La Compagnia

Storia di un gruppo di avventurieri nelle Terre Libere

Vengono qui di seguito raccontate le avventure vissute da una compagnia di avventurieri nelle Terre Libere. Il gioco di base è HeroQuest anche se presenta forti variazioni alle regole originali.




La caduta degli dei

Diario della Compagnia
22/06/08

L'ora è finalmente giunta! La Compagnia affronta finalmente il Faraone in persona con il suo esercito. Ariel e Camy Potter studiano una strategia per colpire il Faraone: colpire con le frecce una fila di mummie e scheletri che separano Ariel dal Faraone.
L'idea risulta però un fallimento perchè il Faraone a ogni turno può rievocare tutti i suoi Non-morti caduti intorno a lui. Seth, forte dell'appoggio di Morcar, e quindi di Gothmug, suggerisce la nuova strategia: colpire i Non-morti intorno al Faraone con le palle di fuoco, per poi portare Ariel con l'incantesimo della nebbia attaccato al Faraone. Anche questa strategia sembra in primo acchito un fallimento, ma il vero scopo dell'attacco è quello di consumare gli incantesimi temporali alle mummie del Faraone per permettere a Gothmug di creare indisturbato un portale che conduca il Faraone al cospetto di Ariel.
La tattica riesce e, anche se dopo alcuni tentativi falliti, Ariel riesce ad uccidere il Faraone. La missione è conclusa. Intanto Seth ha ucciso il bardo del Faraone con la sua intera scorta. Poi, appena il Faraone gli ha revocato maledizione e poteri, ha ucciso il drago zombie cavalcato fino ad adesso.
In questo modo è riuscito ad ottenere l'intercessione di Magnus alla vendetta che Ariel e Camy Potter volevano prendersi sulla pelle di Seth.
Ora il gruppo conta di nuovo tutti i suoi elementi più validi.




L'ingresso dell'Ade

Diario della Compagnia
13/06/08

Magnus ha inviato la compagnia all'ingresso dell'Ade, individuato grazie alle informazioni recuperate dal negromante sfuggito loro nella missione precedente. Il Generale Seth si trova già all'interno, per liberare un vampiro rimasto bloccato all'ingresso dell'Ade.
Comincia così una corsa tra i corridoi della miniera per Camy Potter e Ariel per uccidere Seth, il quale arraffa a man basssa tesori lungo il cammino. Intanto Artorius e gli altri si incamminano lungo l'altro corridoio che conduce all''ingresso vero e proprio.
Intanto arriva all'ingresso della miniera anche Regin II il quale comincia la sua corsa per raggiungere gli altri avvantaggiato dal suo essere nano. Camy Potter riesce ad uccidere Seth con l'acqua santa mentre questi raggiungeva gli altri dopo aver stretto un patto di non belligeranza con Artorius, Gothmut e Regin II.
La compagnia recuperano così l'unico oggetto in grado di uccidere il Faraone: il pugnale con cui la sua antica sposa si suicidò dopo averlo condannato a una eterna non-vita.
Ora il Consiglio degli Elfi deve decidere se consegnare a Seth, nel frattempo rianimato dal Faraone, il pugnale per uccidere il Faraone stesso essogli così vicino in battaglia. Nani, maghi e barbari sono concordi che potrebbe essere una buona soluzione.
Il Generale Seth ha mancato la sua missione.




Il labirinto del Negromante

Diario della Compagnia
18/05/08

Morcar ha inviato i nostri eroi a catturare un negromante un tempo suo alleato ma che ora è in combutta con il Faraone.
Un nutrito gruppo ha risposto alla chiamata (se ne sono contati addirittura 10), avventurandosi all'interno del labirinto, dove al turno di ognuno il labirinto cambiava forma. Il Generale Seth intanto era stato inviato dal Faraone a recuperare i suoi talismani che il negromante aveva potenziato. Entrando da una porta segreta è riuscito senza grossi intoppi a raggiungere il negromante e a farsi consegnare i talismani. Intanto Regin II, Artorius, Gothmut e gli altri affrontavano le truppe del Faraone e continuavano ad avanzare nel labirinto. Il Generale Seth e gli altri eroi non si sono mai incrociati all'interno del labirinto, ma Camy Potter e Ariel hanno dovuto affrontare il suo Drago Zombie, e Gothmut ha obbligato Seth a lasciare il labirinto. Ma il portale dimensionale creato dalle mummie di Seth è rimasto aperto e quando gli eroi hanno trovato finalmente il negromante, hanno dovuto affrontare il Drago di Seth, permettendo così al Negromante di uscire attraverso il portale.
Missione fallita dunque per tutti tranne che per Seth.




Il libro della Strega

Diario della Compagnia
10/05/08

Morcar ha inviato i nostri eroi alla distruzione di un libro magico di cui il Faraone voleva impossessarsi. Li scortavano due potenti maghi, uno rappresentate di Morcar e l'altro rappresentante di Magnus.
Dopo aver affrontato le armate del Faraone guidate da Seth, i nostri eroi hanno fronteggiatoo abilmente la trappola ingegnosamente architettata dal Faraone: in realtà la potente spada che Name II ha trovato rendeva succubi del Faraone stesso. Essendo però vincolata al potere del libro, Name II è stato salvato dalla sua prigionia da Camy Potter, la quale è riuscita a distruggere il libro.
Il Faraone però è riuscito comunque nel suo intento: uccidere il Maestro Arcano di Magnus, uno degli ultimi Maestri della Luce che con la sua sola presenza annullava gli effetti della Necromanzia. Il Generale Seth lo ha affrontato ed ucciso come Elfo del Fuoco e non come Generale Non-Morto.
Dopo Regin II, ora Difensore Nanico, anche Seth è riuscito a passare di livello.




