Community
 
Aggiungi lista preferiti Aggiungi lista nera Invia ad un amico
------------------
Crea
Profilo
Blog
Video
Sito
Foto
Amici
   
 
 

Testi Canzoni per la mamma  (pag2)

'o surdato nnammurato

Staje luntana da stu core,
a te volo cu 'o penziero:
niente voglio e niente spero
ca tenerte sempe a fianco a me!
Si' sicura 'e chist'ammore
comm'i' so' sicuro 'e te...

Oje vita, oje vita mia...
oje core 'e chistu core...
si' stata 'o primmo ammore...
e 'o primmo e ll'ùrdemo sarraje pe' me!
 
Quanta notte nun te veco,
nun te sento 'int' a sti bbracce,
nun te vaso chesta faccia,
nun t'astregno forte 'mbraccio a me?!
Ma, scetánnome 'a sti suonne,
mme faje chiagnere pe' te...

Oje vita....

Scrive sempe e sta' cuntenta:
io nun penzo che a te sola...
Nu penziero mme cunzola,
ca tu pienze sulamente a me...
'A cchiù bella 'e tutt''e bbelle,
nun è maje cchiù bella 'e te!

Oje vita....
 

 

 

Sei lontana da questo cuore,
da te volo con il pensiero:
niente voglio e niente spero
oltre che tenerti sempre a fianco a me!
Sei sicura di questo amore
come io sono sicuro di te…

Oh vita, oh vita mia…
Oh cuore di questo cuore…
sei stata il primo amore…
e il primo e l'ultimo sarai per me!
 
Quante notti non ti vedo,
non ti sento tra queste braccia,
non ti bacio questa faccia,
non ti stringo forte tra le mie braccia?!
Ma, svegliandomi da questi sogni,
mi fai piangere per te…
 
Oh vita, oh vita mia…
 
Scrivi sempre che sei contenta:
io non penso che a te solamente…
Un pensiero mi consola,
che tu pensi solamente a me…
La più bella di tutte le belle,
non è mai più bella di te!
 
Oh vita, oh vita mia…

Firenze sogna

Firenze stanotte sei bella in un manto di stelle
che in cielo risplendono tremule come fiammelle
nell'ombra nascondi gli amanti,
le bocche tremanti si parlan d'amore
intorno c'è tanta poesia per te, vita mia,
sospira il mio cuor

Sull'Arno d'argento si specchia il firmamento
mentre un sospiro e un canto si perde lontan
dorme Firenze sotto il raggio della luna
ma, dietro ad un balcone, veglia una madonna bruna

Balconi adornati di pampini e glicini in fiore
stanotte schiudetevi ancora che passa l'amore
germogliano le serenate,
madonne ascoltate, son mille canzoni.
Un vostro sorriso è la vita, la gioia infinita,
l'eterna passion

Sull'Arno d'argento si specchia il firmamento
mentre un sospiro e un canto si perde lontan
dorme Firenze sotto il raggio della luna
ma, dietro ad un balcone, veglia una madonna bruna

tu sei quello

Casella di testo: Ecco chi sei,
tutte le cose che amai
sono in te.
Ecco chi sei,
quello che sempre cercai
ora c'e',
solo per me,
tutto per me.

Tu sei quello,
sono troppo sicura
di me.
Non esiste al mondo un altro come te,
come te,
non esiste al mondo
un altro come te.
Tu sei quello
che s'incontra una volta
e mai più,
l'ho sentito quando m'hai guardato tu
per un attimo.

Sei tu solo
che con niente
fai tutto scordar,
ma ho capito che puoi farmi innamorar
per poi piangere.

Ecco chi sei,
tutte le cose che amai
sono in te.
Ecco chi sei,
quello che sempre cercai
ora c'e',
solo per me,
tutto per me.


Tu sei quello,
sono troppo sicura
di me.
Non esiste al mondo un altro come te,
come te.
 

 
la canzone dell'amore

qual menestrello d'amor piccola bimba del cuor

io vorrei nell'estasi sospirar fino ai tuoi piè

ogni segreto dolor scorderò sol per te

Solo per te Lucia va la canzone mia

come in un sogno di passion

tu sei l'eterna mia vision

una passion d'amore che mi tormenta il cuore

e nel mio sogno vivo per te sol per te Lucia.

