sei in Lou Dalfin --> Discografia --> Gibus, Bagase e Bandì

CREDITS
TESTI
MP3

Lo Gibòs
(Trad. - Berardo)
La vacha malha
(Trad. - Simondi)
Seguida de Rigaudons:
DE SAINT-BONNET (Trad.)
SANT' ANHES (Berardo)
LA DANCAREM PUS (Trad. - Simondi)
Aisoun
(Berardo)
seguida:
ROSSINHOLET SARVATGE (Trad. - Berardo - Simondi)
RIGAUDON DE MICHEL BIANCO (M. Bianco)
seguida:
LA SAN ZAN... (Trad. - Berardo)
MONSARA' (Berardo)
AVANT DE S'EN ALLER (P. Imbert)
Lo Pal (L' Estaca)
(L. Llach)
Farandola de Niça
(Trad.)
seguida:
FRANCOIS (Berardo)
JOAN PEIROL (Trad. - Simondi)
PER BEN LA DANCAR... (Trad.)
seguida:
PLORETS, FILHETES (Trad. - Simondi)
ANGES (Berardo)
ADDIO LUGANO BELLA (Trad.)
ME PARE (Trad.)
Bandits
(Trad. - Berardo - Simondi)
Lou Dub
(Madaski - Lou Dalfin)
LOU DALFIN:

SERGIO BERARDO (ghironda, organetto, flauti e voce)
ENRICO DAMILANO (basso)
ALFREDO PISCITELLI (chitarre)
RICCARDO SERRA (batteria e percussioni)
FABRIZIO SIMONDI (tastiere e voce)
DINO TRON (fisarmonica, organetto, cornamuse)

OSPITI:

Roy Paci (tromba)
Rosario "Tyson" Patania (trombone)
Pablo Parpaglione (saxofoni)
Davide Rossi (violino, violectra)
Nives Orso (galoubet)
Stefano Degioanni (voce)
Madaski (voce, campionamenti e programming)

REGISTRATO DA:

Francesco Madaski Caudullo e Mauro Turbinator Tavella presso lo Spliff a Dada studio di Pinerolo (TO) nell'aprile 1995

EDITING e MASTERING:

Marco Canavese - Sound Tools Mobile Service di Bricherasio (TO)

PRODUZIONE ESECUTIVA:

Baracca e Burattini - Hiroshima Mon Amour (TO)

GRAPHIC DESIGN:

Graphimeccanica

FOTO:

Marco Bellossini

SUPERVISIONE AI TESTI OCCITANI:

Franco Bronzat


LO GIBOS (Il gobbo)

Margoton sot'un pomier que si brešolava
...que si brešolava d'aqui,
que si brešolava d'alai,
que si brešolava.

Lo gib˛s ven a passar e si l'agachava...
"Ď gib˛s, marrit gib˛s, qu'as que mi regarjas?"...
"Margoton, se tu vorrias sarras ma mestressa!...
"Perque p˛sque consentir cau que giba saute"...
Lo gib˛s pren un coteu s'es copat la gibo...
Ma la plaia sanha tant que m˛rt es segura...
La filha a agut tres enfants an tots tres la giba...

Margoton sotto un melo stava prendendo il fresco
...che prendeva il fresco di qui,
che prendeva il fresco di lÓ,
che prendeva il fresco.

E' passato il gobbo e la stava a guardare...
"O gobbo, brutto gobbo, cos'hai da guardare?"...
"Margoton, se tu vorrai, sarai la mia padrona"...
"PerchŔ possa acconsentire, quella gobba deve sparire"
Il gobbo prende un coltello, s'Ŕ tagliato la gobba
Ma la ferita sanguina tanto che la morte Ŕ sicura...
La ragazza ha avuto (poi) tre figli, hanno tutti e tre la gobba.

LA VACCHA MALLHA (La vacca mangia)
 

La Michelin ilh a patit per la crisi endustriala
Lo cap al m'a chamat, "pron de gomes, licensiat"

Ma la vacha malha, malha, e lo puerc beu ben
e mi cojat s'la palha, ˛ fofo! que isto ben
E lo veel sauta s'la grupia per manjar son fen
e mi cojat s'la palha, ˛ fofo! que isto ben

Apres, desconsolat, me chal dir tot aqu˛ a la frema,
mas trobo mÝa Guitin abˇ Gino, lo postin

Ma la vacha...

