Community
 
Aggiungi lista preferiti Aggiungi lista nera Invia ad un amico
------------------
Crea
Profilo
Blog
Video
Sito
Foto
Amici
   
 
 

   BARBAROSSA

I Generali e i Marescialli di Hitler 

 

I primi quattro (Falkenhorst, Von Leeb gr. armate Nord, Bock, gr. armate centro, Rundstedt, gr. armate sud) sono i comandanti dell'operazione Barbarossa. Keitel e  Jodl erano il Capo e il Vice dell'Oberkomamndo Wehrmacht (verranno entrambi giustiziati a Norimberga). Alla fine del 1941 non avendo raggiunto gli obiettivi prefissati, Hitler sostituisce Leeb con Kuechler, Bock con Kluge e Rundstedt con Reichenau. Kluge e Reichenau alla 4 e 6a armata furono poi sostituiti da Kubler e Paulus (che non ebbe miglior fortuna, verrà riciclato dai Russi nel dopoguerra). Reichenau incaricato dell'operazione Blau nel Caucaso muore e viene richiamato Von Bock. Leeb esce definitivamente dalla scena. Kluge viene ucciso nella cospirazione a Hitler del 1944.  http://www.biography.ms/List_of_German_Field_Marshals.html 

   

Nikolaus von Falkenhorst (1885-1968) 
1933 - 1935Military Attaché to Prague & Budapest
1935 - 1936Chief of Staff 3rd Army Group Command
1936 - 1939General Officer Commanding 32nd Division
1939 - 1940General Officer Commanding XXI Corps, Poland
1940 General Officer Commanding Group XXI, Denmark-Norway
1940 - 1944 General Officer Commanding Army Norway
1941 - 1942 General Officer Commanding Army Lapland/Lapponia
1942 - 1944 Commander in Chief Norway
1944 Retired
1945 - 1946 Prisoner of War
1946 Condemned to death as war criminal, but sentence changed to 20 years imprisonment

La sua partecipazione all'operazione Barbarossa verteva sull'invasione dell'estremo nord della Russia del mare di Barents (operazione volpe argentata) partendo dalla Norvegia attraverso la Lapponia e la Finlandia. http://www.storiain.net/arret/num105/artic6.asp

   

 

Wilhelm Ritter von Leeb

(September 5, 1876 - April 29,1956)

commanded Germany's Seventh Military District as a lieutenant general before the rise of Hitler and the Nazi Party. Hitler was not fond of Leeb due to his anti-Nazi attitudes and religious convictions. However, due to his outstanding credentials, Hitler made him commander of the Second Army Group and he took part in the occupation of Sudetenland in 1938. Hitler promoted Leeb to the commander of Army Group C and his troops were responsible for breaking through the Maginot Line in France. For his role in this victory Leeb was promoted to the rank of Field Marshal (Generalfeldmarschall) in July 1940, along with receiving the Iron Cross. Leeb, now having Hitler's faith, was responsible for carrying out the attack on the Soviet Union in the northwestern sector and von Leeb was put in command of Army Group North in Operation Barbarossa. Leeb was to destroy Soviet units in the Baltic area, capture all Soviet naval bases on the Baltic, and Leningrad by July 21, 1941. When the invasion of the Soviet Union began on June 22, 1941, Leeb's armies met with outstanding success against an overwhelmed Soviet force. By the end of September his army ( 16ª armata: otto divisioni di fanteria; colonnello generale Busch  e 18ª armata: sette divisioni di fanteria; colonnello generale von Küchler piu' il Panzergruppe 4) had advanced 900 km into the Soviet Union and had surrounded Leningrad. Hitler, however, was not pleased and said of the Field Marshal, "Leeb is in a second childhood; he can't grasp and carry out my plan for the speedy capture of Leningrad. He fusses over his plan of assuming the defensive in the northwestern sector and wants a drive in the center on Moscow. He's obviously senile, he's lost his nerve, and like a true Catholic he wants to pray but not fight." In December 1941 Leeb was relieved of his command and it was officially announced that he had stepped down voluntarily due to illness. Colonel General Georg von Küchler assumed command of Army Group North. 1945 - 1948 Prisoner of War.  

