I Magi non erano re, ma sacerdoti. Dalla loro terra, la Babilonia, osservavano il cielo e ne traevano predizioni e presagi.
Secondo il vangelo apocrifo armeno, i nomi dei Magi erano: Gaspare, Melchiorre e Baldassarre.
Nel V sec., nonostante non fosse certo, S. Leone decise che i re fossero tre, dando al numero, varie interpretazioni simboliche: tre le razze umane, la semita, la giapetica, la camitica, tre i continenti conosciuti al tempo, l'Africa, rappresentata da Baldassarre, l'Asia da Melchiorre e l'Europa da Gaspare, e ancora tre erano le età dell'uomo, giovinezza, maturità e vecchiaia, tre le ripartizioni del tempo, passato, presente, futuro.
I doni portati al Signore dai re Magi, erano simbolo della perfezione: l'oro di Melchiorre rappresenta la Regalità ed era contenuto in un pomo, simbolo del mondo, l'incenso di Baldassarre in segno di Divinità, la mirra di Gaspare è l'Umanità; in effetti la mirra, veniva cosparsa sui corpi dei defunti prima della sepoltura.

In quali paesi regnavano i re? Gaspare era il re delle indie, Baldassarre era il re degli arabi e Melchiorre il re di Persia.

Osservando il presepio, ai meno esperti riesce difficile individuare fra le statuine, chi sia Gaspare, Melchiorre o Baldassarre. Piuttosto tardi, nel XII sec., venne fissata una volta per tutte, la connotazione fisica che li contraddistingue, creando loro un'immagine simbolica, più che documentarsi sul loro aspetto reale. Melchiorre, è l'anziano dalla barba e capelli canuti, Baldassarre è l'uomo adulto e Gaspare, ancora imberbe, è il giovane.

Non c'è alcuna certezza su come fossero vestiti i Magi. Le prime testimonianze, parlano di una tunica viola, coperta da un saio per Melchiorre, il quale teneva protetto il capo, con delle fascette legate sotto al mento; ai piedi indossava calzari in stoffa bianca e violetta. Melchiorre, rappresentava la Penitenza. Baldassarre, che era l'emblema della Verginità, indossava vesti candide, di colore bianco, sopra una tunica gialla e rossa e i calzari da mugnaio. Gaspare, in segno di Devozione, vestiva una tunica bianca, con sopra un saio rosso e calzari viola.

 

Il viaggio dei Magi

Quello dei re Magi, fu il primo pellegrinaggio cristiano della storia. A fine raccolta, i Magi usavano salire sul Monte delle Vittorie. Sulla sommità, vi erano una grotta e, accanto, le acque purificatrici dove ogni anno i Sapienti, facevano le loro abluzioni rituali, per poi raccogliersi in preghiera. Come profetizzato, un giorno apparve loro la Stella tanto attesa. Al suo interno c'erano una croce e, sotto di essa, un bambino. Quello fu il segnale; da lì i re sapienti, partirono ognuno dal proprio regno, guidati dall'astro. La gente che assisteva al loro passaggio, restava meravigliata dallo sfarzo dei loro cortei. Secondo il vangelo apocrifo dell'infanzia armeno, i magi viaggiavano con al seguito 4000 uomini ciascuno, che formavano i drappelli della cavalleria, capitanati da 12 comandanti investiti della suprema autorità. Non c'erano né montagne, né fiumi, ad ostacolar loro, il cammino: tutto si livellava diventando una facile distesa pianeggiante. Camminarono a lungo, finché una nebbia li avvolse. Quando questa lentamente svanì, si trovarono riuniti insieme, a un crocevia alle pendici del monte Calvario. Proseguirono il viaggio insieme, preceduti sempre dalla cometa. Qualcuno li stava vegliando: nessuno dei re, del corteo e nemmeno gli animali, patì né fame, né freddo. Ebbero modo d'incontrare anche il re Erode. Questi, saputo della nascita del Re dei Re, chiese ai Sapienti di riferirgli il luogo in cui fosse nato, una volta trovato il Sovrano. Dopo tredici giorni, la stella fermandosi nel cielo, pose fine al viaggio nella città di Betlemme. Successe allora, che apparve una lucentissima colonna di luce, sormontata da una stella altrettanto abbagliante. Il prodigio proseguì, aprendosi nel cielo un grande varco. Uscì una moltitudine di angeli che, scendendo lungo il fascio luminoso, accompagnavano la stella ad entrare nella grotta. Nel bagliore s'intravide un bambino, che gentilmente invitò i Magi ad entrare. I Magi videro nel viso di Gesù, i loro stessi volti, a dimostrazione che Egli è "l'unità nel molteplice". Ai Magi non restò che offrire i doni: oro, incenso e mirra. La storia raccontata nel nostro presepio, finisce con la rappresentazione di quest'ultimo episodio. Al contrario del primo, il viaggio di ritorno fu un'impresa ardua: la stella era sparita e i Magi, non conoscendo la strada, si affidarono alle guide locali. In sogno, un angelo li avvertì delle cattive intenzioni di Erode; presero un'altra strada, evitando d'informare il re, sul luogo della nascita di Gesù. Passarono circa due anni, prima che essi, potessero arrivare ognuno al proprio regno. Nel frattempo, passando di città in città, essi contribuirono alla diffusione della parola del Signore.