Lo jorn apres d'aqu˛ ilh es arubÓa abˇ n'aute ˛me,
un brut que fasia p˛u, m'an raubat la mobilia e i s˛uds

Ma la vacha...

La Michelin ha sofferto la crisi industriale,
il capo mi ha chiamato, "Basta gomme, sei licenziato"

Ma la vacca mangia e il maiale beve bene
ed io coricato sulla paglia, o fu fu! come sto bene
E il vitello salta nella mangiatoia per mangiarsi il fieno
ed io coricato sulla paglia, o fu fu! come sto bene

Poi, sconsolato, mi tocca dire tutto quanto alla moglie
ma trovo la mia Guitin con Gino, il postino

Ma la vacca...

Il giorno dopo, se ne arriva con un altro tipo,
uno brutto da far paura, e mi rubano soldi e mobili

Ma la vacca...

 
LA DANCAREM PUS

La danšarem pus, la borrea d'Auvernha
la danšarem pus, los violons son romputs (bis)
Los farem adobar ambÚ de paresina,
los farem adobar, puei tornarem danšar (bis)

La danšarem pus, la borrea d'Auvernha
la danšarem pus, avem d'autes passions
La danšarem pus, la borrea d'Auvernha
avem pas pus vuelha de balar rigaudons
Ma que bela causa, d'estar tuchi i seras
a beicar a casa la television.
Ma que bela causa, d'estre tuchi i seras
da solets a casa, que sodisfacion!

Non danzeremo pi¨ la bourrÚe d'Alvernia
non la danzeremo pi¨, i violini sono rotti. (bis)
Li faremo riparare, con un po' di colla
li faremo riparare e poi torneremo a danzare. (bis)

Non danzeremo pi¨ la bourrÚe d'Alvernia
non la danzeremo pi¨, abbiamo altre passioni.
Non danzeremo pi¨ la bourrÚe d'Alvernia
non abbiamo pi¨ voglia di ballare i rigaudons.
Ma che bella cosa, stare tutte le sere
a guardare in casa la televisione.
Ma che bella cosa, essere tutte le sere
da soli in casa, che soddisfazione!

ROSSINHOLET SARVATGE (Usignolo selvaggio)
 

Rossinholet sarvatge, bel aucelon dal b˛sc
m˛sta-me ton lengatge e ta chanšon
di-me coma se p˛rta la mÝa Franšon?

Franšon ilh es ben malauta, ilh tira i balandrans
Franšon ilh es pas malauta - ditz l'aucelon -
deman fai lo marriatge a Brianšon.

Franšon, la mÝa pichona, Franšon, š˛ que m'as fach?
CharrÝa venesse a pilhar-te abˇ un paloc
tu m'as laissat perque p˛s ren veire i chocs.

Usignolo selvaggio, bell'uccellino del bosco
insegnami la tua lingua e la tua canzone
dimmi, come sta la mia Franšon?

Franšon Ŕ molto malata, sta per tirare le cuoia
Franšon non Ŕ malata, dice l'uccellino
domani si sposa a Brianšon

Franšon, mia piccolina, Franšon, cosa mi hai fatto?
Dovrei venire a prenderti con un bastone
Tu mi hai lasciato perchŔ non sopportavi gli ubriaconi

 
LO PAL (Il Palo)

Traducion occitana de "L'Estaca" una famosa chanšon catalana de Louis Llach ont lo franquisme ven vist com un pal ente i gents di etnies compreses dins l'estat espanh˛l son enchaenaas.

Traduzione occitana de "L'Estaca" una famosa canzone catalana di Louis Llach in cui il franchismo viene visto come un palo a cui le genti delle etnie comprese nello stato spagnolo sono incatenate.

