La mitologia

.

S. Cesarea Terme: suggestiva località della costa adriatica meridionale dalle antiche leggende. Il mito pagano narra che Ercole inseguì i giganti Leuterni per tutta la costa della Japigia, trucidandoli con la sua possente clava; dai corpi disfatti dei mostri scaturirono le attuali sorgenti sulfuree.
La leggenda popolare cristiana, invece, tramanda che Cisaria, fatta segno dal genitore a voglie incestuose, si rifugiò in una grotta e questi fu arso da vampe di zolfo.
Il monte, intanto, si era aperto per inghiottire e salvare la giovane. Le acque, quindi, per merito di Cisaria che vi aveva trasfuso la sua purezza e santità, divennero meta di sofferenti, provenienti da paesi lontani. Ancora oggi chi arriva alla località balneo-termale è invaso dal caratteristico odore d'idrogeno solforato che emana dalle acque del suo mare ricco di proprietà terapeutiche e conosciute sin dal tempo di Aristotele e Strabone.

.

.