Guide of PIANTE POMODORI

ha senso potare le piante di pomodori?
Per allevare le varietà di pomodoro indeterminate, quelle cioè che crescono di continuo in altezza (sono la maggior parte di quelle coltivate nei piccoli orti), è necessario togliere i getti laterali (detti femminelle) che si sviluppano alla base (ascella) delle foglie, altrimenti vi sarebbe la formazione di un numero eccessivo di infiorescenze e le piante porterebbero troppi frutti di dimensioni non corrispondenti a quelle caratteristiche della varietà e soprattutto di qualità scadente.
È invece necessario dotare i pomodori di sostegni alti, anche più di 2-2, 5 metri, e concimare ripetutamente – ma con limitati quantitativi di fertilizzanti del tipo a lenta cessione in copertura per buona parte del ciclo produttivo.
Se si coltivano varietà determinate (quelle che bloccano la loro crescita in altezza dopo aver formato un determinato numero di infiorescenze; sono diffuse soprattutto nelle colture industriali, ma danno buoni risultati pure in un piccolo orto) non si deve eseguire alcun intervento per allevare le piante..
La defogliazione della parte inferiore delle piante di pomodoro si effettua talora, solo per le varietà indeterminate, verso la fine del ciclo produttivo per togliere foglie malate o oramai «esaurite ».

La storia del pomodoro
Infatti, gli stessi indigeni del Perù, i primi coltivatori del pomodoro, non mangiavano i frutti della pianta, usata invece a solo scopo ornamentale e come tale fu conosciuta dagli Europei: nel 1640 la nobiltà di Tolone regalò al cardinale Richelieu, come atto di ossequio, quattro piante di pomodoro, e sempre in Francia era usanza per gli uomini offrire piantine di pomodoro alle dame, come atto d’amor gentile.
Ma è solo nell’Ottocento che il pomodoro fu inserito nei primi trattati gastronomici europei, come nell’edizione del 1819 del Cuoco Galante a firma del grande cuoco napoletano di corte Vincenzo Corrado, dove sono descritte molte ricette con pomodori farciti e poi fritti: “Per servirli bisogna prima rotolarli su le braci o, per poco, metterli nell'acqua bollente per toglierli la pelle.



PIANTE POMODORI

Pomodoro
Le piante hanno iniziato a produrre fiori a maggio, mentre la raccolta non è stata possibile effettuarla in quanto tuttora sono in fase di accrescimento.
I pomodori da mensa vengono sostenuti con canne, paletti, fili, al fine di avere un accrescimento uniforme dei frutti e poter eseguire alcune operazioni di potatura verde fra le quali le più importanti sono la sarchiatura e la cimatura.
Altre operazioni colturali sono la rincalzature, che viene effettuata con le piante alte 20-25 cm.
Una pianta coltivata all'aperto che dia 4 grappoli di frutti, produrrà da 2 a 20 Kg di pomodori, indubbiamente con le piante in vaso come le nostre, le cose cambiano, dai frutti che attualmente si trovano sulle nostre piante possiamo presupporre un raccolto intorno ad 1, 5-3, 5 kg a pianta.
Qui a lato l'aspetto dei pomodori varietà tonda) oggetto del nostro esperimento.

Preparazione alla semina
LA PREPARAZIONE ALLA SEMINA Questa è una fase preparatoria importante e considerando che il nostro lavoro è indirizzato verso la produzione di piante in vaso, dobbiamo tener presente che la pianta non avrà altri elementi nutritivi se non quelli che riuscirà a trovare nel vaso; chi possiede un giardino, preferisce spesso preparare il proprio terriccio da sè in modo da utilizzare le foglie secche, altro materiale organico ed il terreno di risulta da altre lavorazioni.
La preparazione dei vasi destinati alla coltivazione delle nostre piante deve esser fatta scegliendo vasi di grandezza opportuna (proporzionale alle dimensioni che la pianta raggiungerà da adulta), per questo esperimento abbiamo scelto vasi da 28-34 cm di diametro e profondi 30-40 cm.
Noi abbiamo fatto delle prove pratiche ed in vasi da 38-42 cm di diametro abbiamo inserito 2, 3 piantine senza notare alcuna differenza di accrescimento rispetto al vaso con piantina singola; evidentemente il terreno ben bilanciato e ricco di sostanze nutritive ha consentito lo sviluppo di tutte le piante trapiantate in esso.
Più in generale ci sentiamo di dire che per piante che diventano abbastanza grandi (pomodori, zucchini) non si dovrebbero trapiantare più di due piante per vaso da 40 cm di diametro.
.