Lo mÝu parser me parlava
de bon'ora a la f˛nt
lo solelh esperavem
e i mul passaven lo p˛nt
Al m'a mostÓ lo pal
ente sem tuchi estachats
podem pas destachar-se,
sem pas pus libres de anar
Se tirem tuchi al vai tombar,
gaire de temps p˛l pas durar
segur que tomba, tomba, tomba,
e al es ja ben enclinat
E se tu tires f˛rt d'aqui
e que mi tiro f˛rt d'alai
segur que tomba, tomba, tomba,
e nos trobem j˛ desliurats
Tuchi sabem qu'al es marš,
mas, parser, al pesa tant,
e quora me manca la f˛rša
di-me encar lo tÝu chant

Mio nonno mi parlava,
di buon'ora alla sorgente
aspettavamo il sole
e i muli attraversvano il ponte
Mi port˛ a vedere il palo
a cui siamo tutti legati
non possiamo pi¨ liberarci,
non siamo pi¨ liberi di andare
Se tiriamo tutti insieme cadrÓ
non pu˛ durare a lungo
cade di sicuro,
Ŕ giÓ piegato
E se tu tiri forte di qui
e io tiro forte di lÓ,
cade di sicuro
e ci ritroviamo liberi.
Sappiamo tutti che Ŕ marcio,
ma, nonno, Ŕ molto pesante,
e quando sento che mi manca la forza
dimmi ancora quel tuo canto.

JOAN PEIROL
 

Tolon, 1805. Un ˛me de Provenša, qu'al a visut come un corsari sus i mars dal mesjorn retorna al pais per murir dins una batalha contra i EnglÚs, per nuŔia e abituda al coratge. De un'ideia de J. Conrad.

Tolone, 1805. Un uomo di Provenza, che ha vissuto come un corsaro sui mari del sud torna al paese per morire in una battaglia contro gli Inglesi, per noia e abitudine al coraggio. Da una idea di J. Conrad.

Ara s'envisquen li lumieras,
scrasÓas dal cŔl, aval a l'orizont
pian pian veu despareiser Iera,
devino encar lo p˛rt de Tolon
La libertat es l'aire sul morre,
aquesta mar es tot š˛ que ai
l'aire e la tela, v˛li dire,
sies estat abituda, vida e pantalh
M˛ri per estre š˛ que eri,
ma vida val la mia finicion,
e dins lo cul aquel Emperi,
tuchi i Engles e Napoleon
Fraire de la mar, fraire de la c˛sta,
l'aiga nos p˛rta al n˛ste destin
la libertat es l'aire e la vela,
la libertat, l'onda e lo dalfin.

Si stanno accendendo le luci,
schiacciate dal cielo, laggi¨ all'orizzonte,
pian piano vedo scomparire HyŔres,
indovino ancora il porto di Tolone.
La libertÓ Ŕ l'aria che ti batte in faccia,
questo mare Ŕ tutto quello che ho,
l'aria e la tela, voglio dire,
siete stati per me un'abitudone, vita e sogno
Muoio per essere quello che ero,
la mia vita vale la mia fine,
e nel culo quell'impero,
tutti gli inglesi e Napoleone.
Fratelli del mare, fratelli della costa,
l'acqua ci porta al nostro destino,
la libertÓ Ŕ il vento e la vela,
la libertÓ l'onda e il delfino

PLORETZ, FILHETES (Piangete, ragazze)

N˛stes valades de frontiera an degut soportar de diferentas dominacions dins lo cors di segles. Per n˛sta gent deguna atencion mec de pretendues que i arriben de tuchi i patrons. N˛stis filhs son oblijats de combatre sas guerras, encuŔi per lo Rei, deman per lo Duc o lo MarquŔs sos adversaris.

N˛stes valades de frontiera an degut soportar de diferentas dominacions dins lo cors di segles. Per n˛sta gent deguna atencion mec de pretendues que i arriben de tuchi i patrons. N˛stis filhs son oblijats de combatre sas guerras, encuŔi per lo Rei, deman per lo Duc o lo MarquŔs sos adversaris.