 

Accadde poco prima della ricorrenza della Natività, che la cometa riapparve ai Magi una seconda volta: questa era venuta ad annunciar loro la morte. Vissero e regnarono a lungo, senza spose né figli, mantenendosi vergini fino alla morte. Melchiorre morì otto giorni dopo Natale, all'età di 116 anni, Baldassarre ne aveva 112, quando il giorno dell'Epifania morì, sei giorni dopo Baldassarre, all'età di 109 anni, morì Gaspare. Vennero sepolti l'uno, accanto all'altro

In un piccolo borgo persiano, successivamente visitato da Marco Polo, si tramandava una leggenda, la quale parlava del dono che Gesù, invece, fece ai re. Si trattava di un misterioso contenitore che, durante il viaggio di ritorno, i tre incuriositi, decisero di aprire. All'interno, non trovarono che una pietra. Non riuscendo a coglierne il significato, gettarono il masso nel fondo di un pozzo. All'istante apparve dal cielo un fuoco, che precipitò fin dentro al pozzo; lì capirono di aver sbagliato. I Magi, presero una fiammella dal fuoco e, finito il viaggio, la depositarono in una sfarzosa chiesa, appositamente costruita. Da allora la fiammella, non smise più di ardere, diventando per le genti del regno, motivo di sincera devozione. Si pensa che la pietra sia un frammento di cielo, donata da Gesù per ricordare ai Magi di essere: "Siate fermi come pietra nella fede che avete intravisto".

Nel suo viaggio a Costantinopoli, S.Eustorgio ricevette in dono da S.Elena, le reliquie dei re Magi. Lo racconta una leggenda: alla fine del viaggio verso Milano, la cassa contenente le spoglie, divenne di un peso tale da costringere Eustorgio, a fermarsi. Questi, lo interpretò come un segno della volontà divina, la quale desiderava che in quel preciso luogo, il santo vescovo, costruisse una chiesa che, successivamente alla sua morte, verrà a lui dedicata.

Dopo aver assediato con successo Milano, l'imperatore Federico Barbarossa volle trasferire le reliquie dei re, a Colonia. Fu organizzato un pomposo pellegrinaggio, alla cui guida c'era l'arcivescovo Rainaldo di Dassel; partirono l'11 Giugno 1164.

Le reliquie in questione, operarono anche dei miracoli, per cui molta gente vi si recava in pellegrinaggio.

Uno dei grandi saggi del passato: Tertulliano, ritiene che i Magi adorando Gesù bambino, rappresentino l'inchinarsi delle dottrine orientali, ponendo fine anche all'Astrologia che, dall'avvento di Cristo, non sarà più lecita,

 

I Doni dei Magi: Oro, Incenso e Mirra

San Leone Magno interpreta così i doni dei Magi: "Offrono l'Incenso a Dio, la Mirra all'uomo e l'Oro al Re, venerando consapevolmente l'unione della natura divina e dell'umana perché Cristo, pur essendo nelle proprietà delle due nature, non era diviso nella potenza".

L'incenso, fin dall'antichità ritenuto sacro, è una gomma-resina prodotta da alcune piante appartenenti alla famiglia delle Burseraceae dell'Africa orientale e dell'Arabia.

Molti si chiedono cosa sia la Mirra. La Mirra è una pianta appartenente al genere Commiphora, dalla quale si estraggono due diverse sostanze, a seconda della specie: dall'albero Balsamodendron Myrrha, si estrae un profumo anticamente usato in alcuni riti di imbalsamazione, dal Cistus Creticus si ricava un olio volatile simile al laudano.

Successivamente il cristianesimo

A consegnare la polvere di Mirra è Gaspare: questa già ne preannunciava la sofferenza, del futuro sacrificio di Cristo.

Oltre ai doni più noti, i re ne portarono altri: Melkon aveva con sé aloe, mussolina, porpora, pezze di lino e libri scritti e sigillati dalle mani di Dio. Gaspar portava inoltre: del nardo prezioso, cannella, cinnamomo e altri profumi. Balthasar: argento, pietre preziose, zaffiri e perle.

 

I nomi dei Magi

Ognuno dei loro nomi, ha un importante significato: Balatas e Usur sono le parole che hanno dato origine al nome Baldassarre, significa "Dio protegge la sua vita". Baldassarre viene ricordato l'11 Gennaio ed è invocato contro gli attacchi di epilessia.

Il nome Gaspare deriva dal persiano Kantschavar, successivamente latinizzato in Gasparous, "Nobile maestro". Viene festeggiato lo stesso 6 Gennaio e, diversamente in altri luoghi, l'1 Gennaio.

Melchiorre, dall'ebraico Melki'Or, "Il mio re è luce", è commemorato anch'esso al 6 Gennaio.

 

Il misterioso Quarto Re

Si racconta in Russia che, oltre ai noti tre Magi, ce ne fosse un quarto. Il misterioso re, secondo la leggenda, viaggiava su una slitta trainata da renne. Questi, non riuscendo a trovare la strada, rinunciò a consegnare il suo omaggio a Gesù. Decise allora , di distribuire regali a tutti i bambini che incontrava lungo il suo viaggio.

Questo misterioso quarto re, non ricorda forse il nostro Babbo Natale?