info: PIANTE POMODORI



Photo by solanaseeds.netfirms.com

POMODORO NOTIZIE PER LA COLTIVAZIONE - Giardinaggio di *Arcobaleno*
Se avete qualche esperienza personale da segnalarci su come curare piante e fiori, scrivete al nostro indirizzo telematico.
POMODORO NOTIZIE PER LA COLTIVAZIONE I tipi di pomodori coltivati sono divisi in quattro categorie, classificati in base alle dimensioni: ciliegia, medi, perini e grandi, che si suddividono a loro volta in diversi tipi di ibridi.
Le piante di pomodoro sono molto sensibili al freddo, tanto è vero che nelle regioni settentrionali sono per lo più coltivati in serre.
I pomodori si seminano in genere in serra calda verso i primi di febbraio, per essere trasferiti all'aperto, sotto protezioni, in aprile, senza protezioni dalla fine di aprile.
La distanza tra le piante, è determinata dalla qualità scelta per la coltivazione.
Quando il tempo è molto asciutto, i pomodori hanno bisogno di frequenti e copiose innaffiature, mentre in tempi normali non dovrebbero essere troppo bagnate.
I pomodori delle qualità nane, possono essere coltivati anche in vasi a riserva d'acqua sospesi e cassette..
Piantare nasturzi, papaveri e tagete attorno alle piante di pomodoro, le preserverà da afidi e alcuni parassiti, oltre a mantenere fresco il terreno accanto alla pianta..

POMODORO - Piante amiche - Curiosità di *Arcobaleno*
Maschere antiseborroiche : frullare 4 pomodori maturi, pelati e privati dei semi con 1 cucchiaio di olio d'oliva, stendere sul viso e collo, lasciare asciugare e detergere con acqua tiepida, spruzzare con acqua fredda..
Frullare 2 pomodori maturi con una compressa di aspirina, procedere come di consueto..

Il pomodoro
Per semplicità ricordiamo le categorie principali : pomodori da mensa, pomodori da conserva, pomodori da pelati, pomodori da serbo.
Nei pomodori verdi da insalata sono presenti tracce di un alcaloide velenoso, la solanina .
I pomodori possono essere consumati cotti e crudi, soprattutto nella stagione in cui maturano spontaneamente..
Vediamo nel seguente tabulato il contenuto in nutrienti dei pomodori da insalata, pomodori pelati, pomodori maturi e della conserva di pomodoro, riferiti a 100 g di prodotto.
Sono in corso esperimenti di ingegneria genetica per arrivare ad avere pomodori a lunghissima conservazione.
"De l'insalata e piante che in qualunque modo vengono per cibo de l'homo".
Lettera, 10 marzo 1572, Bologna in Costanzo Felici "Dell'insalata e piante..." opera citata .
Era, d'altra parte, un onest'uomo e poiché dal suo zelo scaturiva del bene più che del male, lo lasciavano fare; ma il popolo arguto lo avevano battezzato Don Pomodoro, per indicare che i pomodori entrano da per tutto; quindi una buona salsa di questo frutto sarà nella cucina un aiuto pregevole.
Conditelo con un poco d'olio, sale e pepe, spezzate sette o otto pomodori, e mettete al fuoco ogni cosa insieme.

Benefits



Photo by www.cadnet.marche.it

Il Pomodoro - DiWineTaste
I frutti del pomodoro sono chiamati anch'essi pomodori, sono delle bacche verdi o rosse di dimensioni e forme diverse secondo la varietà; la polpa, dal sapore dolce ed acidulo, è ricca di vitamine.
Le varietà più diffuse sono, per i pomodori costoluti: Marmande, Pantano, Samar, San Pietro e Costoluto Fiorentino; per i tondi lisci: Montecarlo, Money Maker, Sunrise e Ace; per i pomodori allungati: San Marzano, Napoli VF, Maremma e Romarzano.
La coltivazione della pianta del pomodoro era già diffusa in età precolombiana e venivano utilizzate solo come piante ornamentali.
Come noi oggi usiamo i fiori, quelle piante che oggi troviamo negli orti una volta si trovavano nei giardini.
In Europa settentrionale il pomodoro, come alimento, incontrò numerose difficoltà, forse dovute alla presenza di altre piante selvatiche che con il loro alto contenuto di alcaloidi non erano adatte al consumo alimentare.
Pomodori: preziosi frutti della natura, principi della cucina.
Un anno dopo, nel 1810, l'Inglese Peter Durand brevettò la scatola di stagno che in seguito venne utilizzata sia da Bryan Donkin sia dall'Americano Woodhull Crosby che nel 1847 mise in commercio le prime scatole di pomodori conservati.

