FILOSOFIA E STORIA DI UN PRIMATO

         TORNA A HOME PAGE


3^ SuperMaratona dell’Etna “da zero a tremila

(Guinnes World Record – 2004-2005)

Filosofia e  Storia di

 un' idea, un' impresa ed un primato.

Certamente il pensiero di collegare il mare Jonico della costa Sicula,  a Sud dell’ ETNA, con la  cima del Vulcano chissà quante volte  è balenato nel cervello del Cav. Mariano Malfitana , originario di Linguaglossa  (posta ai piedi del  pendio che porta del Vulcano  ETNA– Prov. Catania), oggi Presidente della U.S.Mario Tosi di Tarvisio.

Infatti ha trascorso l’infanzia, iniziando la carriera di fondista proprio sull’Etna e quindi  quella montagna la conosce bene.

Dall’”idea” alla realtà il passo è stato breve, in quanto si trattava di realizzare con questa “impresa” un  “primato”.

Da indagini esperite  non era stata registrata nell’albo dei Guinness dei Primati di Londra  nessuna manifestazione al mondo, che in 43 km di tracciato stradale, congiungesse il mare  con  la cima di un monte, superando  il dislivello di 3000 m..

La Mario Tosi di Tarvisio, per degnamente onorare il suo motto “… da oltre cinquant’anni al servizio dello Sport” si è cimentata in questa avventura.

Certamente, l’idea non si prefiggeva  lo scopo ed il presupposto di raccogliere così alti consensi o di interessare una così vasta platea di Persone e di Enti.

Partita in sordina e con modesti mezzi - la cosa si è allargata - anche per volere degli stessi Sostenitori/Sponsor iniziali, sino ad essere notizia “nazionale” per Televisioni e Testate Giornalistiche e controllate ANSA.

 Il progetto è stato ampliato e divulgato, al punto di uscire dai confini ed interessare le Regioni Friuli Venezia Giulia e Sicilia, non solamente come Manifestazione Sportiva, ma anche attraverso un’opera di promozione nel campo Turistico.

Siamo alla 3^edizione, con alle spalle le precedenti che hanno polverizzato positivamente ogni nostro prefissato obiettivo.

Con i 3 “audaci della 1^ Edizione – Anno 2004- che hanno corso in 4h12’17”, siamo riusciti nel 2005 ad avere 52 partenti, di cui 47 all’arrivo, 3 donne (Guinness Primati) ed il nuovo limite di percorrenza di 4h05’40” .

L’Organizzazione della “SuperMaratona in altura” oltre ad avere centrato tutti i propositi preventivati, con la preziosa  Collaborazione  delle Università di Udine e Catania si è messa a disposizione  per gli accertamenti scientifici comportamentali degli sforzi fisici sostenuti dagli Atleti impegnati in questa manifestazione (come da Relazione dello Staff  di Scienze Motorie dell’Università di Udine nel 2005).

Grazie alla bontà dei propositi ed al felice intuito delle Istituzioni, , stiamo ottenendo il “Gemellaggio Sportivo, Turistico  ed Amministrativo delle Regioni: Sicilia -  Friuli Venezia Giulia”

 

 

Per l’anno 2006, ci si è posti altri traguardi  e ci saranno  altre novità

Gara Nazionale della F.I.D.A.L. su strada ( in Calendario 2006) valida per:

1° Trofeo InterForze Militari  - Maschile e Femminile;

1° Trofeo V.I.P. (Very Important Personality)

Superare il numero dei partecipanti delle precedenti edizioni;


Saluto

E’ con vivo piacere che rivolgo un cordiale saluto ad Atleti, Dirigenti, Giudici, Autorità  ed a tutti gli Sportivi,  che con il loro intervento ed interessamento consentiranno il felice esito di questa 3^Super Maratona dell’Etna “da zero  a tremila”.

E’ con  orgoglio che rivolgo questo saluto, dopo che una idea che vagava da anni nella mia mente, ha trovato favorevole conclusione dell’anno 2004, e  con il pregevole risultato dell’inserimento  della scalata all’ETNA nel “World Guinness Record” di Londra. 

Sono certo che anche la  3^ edizione, che stiamo per affrontare, troverà successo e forse anche la menzione nel “Guinness dei Primati” per quanto riguarda i vari parametri che la manifesta-zione è in grado di produrre e migliorare.