 

   

Fedor von Bock 3/12/1880-3/5/45

Feldmaresciallo Comandante del gruppo armate centro (Russia) disponeva di 2 armate di fanteria e di 2 gruppi corazzati, uno di Guderian e l'altro di Hoth. Fu nominato Maresciallo nel 1940 per i successi in Polonia e Francia. In Russia (2.Armee,(von Weichs) 4. Armee, (von Kluge) e 9. Armee,(Strauss) piu' i Panzergruppe 2 di Guderian e 3 di Hoth) giunse a 50 Km da Mosca, fermato dall'inverno poi da Zukov. Hitler lo destituì e lo sostituì con Von Kluge. Venne di nuovo chiamato l'anno successivo per il settore meridionale dove fermò Timoscenko a Sebastopoli. Dopo la prima battaglia di Stalingrado venne di nuovo sostituito da Kluge. Muore nei giorni della fine del Reich in un incidente aereo

 

   

Karl Gerd von Rundstedt

(Ashersleben 12/12/1877-Hannover 24/2/1953)

 Entered Germany's elite Military Academy in 1902 - an institution that accepted only 160 new students annually and weeded out 75% of its student body through exams. On average, only 1 out of 5 made it through the 3-year curriculum so that roughly 35 officers successfully finished their program and could join the General Staff as probationary members for 18 months before being entitled to wear the much coveted red stripes. Rundstedt is the model General Staff officer molded in the Moltke-Schlieffen tradition. "Reserved in speech and disdainful of personal acclaim," he is the "grand seigneur" and a master strategist. (Ziemke, 176, 185). He insisted that he had always opposed Nazism but could not do so openly because 'a soldier cannot participate in political activities.' (Ziemke, 180). Promoted in July 1940 to the rank of Field Marshal, he is made Commander-in-Chief West for France and the Low Countries and then sent to Russia in 1941 to lead Army Group South (6. Armee,(von Reichenau)  17. Armee,(Stülpnagel) Panzergruppe 1,(von Kleist)
11. Armee, Romania (von Schobert). In that capacity, he obediently transmits Hitler's Commissar Order and Jurisdiction Decree. In June 1944, he and Rommel fail to convince Hitler that the war in the West is lost and that Germany should sue for peace. 
The Conspiracy
The conspirators initially pin their hopes on von Rundstedt when in August 1938 he is among the chorus of generals who oppose Hitler's Czech adventure. But he refuses to support the September 1938 coup attempt and all further efforts by the conspirators to overthrow Hitler. During the Nuremburg Trial, when called to testify, he explains that "I would never have thought of such a thing; that would have been base, bare-faced treachery...." (Ziemke, 182).

Following the failure of Stauffenberg's July plot, von Rundstedt is appointed to preside over an Army Court of Honor that expels 55 officers from the German Army and hands them over to the People's Court for trial and execution. Except for nine who are already dead, they include 1 field marshal, 11 generals, and 17 General Staff officers. Rommel and Kluge are among those who commit suicide. Hitler retains absolute trust in von Rundstedt to the end and speaks of him as having done "the Nazi cause great service, particularly in the liquidation of the July 20th plot." (Ziemke, 203). 

His Fate

Rundstedt is omitted from the list of major war criminals who stand trial at Nuremburg, but he remains under arrest and eligible for trial for four years. His attitude towards Hitler's war crimes are considered weak-willed at best. According to Earl Ziemke, "duty and service to the nation were for him too frequently a means of evading moral and professional responsibility.... The elder von Moltke admonished General Staff officers 'to be more than you seem'. Gerd von Rundstedt seemed to be more than he was." (Ziemke, 204). 