L'esercito del Faraone

Diario della Compagnia
20/04/2008

Si vociferava che il Faraone volesse rianimare un negromante per potenziare le sue già possenti fila. Morcar e Magnus decidono di inviare perciò le loro migliori unità per impedire che i piani del Faraone andassero a buon fine.
Partirono per la missione Regin II, Ariel, Camy Potter, Name II, Ernoth, Gothmut e il Gargoyle di Gothmut. Chiaro ora il tradimento di Glarandir, il gruppo si avventura nel dungeon in cui già il valoroso Regin I perì e dove Artorius ritrovò la Spirit Blade. Scopo della missione è quella di gettare un medaglione speciale nella tomba dove ripossa il corpo del negromante prima che il Faraone possa rianimarlo. Il gruppo si incammina verso la stanza dove si trova la tomba, e si scontra con alcuni non-morti. Intanto Regin II e Gothmut si incamminano per altre stanze al termine della quali incontrano il traditore Glarandir, ora chiamato Seth, e si scontrano con lui e con alcuni non-morti che fungevano da scorta. Seth è molto potente grazie alle maledizioni che il Faraone ha lanciato su di lui, solo un'azione combinata di Regin II e Gothmut riescono a sconfiggerlo. Intanto il gruppo frastagliato lungo il corridoio e altre stanze incontra il Faraone che viene ucciso immediatamente dall'acqua santa di Ariel. Il gruppo esulta momentaneamente quando si accorge che il Faraone si rialza in piedi come se niente fosse successo e comincia la sua corsa per rianimare il negromante. Grazie a un'azione tattica molto efficiente ed ingegnosa di Camy Potter il gruppo riesce a compiere la propria missione. Il Faraone, visto compromesso il suo progetto ripercorre la strada a ritroso verso l'uscita riamnimando dietro di sè tutto il suo esercito finora distrutto dal gruppo. Tutti i membri riescono a salvarsi ed a uscire dal sotteraneo, ma questa volta molti di loro, tra cui il possente Regin II e l'invincibile Camy Potter, hanno rischiato di morire.
Il Faraone è riuscito in realtà a potenziare lo stesso il proprio esercito ritrovandosi con 28 non-morti di 1° Livello, e il Generale Seth, resuscitato a fine missione dal Faraone è riuscito a compiere la sua missione di difendere i talismani che il Faraone voleva recuperare dal sotteraneo, e che in realtà era il suo vero scopo. La rianimazione del negromante era infatti un semplice specchietto per allodole.




La leggenda del libro magico

Diario della Compagnia
13/04/2008

Malgrado l’esplicito ordine di non aprire il Libro prima che venisse esaminato da occhi esperti, un orchetto non ha resistito alla tentazione di posarvi gli occhi. Si scopre ora che un potentissimo spettro, ombra del passato, padre di tutti i non-morti era stato confinato da un’incantesimo proprio in quel Libro!
Rotto l’incantesimo il Faraone, come si fa chiamare, risorge dopo secoli di prigionia, rabbia e odio.
Presto il Faraone crea il più grande esercito di non-morti che mai abbia messo piede nel Mondo Noto. Unica speranza per fronteggiare il comune nemico è la sospensione del conflitto fra Magnus e Morcar e la provvisoria alleanza fra i due condottieri.




Il Prigioniero

Diario della Compagnia
06/04/2008

Magnus scopre cosa Morcar cercava. Scopre che alcuni suoi ufficiali hanno raccolto per caso frammenti di una conversazione in cui un vecchio mago, preda dei fumi dell’alcool, farneticava a proposito di un libro magico dai poteri misteriosi.
Convoca i maghi anziani: è furioso. Come hanno potuto tenergli nascosta un’infomazione così preziosa? Loro dapprima negano di averne mai saputo nulla, ma poi confessano che da tempo i maghi più anziani si tramandano l’ubicazione del nascondiglio del Libro. Non sanno cosa contenga, ma dichiarano che se è custodito così bene e da così tanto tempo deve esserci una ragione più che valida. I maghi più giovani non sono dello stesso avviso: sostengono che probabilmente il Libro è stato nascosto per tenerlo lontano dalle mani sbagliate, ma che è loro diritto usarlo se necessario. Magnus risolve di recuperare il Libro per farlo poi analizzare da occhi esperti.
Purtroppo le spie di Morcar, non viste, hanno seguito la conversazione ed ora il luogo ove da secoli giace il Libro non è più un segreto per nessuno.




Pregresso

Il malvagio Morcar, signore del Caos, sta guidando il suo grande esercito alla conquista del Mondo Noto. Magnus, principe delle Terre Libere, ha costituito una forte alleanza con la terra dei Nani e quella degli Elfi e con questa sfida la potenza dell’Esercito del Caos.
Ma se gli eserciti si scontrano in campo aperto incrociando spade e lancie, scudi e mazze, i mercenari e i cacciatori di taglie operano nell’ombra.
Melar’s Maze
Prince Magnus’ gold
Lo stregone
La roccaforte oscura
Necropolis
Il sacerdote di Krom
Il re degli orchi

La guerra dura ormai da quasi tre anni: le schiere di Morcar guadagnano terreno e ad ogni sconfitta tra le fila di Magnus prende più piede lo sconforto.
Ma una nuova generazione di eroi riaccende una speranza.
Un valoroso manipolo di guerrieri spicca frai numerosi gruppi di mercenari al soldo di Magnus.
Il principe decide di affidare a questa policroma falange le più delicate missioni belliche.
Labirinth
Nell’ipogeo
Race against time
Legacy of the orc warlord
The Stone Hunter
Bastion of Chaos
Prince Magnus’ gold
L’orda dei Goblins