Torna alla Home
 
Fuori dagli schemi.
G-Stadt.
Una scommessa vinta.
Genesi di un poliziotto.
Il fratellino di Schimanski.
Il professionista.
La voce di Max.
Una vita da commissario.
Il professor Pfaff.
Faber in Italia.
Il Catalogo.

Dieter Pfaff (Otto), classe 1947, inizia la sua carriera non come attore ma come regista, drammaturgo e docente. Dal 1983 ha assunto per sette anni la cattedra di insegnante di di tecnica attoriale alla Hochschule für Darstellende Kust di Graz fin quando si è trasferito con la famiglia a Moosach, in Baviera. È stato anche regista teatrale e autore di sceneggiature ma solo all'età di 35 anni ha deciso di debuttare sulle scene come attore.

Otto Schatzschneider è un agente scelto di pattuglia. Per lui la carriera arriva soltanto dopo l'addio di Faber quando potrà finalmente riporre l'uniforme nell'armadio ed operare come poliziotto in borghese. Quando Faber e Suanne, nell'ultima puntata, lasciano la città per andare in Scozia, sarà lui a ricevere in eredità il "Treff". Impegnato nel doppio lavoro di investigatore e di gestore del locale, Otto avrà al suo fianco l'affascinante Elli (Rita Russek) con la quale condividerà il bar e anche la vita privata.

Dopo il ruolo di Otto in «Der Fahnder», l'attore è passato ad un altra Krimiserie di successo, «Balko» e con quel telefilm, in cui interpretava il braccio destro del commissario Balko (Jochen Horst), ha vinto il suo primo Adolf Grimme Preis.

Nel 1996 ha debuttato in una serie in 13 episodi nel ruolo di protagonista: «Bruder Esel», una produzione di RTL in cui Pfaff interpretava un frate francescano. Anche per questa interpretazione Pfaff è stato insignito - tra il 1997 ed il 1999 - con tre onorificenze: il Premio TeleStar, il Bayerischer Fernsehpreis ed un nuovo Adolf Grimme Preis.

Compiuti i cinquant'anni ha accettato di tornato al genere poliziesco con una serie per la ZDF nei panni del commissario Sperling e dal 2005 è di nuovo protagonista della serie «Der Dicke» (ARD) nel ruolo di Gregor Ehrenberg, un avvocato.

Dieter Pfaff è morto il 5 marzo 2013 ad Ambrugo, città in cui viveva con la moglie e i due figli, sconfitto nella sua lotta contro il cancro che lo aveva colpito.

«Perdiamo un grande attore dotato di grande umanità e di amore per il dettaglio. Quando ho appreso la notizia sono stato pervaso da una profonda tristezza. Con Dieter ho trascorso una buona fetta della mia vita, forse più di quanti molti non ne trascorrano insieme in un matrimonio» ha detto Hans-Jürgen Schatz, che con lui aveva lavorato nella serie «Der Fahnder».

 

 

Dieter Pfaff è l'agente scelto Otto Schatzschneider. (Screenshot ARD)
Basic Crew.

Basic Crew è il titolo del brano che fa da sigla agli episodi di «Faber l'investigatore». Composto da Stefan Melbinger, è stato pubblicato anche in un raro 45 giri edito da Blow Up.

Sul lato A si può ascoltare il "Fahnders Theme" mentre sul lato B è inciso il "Max's Theme".