Complotto del 20 luglio 1944.  Canaris ne fa parte, ma non viene ucciso subito o fatto suicidare come con altri fatto.  Il pomeriggio del 23 luglio Walter Schellenberg, comandante dell'Abwehr dal febbraio 1944, si presenta a casa dell'ammiraglio, alla periferia di Berlino. Trasferito all'Accademia della Gestapo di Fürstenberg/Havel, vi rimane recluso fino al 7 febbraio 1945. Portato al lager di Flossenbürg, vicino al confine cecoslovacco, viene ammanettato, incatenato alle caviglie e rinchiuso nella cella 22. La sera dell'8 aprile 1945, dopo l'ennesimo interrogatorio con torture, un esanime Canaris batteva sul muro, a beneficio del compagno di prigionia della cella 21, un ultimo messaggio: "Naso rotto durante ultimo interrogatorio.  La mia ora è giunta. Non ero un  traditore. Ho fatto il mio dovere di tedesco. Se sopravvivi, ricordami a mia moglie".  La mattina seguente, l'ammiraglio Canaris viene portato nudo al patibolo e strangolato con una corda di pianoforte. Meno di un mese dopo, i sovietici avrebbero alzato la bandiera rossa sul Reichstag.

   

Paul Ludwig Ewald von Kleist (1881 - 1954)  

was a leading German Field Marshal during World War II. In 1939 he was recalled to active duty at the age of fifty eight. In 1942 he was sent to command troops in the Caucasus in order to capture important oil wells in the area. He was promoted to field marshal in 1943. He was relieved of his command in March 1944 for ordering the 8th Army to retreat when it was in danger of destruction by the Soviets, in explicit violations of Hitler's orders. e was captured by United States forces in 1945. He was sent to communist Yugoslavia to face alleged war crimes charges in 1946. In 1948 he was then sent to Russia where he died in captivity in 1954. (muore nelle prigioni russe come criminale di guerra) . Da non confondersi con i von Kleist-Schmenzin padre e figlio entrambi cospiratori del 20 luglio 1944 (il padre venne ghigliottinato nel 1945, 3 mesi prima della fine della guerra).

   
http://der-stuermer.org/italian/fuhrer1941.htm 
Adolf Hitler discorso del 3 Ottobre '41 al Palazzo dello Sport di Berlino per l'inaugurazione dell'Opera di previdenza sociale di guerra
PROCLAMA ai Soldati del Fronte Orientale

......Ed ora nei riguardi del fronte orientale non accade diversamente. Secondo la versione inglese, noi là abbiamo riportato sconfitte su sconfitte. Però noi siamo lontani mille chilometri dai nostri confini, siamo ad oriente di Smolensk, davanti a Leningrado, nel mar Nero. Noi stiamo già di fronte alla Crimea e non i russi. Se finora i Sovietici hanno continuamente vinto, in ogni caso essi hanno male utilizzato le loro vittorie, e tuttavia essi retrocedono, dopo ogni vittoria, di cento o di duecento chilometri, probabilmente per attirarci profondamente nel loro territorio. Le colossali cifre del bottino di guerra e dei prigionieri attestano la grandezza di questa lotta. Molti di voi hanno partecipato alla guerra mondiale e sanno cosa significa fare prigionieri e, contemporaneamente, conquistare avanzando per cento chilometri. Il numero dei prigionieri è ormai salito a circa 2 milioni e mezzo. Il numero dei cannoni predati oppure di quelli distrutti, ossia di quelli rimasti in mano nostra,si aggira ora sui 22.000. Il numero dei carri armati distrutti e predati e quindi rimasti in mano nostra, si aggira fin da ora sui 18.000. Il numero degli aeroplani annientati, distrutti od abbattuti supera i 14.500.
 