La SuperMaratona dell’ETNA ha gia varcato i “Confini Nazionali” e questo è già di per se stesso un grande traguardo.

Ci onoriamo di organizzare anche il 1° Trofeo Interforze, riservato a maschi e femmine appartenenti ai Corpi  Militari, e la speciale   classifica  per la  categoria (V.I.P.).

Un doveroso e sentito ringraziamento a tutti, Federazioni Sportive, Atleti, Collaboratori,  Enti Pubblici e Privati del Friuli Venezia Giulia e della Sicilia, all’Ufficio C.O.N.I.-Forze Armate per il prezioso sostegno morale e materiale.

 

U.S. Mario Tosi – Tarvisio

Il Presidente

Cav. Mariano Malfitana


 

La SuperMaratona dell’ETNA .Una avventura BioEnergetica.

Non trovo parole più appropriate per definire la SuperMaratona dell’ETNA che si terrà il prossimo 25 giugno e che,  sul percorso di oltre 43 km.,  porterà gli  Atleti dal livello del mare a 3000 m. di quota. Per un soggetto di 65 kg. di peso e di buon livello atletico, ciò implica un dispendio energetico di circa 4100 Kcal. (pari all’utilizzazione di circa 365 grammi di carboidrati e 270 grammi di grassi), reso possibile dal consumo di circa 820  litri di ossigeno, trasferiti dall’atmosfera ai muscoli grazie a circa 10000 atti respiratori, 44000 battiti cardiaci e 5500 litri di sangue. Se, oltre a questa serie di dati si considera anche l’impegno psicologico che uno sforzo di tale intensità e durata comporta, ne emerge un quadro al limite delle possibilità umane, il cui studio permette al Fisiologo di meglio comprendere i meccanismi che consentono all’uomo di adattarsi a condizioni estreme.

Agli Atleti che vi parteciperanno, oltre che agli Organizzatori va quindi fin d’ora il mio apprezzamento ed il mio grazie.

 

….questo era il mio preambolo all’edizione del 2005, nel corso della  quale grazie alla disponibilità di Franco Plesnikar, che risulterà vincitore dell’edizione del 2005, abbiamo potuto verificare sperimentalmente alcune delle  previsioni         fatte a tavolino. In particolare, il dispendio energetico totale è risultato di 3600 Kcal, di circa il 12% inferiore a quello riportato sopra. Questa leggera discrepanza è dovutala fatto che un fondista di alto livello,  come Plesnikar, ha uno stile di corsa più economico di quanto non si osservi in  media negli atleti di livello inferiore, o amatoriale. E’ nostra intenzione estendere lo studio delle caratteristiche fisiologiche della SuperMaratona dell’ETNA, a gruppi più numerosi di atleti.

A questo scopo, in collaborazione col Professore Vincenzo Perciavalle, ordinario di Fisiologia presso la facoltà di Medicina dell’Università di Catania e Presidente del Corso di laurea in Scienze motorie della stessa facoltà, stiamo organizzando una rete di laboratori dove gli atleti possano rivolgersi per le necessarie valutazioni e per essere seguiti nel corso della SuperMaratona.

Non mi sembra ridondante concludere questo preambolo esprimendo, anche quest’anno, il mio apprezzamento ed il mio grazie agli Atleti ed agli Organizzatori

 Il Presidente

 Prof. Pietro Enrico di Prampero


Albo d’Oro - SuperMaratona dell’ETNA

05/06/2004 – 1^ edizione-  Plesnikar Franco – Caneva Gino   tempo  4h12’17”

25/06/2005 – 2^ edizione – Plesnikar Franco- Chlikhj Rachid    2       4h05’40”


 

Logo SuperMaratona dell’ETNA.

Legenda e  motivazioni:

-          “l’Atleta  “maratoneta- podista” – stilizzato (composto con voci 1 – 2 – 3);

-          il profilo del Vulcano Etna;

-          il fumo emesso dal cratere del Vulcano attivo;

-          il sole di Sicilia;

-          la conformazione  della Regione Friuli Venezia Giulia .


 
TORNA A HOME PAGE

Sabato 3 giugno 2006  3a MARATONA DELL'ETNA