Community
 
Aggiungi lista preferiti Aggiungi lista nera Invia ad un amico
------------------
Crea
Profilo
Blog
Video
Sito
Foto
Amici
   
 
 

Mellow Candle

 

 

search.JPG (1562 byte)

 

mellow1.gif (25434 byte)

MELLOW   CANDLE

 

Le origini dei Mellow Candle risalgono al 1963 quando, a Dublino, Clodagh Simonds e Alison Bools decidono di formare i Gatecrashers, una formazione musicale a livello scolastico che comprende anche Maria White. Il repertorio delle ragazze è in prevalenza costituito da cover di brani di Donovan, Beatles, Simon & Garfunkel, anche se la Simonds è già in grado di comporre alcune canzoni originali (all'età di 12 anni Clodagh compone Lonely Man, molti anni dopo recuperata per l'album Swaddling Songs). Il trio di quindicenni cambia sigla in Mellow Candle e viene notato da Simon Napier-Bell, ex manager degli Yardbirds alla ricerca di talenti per la sua neonata etichetta discografica SNB, affiliata alla major CBS e destinata a rapido fallimento. Il risultato di tale interessamento frutta alle ragazze un viaggio a Londra dove incidono due canzoni, Feeling High e Tea With The Sun (entrambi originali di Clodagh), pubblicate su singolo nell'agosto del 1968. Nonostante qualche timido responso da parte della critica e alcuni passaggi radiofonici a Radio Lussemburgo, il singolo passa del tutto inosservato e pare che i denari fruttati dalle vendite del disco nemmeno siano sufficienti al trio per pagare il costo di un disilluso viaggio di ritorno verso la natìa Irlanda. La White si trasferisce in Australia, Clodagh si reca in Italia per studiare la lingua (!) mentre Alison canta nella cover band dei Blue Tint. Proprio in questa formazione amatoriale Alison conosce il chitarrista David Williams, studente al Trinity College, la cui famiglia si era trasferita a Dublino dal Sud Africa; i due si legano anche sentimentalmente e si sposano nel 1971. Il ritorno dall'Italia della Simonds segna la ricostituzione dei Mellow Candle, con Alison e David Williams.

mellow2.jpg (9135 byte)

Mellow Candle: Clodagh, Alison & David Williams

 

Al trio ben presto si associa il bassista Pat Morris; in questo periodo, tra il 1969 e il 1970, il gruppo compone numerosi brani (molti dei quali saranno poi utilizzati sul loro unico album originale) e registra alcuni nastri di prova che verranno raccolti e pubblicati nel 1996 dall'etichetta Kissing Spell su un CD dal titolo The Virgin Prophet (KSCD9520). I Mellow Candle cominciano anche ad esibirsi dal vivo esordendo come spalla dei Chieftains alla Liberty Hall di Dublino, mentre in occasione del concerto al Wexford Festival Of Living Music del 1971 sono notati dal famoso DJ John Peel. Amministrato dal manager Ted Carroll, il complesso intensifica le esibizioni live tenendo numerosi spettacoli in club di Dublino, spesso come supporto di Thin Lizzy e Skid Row; di rilievo la partecipazione al Headland Festival, sempre a Dublino, con Alan Price & Georgie Fame e i Kingdom Come di Arthur Brown. La casa discografica Decca li invita nuovamente a Londra per un'audizione promozionale alla quale, si narra, prende parte anche il batterista Richard Coughlan dei Caravan; è il preludio alla firma di un contratto, nell'aprile del 1971, con la Deram, sussidiaria "progressiva" della Decca. L'improvvisa defezione di Pat Morris è tamponata dall'ingresso nel gruppo del bassista Frank Boylan, in precedenza attivo con un'altra band di Dublino appartenente al management di Ted Carroll, i Creatures. L'organico viene completato con l'inserimento dell'elegante batterista William Murray, che vanta una collaborazione con Kevin Ayers per le registrazioni dell'album Whatevershebringswesing. Ancora esibizioni di supporto a varie band irlandesi (anche Horslips) e i Mellow Candle forniscono la loro più ricordata prestazione live al National Stadium di Dublino, come spalla dei Thin Lizzy, per poi tornare in Inghilterra nel dicembre 1971 al fine di effettuare negli studi della Decca le registrazioni per il loro unico album Swaddling Songs, sotto la produzione dell'esperto David Hitchcock. Il bellissimo album viene pubblicato nell'aprile del 1972, preceduto dal singolo Dan The Wing / Silver Song (entrambi i brani sono compresi sull'LP). Il disco riceve una buona accoglienza da parte della stampa ma non è baciato dalla fortuna commerciale; nonostante l'elevata qualità della musica proposta, le vendite sono molto modeste e davvero è difficile comprenderne il motivo, dal momento che la formula musicale dei Mellow Candle non sottintende pratiche sperimentali né evidenzia particolari asperità timbriche.

mellowflibb2.jpg (4254 byte) mellow15.JPG (276320 byte)

David & Alison Williams + Mellow Candle (Alison, Frank, William, Clodagh, David)

 

