Community
 
Aggiungi lista preferiti Aggiungi lista nera Invia ad un amico
------------------
Crea
Profilo
Blog
Video
Sito
Foto
Amici
   
 
 

Di

 Presentiamo in Interactive People una scelta delle poesie del Carducci che ci sono sembrate più significative, tratte dalle raccolte poetiche "Juvenilia", "Levia gravia", "Rime nuove", "Odi barbare" e "Rime e ritmi". Tra tutte queste ci è parso opportuno parlare delle "Odi barbare", nelle quali il Carducci tenta un'operazione stilistica molto interessante.
I componimenti di questa raccolta sono stati definiti "barbari" dall'autore stesso, poichè tali sarebbero sembrati a Greci e Romani. L'intento del poeta era di riprodurre in tali poesie l'andamento metrico classico, in modo da rivestire con un impianto formale più consono una poesia dal contenuto fortemente umanistico e antiromantico. Già nel Rinascimento c'erano stati dei tentativi di ricreare degli schemi quantitativi, quindi di tipo classicheggiante, per i versi moderni, che seguono invece schemi basati sul numero delle sillabe e sulla posizione degli accenti. Per fare ciò occorreva però applicare la distinzione sillabe lunghe-sillabe brevi anche all'italiano, e i risultati non erano stati incoraggianti. Carducci sceglie invece di creare una corrispondenza ritmica tra versi classici e moderni: simile dovrebbe essere l'effetto auditivo della lettura grammaticale, cioè secondo l'accentazione naturale delle parole, delle odi barbare. Si riproduce la struttura ritmica del verso classico letto con criteri moderni, e i risultati furono in generale soddisfacenti, anche se diseguali e un poco contornati di forzosità. Tra le innovazioni introdotte dal Carducci c'è l'abolizione della rima e della struttura chiusa, e il valore ritmico delle pause; poesia quindi da leggersi ad alta voce.
Carducci tentò anche di costruire un distico elegiaco (esametro+pentametro) in italiano, con risultati interessanti. Tematicamente, il poeta si propone come conciliatore dell'antico e del nuovo, e della nazione tutta, quindi in entrambe le dimensioni temporale e spaziale. Altrove teorizza un naturalismo panico, dove ogni cosa parla e canta, e tutta la vita dell'universo è espressione d'amore

  

                       

Plebiscito Carnevale A Satana Per Eduardo Corazzini
In morte di Giovanni Cairoli Avanti! Avanti! Giuseppe Mazzini Virgilio
Agli amici della Valle Tiberina "Funere mersit Acerbo" Il sonetto Pianto antico
Eolia Alessandrina Il Bove Idillio Maremmano
Nostalgia La sacra di Enrico V Davanti a San Guido Tedio Invernale
Fantasia Alla stazione in una mattina d'Autunno Alle fonti del Clitumno Nella piazza di San Petronio
Dinanzi alle terme di Caracalla Il canto dell'amore Miramar Sogno d'Estate
Nevicata Sul Monte Mario Il poeta San Martino
La leggenda di Teodorico Traversando la Maremma Toscana Il comune rustico In una villa
Piemonte Ad Annie A Scandiano Mezzogiorno Alpino
L'ostessa di Gaby La mietitura del turco La chiesa di Polenta Sabato Santo
Eligia del Monte Spluga Sant'Abbondio Presso una certosa

 Ritorna all'indice di Dante Alighieri

 Clicca qui per ascoltare la versione recitata delle Poesie

 Ritorna all'indice di: I Grandi Poeti