Brilla una stella lassù

ma più lucente sei tu

io ti vedo splendere se nel ciel stella non v'è

schiudi quegli occhi tuoi blu

brillerà sol per me.

solo per te Lucia....

 

mamma

Mamma, son tanto felice
perchè ritorno da te...
La mia canzone ti dice
ch'è il più bel giorno per me!
Mamma, son tanto felice...
Viver lontano, perchè?

RIT.
Mamma... solo per te la mia canzone vola...
Mamma... Sarai con me, tu non sarai più sola!
Quanto ti voglio bene... Queste parole d'amore
che ti sospira il mio cuore forse non s'usano più...
Mamma... Ma la canzone mia più bella sei, tu!
Sei, tu, la vita e per la vita non ti lascio mai più!

Sento la mano tua, stanca:
cerca i miei riccioli d'or...
Sento... e la voce ti manca,
la ninna nanna d'allor...
Oggi la testa tua bianca,
io voglio stringere al cuor...

RIT.
Mamma... solo per te la mia canzone vola...
Mamma... Sarai con me, tu non sarai più sola!
Quanto ti voglio bene... Queste parole d'amore
che ti sospira il mio cuore forse non s'usano più...
Mamma... Ma la canzone mia più bella sei, tu!
Sei, tu, la vita e per la vita non ti lascio mai più!

FINALE: ... Mamma... Mai più!

 
sulla carrozzella

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

non ti scordar di me

Partirono le rondini
dal mio paese freddo e senza sole,
cercando primavere di viole,
nidi d'amore e di felicità
 

La mia piccola rondine partì
senza lasciarmi un bacio
senza un addio partì

Non ti scordar di me;
la vita mia legata è a te
io t' amo sempre più
nel sogno mio rimani tu

Non ti scordar di me
la vita mia legata è a te
c'è sempre un nido
nel mio cuor per te

Non ti scordar di me!

Non ti scordar di me!

 
aveva un bavero

Nella sera fredda e scura
presso il fuoco del camino
quante storie quante fiabe
raccontava il mio nonnino;
la più bella che ricordo
è la storia di un amore
di un amore appassionato
che felice non finì.
Ed il cuore di un poeta
a tal punto intenerì
che la storia di quei tempi
mise in musica così:

Aveva un bavero color zafferano
e la marsina color ciclamino
veniva a piedi da Lodi a Milano
per incontrare la bella Gigogin.
Passeggiando per la via
le cantava mio dolce amor
Gigogin speranza mia
coi tuoi baci mi rubi il cuor.

Ma con altri del paese
in Piemonte fu mandato
e per essere vicino
col suo cuore innamorato
sopra l'acqua di una roggia
che passava per Milano
perché lei lo raccogliesse
ogni dì posava un fior
lei con ansia lo aspettava
sospirando attorno amor
e bagnandolo di pianto
lo stringeva forte al cuor.

Lui saputo che il suo ritorno
finalmente era vicino
sopra l'acqua un fior d'arancio
deponeva un bel mattino;
lei, vedendo e indovinando
la ragione di quel fiore,
per raccoglierlo si spinse
tanto tanto che cascò;
sopra l'acqua, con quel fiore,
verso il mare se ne andò ...
e anche lui, per il dolore,
dal Piemonte non tornò...

Lei lo attese fra le stelle
su nel cielo stringendo un fior
e in un sogno di poesia
si trovarono uniti ancor

 

 

 

 