E dietro le nostre truppe c'è ora già uno spazio due volte più grande di quel che fosse il Reich tedesco nel 1933, quando assunsi il governo, o quattro volte maggiore dell' Inghilterra. Ma la linea d'aria che i soldati tedeschi hanno percorso,oggi è lunga quasi dappertutto da 800 a 1000 Km: Questo in linea d'aria. Calcolato in chilometri di marcia ciò significa spesso una volta e mezzo di più o il doppio, su un fronte che è immensamente esteso e di fronte ad avversari che -devo dirlo- non sono uomini ma animali, bestie. .... quel che ha fatto il fante tedesco, il moschettiere tedesco ! Perché. amici miei, noi abbiano là divisioni che,dalla primavera, hanno marciato per 1000, 2mila fino a 3mila chilometri a piedi. È facile a dirsi. Ciò che viene fatto dietro questo fronte è nel suo genere tanto gigantesco quanto ciò che vien fatto al fronte. Più di 15mila chilometri di ferrovie russe sono di nuovo in esercizio e sono state trasformate secondo lo scartamento tedesco. Sapete, camerati, cosa significa ciò ? Significa che la più grande sezione trasversale del Reich tedesco d'una volta, qualcosa come da Stettino fino alle alpi bavaresi, ossia una linea di circa 1000 KM è stata ripetuta per 15 volte in Oriente secondo lo scartamento tedesco. Cosa costi ciò di sforzi e di sudore, la nazione forse non lo può ancora affatto valutare giustamente. E, dietro a tutto ciò, là ci sono i battaglioni lavoratori, le nostre organizzazioni e soprattutto la Todt, e l'organizzazione del nostro Speer e tutte quelle altre che dal canto loro sono là per proteggerle.

   

Günther von Kluge (1882-18/8/1944)  

was a German military leader. He was born into Prussian military family. Kluge was the master of blitzkrieg and became a Field Marshall of Nazi Germany in July 1940. During World War I he was a staff officer, and in 1918 was at the battle of Verdun. By 1936 he was a Lieutenant general and in 1937 took command of Sixth Army Group which became the German Fourth Army which he led in Poland during 1939. He opposed the plan to attack westward. He led the Fourth Army in its attack through the Ardennes that culminated in the fall of France. He was commander of Army Group Center on the Russian Front and became commander of the German forces in the West (Oberbefehlshaber West ). On October 27, 1943, Kluge was badly injured when his car overturned on the Minsk-Smolensk. He was unable to return to duty until July 1944. The head of the German military resistance, Henning von Tresckow, served as his chief of staff of Army Group Center. Kluge was somewhat involved into the military resistance. He knew about von Tresckow's ( http://www.joric.com/Conspiracy/Tresckow.htm   plan to shoot Hitler during a visit at Army Group Center. Kluge however refused any support to the conspirators of the July 20 plot as soon as he found out that Hitler had survived Stauffenberg's assassination. Si suicida il 18 agosto 1944.

I capi del complotto(attentato del 20 luglio 1944, fallito), Oberst Claus von Stauffenberg, Generale Friedrich Olbricht, Oberst Albrecht Mertz von Quirnheim e Tenente Werner von Haeften, vennero catturati nella tarda serata e fucilati lo stesso giorno nel cortile del Bendler-Block (il Ministero della Guerra). Il gen. Beck può invece togliersi la vita da solo e qualche tempo dopo (14 ottobre 1944)  anche Rommel. Nonostante il suo zelo, alla fine anche Fromm sarà fucilato. Giudicati da tribunali del popolo, circa 5000 tedeschi saranno fucilati o impiccati nei mesi seguenti. Sono messi a morte tra gli altri il feldmaresciallo Erwin von Witzleben, i generali Hase, Stieff e molti altri ufficiali e alti funzionari, ex diplomatici come von Hassel e von der Schulenburg, ambasciatori, nonché il consigliere di legazione Adam von Trott zu Solz; uomini politici come Goerdeler, l’ex ministro delle finanze di Prussia Johannes Popitz, i politici socialdemocratici Wilhelm Leuschner e iulius Leber, i religiosi Alfred Delp e Dietrich Bonhoefler.

