Community
 
Aggiungi lista preferiti Aggiungi lista nera Invia ad un amico
------------------
Crea
Profilo
Blog
Video
Sito
Foto
Amici
   
 
 
LE TENIE



Le Tenie, parassiti di molti vertebrati tra i quali l'uomo, sono Platelminti (vermi piatti, nastriformi) lunghi anche parecchi metri. Il loro corpo è costituito di una testa, lo scolice, munita di organi d'attacco, (uncini o ventose), di un collo che produce numerosi segmenti rettangolari detti proglottidi, tanto più grandi quanto più son distanti dal collo, progressivamente da mm 1 x 2 a cm 1 x 2 di lato.
Di solito una sola tenia vive, come parassita, con lo scolice fissato alle pareti dell'intestino e si nutri assorbendo il chimo attraverso le pareti delle proglottidi. Il parassita sarebbe poco dannoso se si limitasse a sottrarre alimenti all'ospite, perché basterebbe mangiare di più, ma le tenie, con i loro rifiuti, intossicano l'organismo in cui vivono, provocando seri disturbi nervosi.
Lo scolice col collo è lungo solo 4-5 millimetri, ma intensa è la sua attività, tanto che, dopo circa due mesi dall'infezione, ha generato un migliaio di proglottidi e misura dai 2 ai 5 metri. A questo punto, le proglottidi più grandi, cioè quelle terminali che sono anche le più vecchie, si staccano e vengono eliminate con le feci.

COME LA TENIA DIVIENE OSPITE DELL'UOMO

Le proglottidi eliminate sono cariche di uova, contenenti un embrione; tali uova possono conservarsi in vita per un certo tempo, se le proglottidi che le contengono cadono con le feci nella terra umida. Ingerite da un bove o da un maiale, continuano a svilupparsi nell'intestino dell'animale.
Esistono varie specie di tenie, ma il più comune parassita dell'uomo e del maiale è la Tenia solitaria (detta anche Verme solitario).
La Tenia saginata, parassita dell'uomo e del bove, pur somigliando molto alla Tenia solitaria, si distingue per la testa più grande, ma priva di uncini e per corpo più lungo (dai 4 ai 12 metri); può avere fino a 2000 proglottidi!

Le larve, libere del guscio dell'uovo, attraversano le pareti dell'intestino, dell'animale, penetrano nel sangue e si fissano nei muscoli, trasformandosi in una vescicola, detta cisticerco.
Se pensi che una proglottide contiene migliaia di uova, puoi comprendere come la carne di un bove o di un maiale, che ha ingerito anche una sola proglottide, sia, ad un certo momento, carica di cisticerchi. Basterà che l'uomo mangi carne panicata (cioè carica di cisticerchi) poco cotta o cruda, perché si infetti a sua volta.
I controlli sanitari effettuati sulla carne macellata permettono di accertare con facilità la presenza della Tenia solitaria, percheé i maiali infestati presentano numerose vescicole sotto la lingua.
Purtroppo esistono macellatori clandestini e commercianti disonesti che pongono in vendita carne di maiale panicata (trasformata in salumi); ecco perché questo parassita, che potrebbe essere facilmente eliminato, è ancora molto diffuso in Italia.
Per evitare di rimanere infettati è consigliabile mangiare carne ben cotta (il calore uccide i cisticerchi=ì). anche la carne congelata è igienicamente sicura, perché la bassa temperatura alla quale è sottoposta uccide i cisticerchi. Il parassita si elimina con tenifughi, ad esempio con l'estratto di Felce maschio.
A volte l'amore per gli animali è inteso in senso errato; alcuni bambini baciano addirittura i cani o pretendono di farli dormire nel loro letto! Desidero informarti che esiste una tenia lunga solo da 2 a 5 millimetri ospite dei cani, che può trasmettersi all'uomo causandogli disturbi gravi e spesso mortali. Il nome del terribile parassita è la Tenia echinococco; se ne può prevenire l'aggressione bandendo dalle proprie abitudini quella di farsi leccare la faccia e le mani da cani ed evitando ogni altra promiscuità col fedele ed utile amico dell'uomo!

ascaride   vaiolo   tubercolosi