Casella di testo: ah, lazzarella, 
'o tiempo comme vola: 
mo te truove tutt''e mmatine, 
chino 'e lacreme stu cuscino... 
manco na cumpagnella te pò aiutà¡! 
ma lazzarella comme si'!? 
te si' cagnata pure tu... 
e te pripare a di' stu "Sà­", 
ma dint''a cchiesa d''o gesù! 
lazzarella 
perdo 'o tiempo 
appriesso a tte

lazzarella

cu 'e libbre sott''o vraccio
e 'a camicetta a fiore blu,
vuà³' fà¡ 'a signurenella
'nnanz'ࢠscola pure tu...
te piglie 'a sigaretta
quann''accatte pe' papà¡,
te miette già¡ 'o rrussetto
comme vide 'e fà¡ a mammà¡...
lazzarè!...
ma lazzarella comme si!?
tu a me mme piace sempe 'e cchiù,
e vengo apposta pe' t''o ddà­,
vicino ࢠscola d''o gesù...
tu invece mme rispunne: "eggià¡,
io devo retta proprio a te...
pe' me ll'ammore pà³ aspettà¡,
che n'aggi'a fà¡?..
nun fa pe' me!
ah, lazzarella!
ventata 'e primmavera...
quanno passe tutt''e mmatine,
già¡ te spiecchie dint''e vvetrine,
sulo nu cumplimento te fa avvampà¡...
ma lazzarella comme si,
tu nun mme pienze proprio a me,
e ride pe' mm''o ffà¡ capà­
ca perdo 'o tiempo appriess'a te!
Mo vène nu studente
'nnanz'ࢠscola d''o gesù,
te va sempe cchiù stretta
'a camicetta a fiore blu...
te piglie quatto schiaffe
tutt''e vvote ca papà¡,
te trova nu biglietto
ca te scrive chillu llà¡...
lazzarè!...
ma Lazzarella comme si,
ce si' caduta pure tu...
ll'ammore nun te fa mangià¡
te fa suffrì­, te fa penzà¡...
na sera tu lle dice "no"
na sera tu lle dice "ma"
ma si nu vaso te vò dà¡
faje segno 'e "sà­", senza parlà¡
ah, lazzarella,
'o tiempo comme vola:
mo te truove tutt''e mmatine,
chino 'e lacreme stu cuscino...
manco na cumpagnella te pò aiutà¡!
ma lazzarella comme si'!?
te si' cagnata pure tu...
e te pripare a di' stu "sà­",
ma dint''a cchiesa d''o gesù!
ah, lazzarella,
'o tiempo comme vola:
mo te truove tutt''e mmatine,
chino 'e lacreme stu cuscino...
manco na cumpagnella te pò aiutà¡!
ma lazzarella comme si'!?
te si' cagnata pure tu...
e te pripare a di' stu "Sà­",
ma dint''a cchiesa d''o gesù!

 

 

 

 

 

Ave Maria

ave Maria gratia plena

Dominus tecum benedicta Tu

in mulieribus

et benedictus fructus ventris tuus Jesus

Santa Maria Mater Dei

hora pro nobis peccatoribus

nunc et in hora

mortis nostrae

amen

   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

un bacio a mezzanotte

Non ti fidar
di un bacio a mezzanotte
se c'è la luna non ti fidar
perché perché
la luna a mezzanotte
riesce sempre a farti innamorar
non ti fidar di stelle galeotte
che invitano a volersi amar
mezzanotte per amar
mezzanotte per sognar
fantasticar
Ma come farò senza più amar
ma come farò senza baciar
ma come farò a non farmi tentar
luna luna tu
non mi guardar
luna luna tu
non curiosar
luna luna tu
non far la sentinella
ogni stella in ciel
parla al mio cuor
ogni stella in ciel
parla d'amor
ogni stella in ciel sarà
la mia stella
mezzanotte per amar
mezzanotte per sognar
fantasticar
Non ti fidar
di un bacio a mezzanotte
se c'è la luna non ti fidar
perché perché
la luna a mezzanotte
riesce sempre a farti innamorar
non ti fidar di stelle galeotte
che invitano a volersi amar
mezzanotte per amar
mezzanotte per sognar
fantasticar

 

 

 

 

 

 

 

 

ma l'amore no

Guardando le rose
sfiorite stamani
io penso:
domani
saranno appassite
E tutte le cose
son come le rose
che vivono un giorno
un'ora e
non più!

Ma l'amore, no
L'amore mio non può
disperdersi nel vento, con le rose
Tanto è forte che non cederà
non sfiorirà
Io lo veglierò
io lo difenderò
da tutte quelle insidie velenose
che vorrebbero strapparlo al cuor,
povero amor!