IL COSPIRATORE DEL 2O LUGLIO 1944

   

Georg von Küchler (May 30, 1881 - May 25, 1968) 

was a German field marshal during World War II. Küchler led the German 18th Army in 1940 in the invasion of neutral Holland and was able to defeat the much smaller Dutch army and continued on into Belgium. Küchler's army defeated the Belgians, took Antwerp and then moved into France. The 18th Army ended this phase of the war at Pas de Calais. His role in this campaign earned him the rank of colonel general. The colonel general became commander of Army Group North after Field Marshall Wilhelm Ritter von Leeb was relieved of his command. Küchler, unlike his predecessor Leeb, was seen as politically compliant and was liked by Hitler, who hoped that Küchler would succeed where he believed that Leeb had failed. 
Küchler commanded Army Group North from December 1941 through January 1944 but was unable to achieve any victory at Leningrad. Küchler maintained the siege of Leningrad, launching massive bombardments in an attempt to intimidate the Red Army into surrender. On June 30, 1942 Hitler promoted Küchler to Field Marshal (Generalfeldmarschall). In January 1944 Soviet troops were able to completely break the blockade of Leningrad, and Küchler was sacked when he demanded the withdrawal necessary to save Army Group North. At the end of World War II Küchler was arrested by American occupation authorities and tried by a military court in 1948. Küchler was sentenced to twenty years in prison for crimes against humanity but only served eight after being released in 1953 due to illness and old age. 

   

Ludwig Kübler
nato nel 1889 impiccato a Lubiana nel 1947

Als im Zuge der Wiedereinführung der Wehrhoheit erstmals Gebirgstruppen aufgestellt wurde, erhielt Kübler am 01.10.1935 das Kommando über das neuaufgestellte Gebirgsjägerregiment 98, das bis zum Herbst 1937 auf Divisionsstärke aufgestockt wurde und die 1.Gebirgsdivision des Heeres bildete. 
Nach seiner Beförderung zum Generalmajor am 01.01.1938 übernahm Kübler die 1.Gebirgsdivision als Kommandeur. 
Erstmalig auf sich aufmerksam machte Kübler sich mit seiner Division im Polenfeldzug durch schnelles Vorstoßen von den Karpaten bis nach Lemberg. Für diese und andere Leistungen seiner Division erhielt Kübler am 27.10.1939 das Ritterkreuz und wurde am 01.12.1939 zum Generalleutnant befördert. Im Sommer 1940 nahm er mit seiner Division erfolgreich am Westfeldzug teil. Auch hier erwarb er sich mit seiner Division Anerkennung. Nach Abschluss des Frankreichfeldzuges wurde Kübler zum General der Gebirgstruppen befördert und mit der Führung des IL. Gebirgskorps (= 49.Gebirgskorps, auf Korpsebene wurden römische Ziffern bei der Nummerierung benutzt) betraut. Unter seiner Führung kämpfte dieses Korps im April 1941 in Jugoslawien und ab 22.06.1941 als Teil der Heeresgruppe Süd in Russland, wo es sich wiederholt auszeichnete. Überraschend wurde Kübler am 19.12.1941 zum neuen Oberbefehlshaber der 4.Armee, die vor Moskau stand, berufen. Nachdem den Russen tiefe Einbrüche zwischen Küblers 4.Armee und der 2.Panzerarmee erzielten, geriet die 4.Armee in schwere Bedrängnis. Da Kübler sich nachhaltig für eine Zurücknahme der Front aussprach um seine Armee zu retten, wurde er schon am 20.01.1942 als Oberbefehlshaber wieder abgelöst. Danach erhielt er das Kommando über ein Gebirgskorps zur Küstensicherung auf dem Balkan.