Ploretz, filhetes dal vilatge,
ploretz, que encuei nos chal anar
ploretz, filhetes dal vilatge,
lo rei en guerra nos a chamat
Anarem vers de l'Italia
per far servici a la nacion
aquest b˛t contra l'Italia
per far servici a n˛sta nacion
AdÝu, filhetes dal vilatge
adÝu, montanhes, adÝu ruaas,
adÝu, filhetes dal vilatge
partem per pas pus returnar
Abˇ l'esqui˛p de travers s'l'esquina
nos marcharem en plorant l'amor
qu'avem fach dins de una bosquina
e ai n˛stes danšes arubava jorn

Piangete, ragazze del villaggio,
piangete che oggi ci tocca partire
piangete, ragazze del villaggio,
il Re ci ha chiamato alla guerra.
Andremo verso l'Italia
per servire la nazione,
questa volta contro l'Italia,
per servire la nostra nazione.
Addio, ragazze del villaggio,
addio montagne, addio villaggi,
addio, ragazze del villaggio,
partiamo per non tornare pi¨.
Col fucile di traverso sulla schiena
marceremo, rimpiangendo l'amore
che abbiamo fatto nel bosco,
e con le nostre danze si faceva giorno.

ME PARE (Mio padre)
 

Me pare Me pare a vendut l'ase,
'l a da-me i s˛ld a mi
e mi pi f˛l que l'ase
ai fach choca quinze dý

Anem velhar a Seletas,
portem-se lo violon,
fasem balar 's filhetas,
dai Serras ai Fiorons

Venetz, venetz filhetes,
beicar lo cardenal,
con la chamisa corta,
mostava 'o pistasal

E sarren totes 's fabriques,
e sarren dequ˛ i tramvai,
bonur que la piseta
se sarrarŔ j˛mai

Mio padre ha venduto l'asino
e ha dato i sodi a me
ed io pi¨ scemo dell'asino
mi sono sbronzato quindici giorni.

Andiamo a Seletas,
portiamo il violino
facciamo ballare le ragazze,
da Serras ai Fiorons.

Venite, ragazze,
a vedere il cardinale,
con la camicia corta,
si vedeva il "pestello".

E chiudono tutte le fabbriche,
e chiudono i tramvai,
meno male che la "piscetta"
non chiuderÓ mai.

BANDITS (Banditi)

Sem trenta, o ben quaranta,
tots ladres, DÝu que banda
e mi, lo pus sal˛p sÝu lo cap de tot lo tr˛p
De morres da galera, de esquiaus da vender en fiera,
e mi, lo pus marrit, sÝu lo mestre di bandits
Portem ˛uta ent'i vies tempesta e temporÝer
lo tron di n˛sti esqui˛p e i besties al gal˛p
Sus la n˛sta carriera raubavem tot š˛ qu'i era,
ai paures a ai segnors, nos portavem via i valors
E sensa estar a veire gavem ai conts e ai preires,
jurant contra i padrons d'aquest e de l'aute mond
Abˇ l'˛r raubat dal vesco bagases e vin a l'˛sto
e mi, lo pus mortal, arversat sus en botal
E dui carabinýer i gropen i chavilhes,
lo p˛rten a empicar propi a l'ora dal marchÓt
SarŔn beleu quaranta i ladres de la banda,
darreire d'un buisson ura i m˛sten, beic-lo amont!

Siamo in trenta, o forse quaranta,
siamo tutti ladri, Dio che banda,
ed io il pi¨ fetente, sono il capo di tutta la mandria
Facce da galera schiavi da vendere in fiera,
ed io il pi¨ crudele sono il maestro dei banditi
Portiamo in giro per le strade tempesta e temporale,
il tuono dei nostri fucili e le bestie al galoppo
Sulla nostra strada rubavamo tutto quello che c'era,
ai poveri e ai ricchi. portavamo via i valori
E senza andare per il sottile togliamo ai conti e ai preti,
bestemmiando contro i padroni di questo e dell'altro mondo
Con l'oro rubato al vescovo puttane e vino all'osteria
ed io, il pi¨ ubriaco, rovesciato su una botte
E due carabinieri gli legano i polsi
lo vanno ad impiccare proprio all'ora del mercato
Saranno forse quaranta, i ladri della banda,
da dietro ad un cespuglio indicano, "Guardalo lass¨!"



Torna a discografia
Discografia
top
Top
guest-buc
Guestbook
contatti
Contatti