M

'A mirinnuccia.
Ogni anno, durante le feste di Pasqua, ricordo con nostalgia il giorno delle frittate. Infatti il martedý di Pasqua , " 'a terza festa", era chiamato " 'e frittate" o " 'e mirinnucce" ed era anche una occasione di aggregazione e di divertimento. Dopo tanto "cicciu" mangiato la domenica e il lunedý di Pasqua, i Filottranesi rispettavano questa tradizione  recandosi in campagna, a Carradori, nella selva di Spada, al campo sportivo o al fiume. Tutti portavano grandi padellate di frittata: a Pasqua le uova non mancavano mai. Si pu˛ dire che 'e frittate fosse la festa della primavera. Mentre ci si divertiva ballando e cantando in attesa "de fa' mirinnuccia", uno, di solito un bambino, faceva la guardia alla frittata. Per˛ non era facile fare il guardiano mentre i compagni giocavano e quando finalmente tutti un po' accaldati e stanchi si accingevano a mangiare, trovavano talvolta che " 'a mirinnuccia" l'avevano fatta le formiche.

ma cong. = ma
ma'
(pl. ma') sf. = mano
maccÓnicu
sm. = meccanico
maccarˇ
sm. = maccherone (pl. maccar¨) {fig. stupido: Sý un mac-carˇ: Sei uno stupido.
maccaronÓta
sf. = maccherona-ta
macellÓ  = macellare
macellÓ = macellaio
macÚllu
sm. = macello {macelleria {Adorfo dÚa Mora c'aÚa u macÚllu sotta 'e logge: Adolfo Zepponi aveva la macel-leria sotto le logge.
macenÓ = macinare
mÓcena
sf. = macina
mÓchina
sf. = macchina
machinýsta
sm. = macchinista
mÓcina
sf. = mola
maciný
sm. = macinino (detto di macchina malridotta)
macinittu sm. = macinacaffŔ
maÚse
sf. = maggese. Es.: Rc˛je 'e f˛ja ˇppe 'a maÚse: raccogliere la verdura nella maggese.
maŔstra sf. = maestra
maÚstru
sm. = maestro
maggiu
sm. = maggio
magnÓ = mangiare
magnÓ
sm. = cibo {ˇ magnÓ: il cibo.
magnˇ agg. = mangione
magro
sm. = magro (parte magra della carne).
magru, magro agg. e sm. = ma-gro. Es.: Prisciuttu magru: pro-sciutto magro. MagnÓ de magro: non mangiare carne. Es.: 'A viscýja se magna de magro: Nei giorni di vigilia non si mangia carne
mai avv. = mai
mÓja
sf. = maglia
majÓra
sf. = magliaia
malatýa
sf. = malattia

male sf. = male {ˇ male: la malattia {Modo di dire: aÚssene a male: offendersi ; gi' a male: rovinarsi {avv. sta' male: stare male.
malidý = maledire
malidizziˇ
sf. = maledizione
malýgnu
agg. = maligno
mallˇ
sm. = stollo (palo che sostiene il pagliaio).
malˇcchiu sm. = malocchio
mamma
sf. = mamma {fam. ma'.
mammal¨ccu sm. = mamma-lucco {fig. persona sciocca.
mancýna sf. = sinistra (mano sinistra).
mÓndola sf. = mandorla
mandulý
sm. = mandolino {fig. AÚ un culu a mandulý: avere un bel sedere.
mandulý
sm. = mandorlo {frutto del mandorlo.
mangÓ = mancare
manganÚllu
sm. = manganello
mango
avv. e cong. = neanche {nemmeno.
manýja
sf. = maniglia
manisciÓlle
sm. = maresciallo
mannÓ = mandare
mannarý
sm. = mannaia sf. (col-tello da cucina).
mannÚllu sm. = mannello
(mazzetto di spighe)
mannica
sf. = manica
mannicu
sm. = manico
mantÚlla
sf. = mantello sm.
mantenÚ = mantenere
manticiu
sm. = mantice {da pic-culi giÓmmo su 'a PiŔ a mannÓ u mÓnticiu dell'ˇrghinu: da piccoli andavamo alla chiesa della Pieve a far funzionare il mantice dell'or-gano.
mantin¨tu
agg. = mantenuto
man¨priu
sm. = manubrio

manzu sm. = manzo
marchisciÓ
agg. e sm. = marchi-giano
marciÓ = marciare
marc¨nciu
agg. = malconcio
marducÓtu
agg. e sm. = maledu-cato
marejÓ
= amareggiare {essere amaro. Es.: 'e mandole de pŔrsico marÚja: le mandorle di pesca sono amare.
marfÓttu
agg. = malfatto
marfidÓtu
agg. e sm. = malfidato
marghirýta
sf. = margherita
mariˇlu
sm. = mariolo
maritÓ = maritare
maritˇzzu
sm. = maritozzo
maritu
sm. = marito
marmelÓta
sf. = marmellata. Es.: Nonna facÚa sempre 'a marmelÓta de grugne: La nonna faceva sempre la marmellata di prugne.
marrˇ (pl. marr¨) sm. = marrone (castagna)
marrˇne sm. = marrone (colore)
marta sf. = fango sm.
martellata
sf. = martellata
martÚllu
sm. = martello
martidý
sm. = martedý
martillýna
sf. = martellina
martillýttu
sm. = martelletto
martingÓlla
sf. = martingala
martinýcchia
sf. = freno sm. {tirÓ 'a martinýcchia: frenare.
marzu, marzo sm. = marzo {Detto popolare: De marzu va scarzu u villanacciu; d'aprile va scarzu u villÓ e u civile: Di marzo va scalzo il villano; d'aprile vanno scalzi il villano e il paesano.
mascarzˇ
sm. = mascalzone
mÓschiu, mÓstiu
sm. = maschio
maschjittu
sm. = maschietto
massagrÓ = massacrare

Home page

Torna a Tabella

Prosegue

Copertina | Regole | Indice | Pagina dei Visitatori