 

Al centro Fiedrich Rainer, Gauleiter austriaco, Supremo Commissario del Litorale Adriatico. A destra il gen. Ludwig Kübler, già comandante di truppe da montagna, comandante delle forze tedesche del Litorale Adriatico, artefice della politica di sterminio dei partigiani e dei civili che portavano loro aiuto. Sua la responsabilità della Risiera Sterminio di Trieste. Catturato a fine conflitto viene consegnato agli Jugoslavi. detto "Bluthund von Lemberg" und "Adriaschreck".  http://www.donneincarnia.it/ieri/zonalibera.htm 

   

 

Alfred Jodl 

Nacque il 10 maggio 1890 a Würzburg dal colonnello Johannes Jodl e da Therese Baumgärtler. Seguì le orme del padre frequentando dal 1903 al 1910 la scuola cadetti a Monaco di Baviera. Nel 1913 si sposò con Irma von Bullion anch'essa figlia di un colonnello. Dal 1914 al 1916 combatté sul fronte occidentale durante la Prima Guerra Mondiale. Nel 1917 combatté sul fronte orientale in un reggimento di artiglieria. Concluse la guerra come ufficiale di stato maggiore. Dopo la guerra rimase nell'esercito e nel 1923 venne a contatto con Hitler per la prima volta. Nel 1933 venne promosso tenente colonnello. Tra il 1938 ed il 1939 venne trasferito nella annessa Austria a Linz come comandante di battaglione. Nel 1939 venne aggregato all'alto comando (OKW) divenendo il vice di Keitel e tenente generale nel 1940. In questa veste partecipò alla direzione di tutte le campagne militari fatta eccezione per quella contro l'Unione Sovietica. Promosso nel 1944 Generaloberst. Il 7 maggio 1945 firmò a Reims la capitolazione delle truppe tedesche col suo superiore Keitel. Arrestato e processato a Norimberga venne condannato per crimini di guerra e impiccato il 16 ottobre 1946. http://www.olokaustos.org/bionazi/leaders/jodl.htm 

 

   

   Wilhelm Keitel

Wilhelm Keitel nacque il 22 settembre 1882 a Helmscherode da Carl Keitel e da Apollonia Vissering.  Abbracciò senza esitazioni la carriera militare e già nel 1901 prestava servizio in un reggimento di artiglieria a Wolfenbüttel.  Nel 1908 era aiutante di reggimento e nel 1909 sposava Lisa Fontaine. Allo scoppio della Prima Guerra Mondiale combatté sul fronte occidentale. Dopo la sconfitta rimase nell'esercito tedesco venendo promosso capitano nel 1919.  Tra il 1920 ed il 1922 fu insegnante alla Scuola Militare di Cavalleria ad Hannover. Tra il 1922 ed il 1925 fu comandante di batteria a Minden venendo poi trasferito al Ministero dove rimase sino al 1927. Ricoprì tra il 1927 ed il 1929 altri incarichi alle truppe e dal 1929 al 1933 diresse un ufficio centrale amministrativo del Ministero. L'ascesa dei nazisti gli consentì una carriera assai rapida. Già nel 1934 venne nominato comandante di divisione a Brema e nel 1937 generale. Quando nel 1938 Hitler assunse personalmente il comando delle forze armate nominò Keitel capo dell'OKW (Oberkommando der Wehrmacht) il comando supremo dell'esercito tedesco.  Nel 1940 venne promosso Maresciallo del Reich. Keitel conservò ininterrottamente il comando dell'OKW sino alla sconfitta tedesca del 1945.

Il coinvolgimento nell'Olocausto
Keitel per certi versi rappresenta bene il coinvolgimento dell'esercito tedesco nel processo di distruzione degli ebrei europei. La sua figura, le sue responsabilità, mostrano con chiarezza che l'Olocausto non fu gestito esclusivamente dalle SS. Keitel fu perfettamente al corrente delle operazioni di sterminio condotte sul fronte russo dagli Einsatzgruppen e si adoperò affinché vi fosse una collaborazione piena tra i massacratori e le truppe dell'esercito. Personalmente siglò due tra gli ordini più infami: il cosiddetto "Ordine dei Commissari" e il "Decreto Notte e Nebbia". 
L'"Ordine dei Commissari" prevedeva l'eliminazione fisica di tutti i Commissari Politici del Partito Comunista Sovietico catturati dai Tedeschi sia direttamente sia consegnandoli alle Einsatzgruppen. L'ordine venne firmato dal generale Walter Warlimont con l'autorizzazione di Keitel. Il generale Walther von Brauchitsch preparò le linee guida per l'applicazione dell'Ordine. Nell'estate del 1941 Keitel ordinò che le copie distribuite dell'ordine fossero distrutte.  Il "Decreto Notte e Nebbia" era un ordine segreto emanato da Hitler il 7 dicembre 1941 e firmato da Keitel. Con esso si stabilivano i comportamenti da adottare contro i movimenti di resistenza che agivano nei territori occupati dai tedeschi. Di fatto venivano autorizzate rappresaglie contro la popolazione civile, processi sommari, distruzioni di villaggi e città.

