mostra "multimediale" (Le Donne dei Malatesta. Amore Sangue Santità, fino al 31 dicembre 2001 presso la Rocca Malatestiana di Verucchio), hanno riportato l’attenzione su una beata riminese quasi dimenticata, Chiara da Rimini.

Come storico della medicina, mi sono occupato una prima volta di questa Beata con una comunicazione presentata lo scorso anno - assieme ad Elisa Tosi Brandi - al LI Convegno annuale della Società di Studi Romagnoli, ed intitolata Quando l'allievo supera il maestro: Iano Planco, il Cardinal Garampi ed un miracolo della Beata Chiara da Rimini (vedere Il Rimino n. 56, del 15 ottobre 2000).

Questo studio esaminava dal punto di vista storico-medico il più importante miracolo operato dalla Beata nel 1751, grazie al quale fu elevata all’onore degli altari trentatré anni dopo.

Una nuova comunicazione sullo stesso personaggio - intitolata Pittori e miracoli per la Beata Chiara da Rimini: 1618-1696 - ho presentato lo scorso 5 maggio a Fermo (AP), in occasione della XXXV Tornata dello "Studio Firmano dall'Antica Università".

Questa volta ho riesaminato i miracoli che nel Seicento portarono alla ribalta il culto della Beata Chiara; ricordando di pari passo le numerose ricognizioni delle sue reliquie fatte nello stesso torno di tempo e culminate nella costruzione — operata dal pittore riminese Angelo Sarzetti (1656-1700 circa) utilizzando lo scheletro della Beata — di un simulacro accomodato "in buona forma" per la pubblica venerazione..

Stefano De Carolis


Scienza in Romagna

Il Planetario di Ravenna ha organizzato un ciclo di conferenze sulla Scienza in Romagna.
Il primo intervento è stato di Antonio Montanari su Iano Planco, il riminese Giovanni Bianchi, giovedì 3 maggio.
Il testo dell'intervento è già in rete .
Ecco il calendario degli altri incontri, alle ore 17.30 presso il Planetario, diretto da Franco Gabici.
10 maggio, Silvio Bergia:Gregorio Ricci Curbastro,
17 maggio, Giorgio Dragoni: Evangelista Torricelli,
24 maggio, Paolo Fabbri: Giuseppe e Francesco Ginanni,
31 maggio, Romano Pasi: Alberto Missiroli.


ADNKRONOS TOP ADNKRONOS NEWS


Grazie, ministro

Desidero ringraziare il ministro della Sanità Umberto Veronesi, per aver ricordato a tutti gli italiani, nella sua lettera al presidente della Rai Zaccaria (circa le affermazioni di Celentano sulla legge per i trapianti), una cosa molto elementare: che quando è ora di trovare ventidue miliardi per uno spettacolo, si mettono assieme dalla mattina alla sera; e che quando si cerca di racimolarne diciotto per l’organizzazione ospedaliera nazionale dei trapianti, si devono sudare sette camicie.

Tutto ciò è il frutto di quella cultura che vede Celentano (ottimo artista e splendido esecutore), parlare dello Stato come di un mostro che ci minaccia, per non aver lo stesso Celentano avuto voglia di capire che lo Stato siamo tutti noi. Lo Stato è la società che si stringe in un "contratto sociale", per reciproco aiuto.

Tra coloro che sognano una società senza tasse, e dunque senza servizi (chi li paga, se non ci sono soldi?), e chi sproloquia a vanvera come ha fatto il sublime cantante Celentano che quando pensa di essere un filosofo fa cilecca per eccesso di fiducia nei propri mezzi intellettuali, e chi pensa di risolvere tutto con i comizi di Daniele Luttazzi o di Iva Zanicchi (a cantare, pure lei, e basta!), stiamo precipitando verso un abisso in cui si bruciano, come in una fogheraccia liberatoria dell’inverno, decine di anni di sforzi, progetti secolari (magari utopistici) per costruire una società più giusta.

Parlare soltanto dei danni della globalizzazione in Africa non basta. Ed è troppo comodo. Occorre precisare che quell’Africa, a qualcuno, piacerebbe che fossimo noi. Noi che per discutere di problemi seri, ci affidiamo a Celentano, per adesso.

E se a Zaccaria & C. venisse in mente di fare sedute spiritiche per informare l’opinione pubblica? Forse ci sarebbe maggior garanzia di serietà. Qualche trapassato potrebbe dimostrare quella saggezza che certi nostri contemporanei, nelle ribalte televisive, non hanno.

Antonio Montanari



L'informazione online ha i giorni contati! Aderisci all'appello per la libertą di espressione in rete.

Speciale Internet libero. La nuova legge ci minaccia?

Libertà di Internet su http://punto-informatico.it/ . Cliccare anche qui:


Per notizie e commenti al sito scriveteci.


"… e nessuno tenti di muovere obbiezioni a questo discorso perché io lo rivolgo a chi vuole e rispetta la verità,
non ai falsari."

Indro Montanelli, Corriere della sera, 15 febbraio 2001


Indice Rimino Ultime notizie
Indice sito Motori di ricerca
Motori diretti Riminilibri
Novità del sito Guida al sito
Storia dell'Accademia dei Filopatridi
Notizie sull'Accademia dei Filopatridi
Centro Studi Amaduzziani fondato da Antonio Montanari
Archivio informatico dedicato a Giovanni Cristofano Amaduzzi

0456 codicemonari 01 05 codicemonari ilrimino67.html