PIANTE POMODORI:

Consigli & suggerimenti - Coltivare piante in serra 2
Se il tempo è mite potete piantare i pomodori già in aprile.
Pomodori in primavera dopo la piantagione.
Il clima sotto vetro favorisce la crescita delle piantine di pomodori, che necessitano di molto caldo.
Per tutta l’estate le piante di pomodori producono cespugli vigorosi e frutti in abbondanza.

Pomodoro in coltura idroponica - Scuola associata di Villacidro IPSAA Cettolini
E' noto a tutti che il terreno ha il compito di nutrire le piante, fornendo l'acqua e i sali minerali attraverso l'assorbimento radicale.
Nell'idroponia, la più diffusa, la funzione trofica del terreno è sostituita dall'impiego di una soluzione nutritiva liquida: le piante hanno le radici immerse in una soluzione liquida di sali minerali e non hanno alcun contatto con il suolo.
Il terreno, oltre ad offrire il nutrimento alle piante, ospita anche una complessa comunità di piccoli animali, per lo più invertebrati (insetti, molluschi, nematodi e altri vermi, eccetera), e soprattutto microrganismi (funghi, batteri, attinomiceti, alghe).
Molti di questi organismi svolgono ruoli fondamentali nel complesso gioco di interazioni biologiche che formano l'ecosistema suolo, ma la comunità comprende anche organismi nocivi alle piante, i cosidetti parassiti ..
Le piante coltivate con questa tecnica si trovano perciò in un migliore stato sanitario senza dover ricorrere all'impiego di prodotti tossici che le difendano dai nemici presenti nel terreno..
Il secondo importante scopo della tecnica idroponica è quello di avere un miglior controllo sulla nutrizione minerale delle piante.

Piante ortive: il Pomodoro >> Rivista N. 3 - 1 ottobre 2005 - www.rivistadiagraria.org
Piante ortive: il Pomodoro di Francesco Sodi Il Pomodoro ( Lycopersicon lycopersicum L.) è una Solanacea originaria dell’America sud-occidentale (Cile, Ecuador, Perù) che solo agli inizi del 1800 cominciò ad essere impiegata in Italia come condimento e che alla fine dello stesso secolo iniziò ad essere trasformata industrialmente.
Le piante nate e cresciute in posto sviluppano una forte radice fittonante che ramifica abbondantemente e forma un denso apparato radicale; nel caso di piante trapiantate il fittone perde la sua predominanza; la massima profondità di radicamento varia da 0, 7 a 1, 5 metri.
Accorgimenti opportuni sono: ampie rotazioni, seme sano, eliminazione delle piante ammalate e delle piante infestanti nei paraggi delle coltivazioni, disinfezioni di mani e attrezzi, lotta agli afidi vettori, uso di varietà resistenti.
I pomodori da pelati devono avere le seguenti caratteristiche: bacche di forma allungata, a due logge, con pochi semi, pareti spesse, carnose e sode, buccia che si stacca con facilità durante la fase di pelatura, assenza di “fittone”, ossia di asse stilare chiaro in corrispondenza dell’attaccatura della bacca al peduncolo, o di difetti come scatolatura o strozzatura.

VivereSani
I PEPERONI sono piante erbacee con fiori biancastri, mentre il frutto è rappresentato da una bacca molto variabile nella forma e contenente moltissimi semi.
Anche i POMODORI appartengono alla grande famiglia delle piante erbacee, diffusamente coltivate.
I pomodori sono molto apprezzati per il loro alto valore alimentare, ricchi di vitamine (A, B, D, K, e soprattutto C), di aminoacidi e di sali minerali.
Lessate al dente della pasta grossa, scolatela e passatela sotto l’acqua fredda; unite mais, wurstel a fettine, pomodorini tagliati a spicchi, una spolverata di spezie a vostra scelta e olio.
A questo punto farcite i peperoni e serviteli freddi! , I PEPERONI sono piante erbacee con fiori biancastri, mentre il frutto è rappresentato da una bacca molto variabile nella forma e contenente moltissimi semi.
Lessate al dente della pasta grossa, scolatela e passatela sotto l’acqua fredda; unite mais, wurstel a fettine, pomodorini tagliati a spicchi, una spolverata di spezie a vostra scelta e olio.