 

 Le persone arrestate in base a questa disposizione dovevano "sparire nella nebbia della notte" e la loro morte in campi di concentramento o la loro esecuzione non doveva venir resa nota. Keitel nelle sue istruzioni sul decreto al ministro Thierack sottolineò che sentenze più miti della condanna a morte sarebbero state viste come un segnale di debolezza da Hitler. Fu proprio Keitel con Jodl che l'8 maggio 1945 firmarono la resa.  Arrestato dagli Alleati venne processato a Norimberga e - riconosciuto colpevole di tutte le imputazioni - condannato a morte. Venne impiccato il 16 ottobre 1946. 
http://www.olokaustos.org/bionazi/leaders/jodl.htm 

   

Erich von Manstein
(Berlino, 24-11-1887 - Irschenhausen, 10-6-1973

 

 

 

 

Di nascita aristocratica fu paggio presso la corte imperiale, dopo gli studi compiuti a Strasburgo (allora in Germania).  Leutnant (sottotenente) nell'ottobre 1907, aiutante di battaglione nel luglio 1911, Oberleutnant (tenente) nel giugno del 1914 prese parte all'invasione del Belgio e alla Prima battaglia della Marna. Gravemente ferito sul Fronte Orientale, venne successivamente destinato esclusivamente a incarichi di Stato Maggiore (SM). Il 19 agosto passò, con lo stesso incarico alla 1a Armata sul fronte della Somme. Nel 1917 ritornò sul Fronte Orientale, come addetto alle operazioni della 4a Divisione di cavalleria in Curlandia, incarico poi ricoperto anche presso la 213a Divisione d'assalto sul Fronte Occidentale. Nel dopoguerra mantenne incarichi di S.M fino a quando, nel 1921, ricevette il primo comando di compagnia al 5° Reggimento di fanteria in Pomerania, incarico che lasciò nel 1923 per entrare di nuovo negli SM della Reichswehr. Nell'ottobre 1932, in qualità di Oberstleutnant (tenente colonnello), venne assegnato al comando del battaglione Jäger del 4° Reggimento di fanteria. Ritornò ai comandi di S.M per approdare da Generalmajor (generale di brigata) il 1 ottobre 1936 alle dipendenze del generale Beck. Nel 1938 passò dapprima a comandare la 18a Divisione di fanteria, poi divenne capo di SM del generale von Leeb. Il 1 aprile 1939 venne promosso Generalleutnant (generale di divisione) assumendo quindi l'incarico di capo di SM di Gerd von Rundstedt nel settore orientale. Dopo la campagna polacca passò al fronte occidentale sempre con von Rundstedt, assumendo poi il comando del 38° Corpo di fanteria durante la Campagna di Francia, fra il maggio e il giugno del 1940. A questo proposito bisogna dire che l’incarico di comandante di Corpo gli venne assegnato quando entrò in conflitto con le alte gerarchie sulle modalità di invasione del Belgio. Il piano ufficiale, da lui definito stantio, venne modificato sulla base di uno da lui proposto direttamente a Hitler dopo la caduta dell’aereo del comando del gennaio 1940. Durante l'Operazione Barbarossa assunse il comando del 61° Panzerkorps, al comando del quale avanzò di 330 km. in soli 4 giorni. Nel settembre del 1941 assunse il comando dell'11a. Armata (facente parte del Gruppo d'armate Sud di Gerd von Rundstedt), con cui conquistò la Crimea. La conquista di Sebastopoli nel luglio 1942 gli valse il grado di Feldmaresciallo del