Quella che vi propongo è una versione di sicura riuscita e di ottima consisenza e durata.

Scorrendo la pagina o cliccando qui a lato si trova inoltre la tecnica per la
cartapesta a strati

finita la consultazione...
Ritorna ai Links


Cartapesta macerata
_________

Ingredienti per 1 Kg circa di impasto:

5 fogli doppi di giornale
2 cucchiai colmi di gesso in polvere
2 cucchiai colmi di colla da parati in polvere (tipo METYLAN)
2 cucchiai di colla vinilica (tipo VINAVIL)
un cucchiaio di olio di semi di lino

Altro materiale:
una ciotola capiente
un mixer (o robot da cucina o come altro lo si voglia chiamare)
un cucchiaio di legno
un cucchiaio
guanti di gomma per proteggere le mani
una pentola capiente
un setaccio a maglia fine
un secchio di plastica

- Strappare la carta di giornale seguendo il senso della fibra (la direzione verso cui la carta si strappa più facilmente).

- Ridurla a pezzetti di due o tre centimetri quadrati.

- Mettere tutto in una pentola capace o in un secchio. Ricoprire di acqua e far macerare almeno per 48 ore.

- Mettere la carta macerata in una pentola, aggiungere due litri d'acqua, portare a ebollizione e far bollire per 20 minuti circa finché le fibre della carta non sono ammorbidite completamente.

- Togliere dal fuoco e triturare il tutto in un mixer, fino a ridurre il composto ad una poltiglia molto fine.

- Lasciare raffreddare e, strizzando con le mani l'impasto, scolare l'acqua in eccesso (ponendo attenzione a non seccarla troppo!).

- Porre la materia in una capiente terrina e aggiungere 2 cucchiai di colla vinilica (aumentando la dose si ottiene un prodotto finale più solido e resistente) e mescolare.

- Aggiungere 2 cucchiai di gesso bianco in polvere passandolo al setaccio e regolare eventualmente in più se l'impasto sembra troppo molle (non aggiungere troppo gesso! renderà l'oggetto fragile e pesante) e mescolare.

- Aggiungere un cucchiaio di olio di lino e mescolare.

- Dopo aver mescolato molto bene aggiungere due cucchiai di colla in polvere per parati e lavorare ancora con le mani per ottenere un impasto morbido "come quello della pizza".

- A seconda dello spessore dell'oggetto andrà fatta asciugare per 2-3 giorni, ma anche due settimane.

- Eseguire le decorazioni finali con vernice acrilica, smalto sintetico o tempere.

- Facoltativamente terminare con un flatting a spruzzo.



Cartapesta a strati
__________

Per questa tecnica si diluiscono quattro parti di colla vinilica (tipo VINAVIL) e una di acqua (4:1) per ottenere il collante da stendere tra uno strato e l'altro di carta.

- Strappare la carta di giornale in strisce di 3 cm circa, seguendo il senso della fibra (la direzione verso cui la carta si strappa più facilmente) e metterla a bagno in acqua tiepida fino a renderla intrisa completamente di acqua (il tutto dura pochi secondi); strizzarla leggermente e riaprirla a striscioline
- Rivestire all'interno o all'esterno l'oggetto da "copiare" con della pellicola trasparente (palloncini gonfi, ciotole, marmitte, vasi, maschere, statue ecc.)
- Alternare uno strato di colla ad uno di carta stendendo sopra la forma da "copiare" le striscioline, in modo da incrociarsi tra loro . Iniziare con uno strato di colla e mettere almeno tre strati di carta. fare asciugare per una notte.
- A seconda della consistenza che si vorrà dare all'oggetto si sovrapporrà in seguito qualche strato di carta da pacchi anch'essa trattata in bagno di acqua tiepida (che richiede però qualche giorno per asciugare bene).
- Ricoprire poi con altri strati di giornale a striscioline ed eseguire le decorazioni finali con vernice acrilica o smalto o tempere.
- Facoltativamente terminare con un flatting a spruzzo.
Torna a inizio pagina
Ritorna ai Links