Barra Navigazione

mail me

archivio

home

 

L'Aviatore ciociaro...

Breve storia del Maresciallo Pilota Antonio Fontana, Medaglia d'Argento al Valor Militare, caduto in guerra.

 

 

 

 

Antonio Fontana nacque a Frosinone il 21 agosto 1911. Si interess˛ fin da piccolo all'aviazione e, non ancora ventenne, era giÓ a Capua per frequentare il Corso da Allievo Sottufficiale Pilota.

Assegnato ai reparti di Osservazione Aerea, si distinse come aviatore capace e coraggioso.. Durante la guerra civile spagnola fu volontario e per le sue azioni venne decorato di una Medaglia d'Argento al Valor Militare, con appropriata motivazione.

Successivamente, con il grado di maresciallo, partecip˛ alla Seconda Guerra Mondiale, sempre nei reparti di Osservazione Aerea., sui fronti africano e greco-albanese.

Il 16 giugno 1941, a Padova, spos˛ la signorina Vittoria Michelotto. La felicitÓ per il lieto evento fu purtroppo per˛ di breve durata: il 22 gennaio 1942, durante una missione di guerra nel basso Adriatico, venne dichiarato abbattuto e disperso.

Aveva conseguito le abilitazioni sui velivoli Fiat CR.20; A.C.3; Ro.1; Ro.37; Caproni CA.101; CA.310; CA.311 e CA.133.

Gli aviatori ciociari, allo scopo di perpetuarne la memoria, gli intitolarono nel 1957 la sezione A.A.A. Frusinate.

Un aereo della Regia Aeronautica in volo.

 

Il Maresciallo Pilota Antonio Fontana, classe 1911, in una foto del periodo bellico.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un velivolo da Osservazione Aerea Caproni CA.310 sulla pista di un aeroporto italiano.

La Regia Aeronautica soffrý molto per il notevole gap tecnologico dei propri velivoli in confronto a quelli di cui disponevano gli Alleati.

In particolar modo, nei reparti di caccia e cacciabombardieri, gli Spitfire, gli Hurricane e, pi¨ tardi, i P.51 Mustang, ebbero quasi sempre la meglio sui nostri velivoli.

Per quanto riguarda i bombardieri e i ricognitori, i nostri aerei erano alquanto lenti e poco armati per fare fronte efficacemente alla minaccia nemica, in special modo quando l'appoggio della Luftwaffe tedesca si fece via via pi¨ debole a fronte delle battaglie che la Germania stava combattendo sui vari fronti europei e africano.

Designed & Released by M@rcoweb«