In Inghilterra il gruppo gira con formazioni quali Lindisfarne, Genesis, Curved Air, Donovan, Fairport Convention, Steeleye Span ma, già verso la fine del 1972, i Mellow Candle sbandano: la Deram li scarica, Ted Carroll non si interessa più al gruppo e Frank Boylan abbandona i compagni (nel 1973 partecipa alle registrazioni dell'album Grinding Stone di Gary Moore). Il posto di Boylan viene rilevato dall'ex bassista degli Spirogyra, Steve Borrill, e il complesso cambia nome in Grace Before Space ma nell'estate del 1973 il nucleo si dissolve definitivamente. David Williams (con Alison) fa ritorno in Sud Africa e suona nel locale circuito folk; i due fondano i Flibbertigibbet, formazione che ottiene alcuni passaggi alla radio e alla televisione sudafricane e che nel 1978 pubblica l'album Whistling Jigs To The Moon, per l' indigena Stanyan Records; vent'anni dopo l'etichetta Kissing Spell dà alle stampe il CD My Lagan Love, contenente alcune session inedite. Più recente l'esperienza di Alison (ora O'Donnell) assieme al gruppo folk belga degli Eishtlinn, autore del CD Eist Linn (Kissing Spell SCD 925, 2000).

mellowflibb3.jpg (6942 byte) mellowflibb4.jpg (9630 byte) mellalis.jpg (4544 byte)

i Flibbertigibbet nel 1978: l. to r. Barrie Glenn, Alison Williams, Joe Dudding, David Williams; la co. di Whistling Jigs To The Moon ; una più recente foto di Alison O'Donnell

 

Clodagh Simonds già all'inizio del 1972 partecipa alle registrazioni dell'album Shades Of A Blue Orphanage dei Thin Lizzy (appare alle tastiere), quindi collabora a più riprese con Mike Oldfield come cantante, prima negli anni Settanta apparendo in dischi quali Hergest Ridge (1974) e Ommadawn (1975), poi negli anni Novanta (Amarok, 1990 - Tubular Bells III, 1998). Sempre nei Settanta da ricordare la partecipazione a Kites (1976) dei Jade Warrior e negli anni Ottanta Clodagh appare nuovamente come tastierista in lavori dei Thin Lizzy. Verso la fine dei Settanta si trasferisce a New York dove ritrova William Murray, con il quale fonda i Same (in organico anche Stephen Bray e Carter Burwell), autori di alcune esibizioni al noto CBGB. In precedenza Murray lavora con Amazing Blondel, Mike Oldfield e Paul Kossoff; dopo la breve esperienza con i Same, Murray si stabilisce a Dallas dove a lungo lavora come fotografo, per poi tornare in Irlanda dove muore nel 1998.

mellow3.jpg (8472 byte)

i Mellow Candle nel 1972 - l.to r. Clodagh, Frank, David, Alison, William

 

SWADDLING SONGS (Deram SDL 7, aprile 1972)

Heaven Heath / Sheep Season / Silver Song / The Poet And The Witch / Messenger Birds / Dan The Wing / Reverend Sisters / Break Your Token / Buy Or Beware / Vile Excesses / Lonely Man / Boulders On My Grave

Clodagh Simonds: v.pn. / Alison Williams: v. / David Williams: ch.v. / Frank Boylan: bs.v. / William Murray: bt.pr. - Stu. Decca - Co. David Anstey - Prod. David Hitchcock

Ricordato per l'estrema rarità e per l'elevato valore collezionistico, Swaddling Songs, unico album originariamente inciso dai Mellow Candle, merita l'attribuzione di un posto di rilievo nell'ambito della produzione "folk rock" dei primi anni Settanta grazie all'incredibile qualità della musica proposta. Nell'aprile del 1972 (ma registrato nel dicembre 1971), l'album è l'importante quanto ignorato contributo della band al folk elettrico inglese, in grado di offrire un approccio alla materia estremamente originale, fondato sulla natura profondamente romantica della loro musica, interamente composta da Clodagh Simonds, Alison e David Williams, con sensibili influenze rock, jazz e classiche che rendono questo lavoro al passo con i tempi, anzi progressivo, difficilmente inquadrabile nei canoni tradizionali del genere. Il suono appare limpido, cristallino, si distende in stupende arie dal sapore antico, rivisitate con spirito moderno, sulle quali si rincorrono le voci di Alison Williams e di Clodagh Simonds, in un'estasi surreale alla quale contribuisce una piattaforma strumentale qualitativa, misurata ed essenziale, dotata del piano e delle tastiere dai modi classici di Clodagh, delle chitarre mai invadenti ma efficaci di David Williams, di una sezione ritmica capace di offrire una solida struttura rock grazie al basso di Frank Boylan, impreziosita dal tocco percussivo leggero e variegato di William Murray. Heaven Heath, Sheep Season, Silver Song, Reverend Sisters sono eccellenti canzoni, ma su tutte svetta la ballata di Messenger Birds, con la frase melodica guidata dall'incantevole voce di Alison che mangia il cuore, alzandosi improvvisa in volo, sospinta dal vento delle note come un leggero aquilone. Anche quando le cadenze si fanno più sostenute, la stesura dei brani (a volte con la voce solista, più forte e tesa, di Clodagh) rimane diretta e naturale, basata su strutture articolate ma prive d'artifizi, acquistando in libertà formale ed elasticità ritmica (The Poet And The Witch, Dan The Wing, Break Your Token, Buy Or Beware, Boulders On My Grave). La loro musica aggraziata, ricca di complesse ma non ostiche soluzioni armoniche, appare in grado di mirare direttamente al cuore dell'ascoltatore e questo rende oltremodo amaro e incomprensibile il totale insuccesso e il conseguente scioglimento dei Mellow Candle. valutazione: 7,5

mellow2.gif (41616 byte)

Clodagh, David, Alison, Frank, William

 

children of the sun ... in search of space (by Giancarlo Nanni)

pagina pubblicata il 8.03.2003; update 21.04.2003 (foto)