Reich. Sempre al comando dell'11aArmata viene trasferito a nord, nel settore di Leningrado, contribuendo, in settembre, all'annientamento della 2. Armata sovietica. In novembre assume il comando del Gruppo d'armate del Don (in seguito ridenominato Gruppo d'armate Sud) operante intorno a Stalingrado. Dopo la resa di Paulus, nel marzo 1943 von Manstein riuscì ad evitare il collassamento del settore meridionale del Fronte Orientale, scatenando l'attacco tedesco intorno a Kharkov, ottenendo una vittoria schiacciante, ma un parziale successo nella strategia generale della guerra. Ma fra lui ed Hitler i rapporti non erano buoni. Al Fuhrer non bastava il professionalismo di Manstein, voleva una adesione politica e, sul piano militare, lo infastidiva la concezione strategica di quelli che avevano sempre una scappatoia nell’arretramento (come Rommel): Hitler credeva ancora nel principio del "Nessuna ritirata" che aveva dato miracolosi frutti davanti a Mosca nel dicembre 1941-gennaio 1942; Il dissidio divenne acuto nel marzo 1944: il 30 di quel mese Hitler convocò Manstein e Kleist, gli uomini della Crimea, all'Obersalzberg, li decorò della Croce di cavaliere con fronde di quercia e spade, tolse ad entrambi il comando e li sostituì con altri due feldmarescialli che, in seguito, sarebbero stati definiti i suoi fedelissimi, Schorner e Model nominati poi in extremis feldmarescialli. Il nome di Manstein non fu più udito. Arrestato alla fine del conflitto dagli inglesi, Manstein venne processato quattro anni più tardi ad Amburgo come criminale di guerra (Kleist era già finito ai Russi che lo lasceranno marcire in prigione): l'accusa si riferiva al 1942, in Crimea, quando aveva ospitato senza dir verbo una Einsatzgruppe, unità di “pulizia” ariana venuta a ripulire la regione dagli ebrei. Dei diciassette capi di imputazione che gli piovvero addosso ne rimasero solo due. Manstein fu condannato, per non essere intervenuto mentre sotto la sua giurisdizione avvenivano massacri ed orrori, a 18 anni di carcere. Rimase in prigione soltanto 4 anni: a causa del suo cattivo stato di salute ed ottenne la grazia nel maggio 1953. Su richiesta del cancelliere Adenauer, a partire dal 1956 prestò servizio come consulente nell'organizzazione della Bundeswehr, ritirandosi infine a vita privata muore nel 1973.

 

   

Feldmarschall o marescialli DEL REICH

Von Blomberg 1878/1946

Goering 1893/1945 Reichsmarschall

Von Brauchtisch 1881/1948

Kesselring 1885/1960

Keitel 1882/1946

Kluge 1882/1944

Von Leeb 1876/1956

Von Bock 1880/1945

List 1880/1971

Von Witzleben 1881/1944

Von Reichenau 1884/1942

Milch 1892/1972

Sperrle 1885/1953

Von Rundstedt 1875/1953

Von Bohm Ermolli 1856/1941

Rommel 1891/1944

Von Kuchler 1881/1968

Von Manstein 1887/1973

Paulus 1890/1957

Von Kleist 1881/1954

Von Welchs 1881/1954

Busch 1885/1945

Von Richtofen 1895/1945

gli ultimi due sono nominati in zona Cesarini

Model 1891/1945  

Schoerner 1892/1973(dal 5/4/45)

Von Greim 1892/1945 (dal 25/4/45)

http://digilander.libero.it/nazismo/PERSONAGGI/personaggi.html  http://www.ess.uwe.ac.uk/WCC/warcrimgenrls.htm  protagonisti e non di Norimberga

TORNA ALL'INDICE DEL 1941