Forse te ne andrai
d'altre donne le carezze cercherai!
ahimè
e se tornerai
già sfiorita ogni bellezza troverai
in me

Ma l'amore no
L'amore mio non può
dissolversi con l'oro dei capelli.
Fin ch'io vivo sarà vivo in me,
solo per te

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

la porti un bacione a Firenze

Partivo una mattina co'i' vapore
e una bella bambina gli arrivò.
Vedendomi la fa: Scusi signore!
Perdoni, l'è di' ffiore, sì lo so.
Lei torna a casa lieto, ben lo vedo
ed un favore piccolo qui chiedo.
La porti un bacione a Firenze,
che l'è la mia città
che in cuore ho sempre qui.
La porti un bacione a Firenze,
lavoro sol per rivederla un dì.

Son figlia d'emigrante,
per questo son distante,
lavoro perchè un giorno a casa tornerò.
La porti un bacione a Firenze:
se la rivedo e' glielo renderò.

Bella bambina! Le ho risposto allora.
Il tuo bacione a'ccasa porterò.
E per tranquillità sin da quest'ora,
in viaggio chiuso a chiave lo terrò.
Ma appena giunto a'ccasa te lo mgiuro,
il bacio verso i'ccielo andrà sicuro.
Io porto il tuo bacio a Firenze
che l'è la tua città
ed anche l'è di me. Io porto il tuo bacio a Firenze
nè mai, giammai potrò scordarmi te.
Sei figlia d'emigrante,
per questo sei distante,
ma stà sicura un giorno a'ccasa tornerai.
Io porto il tuo bacio a Firenze
e da Firenze tanti baci avrai.

L'è vera questa storia e se la un fosse
la può passar per vera sol perchè,
so bene e'lucciconi e quanta tosse
gli ha chi distante dalla Patria gli è.
Così ogni fiorentino ch'è lontano,
vedendoti partir ti dirà piano:
La porti un bacione a Firenze;
gli è tanto che un ci vò;
ci crede? Più un ci stò!

La porti un bacione a Firenze;
un vedo l'ora quando tornerò.
La nostra cittadina
graziosa e sì carina,
la ci ha tant'anni eppure la
un n'invecchia mai.
Io porto i bacioni a Firenze
di tutti i fiorentini che incontrai

 

 

come pioveva

C'eravamo tanto amati
per un anno e forse più,
c'eravamo poi lasciati...
non ricordo come fu...
ma una sera c'incontrammo,
per fatal combinazion,
perché insieme riparammo,
per la pioggia, in un porton!
Elegante nel suo velo,
con un bianco cappellin,
dolci gli occhi suoi di cielo,
sempre mesto il suo visin...
Ed io pensavo ad un sogno lontano
a una stanzetta d'un ultimo piano,
quando d'inverno al mio cor si stringeva...
...Come pioveva ...come pioveva!
Come stai? Le chiesi a un tratto.
"Bene, grazie, disse, e tu?".
"Non c'e' male" e poi distratto:
"guarda che acqua viene giù!".
"Che m'importa se mi bagno?"
Tanto a casa debbo andare
"Ho l'ombrello, t'accompagno"
"Grazie, non ti disturbar..."
Passa a tempo una vettura
io la chiamo, le fa: "no"
dico: "Oh! Via, senza paura.
Su montiamo", e lei montò.

Così pian piano io le presi le man
mentre il pensiero vagava lontano...
Quando d'inverno al mio cor si stringeva...
...Come pioveva ...come pioveva!
Ma il ricordo del passato
fu per lei il più gran dolore,
perché al mondo aveva dato
la bellezza ed il candor...
così quando al suo portone
un sorriso mi abbozzò
nei begli occhi di passione
una lagrima spuntò...
Io non l'ho più riveduta
se e' felice chi lo sa!
Ma se ricca, o se perduta,
ella ognor rimpiangerà:
Quando una sera in un sogno lontano
nella vettura io le presi la mano
quando salvare ella ancor si poteva!...
...Come pioveva ...così piangeva

 

 

 

                                                                                          <,,,,,,,,testi precedenti        

                                                                                          <,,,,,,,,,,,da capo